Alfonso Maruccia

BitTorrent, protocollo alla community

La societÓ fondata dal creatore del popolare protocollo di file sharing annuncia la disponibilitÓ del codice sorgente del protocollo uTP sotto licenza open source. Con la speranza che gli sviluppatori concorrenti lo adottino

Roma - Dopo aver introdotto il protocollo uTP con la seconda "main release" del client uTorrent, BitTorrent Inc. ha ora deciso di rilasciare il codice C++ alla base del suddetto protocollo sotto licenza open source MIT. I test iniziali sono stati incoraggianti, annuncia la società fondata da Bram Cohen, e la speranza è che anche la concorrenza adotti uTP quanto prima. Ma la concorrenza non è granché d'accordo e tiene sotto stretta osservazione il nuovo nato della fucina BT.

La sigla UTP sta per "micro torrent protocol", e identifica uno standard di trasporto dei pacchetti di dati alternativo al tradizionale TCP propagandato come "network-consapevole": parlando in linea teorica, l'impiego di uTP dovrebbe permettere al client BT di regolare automaticamente la banda occupata dallo scambio di dati in relazione alla congestione di traffico sia in locale (es. tra il PC e il router domestico) che a livello di ISP.

BitTorrent Inc. sostiene che uTP è in grado di migliorare l'esperienza utente e contemporaneamente (ma solo come "effetto secondario") la gestione degli scambi su rete BT da parte dei provider: una regolazione più intelligente del traffico, con rallentamenti e accelerazioni laddove necessario dovrebbe garantire velocità di download/upload superiori, mentre gli ISP si potrebbero vedere sollevati dall'ingrato compito di filtrare o bloccare i pacchetti del P2P senza alcun bisogno di violare i principi della net neutrality.
Nelle intenzioni di BT Inc., il rilascio del codice di uTP sotto licenza open dovrebbe servire da volano per l'adozione del nuovo protocollo da parte del resto della community BitTorrent. "uTP rappresenta un approccio intelligente alla gestione delle congestioni di rete - ha dichiarato la portavoce di BitTorrent Jenna Broughton - e siamo confortati dai primi risultati ottenuti da test indipendenti così come da quelli interni, i quali indicano che uTP non degrada le velocità di download e può in effetti essere più veloce".

La dichiarazione di Broughton arriva in risposta alle critiche di alcuni utenti BitTorrent a cui il passaggio da TCP a uTP con uTorrent 2.0 non ha fatto esattamente benissimo, con le velocità degli scambi degradate sensibilmente dopo lo switch imposto da BT Inc. In quanto all'adozione industriale che la società spera di raggiungere con il suo nuovo protocollo, infine, la strada sembra tutta in salita: gli sviluppatori di Vuze (ex-Azureus) dicono di voler osservare la sua evoluzione e poi decidere di conseguenza, mentre da altre parti si sottolinea come nel destino di uTP ci sia un cammino lento e niente affatto tranquillo verso la popolarizzazione e l'implementazione di massa.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaIl nuovo uTorrent aiuta gli ISPBitTorrent Inc. sostiene di aver sintetizzato la classica quadratura del cerchio, innestando tecnologie di auto-throttling della banda nei suoi client nel tentativo di far desistere i provider dalle discriminazioni a livello di infrastruttura
  • AttualitàTelecom e il network management all'italianaIl maggior operatore italiano annuncia l'avvio di una sperimentazione. Gli operatori concorrenti chiedono trasparenza e interessano Agcom della faccenda. Questioni di net neutrality
61 Commenti alla Notizia BitTorrent, protocollo alla community
Ordina
  • non capisco da dove gli vengano i soldini
    non+autenticato
  • - Scritto da: fluxus
    > non capisco da dove gli vengano i soldini

    Ma fare le cose per il piacere di farle, e' un concetto cosi' distante dalle vostre micro menti?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: fluxus
    > > non capisco da dove gli vengano i soldini
    >
    > Ma fare le cose per il piacere di farle, e' un
    > concetto cosi' distante dalle vostre micro
    > menti?

