Marte? Roba da scuole medie

Studenti neppure adolescenti scovano una caverna sul Pianeta Rosso. Merito di un programma di studio congiunto con l'universitÓ e la NASA

Roma - Un gruppo di studenti californiani, impegnati in un progetto di analisi della superficie di Marte svolto in collaborazione con l'Università dell'Arizona, ha prodotto una scoperta molto interessante: alla ricerca di tracce di attività vulcanica sul quarto pianeta del Sistema Solare, si sono imbattuti in quella che sembrerebbe una cavità di oltre un centinaio di metri di larghezza sul suolo marziano, risultato probabilmente di un crollo.

Sedici alunni della Evergreen Middle School di Cottonwood, coinvolti nel progetto denominato Mars Education Program avviato nel 2004, erano impegnati a studiare formazioni associate a condotti lavici risalenti a migliaia di anni fa quando hanno notato un punto nero sulla superficie. Dopo aver osservato con attenzione oltre 200 immagini riprese dalla camera THEMIS (Thermal Emission Imaging System), a bordo della sonda Odissey che orbita attorno a Marte, nelle prossimità del vulcano noto come Monte Pavonis hanno effettivamente individuato le strutture che si aspettavano, ma quella macchia sulle lastre di backup li ha insospettiti.

Non si tratta del primo caso di "macchia nera" sulla superficie del pianeta, e già nel 2007 era stato ipotizzato che, in presenza di condotti lavici che scorrevano sotto il terreno, in alcune situazioni si potesse verificare un crollo che avrebbe generato un "buco" sul Pianeta Rosso. In questo caso la dimensione del pertugio è stata stimata in 190x160 metri, con oltre 110 metri di profondità.
Gli studenti hanno ora sottoposto la propria richiesta di ricognizione visiva addizionale alla NASA: attorno a Marte orbita anche la sonda Mars Reconnaissance Orbiter, dotata a sua volta di una camera (la HiRISE) con una risoluzione inferiore ai 30 centimetri. Se la richiesta degli studenti venisse accettata, le immagini potrebbero addirittura rivelare la struttura dell'interno della cava.
15 Commenti alla Notizia Marte? Roba da scuole medie
Ordina
  • Siamo soli nell'universo? hahahaha direi di no!!!

    Primo motivo logico:
    Sencondo il calcolo fatto da equipe di scienzati, usando algoritmi che calcolavano le stelle, ergo i pianteti abitabili tramite il rapporto di distanza e temperature misto al fatto gravità "grandezza del pianeta"/"presenza di acqua allo stato liquido" è uscita una piccolissima percentuale sull'esistente e "conosciuto attualmente" universo, che amonta a 10.000.000 di pianeti con caratteristiche simili alla terrà, questo basando sempre sulla sola possibilità del carbonio, non con altre combinazioni di silicio o silicio/carbonio.
    Capisco che alcuni siano troppo lontani, altri troppo primitivi, alcuni troppo avanzati, in alcuni si sarà già estinta la vita pensante, ma che su 10 milioni di pianeti, noi siamo gli unici "pensanti" questo è ridicolo.
    Solo il pensiero che involuti come siamo, fossimo anche gli unici, mio dio no, che tristezza sarebbe!!!

    Secondo motivo biologico
    Se siete ben informati saprete che all'origine delle religioni troverete quella sumera, che ben descrive gli Dei, i mezzi usati da loro, la raffigurazione e il fatto che loro ci aveva modificati geneticamente per essere usati come schiavi automi per l'estrazione dell'oro nelle miniere africane.
    Quindi se così non fosse avremmo una discendenza nel dna dalle scimmie a passi di frazione di percentuale compatibile, invece il più vicino discendente nostro ha un 3% di differenza di dna con noi, stranamente è la stessa percentuale che ci separa dalle scimmie, quindi quello che dovrebbe essere il nostro avo è niente di meno che l'evoluzione della scimmia di quei tempi.
    Quindi visto che gli dei o gli exaterresti sono di fatto chi ci ha modificato geneticamente, che lo hanno fatto usando dna alieno, noi siamo terrestri o alieni?

    So che questo provocherà risate, ilarità e battute di ogni genere, ma non dimenticate che il riso abbonda sul viso degli stolti!!!
    non+autenticato
  • >Primo motivo logico:

    Il logico me lo sarei risparmiato... soprattutto considerando quello che dici dopo.
    1) Confondi pianeti abitabili con pianeti abitati.
    2) Non basta dire quanto sono i pianeti abitabili, serve sapere anche la stia di probabilità di vita su tali pianeti. E' un rapporto non un numero assoluto. Non ha senso dire che i pianeti sono tanti allora c'è vita.

    > Secondo motivo biologico
    Introduci un motivo "biologico" parlando di religione. Qualcosa non mi torna.
    La frasi successive non sono abbastanza sensate per estrapolarne un significato.
    >Quindi se così non fosse
    Se non fosse cosa? Se non fosse vero che gli Dei/Extraterresti ci hanno manipolato?
    3% distanza DNA tra una scimmia e noi è troppa? In base a cosa? E delle altre specie di homo esistite che ne pensi?
    non+autenticato
  • Come tema un pò lacunoso, esposizione scarsa. 8 punti. Speriamo che la seconda prova vada meglio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: V67

    > Se siete ben informati saprete che all'origine
    > delle religioni troverete quella sumera...

