Mauro Vecchio

YouTube, due dollari per una licenza

Annunciato il servizio Friendly Music: permetterà ai filmmaker del Tubo di acquisire legalmente una licenza per lo sfruttamento non commerciale di un brano. Ma solo in un catalogo limitato, senza major

Roma - Si chiama Friendly Music ed è un servizio che potrebbe fare la gioia di tutti i registi amatoriali del Tubo. Almeno quelli che si divertono a montare video matrimoniali o strampalati report di viaggio, spesso aggiungendoci in sottofondo una hit di Lady Gaga o una melodia dei Beatles.

E sono proprio queste piccole colonne sonore che poi vanno a scatenare l'ira delle major del disco, pronte a lanciarsi contro la piattaforma di video sharing di Google. Il problema sta nella licenza relativa allo sfruttamento delle canzoni, molto spesso non richiesta né pagata dai vari filmmaker del web.

Ma su YouTube è recentemente partito un servizio introdotto da Rumblefish, azienda statunitense specializzata in licensing musicale. In sostanza, Friendly Music permetterà a chiunque di acquisire una speciale licenza al prezzo unico di 1,99 dollari. Di conseguenza, gli utenti del Tubo potranno utilizzare il brano legalmente acquisito per scopi non commerciali.
"Molti utenti di YouTube sono ogni giorno registi - ha spiegato Paul Anthony, CEO di Rumblefish - e non possono contare su uno sbocco come questo. Siamo elettrizzati all'idea che il nostro diventi un punto di connessione, il primo di altri passaggi, affinché il processo legato all'utilizzo di musica all'interno dei video venga semplificato".

Attualmente, sono circa 35mila le canzoni presenti nel catalogo di Friendly Music. Nessuna di queste appartiene però alle grandi sorelle del disco. Come spiegato dallo stesso Anthony, gli utenti potranno scegliere tra vari generi musicali, tutti selezionati a mano dallo stesso servizio, tutti adatti a commentare in sette note i vari momenti speciali della vita.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàYouTube, video per eccellenzaSempre più primo nella classifica dei siti che ospitano contenuti video. Anche Facebook entra nella top ten
  • Diritto & InternetUSA, YouTube batte ViacomLa piattaforma di video sharing di BigG è stata assolta in primo grado da un giudice di New York. A salvarla il DMCA. Ma i detentori dei diritti non si rassegnano, e promettono ricorsi
  • AttualitàUSA, musica online col fai da teAviary, startup finanziata da Jeff Bezos, presenta Music Creator, un tool web-based che permette di creare loop sonici a partire da 50 strumenti gratuiti. Per band, professionisti e scuole. In Creative Commons
14 Commenti alla Notizia YouTube, due dollari per una licenza
Ordina
  • E' una gabbia. Forse un modo per uscirne e' utilizzare sempre piu' spesso brani di artisti nuovi che non esigono diritti se non spontanei... Ormai sempre piu' spesso mi rivolgo a Jamendo per questo genere di cose.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rimpallo
    > E' una gabbia. Forse un modo per uscirne e'
    > utilizzare sempre piu' spesso brani di artisti
    > nuovi che non esigono diritti se non spontanei...
    > Ormai sempre piu' spesso mi rivolgo a Jamendo per
    > questo genere di
    > cose.
    Problemi tuoi.
    non+autenticato
  • Problemi ? nessuno, forse sei tu che non hai letto con attenzione.
    non+autenticato
  • Dunque dunque...
    Sento una canzone alla radio. La radio ha pagato la SIAE per far sentire quella canzone.
    Compro la canzone ripago la SIAE. E pago l'equo compenso sul supporto che uso.
    La metto alla festa di laurea. Devo fare una scaletta di quello che voglio far sentire e pagare la SIAE.
    Registo la "maginfica" laurea... pago la SIAE tramite equo compenso.
    Metto sul tubo... ripago la SIAE.

