Mauro Vecchio

EFF: una strategia per Facebook

Lettera aperta al CEO Mark Zuckerberg. Il tema è noto: la tutela della privacy offerta dal sito in blu. Che dovrebbe adottare delle misure per restituire ai suoi utenti il pieno controllo dei dati personali

Roma - "Chiediamo a Facebook e a Mark Zuckerberg di rispettare i propri utenti, fornendo loro sia le informazioni che gli strumenti necessari all'acquisizione di un effettivo controllo sui dati personali". Così Kevin Bankston, rappresentante legale di Electronic Frontier Foundation (EFF), a commentare una recente lettera aperta inviata al CEO del noto sito in blu.

Una missiva firmata da varie associazioni a tutela della privacy, in primis da EFF, con il supporto del Center for Democracy & Technology (CDL) e dell'American Civil Liberties Union (ACLU) della Northern California. Facebook dovrebbe in sostanza restituire ai suoi milioni di utenti la facoltà di controllare appieno le informazioni personali, mettendo in atto seriamente delle indispensabili misure.

Quelle indicate dalla lettera aperta, a partire dall'urgente necessità di colmare quello che è stato chiamato app gap. Il sito di Mark Zuckerberg dovrebbe cioè permettere ai suoi iscritti di decidere esattamente quali applicazioni possano avere accesso ai dati. Dal momento che "Facebook continua a spingere gli utenti verso una sempre più ampia condivisione pubblica".
EFF e compagnia suggeriscono poi che il popolare social network eviti assolutamente di trattenere i dati relativi a visitatori specifici di siti terzi che incorporino plugin social o pulsanti di tipo like, a meno che non sia lo stesso utente a voler interagire con questi strumenti.

"Facebook ha recentemente annunciato la funzione instant personalization, che permette a specifici siti partner di accedere alle informazioni finché ricevano visite da utenti loggati e prima ancora che questi utenti forniscano il loro consenso - si legge nella lettera - Per porre rimedio a tutto questo, la funzione instant personalization dovrebbe essere disattivata di default".

Infine, Facebook dovrebbe proteggere i suoi utenti da minacce esterne, utilizzando connessioni HTTPS di default per tutti i tipi di interazione. Bisognerebbe poi fornire agli utenti dei tool semplificati per l'esportazione del materiale caricato. In modo tale che tutti gli scontenti non debbano ritrovarsi a scegliere tra la salvaguardia della propria privacy e il rimanere in contatto con i propri amici.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàZuckerberg: la privacy è importanteSotto il fuoco di fila di un'intervista il CEO di Facebook si è tenuto sulla difensiva. Il 50 per cento degli utenti avrebbe ben compreso le policy in materia di privacy. Ma uno strano caldo lo ha portato a togliersi la proverbiale felpa
  • AttualitàFacebook, la confraternita degli esuliSolo in 30mila hanno risposto all'appello per un esodo di massa dal sito in blu. Mentre le autorità statunitensi continuano a far pressioni su Mark Zuckerberg per la privacy
  • AttualitàFacebook, ritorno alla privacySotto la spinta delle critiche Zuckerberg fa un passo indietro e riscrive le opzioni sull'accesso alle informazioni degli utenti del social network. E stavolta i commenti sono sostanzialmente positivi
2 Commenti alla Notizia EFF: una strategia per Facebook
Ordina
  • E' possibile che ancora ci si lamenti della privacy di facebook? FB è un sito facoltativo, se ti vuoi connettere bene, sennò nisba, non ti puoi lamentare della violazione della privacy in un sito che ti chiede di inserire nome e cognome e una foto per farti identificare dai tuoi amici... a 'sto punto perché non girare anche con una maschera per proteggere la privacy per strada??
    non+autenticato
  • sul fatto che TUTTE le interazioni dovrebbero essere protette tramite HTTPS hanno ragione: di questi tempi, ci si permette ancora il 'lusso' di far viaggiare tutto in chiaro?

    Almeno per le operazioni legate al login dovrebbe essere obbligatorio, imho
    non+autenticato