Alfonso Maruccia

Google Me, il social network di BigG?

Solo indiscrezioni, ma di quelle pesanti: Google sarebbe impensierita dalla crescita di Facebook e avrebbe investito energie nello sviluppo di un social network di prima classe. Che rischierebbe di partire sotto i peggiori auspici

Roma - L'indiscrezione, originata da un tweet - ora rimosso - del fondatore di Digg Kevin Rose, sta facendo il giro della rete: Google starebbe lavorando alacremente allo sviluppo di un servizio concorrente di Facebook, un social network super-segreto di cui si ipotizzano le possibili componenti ma che ha un obiettivo certo, quasi scontato: rincorrere e neutralizzare la crescita impressionante della rete sociale di Facebook. Per evitare che i servizi di rete di Mountain View - search in primis - perdano quello status di centralità che attualmente li caratterizza.

Rose dice che Google Me, questo il nome del presunto social network ideato presso il Googleplex, verrà lanciato molto, molto presto e che la fonte della notizia sarebbe di quelle "molto credibili". Già in passato Rose aveva lanciato indiscrezioni su importanti novità in seno all'industria dell'IT, centrando il bersaglio con una media vicina al 50%.

A ribadire la veridicità dell'indiscrezione è poi Adam D'Angelo, ex-CTO di Facebook e ora fondatore del servizio Q&A Quora che in una risposta a una delle domande poste sul network di "social sharing" della conoscenza - sempre in merito a Google Me - conferma: "Non si tratta di un indiscrezione. Google Me è un progetto reale. Ci lavorano parecchie persone e solo assolutamente certo della cosa".
Stando a quanto rivela D'Angelo, Google sarebbe "spaventata a morte" dalla potenziale minaccia di Facebook, perché la previsione sul rallentamento della sua crescita si è rivelata infondata e ora il social network più popolare minaccia seriamente di mettere BigG all'angolo dopo gli ultimi 10 anni di business dorato, advertising a fiumi e prospettive rosee su quasi ogni fronte dell'high-tech interconnesso.

Dando per scontato che la nascita di Google Me sia a questo punto un evento più che probabile, a ingenerare dubbi e perplessità sono la reale portata del nuovo progetto social di Mountain View e la sua effettiva capacità di posizionarsi come un concorrente per il social network in blu: Facebook ha raccolto la bellezza di 500 milioni di utenti che al momento non sembrano poi molto interessati a spostarsi altrove.

Né si possono ignorare i clamorosi passi falsi che hanno sin qui contraddistinto i tentativi social di Google: Orkut, Buzz con la sua iniziale disfatta, Wave, Profile, sono tutti pezzi di un potenziale network sociale che non è mai decollato realmente al netto delle polemiche sulla scarsa considerazione della privacy degli utenti e degli incidenti di percorso.

Che Google tenti ora di mettere assieme tutti quei pezzi in una strategia in stile dottor Frankenstein - pezzi morti che danno origine a un organismo vivo - o che provi a riversare il passato (dati e utenti raccolti sui vari servizi soprattutto) in qualcosa di nuovo, quel che è certo è che l'obiettivo di battere Facebook sul suo stesso terreno appare tutto fuorché scontato o garantito.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle, socialricerche per tuttiLa funzionalità di ricerca tra i circoli sociali degli utenti fa un passo ulteriore verso la completa integrazione sul servizio offerto da Mountain View. Facebook continua a essere assente
  • Digital LifeGoogle: la privacy ci sta a cuoreBigG risponde alle preoccupazioni evidenziate da diverse autority per la privacy. La tutela dei dati personali è importante a Mountain View, dicono. E spiegano le proprie linee guida
  • AttualitàFacebook, un filmDisponibile il primo trailer della pellicola che tenta di raccontare la nascita del social network di maggior successo di questi anni. Cogliendone lati chiari e lati oscuri
15 Commenti alla Notizia Google Me, il social network di BigG?
Ordina
  • Chi può dire che facebook non utilizza nick name e avatar.... ne è pieno. un'account per l'immagine pubblica, un altro per altre cose.
    Chi confonde i due livelli rischia.
    non+autenticato
  • Nel Google IO avevano anticipato che Youtube presto diverrà una televisione ( la google TV) in cui gli utenti potranno scambiarsi i film, in base alle proprie preferenze.

    Bene o male ?

    Secondo me il fatto è che ogni cosa ha una sua utilità e un suo profilo funzionale.

    Per esempio ho usato un po` Facebook e rimango della mia opinione di sempre, è il lato più oscuro della forza. Sfrutta l'esibizionismo e l'insicurezza e la curiosità e altre cattive caratteristiche degli esseri umani per creare degli archivi di identità e tenere sotto controllo il sistema sociale e metterlo sotto controllo commerciale ( in questo senso è stato associato al Panopticon).

    Twitter è un'altra cosa, una esperienza più sterile ma molto positiva. Tutto quello che scrivi è pubblico e se scrivi o linki qualcosa di interessante le persone nel mondo ti seguono e crei reali legami di amicizia basate su condivisione della tue idee come le vuoi esporre al pubblico e non sembra che possa vendere più di quel tanto i tuoi dati visto che sono di proprietà pubblica.

    Google ha notevoli potenzialità di integrazione di una serie di servizi già più o meno esistenti, dalla posta privata, a picasa, al calendario a youtube a blogger (che ha il concetto di follower), a Buzz, Wave, eccetera. Quasi tutti permettono condivisoni e followers, di fatto è già un social network molto disordinato.

    Tutto dipende a cosa servirà, la semplicità e il valore aggiunto, la serietà del mezzo e quello che può offrire.

