Mauro Vecchio

Una piattaforma aperta per il Guardian

Lanciata Open Platform, che permetterà la condivisione di dati e contenuti con inserzionisti e partner commerciali. Mentre Google strizza l'occhio a NewsCorp, che attacca British Library per la digitalizzazione delle news

Roma - "Il lancio commerciale di Open Platform segna per il Guardian un passo cruciale all'interno dell'intero panorama dell'editoria online. Oltre che verso una zona di sviluppo del tutto nuova a favore degli inserzionisti pubblicitari". Così Adam Freeman, consumer media director di Guardian News and Media, il gruppo editoriale britannico proprietario dell'omonimo quotidiano.

È stata infatti recentemente annunciata la seconda fase di sviluppo del già noto progetto che porterà il Guardian a trasformarsi in una vera e propria piattaforma, in un'ottica di espansione dei vari contenuti verso partner commerciali. Un'eterogenea gamma di strumenti e risorse online, che garantiranno ai vari inserzionisti la possibilità di sfruttare i diversi contenuti del quotidiano d'Albione.

Un'apposita API permetterà dunque ai vari prodotti editoriali di essere innanzitutto ricercati sul web, e successivamente scaricati per l'utilizzo da parte di risorse e applicazioni esterne. Tra i nuovi tool, una directory per dati e statistiche realizzate dagli editor del quotidiano britannico, sempre a disposizione di inserzionisti, marchi e partner commerciali.
Al progetto Open Platform se ne è aggiunto un secondo chiamato Guardian Extra, un servizio di contenuti aggiuntivi a pagamento nello stile già indicato da Times+. E si tratterà di un servizio a pagamento, al costo di circa 25 sterline l'anno o in alternativa gratuito con l'obbligo di sottoscrivere un abbonamento annuale alla versione cartacea del Guardian, che attualmente parte da 22 sterline circa al mese.

Ma c'è una recente ricerca, pubblicata da Enders Analysis, che ha nuovamente gettato più di un'ombra sulle future sorti del modello pay per le notizie online. Solo una ridotta fetta dell'1 o 2 per cento dei lettori, in questo caso statunitensi, sarebbe pronta a pagare per l'informazione su Internet in terra statunitense. La versione a pagamento del Times otterrebbe in sostanza un'audience in bilico tra i 10mila e i 25mila utenti al giorno.

Probabilmente un'altra ricerca che non convincerà il magnate australiano Rupert Murdoch. Secondo alcune fonti, il tycoon di NewsCorp starebbe cercando sempre più alleati in un'ottica di espansione del modello digitale a pagamento. Tra questi, il gruppo editoriale statunitense alle spalle del quotidiano USA Today.

Ma un nuovo insospettabile alleato potrebbe aver deciso di offrire il suo contributo alla causa dei paywall. Gli alti vertici di Google avrebbero infatti parlato con lo stesso Murdoch, alla luce delle recenti dichiarazioni del co-founder Larry Page che ha sottolineato come un salutare modello di business debba basarsi anche sulle sottoscrizioni, oltre che sulla pubblicità e le transazioni commerciali.

Lo stesso CEO Eric Schmidt avrebbe ricordato che Google non è da questo punto di vista un competitor, bensì una piattaforma. Che rispetterebbe diritti di proprietà intellettuale sui contenuti di quotidiani e magazine. E, mentre Schimdt parla di rispetto verso l'editoria internazionale, James Murdoch - figlio di Rupert - non pare aver preso molto bene la recente decisione della Britsh Library di digitalizzare circa 40 milioni di articoli.

Non spetterebbe ad una biblioteca pubblica, a dire di Murdoch, il compito di decidere se rendere disponibili opere protette dal copyright. "Non si tratta di una mossa fatta per i posteri - ha chiosato Murdoch - né per garantire un accesso più semplice ai contenuti. Ma anche per scopi commerciali. E i maggiori editori si oppongono. Perché questi articoli diventeranno un modo per ottenere fondi da parte di un ente pubblico".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessGoogle: c'è futuro per l'editoriaSchmidt parla con gli editori e prevede la nascita di un nuovo modello di business: perché la crisi non è delle notizie. Per uscire dall'impasse basta trovare un modo per farle fruttare
  • BusinessGiappone, proprio come Murdoch-sanIl giornale economico Nikkei ha istituito un pedaggio, blocca i link ai propri contenuti e disabilita le funzioni del tasto destro sulle proprie pagine
  • BusinessMurdoch: la pagherete tuttiIl magnate australiano torna sul suo tema preferito. Ma stavolta punta su iPad e accenna alla possibilità per gli aggregatori di mostrare almeno titolo e prima riga