Claudio Tamburrino

╚ il sesso a trasmettere virus

Uno studio conferma: il visitatore medio dei siti a luci rosse rischia di beccarsi un'infezione. Tra le pagine pi¨ hot del web si annidano frotte di malware

Roma - Uno studio conferma quello che gli utenti più smaliziati aveva forse già intuito: i siti per soli adulti sono pieni di malware. Ad aver condotto la ricerca, che più che dare un risultato sconvolgente sembra confermare l'ovvio, è l'International Secure System Lab.

Scammer e cracker sono attratti, d'altronde, da un settore che più di altri riscuote successo trasversale presso il pubblico: il 35 per cento di tutti i download effettuati da Internet è per la pornografia. Inoltre la forte concorrenza tra i vari proprietari di siti a luci rosse (che costituiscono il 12 per cento di tutti i siti online) ha inavvertitamente creato un vero e proprio "ecosistema in cui perpetrare i cybercrimini su vasta scala".

Per verificare questa intuizione gli scienziati hanno analizzato 35mila domini pornografici, concentrandosi sui siti gratuiti: il 3,23 per cento di questi venivano trovati carichi di adware, spyware e virus. Gli altri impiegano invece varie tecniche, come finestre in javascript e altri stratagemmi, per prolungare il più possibile il tempo di visita degli utenti o per reindirizzarli su siti affiliati, così da gonfiare artificiosamente i dati di traffico. Tutti canali che possono essere sfruttati trasversalmente da cracker e scammer per infettare i malcapitati.
I ricercatori, quindi, hanno provveduto a sviluppare due propri siti pornografici (con contenuti raccolti da altri siti gratuiti): dei 49mila visitatori accorsi, 20mila utilizzavano una combinazione di computer e browser vulnerabile ad almeno una minaccia conosciuta. Vittime designate per i malintenzionati che non devono far altro che attenderli sul bordo del fiume.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Digital LifeInternet è il pornoA dimostrarlo una statistica che ha aggregato tutti i dati disponibili in materia: mostrando risultati chiari, soprattutto sulle abitudini dei navigatori
  • TecnologiaWindows Phone, niente pornoMicrosoft ha fornito tutti i dettagli relativi al futuro marketplace per Windows Phone 7. Presto sarÓ disponibile l'hardware, ma nel frattempo i creatori di app spinte sono avvisati: di qui non si passa
  • AttualitàAustralia: porno da dichiarare?Chi viaggia verso l'Australia deve prepararsi a dichiarare qualsiasi contenuto scabroso presente sulle proprie appendici digitali. Scegliendo tra privacy violata e potenziale imbarazzo per il controllo
30 Commenti alla Notizia ╚ il sesso a trasmettere virus
Ordina
  • Probabilmente voleva essere un titolo ironico, ma sembra uscito paripari dalle pagine di "Famiglia Cristiana" o da un editto della CEI. Non criminalizziamo il sesso ma gli UTONTI che vanno in questi siti, cito:" dei 49mila visitatori accorsi, 20mila utilizzavano una combinazione di computer e browser vulnerabile ad almeno una minaccia conosciuta."
    Se la gente è stupida bisogna istruirla non criminalizzare !!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paperoliber o
    > cito:" dei 49mila visitatori
    > accorsi, 20mila utilizzavano una combinazione di
    > computer e browser vulnerabile ad almeno una
    > minaccia conosciuta."

    E gli altri 29 mila?
    Non ci credo nenche un po' che i loro sistemi fossero solidi.
    Avranno guardato lo user agenti i ricercatori (e che altro se no?)
    E quindi quei ventimila avranno usato XP+IE6.
    Ma gli altri 29 mila, dei quali la maggioranza avra' avuto Vista o settete (le cui vulnerabilita' sono state ampiamente dibattute su queste pagine) non possono mica essere al sicuro, anzi...

    Sta di fatto che una bella tabellina riassuntiva degli user agent avrebbero potuto anche metterla in evidenza.
  • che poi è un non problema, nel senso che si spara a zero sui siti porno solo perchè fanno notizia

    chiaramente un criminale sfrutta il porno perchè attira molti utenti ed è più facile avere un grosso traffico, ma non possiamo dimenticare che ogni anno dobbiamo trovarci in situazioni del genere http://threatpost.com/en_us/blogs/mass-sql-injecti...

    e quelli sono tutti siti "puliti, affidabili e legittimi"
    non+autenticato
  • l'ultima robaccia presa dalla mia signora proveniva dal sito delle anteprime film di repubblica. ho dovuto reinstallare vista (per forza, mancavano i driver per xp). inutile dirvi vero qual'è stato il primo sito che la mia signora è corsa a vedere dopo aver reinstallato tutto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: K_B
    > l'ultima robaccia presa dalla mia signora
    > proveniva dal sito delle anteprime film di
    > repubblica. ho dovuto reinstallare vista (per
    > forza, mancavano i driver per xp). inutile dirvi
    > vero qual'è stato il primo sito che la mia
    > signora è corsa a vedere dopo aver reinstallato
    > tutto...

    Al di la' del comportamento irresponsabile dell'utente, siamo sempre li': l'utente irresponsabile non deve usare il computer con un utente amministratore, ma solo con un utente powerless.

