Alfonso Maruccia

Shuttle, missione rinviata

Posticipato il pensionamento dello storico programma di voli spaziali statunitensi. Nel mentre alla Stazione Spaziale si è rischiato l'incidente e il Pentagono si prepara a lanciare satelliti avvista-spazzatura

Roma - Lo Space Shuttle continuerà a volare per lo meno fino a febbraio 2011, e possibilmente anche oltre se Obama ci metterà la firma: dopo settimane di indiscrezioni NASA conferma ufficialmente il breve rinvio del pensionamento del programma spaziale, fatto giustificato dal tempo richiesto per preparare il carico dell'ultima missione.

In origine il programma Shuttle avrebbe dovuto chiudere i battenti nel 2010 ma politici, ex-astronauti e anche ufficiali NASA non hanno mai fatto mistero di voler continuare a mantenere le navette Shuttle (200 milioni di dollari al mese di costo complessivo) almeno finché non fosse divenuto operativo un sistema di trasporto alternativo verso la ISS in orbita intorno alla Terra.

I nuovi piani di volo allungano sì la vita allo Shuttle, ma poco fanno per estenderne l'impiego in occasioni future: l'ultima missione programmata resta quella della navetta Discovery, che sarebbe dovuta partire alla volta della ISS a settembre ma verrà invece lanciata il 26 febbraio 2011. L'oggetto del trasporto consisterà in un nuovo strumento scientifico - il rilevatore Alpha Magnetic Spectrometer dal costo di 1,5 miliardi di dollari e utile nello studio della fisica delle particelle - più i "soliti" rifornimenti agli ospiti fissi della stazione.
Per NASA il futuro del trasporto spaziale continua a chiamarsi Soyuz o Falcon 9 (+Dragon), anche se i manager di missione dell'agenzia spaziale sperano che Obama autorizzi almeno una prossima missione da portare a termine entro il prossimo giugno. NASA dice ora che una decisione in merito verrà presa non prima di agosto.

E mentre sulla Terra si discute di missioni future, quella del cargo robotico russo Progress M-06M ha rischiato di concludersi con un fallimento potenzialmente pericoloso per la sicurezza della ISS e l'incolumità degli astronauti a bordo. Venerdì scorso, un primo tentativo di allineamento del cargo con la stazione è fallito e il vascello ha dovuto attendere fino a domenica - a debita distanza di sicurezza dalla ISS - per completare con successo l'attracco.

In un'ottica tesa a evitare possibili incidenti nell'atmosfera esterna del Pianeta, invece, l'Air Force statunitense si prepara a lanciare in orbita il satellite SBSS per tenere sotto controllo la tanta spazzatura spaziale che impensierisce missioni scientifiche e imprese commerciali. Da un orbita di oltre 627 chilometri, SBSS avrà il compito di monitorare i 1.000 satelliti attivi e i 20mila frammenti di detriti sin qui noti per fornire all'Air Force una fotografia chiara delle condizioni di sicurezza nell'alta atmosfera.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàSpazio, ultima frontiera di paceLa Casa Bianca distilla la nuova politica dell'esplorazione spaziale a stelle e strisce: tanta cooperazione tra le nazioni, ma al netto dei cinesi. E comunque lassù niente sesso: siamo astronauti
  • AttualitàNASA, futuro e politica incertiGli amministratori dell'agenzia spaziale si beccano le strigliate del Congresso, mentre la ricerca va avanti senza strafare. C'è il rischio di vedere ridimensionate le ambizioni di uno sbarco su Marte
  • TecnologiaUSA, prova generale per Falcon 9Dovrebbe essere la risposta privata ai problemi della NASA. Gli ultimi test non hanno segnalato anomalie e ci si prepara al lancio vero e proprio. Manca ancora però un erede per lo Shuttle
  • AttualitàFalcon 9 si prenota un posto dopo lo ShuttleIl vettore creato da SpaceX arriva in orbita. Risultato positivo con tanto di falsa partenza. E molte speranze per il futuro dell'esplorazione spaziale in mano ai privati
  • AttualitàNASA non balla da solaL'agenzia spaziale statunitense approfitta dell'aiuto di tutti per continuare con i suoi piani di esplorazione spaziale. E in testa alla fila dei partner ci sono Russia ed Europa
  • TecnologiaGli ultimi voli dello ShuttleUno dei vascelli statunitensi attualmente in servizio è partito alla volta della ISS, mentre si approntano le tre missioni finali del programma. Mistero sul futuro spaziale USA
3 Commenti alla Notizia Shuttle, missione rinviata
Ordina
  • Alla stazione spaziale si è rischiato l'incidente?
    Mah, leggendo altre fonti direi che al massimo si è rischiato di non effettuare l'aggancio e perdere i rifornimenti trasportati.
    In effetti, per non correre rischi, si è tenuto il rifornitore a distanza mentre i russi ricontrollavano sistemi primari di aggancio e loro backup, test che si è preferito svolgere con calma prima di rieseguire con successo l'aggancio.
    Le Progress cargo e le sorelle Soyuz abitate si sono guadagnate fama di "muli" poco eleganti ma sostanzialmente affidabili.
    Quello che negli Stati Uniti molti non sopportano di vedere (navicelle russe che trasportano materiali e astronauti statunitensi) è semplicemente l'applicazione del loro stesso modello economico di comprare al costo più basso il servizio "buono quanto serve".

    Se non si decidono a focalizzare i fondi NASA sui giusti obiettivi,
    accettando che altri facciano il lavoro ordinario, tra poco il sistema non avrà più il denaro necessario e noi tutti faremo "un grande passo indietro per l'umanità".
    non+autenticato
  • - Scritto da: OldDog
    > Alla stazione spaziale si è rischiato
    > l'incidente?
    >
    > Mah, leggendo altre fonti direi che al massimo si
    > è rischiato di non effettuare l'aggancio e
    > perdere i rifornimenti
    > trasportati.
    > In effetti, per non correre rischi, si è tenuto
    > il rifornitore a distanza mentre i russi
    > ricontrollavano sistemi primari di aggancio e
    > loro backup, test che si è preferito svolgere con
    > calma prima di rieseguire con successo
    > l'aggancio.
    > Le Progress cargo e le sorelle Soyuz abitate si
    > sono guadagnate fama di "muli" poco eleganti ma
    > sostanzialmente affidabili.
    >
    > Quello che negli Stati Uniti molti non sopportano
    > di vedere (navicelle russe che trasportano
    > materiali e astronauti statunitensi) è
    > semplicemente l'applicazione del loro stesso
    > modello economico di comprare al costo più basso
    > il servizio "buono quanto serve".
    >
    >
    > Se non si decidono a focalizzare i fondi NASA sui
    > giusti obiettivi,
    >
    > accettando che altri facciano il lavoro
    > ordinario, tra poco il sistema non avrà più il
    > denaro necessario e noi tutti faremo "un grande
    > passo indietro per
    > l'umanità".
    non+autenticato
  • Non posso che quotarti decisamente.
    non+autenticato