    All'origine delle religioni MEDIO ORIENTALI troviamo quella sumera.
    Esistono anche religioni che col dio vendicativo JHWH, a-donai, eloha ecc... (chiamatelo come volete), non hanno assolutamente nulla a che vedere.
  • In Italia invece fanno fare i temi di maturità sugli ufo (per di più scrivendo Star TreCk nella traccia).
    non+autenticato
  • E hanno anche il coraggio di dire che è una delle scuole migliori del mondo quella italiana.

    Io vedo solo ragazzi che non capiscono ancora la differenza fra il verbo avere "HA" e la preposizione "a". E non è nemmeno la bestemmia grammaticale meno grave che io abbia mai trovato.

    Io a 14 anni già sapevo scrivere come adesso. Adesso la gente non sa scrivere nemmeno a 20 anni.

    E in America che fanno? Studiano Marte....
    Povera Italia. Tante potenziali risorse buttate nel cesso.
    L'unico modo è farsi da soli. Che tristezza .....
    non+autenticato
  • I cervelli italiani sono sempre più in fuga all'estero. Stiamo selezionando future generazioni sempre più acefale e ignoranti, che da grandi diventano a loro volta insegnanti e politici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandro P.
    > L'unico modo è farsi da soli. Che tristezza .....

    Si: farsi da soli è proprio una tristezza!
    non+autenticato
  • Concordo. Meglio in compagnia.
  • ..... Veramente ho letto che la traccia si riferiva alla ricerca della vita extraterrestre.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enrico Richetti
    > ..... Veramente ho letto che la traccia si
    > riferiva alla ricerca della vita
    > extraterrestre.

    http://digiorgio-lescienze.blogautore.espresso.rep.../

    Sapevo già che aver interrotto ogni rapporto diretto con la scuola italiana due anni fa, dopo la maturità di mio figlio, era una bella fortuna. Leggendo la traccia del tema "tecnico-scientifico" proposto oggi ai candidati, mi confermo nell'idea di essere fortunata.

    Non che sia un brutto tema, anzi. La domanda "Siamo soli (nell'universo)?" è non solo legittima, e vede impegnati da anni ricercatori di ogni parte del mondo, ma anche di sicuro fascino per i ragazzi. Quello che mi lascia grandemente perplessa è la scelta dei brani presentati ai candidati, che è a dir poco ambigua.

    Estrapolare una manciata di paragrafi è sempre rischioso, ma, per esempio, il brano di Davies, con il suo finalino sulla restituzione agli esseri umani della dignità di cui la scienza li ha derubati, mi sembra indichi chiaramente a un candidato appena un po' scafato in che direzione si deve muovere con il suo tema. Così come la frasetta finale del brano scelto dal libro di Battaglia e Ferreri ("la verità è che noi non possiamo spiegare tutto con la razionalità e le conoscenze". E certo; sia mai che preti e astrologi restino disoccupati), oppure la velata contrapposizione tra lo scienziato scettico (Hawking) che dice che mannò, siamo soli, e forse manco tanto intelligenti, e gli altri che invece "ci credono". Ed è interessante anche un passaggio del brano iniziale, in cui i sostenitori dell'esistenza degli extraterrestri si "scontrano" con i biologi evoluzionisti.

    No, cari esperti del ministero, proprio non ci siamo. Avete spacciato per tema scientifico la solita storia della scienza disumana e cupa, contrapponendole la bellezza del "mistero", e facendo una gran confusione (spero involontaria, ma temo di no) su argomenti serissimi e importanti, che non meritano di essere proposti in questo modo a dei ragazzi. Gli scienziati del SETI non ve ne saranno grati. Ma magari Roberto Giacobbo sì.
    non+autenticato
  • Mia figlia ha appena terminato la 5a elementare (grazie a Dio) in una scuola in cui le maestre di itagliano (scritto con GL appositamente eh??!) le hanno corretto un compito con la nota:
    "Ai lavorato bene".... (questi sono gli insegnanti che dovrebbero gettare - nel cesso - le basi della nostra tanto bella lingua).
    Che tristezza...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vergogna
    > Mia figlia ha appena terminato la 5a elementare
    > (grazie a Dio) in una scuola in cui le maestre di
    > itagliano (scritto con GL appositamente eh??!) le
    > hanno corretto un compito con la
    > nota:
    > "Ai lavorato bene"....

    CoNplimentiSorride
    GGG
    78
  • Quando ero uno studente delle medie non ho mai nemmeno visto il laboratorio scientifico della scuola e questi addirittura esaminano foto ad alta risoluzione della superficie di Marte e fanno richiesta alla NASA di ulteriori ricognizioni. Quasi quasi torno a scuola ma solo se posso iscrivermi alal scuola citata in questo articolo.

    Scusate il fuori tema, ma sono io che ho avuto un incubo o qualcuno ha veramente avviato una sperimentazione per l'insegnamento della bibbia nella scuola italiana ?
    non+autenticato
  • C'è vita su Marte? Giusto un po' il sabato sera!
    non+autenticato