Mauro Vecchio

USA, la cyberzarina contro i sudditi del P2P

Pubblicato un piano strategico per la lotta allo sharing. Ma si Ŕ parlato di fair use. Dubbi invece sulla possibile applicazione delle disconnessioni. Il governo potrebbe non collaborare con telco come AT&T

USA, la cyberzarina contro i sudditi del P2PRoma - Un piano strategico comune, un corposo documento di oltre 60 pagine, recentemente pubblicato sul sito della Casa Bianca. A lungo atteso, è il piano con cui la cyberzarina del copyright voluta dal Presidente Barack Obama, Victoria A. Espinel, provvederà a rinforzare la tutela della proprietà intellettuale in terra statunitense.

Un documento partito da alcuni punti fermi, e scagliato contro chi diffonde online contenuti illeciti. "Oggi - si può leggere nel testo - la Rete permette ad una persona che registra illegalmente un film all'interno di un cinema di Mosca di distribuirne una copia in giro per il mondo, semplicemente con un clic".

Questi ladri di contenuti - secondo il rapporto di Espinel - imporrebbero agli Stati Uniti dei costi significativi. Dal momento che porterebbero ad una riduzione degli investimenti nelle tecnologie necessarie ad affrontare le sfide globali. E di furto ha parlato anche il vicepresidente Joe Biden, proprio nel corso della presentazione del documento della cyberzarina.
"La pirateria è furto - ha dichiarato Biden - Chiaro e semplice. ╚ fare irruzione e arraffare, senza alcuna differenza rispetto a quello che potrebbe avvenire con una vetrina di Tiffany's". Parole forti, senza dubbio. Che hanno tuttavia trovato un bilanciamento nello stesso piano di Espinel: "L'utilizzo legittimo della proprietà intellettuale può supportare l'innovazione e gli artisti".

Si è dunque parlato anche di fair use. "La tutela più forte della proprietà intellettuale - si legge nel documento - dovrebbe essere indirizzata verso quelle persone che rubano il lavoro altrui, e non verso coloro che ci costruiscono sopra in maniera appropriata". Ma le oltre 60 pagine del nuovo Joint Strategic Plan non sono sempre state così dirette.

Soprattutto su tematiche come quella relativa ad una possibile introduzione in terra statunitense della cosiddetta dottrina Sarkozy, o del meccanismo dei three strikes. Sostenuto ad esempio da telco del calibro di AT&T, che vorrebbero tribunali ad hoc per i crimini del P2P. Oltre ad una lista di siti nemici da bloccare.

"L'Amministrazione crede che sia essenziale per il settore privato, inclusi provider, motori di ricerca e proprietari di contenuti, una strategia di collaborazione, in linea con le attuali leggi antitrust - si legge nel documento - nella lotta a quelle attività che abbiano un impatto negativo sull'economia e soprattutto che minaccino il business degli Stati Uniti".

In pratica, il piano di Espinel prevede che sia lo stesso settore privato a trovare soluzioni pratiche ed efficaci alla piaga delo sharing online. Dal momento che gli agenti federali non faranno altro che continuare a vegliare su altri tipi di casi. C'è quindi chi ha visto in queste parole un messaggio chiaro: il governo non aiuterà telco come AT&T a punire le future mamme Jammie.

Ma quello della cyberzarina appare un documento interpretabile in maniera duplice. "Mentre l'Amministrazione incoraggerà gli sforzi collaborativi interni alla comunità business, allo stesso tempo cercherà soluzioni addizionali ai problemi associati alla pirateria. Investigando in maniera vigorosa nonché lottando contro le attività criminose, lì dove ci sia un mandato". Parole che per qualcuno rappresenterebbero una spinta verso regimi molto vicini a quello dei tre colpi. ╚ tuttavia vero che Gigi B. Sohn, presidente di Public Knowledge, ha espresso pareri positivi sul documento diramato da Espinel, apprezzandone in particolare l'equilibrio. Gradito in modo particolare, proprio il passaggio sul fair use. Al resto ci penserà il pubblico dibattito.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàScaricare? Una rapinaGran lavoro per la nuova cyberzarina voluta da Barack Obama. Anche la Songwriters Guild of America vuole pi¨ impegno da parte del governo. Ma quanto finisce nelle tasche dei musicisti?
  • AttualitàUSA: ecco i cattivi del copyrightPubblicato il report annuale che fotografa la tutela globale della proprietÓ intellettuale. Osservati speciali, Cina e Canada. Richiami alla Spagna e all'Italia, nonostante il sequestro della Baia
  • AttualitàACTA è quiDopo l'ottavo round di negoziazioni in Nuova Zelanda, i governi coinvolti nel trattato anti-contraffazione hanno deciso di mostrarsi alla luce del sole. E di pubblicare una versione consolidata, ma senza le rispettive posizioni
21 Commenti alla Notizia USA, la cyberzarina contro i sudditi del P2P
Ordina
  • ahivoglia a dire che la pirateria non ha nessun impatto...tra i concorrenti nessuno negli ultimi 5 mesi ha fatto uscire un prodotto nuovo..e un anno fa ne uscivano 15 al mese...e' che ci siamo rotti di lavorare per regalare 3 mesi di lavoro al primo imbroglione con una connessione..e quindi...oltretutto si vede' gia' la scarsita' di qualita' dei nuovi prodotti in altri ambiti....come al cinema...finche non c erano le tv private si facevano migliaia di film tra cui molte schifezze ovvio ma anche capolavori...ora al cinema solo porcate e non capisco come vi danniate per scaricare le porcate di film che fanno ora...attori pessimi registi pessimi direttori della fotografia pessimi...solo qualche musicista c e' ancora in giro e gli altri sono della vekkia guardia...vabbe' che c e' gente che dice che raoul bova recita, vede le fiction e il gf...allora va bene tutto....io ho smesso da mesi di fare materiale "scaricabile" faccio un altro lavoro e guadagno senza farmi fregare dal primo fesso con una connessione che poi la scarica per uso personale, come dice uno qui, si suo e degli altri 1500 a cui lo passa...le vostre scuse per compiere cose illegali sono sempre pietose....i soliti insulti li rigiro ai mittenti vari grazie..non sono della siae o altre organizzazioni..sono solo uno onesto cosa ormai dimenticata. e che si deve sorbire delle schifezze di musiche o film perche' ormai girano solo merdate grazie agli scaricatori(non di porto ma quasi)...tra poco viverete di rimpianti perche i creatori di software di qualita' fanno altro...e allora vi beccherete le schifezze ma si sa voi scaricate tutto anche quelle purche ' pensiate di esser furbi.
    non+autenticato
  • > ahivoglia a dire che la pirateria non ha nessun
    > impatto...tra i concorrenti nessuno negli ultimi
    > 5 mesi ha fatto uscire un prodotto nuovo..

