Alessandro Del Rosso

Google Chrome tiene d'occhio i plug-in

Google Ŕ pronta ad introdurre diverse novitÓ per migliorare la sicurezza dei plug-in. Fra queste, un controllo sullo stato di aggiornamento di questi componenti simile a quello di Firefox 3.6

Roma - Oggi Google Chrome viene considerato dagli esperti uno dei browser più sicuri in circolazione: questo non perché sia necessariamente meno bacato dei suoi colleghi, ma perché implementa tutta una serie di meccanismi di protezione - primo tra i quali il sandboxing - che rendono assai più difficile lo sfruttamento delle vulnerabilità da parte dei malintenzionati. Ma Google non sembra intenzionata ad dormire sugli allori: alle misure di sicurezza già presenti nell'attuale versione stabile di Chrome è pronta ad aggiungerne altre, tra le quali un controllo sui plug-in analogo a quello recentemente introdotto da Mozilla con Firefox 3.6.

Google ChromeAd illustrare le strategie sulla sicurezza relative a Chrome è questo post firmato da tre membri del Google Security Team. Qui si spiega, riprendendo un tema caro a Mozilla, che nell'ambito dei browser il principale vettore di attacco non è più rappresentato dalle falle contenute nei browser stessi, ma da quelle - spesso numerose - che affliggono i più diffusi plug-in: un esempio su tutti, Flash Player. "Gli aggressori privilegiano gli attacchi più facili, di conseguenza l'accresciuta robustezza dei browser li sta portando a considerare altri modi per compromettere le macchine degli utenti" si legge nel post. "Stiamo osservando un considerevole aumento degli attacchi rivolti a certe porzioni dell'infrastruttura di browsing, come i plug-in".

Per proteggere i propri utenti da queste minacce, Google ha recentemente introdotto nel suo browser due novità: la prima riguarda la possibilità di disattivare i singoli plug-in (about:plugins) senza riavviare il browser e di restringere, per mezzo di una whitelist, i domini che possono caricare i plug-in; la seconda consiste nell'inclusione di Flash Player in Chrome, così da armonizzarne il sistema di aggiornamento automatico e garantire all'utente di disporre sempre della versione più aggiornata del plug-in.
Ripetendo quanto fatto con Flash Player, Google ha deciso di integrare in Chrome un viewer di PDF che gira nella sandbox del browser: "Questo renderà molto più difficile sfruttare le vulnerabilità PDF-based per l'installazione persistente di malware" assicura Google. Per il momento il plug-in Chrome PDF Viewer è contenuto esclusivamente nella developer preview di Chrome 6, e va attivato manualmente da about:plugins.

Nel medio termine BigG introdurrà infine due altre forme di protezione: la prima è il già citato controllo sullo stato di aggiornamento dei più diffusi plug-in, che come in Firefox 3.6 avviserà l'utente se un componente non è aggiornato e lo aiuterà a scaricare la versione più recente; la seconda protezione è una sorta di estensione della prima, e metterà in guardia gli utenti ogniqualvolta una pagina web tenti di eseguire plug-in che, benché ancora diffusi, non sono più generalmente necessari per usufruire dell'odierna esperienza di navigazione sul Web. L'uso di tali plug-in, secondo Google, può essere considerato in molti casi sospetto.

A monte di tutti questi accorgimenti c'è poi la progressiva migrazione verso la nuova API per i plug-in, Pepper, che semplifica lo sviluppo di componenti - come Chrome PDF Viewer - in grado di girare all'interno di una sandbox.

Il grande impegno di Google nel rendere il proprio browser a prova di cracker e di malware è motivato dal fatto che, come noto, il Web è la piattaforma su cui gira l'intero parco di software e di servizi offerto da BigG: la sicurezza del browser è dunque un fattore cruciale per il successo delle applicazioni cloud di Google, soprattutto in ambito enterprise.

Proprio negli scorsi giorni StatCounter ha pubblicato nuove statistiche che confermano come Chrome sia diventato, anche negli Stati Uniti, il terzo browser più utilizzato dopo Internet Explorer e Firefox.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
10 Commenti alla Notizia Google Chrome tiene d'occhio i plug-in
Ordina