    Siamo sicuri di volere ciò?
    non+autenticato
  • - Scritto da: poiuy
    > Dunque dunque...
    > Sento una canzone alla radio. La radio ha pagato
    > la SIAE per far sentire quella
    > canzone.
    > Compro la canzone ripago la SIAE. E pago l'equo
    > compenso sul supporto che
    > uso.
    > La metto alla festa di laurea. Devo fare una
    > scaletta di quello che voglio far sentire e
    > pagare la
    > SIAE.
    > Registo la "maginfica" laurea... pago la SIAE
    > tramite equo
    > compenso.
    > Metto sul tubo... ripago la SIAE.
    >
    > Siamo sicuri di volere ciò?
    E te lo chiedi pure?
    non+autenticato
  • scriviti le canzoni o usa canzoni inserite in database free... c'è un sacco di buona musica.

    Non capisco le lamentele... se vuoi QUELLA canzone paghi, nessuno ti vieta di comporre da solo...
    non+autenticato
  • Il punto è che se vuoi "QUELLA canzone" hai già pagato. E non solo una volta. E non si sta parlando di pagare una canzone, ma di quanti si paga alla SIAE, che con le canzoni c'entra poco e niente.
    Si sta anche parlando di quanto paghi per ottenere cosa.

    A proposito di "nessuno ti vieta di comporre da solo". Vero, ma se componi qualcosa e lo distribuisci gratuitamente, oltre a pagare l'equo compenso sul supporto, devi apporre il bolline SIAE... anche se è stato dichiarato dall'Europa che l'obbligatorietà del bollino non è legale.

    Per non parlare del diritto d'autore sugli spartiti dell'inno nazionale...
    non+autenticato
  • Chi crea un'opera dell'ingegno è L'UNICO "proprietario" esso è un bene immateriale ED è SOLO L'AVENTE DIRITTO che decide di farla utilizzarla.
    Il diritto di autore è un diritto in esclusiva, questo significa che devi chiedere l'autorizzazione all'autore o avente diritto, ogni autorizzazione è destinata all'uso che viene fatta, se viene concessa per una manifestazione, non può essere concessa per un'altra, se viene destinata per la vendita, non può essere destinata per il noleggio, al pubblico ecc.
    Ogni volta che utilizzi .... devi pagare a lui il diritto di autore o tramite la SIAE o direttamente a lui! questo diritto per un lavoro è uguale in tutti i paesi del mondo.
    non+autenticato
  • Se io riprendo il video di un matrimonio dove GIÀ DI SOTTOFONDO c'è la musica di Lady Gaga, intanto sicuramente saranno già stati pagati i diritti SIAE perchè per far musica ad un matrimonio devi pagarli.
    Poi dovrei togliere l'audio e mettere una colonna sonora XYZ a 2€ che magari non c'entra una mazza?

    Seriamente, non si capisce più un Tubo!
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    > Se io riprendo il video di un matrimonio dove GIÀ
    > DI SOTTOFONDO c'è la musica di Lady Gaga, intanto
    > sicuramente saranno già stati pagati i diritti
    > SIAE perchè per far musica ad un matrimonio devi
    > pagarli.
    > Poi dovrei togliere l'audio e mettere una colonna
    > sonora XYZ a 2€ che magari non c'entra una
    > mazza?
    >
    > Seriamente, non si capisce più un Tubo!
    Ma chi si sposa col sottofondo di Lady Gaga? Al massimo due truzzi.
    non+autenticato
  • > Ma chi si sposa col sottofondo di Lady Gaga? Al
    > massimo due
    > truzzi.

    embhè!? perchè ce ne sono pochi di truzzi?Occhiolino
    non+autenticato
  • Oh ma che cazzo, era un esempio... e poi la gente si offende se le si da del troll, non è che non capite, semplicemente lo fate apposta per trollare a sto punto.
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    > Oh ma che cazzo, era un esempio... e poi la gente
    > si offende se le si da del troll, non è che non
    > capite, semplicemente lo fate apposta per
    > trollare a sto
    > punto.

    Dice il proverbio: il saggio indica la luna, il troll trolla sul dito.
  • Ma chi paga 2$ per mettere una colonna sonora a un video su YouTube?
    Io non pagherei nemmeno 1 cent e credo che molti la pensino allo stesso modo.
    Prevedo un fallimento.
    non+autenticato