Alfonso Maruccia

Africa, connettività fresca

Attivato un nuovo canale di comunicazione tra Europa e Africa. Un cavo sottomarino che offrirà un'opportunità di crescita, con ricadute sull'intera economia

Roma - Due luglio 2010, il cavo sottomarino in fibra ottica "Main One" viene attivato aprendo un canale di comunicazione avanzato fra Europa e Africa occidentale. La nuova backbone, dicono i protagonisti, permetterà al vasto continente africano di avere un miglior accesso alla rete con lo sviluppo tecnologico ed economico che ne consegue. Perché la banda larga fa bene al PIL, assicura la Banca Mondiale.

I 7000 chilometri di fibra contenuti nel cavo Main One uniscono il Portogallo alla Nigeria e al Ghana, estendendosi poi a Marocco, Senegal, Isole Canarie e Costa d'Avorio. Il nuovo collegamento ha una capacità di 1,92 Terabit, 10 volte superiore a quella disponibile attraverso il South Atlantic Terminal (SAT-3) che arriva in Nigeria e 20 volte maggiore rispetto all'intera capacità delle comunicazioni satellitari nell'Africa sub-sahariana.

Main One, la società che gestisce l'infrastruttura, dice che il collegamento farà sentire i suoi benefici effetti "in tutti i settori - dall'educazione alla salute, all'intrattenimento, contribuendo alla crescita economica e alla creazione di opportunità lavorative in tutta l'Africa". Main One è un canale di comunicazione più che benvenuto in Nigeria, il paese più popoloso del continente che con i suoi 140 milioni di persone ha sin qui dovuto convivere con collegamenti telematici costosi e inaffidabili.
Main One dovrebbe traghettare l'Africa occidentale nel ventunesimo secolo, commenta il CEO di Africa Finance Corporation (AFC) Andrew Alli che ha contribuito con 37 milioni di dollari ai 240 milioni di finanziamento totale al progetto. Installato il nuovo collegamento tra Europa e Africa (e in attesa che se ne aggiunga un'altra decina), commenta Alli, quello che occorre ora e portare questa capacità di banda aggiuntiva fino agli utenti finali.

Che una maggiore penetrazione della banda larga possa favorire la crescita dei paesi africani lo sostiene anche la Banca Mondiale, secondo le cui stime basterebbe un 10% di broadband in più per favorire un aumento di Prodotto Interno Lordo (PIL) stimato fra lo 0,1% e l'1,4% con la creazione di nuove imprese, business innovativi e nuovi posti di lavoro.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàITU, un mondo di telefoniniLa telefonia mobile è in netta crescita, trainata dalla diffusione dei cellulari nei paesi emergenti. Le linee fisse languono. La banda larga avanza e il 3G potrebbe essere il viatico per colmare il digital divide
  • AttualitàL'Africa sarà mai online?Sono numerosi i problemi da affrontare per connettere il territorio africano: mancanza di fondi, infrastrutture deboli, governi disinteressati o troppo interessati. Oggi si parla di Ruanda
  • AttualitàAfrica, la Tecnologia è possibileC'è un gran fermento per avvicinare le risorse che esistono, superare le barriere culturali e dare all'intero Continente una nuova via allo sviluppo. Grazie alla tecnologia. Ci credono in tanti
9 Commenti alla Notizia Africa, connettività fresca
Ordina
  • Questi muoiono di fame e la Banca Mondiale investe su internet e le backbone. Spero che gli africani in un futuro ci schiavizzino e rendano poveri.
    non+autenticato
  • Per sfamare una popolazione esistono più modi: uno, efficiente a breve termine, è quello di fornirle direttamente il cibo. Un altro, più efficace a lungo termine e più duraturo negli effetti, è quello di fornire alle persone mezzi stabili per procurarselo.

    Un sistema di comunicazione stabile e potente può indirettamente agevolare il secondo compito, per esempio mediante la propagazione della cultura.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 12 maggio 2012 08.36
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: gibrovacco
    > Per sfamare una popolazione esistono più modi:
    > uno, efficiente a breve termine, è quello di
    > fornirle direttamente il cibo. Un altro, più

    c'e' anche un altro modo: diminuire le bocche.
    E si puo' fare con in modo "artificiale" (controllo delle nascite) oppure "naturale ma catastrofico" (nessun_controllo -> sovrappopolazione -> carestia -> fame+guerra+malattia -> morte_diffusa)

    Per i dettagli, rivolgersi ai lemmings.
    non+autenticato
  • del resto non hanno cibo per sfamare i figli che hanno.. però continuano a fare figli come animali. A sto punto se non ci arrivano a capire che e inutile fare figli se non hai il cibo sufficente a sfamarne uno..che si fottano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cognome e nome
    > del resto non hanno cibo per sfamare i figli che
    > hanno.. però continuano a fare figli come
    > animali. A sto punto se non ci arrivano a capire
    > che e inutile fare figli se non hai il cibo
    > sufficente a sfamarne uno..che si fottano.

    Hey, i bimbi devono continuare a farli !
    Ci servono per le miniere di diamanti !
    krane
    22544
  • - Scritto da: gibrovacco
    > Per sfamare una popolazione esistono più modi:
    > uno, efficiente a breve termine, è quello di
    > fornirle direttamente il cibo. Un altro, più
    > efficace a lungo termine e più duraturo negli
    > effetti, è quello di fornire alle persone mezzi
    > stabili per
    > procurarselo.
    >
    > Un sistema di comunicazione stabile e potente può
    > indirettamente agevolare il secondo compito, per
    > esempio mediante la propagazione della
    > cultura.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 07 luglio 2010 09.18
    > --------------------------------------------------

    Si con le famose truffe nigeriane XD
    non+autenticato
  • e' vero che hanno fame, ma e' pur vero che internet crea lavoro
    non+autenticato
  • fosse quello il problema dell'africa...
    li il problema fondamentale è che le tribù interne si scannano una con l'altra per stupidaggini quali "io sono cristiano, quindi sono più bello" e chi li sfrutta se la ride
    ma se è vero che in quei posti non ci sono risorse, come sono sopravvissuti per 30000 anni? prima che arrivassero i cristiani a portargli la verità?
    semplicemente dovrebbero coalizzarsi, ma vi immaginate se che so, facciamo 5 milioni di negroni africani mettono su un esercito? ma chi li ferma? in 2 giorni si riprendono l'africa, solo che fanno prima a lamentarsi e nel frattempo scannarsi per decidere qual'è il dio più bello da adorare, mentre vengono sfruttati da persone che li hanno pure cacciati dal loro territorio reclamandolo per diritto divino...il problema non è la fame, non è internet, è la stupidità delle persone, come sempre
    non+autenticato
  • - Scritto da: Clistene
    > Questi muoiono di fame e la Banca Mondiale
    > investe su internet e le backbone. Spero che gli
    > africani in un futuro ci schiavizzino e rendano
    > poveri.

    Ecco il solito benaltrista.
    Inutile fare strade, telefoni e infrastrutture per internet, tanto si sviluppano anche senza, no?
    Funz
    13021