    Se si tratta di coordinare gli sforzi e creare qualcosa di coerente che metta a disposizione tali servizi in modo più organico e strutturato potrebbe essere una esperienza fortemente positiva ( per quanto lo possa essere il cloud ), se diventa una copia di Facebook, con il livello di invasività di Google, mi disinscriverò anche da quello come ho già fatto per il primo, venderò il computer e comprerò un calamaio.
    non+autenticato
  • Accidenti ... ho messo un sacco di e ... devo smetterla di scriver a quest'ora. Deluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Disinformat ico
    > Per esempio ho usato un po` Facebook e rimango
    > della mia opinione di sempre, è il lato più
    > oscuro della forza. Sfrutta l'esibizionismo e
    > l'insicurezza e la curiosità e altre cattive
    > caratteristiche degli esseri umani per creare
    > degli archivi di identità e tenere sotto
    > controllo il sistema sociale e metterlo sotto
    > controllo commerciale ( in questo senso è stato
    > associato al
    > Panopticon).

    Sono della stessa opinione e di Facebook mi fa pensare anche come sia riuscito a far usare nome, cognome e foto a tanta gente, al posto di pseudonimi e avatar.
    non+autenticato
  • Il diritto a crearsi un avatar in Internet è
    imprescindibile dalla stessa natura della Rete.

    Da sempre è stato così, cioè dalla nascita
    di Internet e quindi non si può trascurare
    questo aspetto. Un mondo virtuale richiede
    una identificazione non reale (film come
    "The Matrix" hanno fatto scuola su ciò).

    Ovvio che l'esibizionismo come detto nel commento
    stana gli utonti e li fagocita nel sistema,
    intortandoli con ammenicoli giocosi e perditempo
    mentre sotto si delineano aspetti meramente
    commerciali (come al solito, tra l'altro).
  • Perché dall'articolo noto un certo astio nei confronti di google, rispetto a facebook? A me sembra mille volte più pericoloso facebook, ormai contiene i dati personali di più di 500 milioni di persone, è criticata per la policy sulla privacy in continuo cambiamento, e non mi sembra voltata all'openess più di quanto lo è google...
    non+autenticato
  • La mia personalissima opinione è che siano entrambe una iattura. Purtroppo su Facebook ci sto anch'io, ma la mia vita cerco di tenermela stretta ed esclusivamente per me....
  • e fai bene...
  • Bhe è giusto così, FB ha aggiunto un sacco di opzioni per la protezione della privacy dei suoi utenti, molti dei miei "amici" mi hanno interdetto dalla loro bachecaCon la lingua fuori

    A dire il vero l'ho fatto anche io, FB ormai e' diventato come la vita reale, conosci un sacco di gente, ma la metà di queste non ti saluta per strada e non ti permette di contattarla su internet, pero' ti conosconoCon la lingua fuori

    Tornando OT
    Penso che proverei un ipotetico GoogleMe, così come sarei molto curioso di provare GoogleOS, ma la gente comune, per spostarsi da un SocialNetwork ad un'altro ci metterebbe anni, penso alle ragazzine che hanno caricato 200 foto, chi glielo va a dire che deve salvarsi tutto e ricarirare l'impossibile su un'altro S.N. che poi forse useranno in 4 ?
  • - Scritto da: Max3D

    > Tornando OT
    > Penso che proverei un ipotetico GoogleMe, così
    > come sarei molto curioso di provare GoogleOS, ma
    > la gente comune, per spostarsi da un
    > SocialNetwork ad un'altro ci metterebbe anni,
    > penso alle ragazzine che hanno caricato 200 foto,
    > chi glielo va a dire che deve salvarsi tutto e
    > ricarirare l'impossibile su un'altro S.N. che poi
    > forse useranno in 4
    > ?

    beh immagino che come esiste suicide-qualcosa, google abbia le capacità per fare un tool "copiatuttalamiarobadafacebookconunclick"
  • Non sarà un "social network" in piena regola né versatile quanto Facebook, ma YouTube ha il suo perché. Ci sarebbe anche Blogger, ma... tralasciamo. Non credo che a Google convenga creare una scopiazzatura di Facebook.

    Ah, già: "potenziale minaccia" non è un po' una ripetizione? Penso che "minaccia" sia sufficiente.
    non+autenticato
  • direi che dovresti fare un corso di italiano

    "potenziale" e "minaccia" sono due cosine diverse
    non+autenticato
  • dato che i tentativi di copia sono falliti e considerando la propensione di gogol all'innovazione, magari proporranno una forma nuova di social network.
    Non una copia di Facebook, ma qualcosa di completamente originale.

    Forse questo Google Me avrà qualcosa a che fare con ChromeOS?
    Ubunto
    1350
  • - Scritto da: Ubunto
    > dato che i tentativi di copia sono falliti e
    > considerando la propensione di gogol
    > all'innovazione, magari proporranno una forma
    > nuova di social
    > network.
    > Non una copia di Facebook, ma qualcosa di
    > completamente
    > originale.
    >
    > Forse questo Google Me avrà qualcosa a che fare
    > con
    > ChromeOS?

    l'idea di fondo è unire gmail, waves, buzz e la loro sincronia ha un'ottima base per comunicare facilmente e in modo intuivo di facebook e forse di più!

    il problema è qui si tratta di nome e fama...facebook è arrivato primo!

    non si tratta neanche di difficoltà nel comprendere waves o buzz o gmail. facebook è molto più complesso rispetto alla triade chrome ma l'utente medio facebook lo inquadra come la coca cola dei social network!

    io sono in attesa per chrome os e vedere come si comporta all'opera.
    non+autenticato
  • Non potrebbero fare un social network a luci rosse senza dover pagare oboli ? (mitico !!)
    Orkut ....di chi è ...... (Google)
    Wave.....
    Buzz.....

    Non potrebbero invece lasciare fare a chi sa fare ?
    non+autenticato