Alessandro Del Rosso

Chrome entra in IE, in beta

Google ha rilasciato un corposo aggiornamento di sicurezza per Chrome e ha rilasciato la prima beta del plug-in Chrome Frame per Internet Explorer

Roma - Due settimane dopo aver rilasciato la versione stabile di Chrome 5 per le piattaforme Mac e Linux, Google ha ora fornito agli utenti del suo browser un aggiornamento, il 5.0.375.70, che risolve 11 vulnerabilità di sicurezza, 9 delle quali classificate con il massimo grado di rischio. Nel contempo BigG ha rilasciato la prima beta del plug-in Chrome Frame, che permette agli utilizzatori di Internet Explorer di fruire del motore di Chrome.

Chrome 5.0.375.70 è disponibile per tutte le piattaforme attualmente supportate dal browser - Windows, Mac OS X e Linux - e corregge, tra le altre, una falla di tipo cross-origin bypass nell'implementazione DOM (Document Object Model) e un bug nel tablet layout che potrebbe corrompere la memoria. Google ha ricompensato gli scopritori di entrambe le falle con una cifra in denaro, pari a rispettivamente a 2000 e 500 dollari.

Vale la pena ricordare come BigG abbia cominciato a pagare i ricercatori di sicurezza dopo l'avvio, ad inizio anno, del Chromium Security Award.
Tra le altre falle più gravi ce n'è una che interessa solo Linux, e potrebbe consentire ad un aggressore di aggirare la sandbox del browser. Alcune delle patch rilasciate da Google sistemano poi dei bug relativi a WebKit, di cui Chrome utilizza il motore di rendering (ma non quello JavaScript).

Chrome Frame diventa beta
Pur se osteggiato da Microsoft e mal digerito da Mozilla, Google continua nel suo lavoro di sviluppo di Chrome Frame, un plug-in che permette agli utenti di Windows di installare Chrome all'interno di Internet Explorer. Per meglio dire, Chrome Frame "inietta" in IE lo stesso motore di rendering e lo stesso motore JavaScript di Chrome, permettendo così agli utenti del browser di Microsoft di godere di una maggiore velocità e del supporto ad HTML5.

Annunciato per la prima volta nel settembre dello scorso anno, Chrome Frame ha appena raggiunto lo stato di beta, e può dunque essere provato da un più ampio numero di persone. Gli sviluppatori sostengono di essersi concentrati nel correggere i bug piuttosto che nell'aggiungere orpelli: stabilità e sicurezza sono del resto fattori cruciali per un software che, in veste di "ospite" (o di "intruso", come lo potrebbe definire Microsoft), si trova in una posizione particolarmente delicata e spinosa.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaChrome Frame, anche Mozilla contro GoogleDopo Microsoft, interviene Mozilla per bastonare il cavallo di Troia per Internet Explorer di Mountain View. Più che la sicurezza, il vero problema sarebbe la difficoltà di gestire un patchwork tra engine web diversi
3 Commenti alla Notizia Chrome entra in IE, in beta
Ordina