    Non mi sembra molto costruttivo rispondere offendendo non trovi ?
    La domanda è più che lecita imho e potevi ripondere in mille altri modi o non farlo proprio dal momento che, alla discussione, hai aggiunto solo uno sterile commento del tutto inutile ed un bellissimo spunto per un flame.
    mura
    1720
  • - Scritto da: mura
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: fluxus
    > > > non capisco da dove gli vengano i soldini
    > >
    > > Ma fare le cose per il piacere di farle, e' un
    > > concetto cosi' distante dalle vostre micro
    > > menti?
    >
    > Non mi sembra molto costruttivo rispondere
    > offendendo non trovi
    > ?

    Hai ragione, ma e' che a furia di leggere sempre i soliti luoghi comuni triti e ritriti uno alla fine si stufa.
    E' mai possibile che una cosa tanto bella e gratificante come lo scrivere software debba sempre essere misurata in euro?

    > La domanda è più che lecita imho e potevi
    > ripondere in mille altri modi o non farlo proprio
    > dal momento che, alla discussione, hai aggiunto
    > solo uno sterile commento del tutto inutile ed un
    > bellissimo spunto per un
    > flame.

    La domanda e' gia' stata posta infinite volte, e alla lunga infastidisce.
  • Dovevi rispondergli con quello che avevi detto a Pepito;

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2820745&m=282...
    non+autenticato
  • - Scritto da: mura
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: fluxus
    > > > non capisco da dove gli vengano i soldini

    > > Ma fare le cose per il piacere di farle, e' un
    > > concetto cosi' distante dalle vostre micro
    > > menti?

    > Non mi sembra molto costruttivo rispondere
    > offendendo non trovi ?
    > La domanda è più che lecita imho e potevi
    > ripondere in mille altri modi o non farlo proprio
    > dal momento che, alla discussione, hai aggiunto
    > solo uno sterile commento del tutto inutile ed un
    > bellissimo spunto per un flame.

    Siamo su P.I. baby... Ficoso
    krane
    22544
  • - Scritto da: mura
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: fluxus
    > > > non capisco da dove gli vengano i soldini
    > >
    > > Ma fare le cose per il piacere di farle, e' un
    > > concetto cosi' distante dalle vostre micro
    > > menti?
    >
    > Non mi sembra molto costruttivo rispondere
    > offendendo non trovi
    > ?
    > La domanda è più che lecita imho e potevi
    > ripondere in mille altri modi o non farlo proprio
    > dal momento che, alla discussione, hai aggiunto
    > solo uno sterile commento del tutto inutile ed un
    > bellissimo spunto per un
    > flame.

    Non ha offeso nessuno e in quanto a flame, io vedo solo qualche coda di paglia in fiammme Arrabbiato
    non+autenticato
  • Beh dalle micro-menti non puoi pretendere troppo...Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: fluxus
    > non capisco da dove gli vengano i soldini

    Non ho letto il contratto di licenza d'uso delle loro tecnologie ma, dal momento che vengono citati dei "dispositivi certificati", mi viene da pensare che concedano in licenza d'uso a scopi commerciali le librerie di utilizzo del protocollo a fronte di royalities.
    mura
    1720
  • > non capisco da dove gli vengano i soldini

    Io capisco che a te interessano solo quelli.

    Guarda che il denaro non è tutto.
    non+autenticato
  • > > non capisco da dove gli vengano i soldini
    >
    > Io capisco che a te interessano solo quelli.
    >
    > Guarda che il denaro non è tutto.
    Già, per tutto il resto c'è il P2PA bocca aperta
    non+autenticato
  • tutto l'articolo tratta la lettera 'mu' (micro) come se fosse una U. Rendendo quindi illogiche frasi come "UTP significa micro torrent protocol" ecc.

