Alfonso Maruccia

USA, legge sull'emergenza telematica

Una proposta di due senatori prevede la possibilitÓ di controllo governativo su network privati in caso di minacce alle infrastrutture. Le libertÓ civili e la privacy andranno comunque rispettate: ma davanti alla botnet, meglio essere preparati

Roma - La nuova, discussa proposta di controllo governativo sui network telematici privati degli Stati Uniti arriva dal sempre attivissimo senatore Joe Lieberman, che assieme alla collega Susan Collins vorrebbe garantire al Presidente i poteri per dichiarare uno "stato di emergenza telematica" in caso di potenziali attacchi provenienti dall'esterno.

Per meglio contrastare questa presunta "imminente cyber-minaccia", dice la proposta di legge presentata al Senato statunitense, a stato di emergenza dichiarato spetterà al direttore del National Center for Cybersecurity and Communications presso il Departement of Homeland Security (DHS) prendere in mano la situazione "sviluppando e coordinando le misure di emergenza o le azioni necessarie per preservare l'affidabilità operativa, e mitigare o rimediare alle conseguenze di potenziali interruzioni delle infrastrutture critiche interessate".

Ai proprietari e gestori dei network interessati (siano essi ISP locali, operatori di utility energetiche o quant'altro) toccherà mettere in pratica tutte le misure previste dal DHS, per un sistema di controllo governativo attivo per 30 giorni ma prorogabile in maniera indefinita fintanto che ve ne sia necessità.
La proposta di legge prevede anche che i proprietari delle reti possano provare a risolvere il problema di propria iniziativa (sempre che dal DHS diano l'OK), che le misure di emergenza siano "le meno invasive possibile" e che venga comunque rispettata "la privacy e le libertà civili dei cittadini degli Stati Uniti".

Per chiamare in causa il presidente e la cyber-emergenza nazionale, a ogni modo, la proposta di legge Lieberman-Collins pare mettere dei paletti precisi alle dimensioni e alla portata delle potenziali minacce esterne: un attacco alle "infrastrutture" di un'azienda privata come avvenuto nell'Operazione Aurora sarebbe ad esempio insufficiente per dichiarare l'emergenza, mentre una botnet "intelligente" composta da milioni di PC zombie quale è (stata) Conficker avrebbe maggiori possibilità di finire sotto le cure particolari del governo federale.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàTerrorismo, attacchi USA a YouTubeUn senatore democratico chiede a YouTube di censurare le clip che sarebbero pubblicate da gruppi terroristici. YouTube serafico: ma anche no
  • AttualitàYouTube, i commenti sono uno scandaloI commenti sono offensivi per i pi¨ piccoli. A denunciarlo il report di un'associazione di genitori statunitense. Che chiede filtri al search e ammonisce gli inserzionisti: non investite in servizi impuri
  • AttualitàConficker blocca la polizia di ManchesterIl noto worm si sarebbe insinuato attraverso una chiavetta USB infetta. Le forze dell'ordine della cittÓ rimarranno disconnesse fino a quando non sarÓ ristabilita la normalitÓ
  • SicurezzaVietnam: quella botnet non è nostraSmentite ufficialmente le accuse di Google che puntavano il dito contro le autoritÓ locali, ree di aver attaccato i computer di alcuni dissidenti. Nel frattempo, svelata una rete di cyberspionaggio con base in Cina
  • AttualitàUSA, cybercomando con cyberproblemiIn un'audizione presso il Senato statunitense, l'attuale responsabile della coordinazione in caso di cyberattacco militare fornisce numeri allarmanti ed esemplifica scenari. La privacy dei netizen sarÓ comunque salva, dice