    Ti becchi il trojan, pazienza, ma almeno non devi reinstallare i drivers!
  • "The massive campaign is targeting servers running Microsoft IIS and ASP.net software.".

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Ubunto
    1350
  • vabbè ormai è diventata una moda, non fa nemmeno più notiziaOcchiolino

    chi vuoi che si preoccupi di un 40000-50000 siti web infettati grazie al colabrodo chiamato windows server?
    non+autenticato
  • per guardare youporn e affini... mai preso un virus.
    non+autenticato
  • noooooooooo!!!!

    l'hai detto: "mai preso virus!"

    ora si scatena di nuovo la guerra!!!

    :D
    non+autenticato
  • - Scritto da: psychopazzo
    > per guardare youporn e affini... mai preso un
    > virus.
    Mai preso un virus... O Mai essersi accorto di avere sul proprio sistema installato un rootkit?

    Sicuro di quel che dici?Occhiolino
    non+autenticato
  • quanti siti porno diffondono rootkit per linux?

    che poi devono avere i permessi di root per installarsi e suppongo lui non abbia mai visto la finestrella di sudo apparire mentre navigava su un sito porno
    non+autenticato
  • Solito discorso del menga, come se su windows
    te l'ordinasse il medico di navigare con un
    account con privilegi da amministratoreA bocca aperta

    Se uno naviga come amministratore e' un fesso,
    punto. Linux, Windows, BSD, Solaris, OSX ... rimane
    un pirla, period.
    non+autenticato
  • guarda che puoi benissimo essere infettato anche se navighi con account non amministratore

    non è che l'account normale è la panacea per tutti i problemi
    non+autenticato
  • Fior fiori di scienziati ci sono voluti per questo "studio" eh?
    non+autenticato
  • Concordo!
    Adesso paghiamo gente per guardarsi il porno e scoprire l'acqua calda.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MaestroX
    > Concordo!
    > Adesso paghiamo gente per guardarsi il porno e
    > scoprire l'acqua
    > calda.
    Ma dai! Hanno fatto una scansione ai siti per rilevare malware, non è che dovessero stare a guardare le immagini e i filmati!A bocca aperta
    Personalmente diffidavo soprattutto dei siti di download "al limite del legale e oltre", con sw di origini dubbie o addirittura palesemente in violazione di licenza. Interessante sapere quanto facilmente dei browser non protetti si portino a bordo le peggior schifezze.Triste

    Finalino cospirazionista: e se non fosse che una falsa notizia, propagata ad arte da parrucconi e frustrati moralisti?Occhiolino
    non+autenticato
  • Mi devo decidere a passare a linux
    non+autenticato
  • almeno li il porno lo guardi in pace Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: OldDog
    > - Scritto da: MaestroX
    > > Concordo!
    > > Adesso paghiamo gente per guardarsi il porno e
    > > scoprire l'acqua
    > > calda.
    > Ma dai! Hanno fatto una scansione ai siti per
    > rilevare malware, non è che dovessero stare a
    > guardare le immagini e i filmati!
    >A bocca aperta
    > Personalmente diffidavo soprattutto dei siti di
    > download "al limite del legale e oltre", con sw
    > di origini dubbie o addirittura palesemente in
    > violazione di licenza. Interessante sapere quanto
    > facilmente dei browser non protetti si portino a
    > bordo le peggior schifezze.
    >Triste
    >
    > Finalino cospirazionista: e se non fosse che una
    > falsa notizia, propagata ad arte da parrucconi e
    > frustrati moralisti?
    >Occhiolino

    per caso per browser non protetti intendi Exploder?:D
  • - Scritto da: Gemini90

    > per caso per browser non protetti intendi
    > Exploder?:D

    Exploder non e' un browser, e' una calamita per virus.

    Browser non protetti sono per esempio Firefox, Opera, Safari, se non aggiornati regolarmente.
  • E fior fiori di scienziati serviranno per la prossima scoperta:
    un Sistema Operativo per il quale non esistono virus! Ma dai!

    C'è già. Si chiama Linux.

    Occhiolino
  • - Scritto da: sentinel
    > E fior fiori di scienziati serviranno per la
    > prossima
    > scoperta:
    > un Sistema Operativo per il quale non esistono
    > virus! Ma
    > dai!
    >
    > C'è già. Si chiama Linux.
    >
    > Occhiolino


    Se proprio vuoi fare il figo, c'è anche QNX (talmente stabile che lo usano per controllare le centrali nucleari... se non sbaglio c'era stato il caso di un server con QNX che ha continuato a funzionare senza riavvii per 14 anni)
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > se non sbaglio c'era stato
    > il caso di un server con QNX che ha continuato a
    > funzionare senza riavvii per 14
    > anni)

    Se compie sempre le stesse operazioni, non ci vedo nulla di strano. E' la variabile "utente" il problema.
    Enok
    245
  • - Scritto da: Enok
    > - Scritto da: angros
    > > se non sbaglio c'era stato
    > > il caso di un server con QNX che ha continuato a
    > > funzionare senza riavvii per 14
    > > anni)
    >
    > Se compie sempre le stesse operazioni, non ci
    > vedo nulla di strano. E' la variabile "utente" il
    > problema.

    Quoto. Se ci metti mia moglie davanti devi riavviare ogni 14 secondiCon la lingua fuori
    non+autenticato