    Cfr: http://it.wikipedia.org/wiki/Mu_(lettera)
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > frasi come "UTP significa micro torrent protocol"
    > ecc.
    Tra l'altro l'uso dell'iniziale `U' in maiuscolo snatura l'acronimo.
  • - Scritto da: topolinik
    > - Scritto da: bubba
    > > frasi come "UTP significa micro torrent
    > protocol"
    > > ecc.
    > Tra l'altro l'uso dell'iniziale `U' in maiuscolo
    > snatura
    > l'acronimo.

    Á è un carattere troppo astruso per PI, a quanto pare.
    non+autenticato
  • Proprio le comunità open, come nel caso delle distribuzioni linux, solitamente usano torrent per far scaricare le iso di installazione senza congestionare i server.

    Se il protocollo migliora, e non solo, diventa persino open, non c'è che esserne felici Sorride

    D'altro canto ci sarà sicuramente un uso "pirata", purtroppo questo non si riuscirà mai a toglierlo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    >
    > D'altro canto ci sarà sicuramente un uso
    > "pirata", purtroppo questo non si riuscirà mai a
    > toglierlo...

    Pure i coltelli da cucina qualcuno li usa per sgozzare la gente, ma nessuno ha mai parlato di uso "pirata".

    E' ora di finirla con questa dietrologia.
    Le cose esistono per essere usate in un certo modo.
    Se qualcuno le usa impropriamente non si puo' imputare l'uso improprio alla cosa.
  • Non intendevo imputare alla tecnologia l'uso che se ne fa, non è nella mia filosofia.

    Il mio commento voleva ricordare che questo miglioramento non sarà immune da usi scorretti, e purtroppo (come già accade, torrent è sinonimo di pirateria) molti lo lapideranno per questo.

    Io sono più che favorevole al miglioramento del torrent, perchè il suo uso legale esiste, ed è anche molto importante.
    non+autenticato
  • Solo gli ignoranti demonizzano i torrent solo perchè viene usato anche per le cose pirata, anzi il suo successo è dovuto a quello.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Solo gli ignoranti demonizzano i torrent solo
    > perchè viene usato anche per le cose pirata, anzi
    > il suo successo è dovuto a
    > quello.

    Quindi vedi che ignoranti non sono proprio.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: Andreabont
    > Non intendevo imputare alla tecnologia l'uso che
    > se ne fa, non è nella mia filosofia.

    > Il mio commento voleva ricordare che questo
    > miglioramento non sarà immune da usi scorretti, e
    > purtroppo (come già accade, torrent è sinonimo di
    > pirateria) molti lo lapideranno per questo.

    > Io sono più che favorevole al miglioramento del
    > torrent, perchè il suo uso legale esiste, ed è
    > anche molto importante.

    Proprio come ftp...
    krane
    22544
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Andreabont
    > >
    > > D'altro canto ci sarà sicuramente un uso
    > > "pirata", purtroppo questo non si riuscirà mai a
    > > toglierlo...
    >
    > Pure i coltelli da cucina qualcuno li usa per
    > sgozzare la gente, ma nessuno ha mai parlato di
    > uso
    > "pirata".

    L'analogia non è corretta, perché l'uso prevalente del p2p è la pirateria.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    >
    > L'analogia non è corretta, perché l'uso
    > prevalente del p2p è la
    > pirateria.

    E tu a questa conclusione ci sei arrivato per avere personalmente sniffato tutti i flussi, o stai semplicemente riportando una analisi di mercato fatta da major consorziate?
  • basta andare in un qualsiasi motore di ricerca e vedere che torrent hanno i maggiori seeders/leechers
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > basta andare in un qualsiasi motore di ricerca e
    > vedere che torrent hanno i maggiori
    > seeders/leechers

    Debian e ubuntu.
    krane
    22544
  • strano, su isount non c'é traccia di Linux nella prima pagina ordinando per seeders nelle categorie Applicaiton/Misc/Unclassified
    MeX
    16902