Mauro Vecchio

IsoHunt, alleanza contro il pedoporno

Il celebre motore di ricerca del P2P è finora l'unico sito straniero ad aver aderito alla lotta del procuratore di New York Andrew Cuomo contro il pedoporno. Sperando che questo basti ad ottenere la clemenza del giudice

Roma - C'è chi ha sottolineato come si tratti di una quantomeno insolita accoppiata, di "strani compagni di lotta". Da un lato Andrew Cuomo, il procuratore generale dello stato di New York che ha da tempo scatenato un'aspra battaglia contro la pedopornografia online. Dall'altro, IsoHunt, il celebre motore di ricerca del P2P.

Nemmeno un semplice motore di ricerca, un vero e proprio nemico del copyright, almeno secondo una lista diramata in terra statunitense. Ma Cuomo ha recentemente applaudito proprio il sito di Gary Fung, primo - e finora unico - tra quelli stranieri che hanno aderito al suo piano nella lotta a certi contenuti.

Il procuratore aveva infatti iniziato a rastrellare adesioni tra i vari protagonisti della Rete, affidando loro le funzionalità di uno speciale database per la rimozione di migliaia di file illeciti condivisi a mezzo link, prodotti da abusi sui minori. Già Facebook, Friendster e MySpace avevano accettato di buon grado la tecnologia implementata dallo staff di Cuomo.
"Gli utenti di IsoHunt ci hanno spesso avvertito in passato di contenuti illeciti legati alla pedopornografia - ha commentato il founder di IsoHunt Gary Fung - Siamo lieti di ampliare questi sforzi, in collaborazione con il procuratore Cuomo e con questo database, che ci aiuterà a fermare la diffusione di file illeciti su canali BitTorrent".

Sforzi che potranno tornare utili a dimostrare la sostanziale innocenza del search engine del P2P, almeno secondo lo stesso Fung. Che ha infatti presto informato la corte d'appello statunitense al lavoro sul caso che lo vede contrapposto all'industria di Hollywood. IsoHunt aveva infatti ricevuto un ultimatum: filtrare o sparire dagli States. Che la collaborazione con Cuomo faccia ricredere il giudice?

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàNatale amaro per IsoHunt Botte da orbi in tribunale: un colpo di spugna cancella gran parte delle tesi difensive di Gary Fung. Che ora si ritrova sul groppone una condanna che rischia di fare giurisprudenza
  • Diritto & InternetIsohunt si traveste da GoogleGary Fung ci riprova e stavolta spera di convincere le autorità USA che il suo non è altro che un motore di ricerca. Specializzato in torrent
  • AttualitàUSA, il social network la pagherà caraStangata da parte delle procure di New York e del Texas su Tagged.com. Il social network pagherà più di 700mila dollari per aver condotto una massiccia campagna di spam ai danni della privacy dei propri utenti
2 Commenti alla Notizia IsoHunt, alleanza contro il pedoporno
Ordina
  • se saranno capaci di filtrare i file pedoporno (a partire da un database???), allora un giudice, in una causa intentata dalle major, potrebbe sentenziare che sarebbe stato anche possibile filtrare i file protetti da (c).
    Come sempre: il "contrasto alla pedofilia" su internet è la testa di ponte per trovare il modo di bloccare le idee scomode e tutelare gli interessi economici delle major
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno ancora
    > se saranno capaci di filtrare i file pedoporno (a
    > partire da un database???), allora un giudice, in
    > una causa intentata dalle major, potrebbe
    > sentenziare che sarebbe stato anche possibile
    > filtrare i file protetti da
    > (c).

    Nessuna trappola.
    La censura apparente nel P2P di files pedoporno e' solo un effetto collaterale creato dagli utenti stessi.

    Il pedoporno nel P2P nessuno lo cerca, nessuno lo condivide, nessuno lo scarica, quindi non c'e'!

    Non e' mica il server ma gli utenti.