Mauro Vecchio

Facebook, utenti in pasto alla pubblicità?

Uno studio risalente allo scorso agosto ha rivelato come il sito in blu, con altri social network, abbia inviato automaticamente dati personali ad aziende come Google e Yahoo!. Ma c'è chi contesta: è una pratica assolutamente normale

Roma - C'era una volta un documento, reso per la prima volta pubblico nell'agosto dello scorso anno. Un'analisi piuttosto dettagliata, condotta negli Stati Uniti grazie alla collaborazione tra gli AT&T Labs e il Worcester Polytechnic Institute. Ma anche uno studio passato completamente inosservato, giunto solo di recente alla ribalta delle cronache. È stato infatti il Wall Street Journal a raccontarlo per primo, a svelarne alcuni dettagli che potrebbero aggravare la già delicata posizione di Facebook sull'altrettanto delicata questione della privacy. Il sito in blu si è così ritrovato tra le prime file di una nutrita schiera di servizi che avrebbero infranto una delle promesse più importanti a tutela della riservatezza di milioni di iscritti.

Facebook, MySpace, Hi5, Digg e Twitter sono quindi tra le principali piattaforme social ad aver inviato alcune informazioni personali degli utenti ad una serie di aziende specializzate in pubblicità. Tra cui Google DoubleClick e Yahoo! Right Media. Nel dettaglio, lo studio statunitense ha parlato di nomi utente o ID number, visualizzati - con l'intero profilo personale - al momento del click su uno spazio pubblicitario online.

Grazie dunque ad un particolare frammento di codice, le aziende pubblicitarie hanno potuto ottenere dai vari social network una miriade di informazioni personali riguardanti gli utenti, dalla loro occupazione al loro indirizzo. Ma si tratterebbe di dati non affatto utilizzati: interpellate dal WSJ, Google e Yahoo! hanno spiegato di non essere consapevoli fino a quel momento dell'invio automatico dei dati.
Nello studio a stelle e strisce è finita anche la piattaforma cinguettante, Twitter, nonostante l'assenza di messaggi pubblicitari sulle varie pagine relative ai vari profili. Ma pare che il sito in 140 caratteri abbia passato nomi e indirizzi alle aziende, al momento del click da parte degli utenti su alcuni link contenuti nelle pagine. Sempre contattati dal WSJ, sia Facebook che MySpace hanno mostrato tutta l'intenzione di intervenire sulla vicenda.

Un portavoce di Twitter ha tuttavia spiegato al WSJ che l'invio di un referring URL al click su un link o su un messaggio pubblicitario sia una normale pratica online. "È così che funzionano la Rete e i vari browser", ha sottolineato. E infatti un articolo di ReadWriteWeb è partito all'attacco del quotidiano statunitense, spiegando quanto sia incredibile che l'invio di URL al passaggio su un banner venga definito una violazione della privacy.

Critiche simili sono piovute anche dalla redazione di TechCrunch, che ha allo stesso modo descritto questa pratica come una normale attività del web. L'articolo del WSJ è stato inoltre accusato di essere piuttosto scarno di dettagli tecnici, con il suo autore a difendersi: Facebook avrebbe passato non soltanto gli indirizzi, ma anche i nomi utente.

Pare infatti che il sito in blu abbia modificato il frammento di codice che inviava in automatico i dati al semplice tocco del mouse. "Passiamo l'ID utente della pagina, ma non certo quello della persona che clicca su un banner - ha spiegato un portavoce di Facebook - le nostre policy non permettono ai pubblicitari di raccogliere i dati dei nostri utenti senza il loro esplicito consenso".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeEFF: ci vogliono regole per i social networkL'associazione auspica tutele maggiori per gli utenti e propone tre principi per mettere in riga Facebook e soci. Anteponendo il consenso informato alla messa a disposizione delle informazioni personali
  • AttualitàWiFi, Street View controllata a vistaDalle polemiche all'intervento delle autorità di controllo: decidono di mettere Google sotto la lente e il garante italiano non si tira indietro. Vogliono saperne di più sulle informazioni carpite dalla Google Car
  • AttualitàFacebook: semplificheremo la privacyAnnunciata una revisione delle policy in materia di riservatezza del sito in blu. Mentre è stato lanciato il servizio mobile gratuito per i paesi in via di sviluppo, precedentemente noto col nome di Zero
1 Commenti alla Notizia Facebook, utenti in pasto alla pubblicità?
Ordina