    Tra i concorrenti di cosa? Film? Musica? Software? Altro?
    Hai dimenticato di scriverlo.

    > e un
    > anno fa ne uscivano 15 al mese...

    15 cosa?
    Ti spiacerebbe scrivere messaggi intelleggibili?


    > ambiti....come al cinema...finche non c erano le
    > tv private si facevano migliaia di film tra cui
    > molte schifezze ovvio ma anche capolavori...

    Continuano a fare film anche adesso. Il numero di film si è ridotto quando ci si è convinti (erroneamente) che per fare un film bisogna per forza spendere milioni; quando venivano fatti migliaia di film, molti avevano un budget bassissimo, ed erano geniali. Si tornerà a quello, finalmente.

    > al cinema solo porcate e non capisco come vi
    > danniate per scaricare le porcate di film che
    > fanno ora...

    Scarichiamo anche i film fatti in passato, ci sono anche quelli (e con il P2P trovi film altrimenti introvabili)

    > attori pessimi registi pessimi
    > direttori della fotografia pessimi...

    de gustibus...

    > ....io ho smesso da mesi
    > di fare materiale "scaricabile"

    Scusa, ma se crei materiale "scaricabile" nello stesso modo in cui scrivi i messaggi (frasi sospese a metà, scrittura da bimbominkia, lamentele piagnucolose, errori di scrittura), non è una grossa perdita se hai smesso.

    > faccio un altro
    > lavoro e guadagno

    Sono contento per te: hai fatto la scelta giusta. In questo modo, non ci romperai più le scatole cercando di limitare la nostra libertà. Al tuo posto verrà qualcuno più saggio, che comprende meglio la natura dei beni digitali e li lascia copiare. Quelli che ragionano come te non devono lavorare con i beni digitali: dal momento che guadagni lo stesso, facendo un altro lavoro, è chiaro che non sei stato danneggiato; spero che anche gli altri che ragionano come te seguano il tuo esempio, ed augoro loro di trovare un altro lavoro come ci sei riuscito tu, e di esserne soddisfatti come lo sei tu.
    non+autenticato
  • ognuno di noi s'è scaricato questo mondo e quell'altro. Riusciamo ad andare avanti tutta la vita col baratto
    non+autenticato
  • ma gia si penza al rimpiazo
    non+autenticato
  • ..ma sbaglio o (paradossalmente) internet era più libera ai tempi di bush?
    non+autenticato
  • Lo era perché al governo di allora non interessava più di quel tanto.

    Ora il vicepresidente (Biden) é un sostenitore delle major a spada tratta, e TUTTI i funzionari nominati da Obama sono pro-major e anti-P2P.

    Per Internet come la conosciamo é finita: contro Obama non c'è speranza.
    non+autenticato
  • Cos'é, ti sei messo a frequentare Get Real?

    Mi domando invece dove sia MegaLOL, dovrebbe essere qui a sputazzare e strombazzare per la gioia.
    non+autenticato
  • Non c'è scampo per internet. Non si può combattere un DIO come Obama.Triste
    non+autenticato
  • mitico.....


    dal dio berluska al dio obama
    non+autenticato
  • Attendo impaziente il prossimo primo ministro o presidente che di cognome farà CANE
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nelson
    > Attendo impaziente il prossimo primo ministro o
    > presidente che di cognome farà
    > CANE

    Questa è bellaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nelson
    > Attendo impaziente il prossimo primo ministro o
    > presidente che di cognome farà
    > CANE

    ..citizen?
    1977
    977
  • - Scritto da: 1977
    > - Scritto da: Nelson
    > > Attendo impaziente il prossimo primo ministro o
    > > presidente che di cognome farà
    > > CANE
    >
    > ..citizen?
    Il titolo inglese lo conoscono pochi, per tutti gli altri è Quarto Potere!!
    Gran film comunque!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vitalij
    > - Scritto da: 1977
    > > - Scritto da: Nelson
    > > > Attendo impaziente il prossimo primo ministro
    > o
    > > > presidente che di cognome farà
    > > > CANE
    > >
    > > ..citizen?
    > Il titolo inglese lo conoscono pochi, per tutti
    > gli altri è Quarto
    > Potere!!
    > Gran film comunque!

    gia'
    1977
    977
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)