Mauro Vecchio

Svezia, un porto per la Baia

Rick Falkvinge ha annunciato che il Partito Pirata rifornirÓ di banda i pirati pi¨ famosi del torrentismo. Che sono risorti online con un beffardo micio. Intanto, si accende la protesta degli ISP sulle direttive di IPRED

Roma - I pirati più famosi del torrentismo sembravano essersi nuovamente arenati, pronti alla caccia di un nuovo porto, un nuovo host. Una ricerca che sembra già essersi conclusa, da quando un grosso micio sorridente ha fatto la sua comparsa online. Un sorriso davanti agli "inutili tentativi di controllo" da parte di industria e autorità nazionali. Il tracker dei pirati è infatti tornato improvvisamente online, nuovamente ospitato da un host. Questa volta, un nome decisamente sorprendente. "A partire da oggi, il Partito Pirata svedese rifornirà di banda The Pirate Bay". Così l'annuncio ufficiale da parte di Rick Falkvinge, leader del ben noto piratpartiet.

"Siamo stufi di questo gioco del gatto e del topo organizzato da Hollywood - ha continuato Falkvinge - così abbiamo deciso di garantire la banda alla Baia. ╚ tempo di prendere il toro per le corna e alzarci in piedi per quella che crediamo essere un'attività del tutto legittima". Falkvinge ha quindi sottolineato come la Baia sia soltanto un motore di ricerca, non affatto responsabile dei suoi contenuti.

Il soccorso del Partito Pirata svedese appare certamente curioso, dal momento che lo stesso Peter "Brokep" Sunde aveva in precedenza deciso di non appoggiare lo stesso piratpartiet nel corso delle elezioni europee del 2009. Elezioni comunque stravinte dal partito, che aveva raggiunto un sorprendente 7,1 per cento dei voti.
Se la risurrezione della Baia potrà rendere più sereni gli animi del torrentismo, una recente sentenza di una corte d'appello svedese potrebbe invece far riaccendere il dibattito su IPRED, la controversa legge locale sulla proprietà intellettuale. Il provider TeliaSonera potrebbe infatti pagare fino a 100mila dollari di multa qualora non riveli a quattro case cinematografiche i principali dettagli su un suo preciso cliente.

Ovvero il tracker SweTorrents, colpevole di aver distribuito online copie illecite di cinque pellicole, alcune delle quali in anticipo rispetto alla programmazione nelle sale. Il provider - che era già stato condannato in primo grado - dovrà quindi rivelare tutti i dettagli che servano ad identificare i responsabili di SweTorrents, pena il pagamento della salata multa di 750mila corone.

Quello sulle direttive di IPRED è un dibattito che pare essersi improvvisamente acceso in terra svedese. Jon Karlung, CEO del provider Bahnhof, ha recentemente annunciato che prenderà adeguate misure per proteggere la privacy dei suoi clienti. La legge svedese sulle comunicazioni elettroniche non prevede infatti che gli ISP raccolgano obbligatoriamente gli indirizzi IP dei propri clienti.

I detentori del copyright finirebbero così per rimanere a bocca asciutta: i provider potrebbero smetterla di raccogliere e archiviare i vari indirizzi. E dato che anche provider come Tele2 hanno mostrato lo stesso intento, pare che in Svezia sia diventato molto difficile identificare i criminali del torrentismo. Parola della stessa polizia locale, che ha sottolineato proprio questa mancanza di dati. Alle autorità nordeuropee non rimarrà dunque che ritoccare le attuali leggi sul data retention.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàThe Pirate Bay, giudici immacolatiUn tribunale svedese conferma: non basta essere associati a organizzazioni in difesa del diritto d'autore per essere definiti giudici parziali. E qualche problema sorge ora anche per il provider-bunker oltre confine
  • AttualitàUSA: ecco i cattivi del copyrightPubblicato il report annuale che fotografa la tutela globale della proprietÓ intellettuale. Osservati speciali, Cina e Canada. Richiami alla Spagna e all'Italia, nonostante il sequestro della Baia
  • AttualitàBREIN continua la caccia alla BaiaTrascinato in tribunale anche Ziggo, il pi¨ grande ISP olandese. Con l'obiettivo di tracciare una giurisprudenza antipirateria
364 Commenti alla Notizia Svezia, un porto per la Baia
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)