Mauro Vecchio

Kin, un sito alla memoria

Permette ai visitatori di accendere una candela in ricordo dei due socialfonini di Microsoft. Recentemente assassinati dopo 49 giorni in commercio e 500 presunti clienti

Roma - Poco più di 200mila fan su Facebook, quasi 5mila follower su Twitter, 500 clienti presunti. Sono alcuni dei numeri presentati all'interno di uno speciale spazio web, recentemente allestito per preservare la memoria di quelli che sono erano conosciuti come Turtle e Pure.

Fantasiosi nomi in codice, scelti da Microsoft per indicare alternativamente Kin One e Kin Two, la coppia di socialfonini recentemente assassinata dai vertici dell'azienda di Redmond. E, una volta raggiunto il sito kinrip.com, si può apprendere che la loro è stata una vita brevissima, in commercio per soli 49 giorni.

Gli sforzi di BigM andranno infatti interamente riversati nel progetto Windows Phone 7, unico possibile competitor di smartphone del calibro di iPhone e Android. Ai due Kin sembrano rimaste solo delle candele votive, offerte gentilmente dai vari visitatori di kinrip.com per onorare la memoria di due creaturine social forse mai nate.
"La vita di Kin è stata breve - ha spiegato il programmatore di Seattle Shmuel Tennenhaus, ideatore del sito - ma verrà ricordata a lungo. Così ho speso 10 dollari e 15 minuti del mio tempo per creare un luogo adatto, affinché le persone possano accendere un cero in memoria". Macabro? Satirico? Non si dimentichi di alzare il volume: Michael Jackson canta Gone Too Soon.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
11 Commenti alla Notizia Kin, un sito alla memoria
Ordina