Claudio Tamburrino

Microsoft, ricambi mirati

Prima del nuovo anno fiscale BigM taglia un centinaio di posti di lavoro in settori ritenuti meno strategici e apre nuove posizioni in altri considerati prioritari. Ma l'umore all'interno dell'azienda non appare alto

Roma - Microsoft sta effettuando alcuni tagli al personale. Ma l'entità dei licenziamenti di quest'anno dovrebbe essere limitata, soprattutto rispetto ai 5mila che nel 2009 hanno dovuto abbandonare il proprio posto di lavoro.

Rispetto agli oltre 88mila impiegati a livello mondiale, l'ordine di grandezza dei licenziamenti dovrebbe essere minimo: si parla di centinaia e non di migliaia. Inoltre dovrebbero essere diluiti in diversi apparati dell'azienda tra quelli ritenuti non strategicamente prioritari.

Secondo alcuni osservatori questa mossa fa parte di operazioni con cui si intende ristrutturare l'organizzazione interna, sempre compiute prima dell'estate in concomitanza con l'inizio del nuovo anno fiscale.
Nessun commento, tuttavia, da Redmond, per cui occorrerà attendere il rapporto di fine trimestre per informazioni più dettagliate.
I tagli, sembra tuttavia trapelare, dovrebbero riguardare i settori considerati meno strategici: il primo ad aver subito sicuramente le sorti della tagliola è il settore marketing, mentre per gli altri gli osservatori non hanno ricevuto conferme. Agli impiegati così dismessi dovrebbe essere stata offerta l'opportunità di candidarsi per una diversa posizione interna, dal momento che accanto ai licenziamenti dovrebbe essere effettuata qualche assunzione.

A rischio ci sarebbe, inoltre, anche la sezione Entertainment & Devices Division che paga l'abbandono di Bach e il fallimento di Kin.

Intanto si può leggere conferma dei licenziamenti sul blog degli utenti Microsoft Mini-Microsoft, dove una serie di post anonimi testimoniano i tagli, così come un umore nero, deluso dai fallimenti di alcuni prodotti e frustrato da una gestione che per alcuni (sempre anonimi) sarebbe "politica e influenzata dalle lotte intestine".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàMicrosoft, Kill Kin (vol.1 e 2)I due piccoli socialfonini non verranno commercializzati in Europa. Tutti gli sforzi verranno indirizzati verso Windows Phone 7: a Redmond sperano di riuscire a tenere il passo di iPhone e Android
  • AttualitàLicenziamenti, Google e Microsoft ci pensanoLicenziamenti sì, no, forse: continua il balletto di cifre e previsioni sui protagonisti della net economy e sulle decisioni da intraprendere per fronteggiare l'economia in recessione
14 Commenti alla Notizia Microsoft, ricambi mirati
Ordina
  • La cosa scandalosa è MS licenzi qualcuno: ha chiuso l'anno 2009 con circa 14.5 MILIARDI di dollari di utile netto (diviso per gli 88000 dipendenti circa vuole dire che ogni dipendente ha reso all'azienda circa 164.000$ oltre al suo stipendio...)
  • - Scritto da: ercole69
    > La cosa scandalosa è MS licenzi qualcuno: ha
    > chiuso l'anno 2009 con circa 14.5 MILIARDI di
    > dollari di utile netto (diviso per gli 88000
    > dipendenti circa vuole dire che ogni dipendente
    > ha reso all'azienda circa 164.000$ oltre al suo
    > stipendio...)

    purtroppo (per loro) hai ragione,
    avevo letto etempo fa un articolo di
    un ex dipendente MS, le risorse le hanno eccome,
    hanno programmatori e ingegneri con le palle,
    ma per via di lotte interne di potere
    va sempre tutto a puttane..

    trovato!
    era Dick Brass (ex Vice Presidente all'epoca) a lamentarsi
    http://www.nytimes.com/2010/02/04/opinion/04brass....

    "For example, early in my tenure, our group of very clever graphics experts invented a way to display text on screen called ClearType. It worked by using the color dots of liquid crystal displays to make type much more readable on the screen. Although we built it to help sell e-books, it gave Microsoft a huge potential advantage for every device with a screen. But it also annoyed other Microsoft groups that felt threatened by our success.

    Engineers in the Windows group falsely claimed it made the display go haywire when certain colors were used. The head of Office products said it was fuzzy and gave him headaches. The vice president for pocket devices was blunter: he’d support ClearType and use it, but only if I transferred the program and the programmers to his control. As a result, even though it received much public praise, internal promotion and patents, a decade passed before a fully operational version of ClearType finally made it into Windows."




    Another example: When we were building the tablet PC in 2001, the vice president in charge of Office at the time decided he didn’t like the concept. The tablet required a stylus, and he much preferred keyboards to pens and thought our efforts doomed. To guarantee they were, he refused to modify the popular Office applications to work properly with the tablet. So if you wanted to enter a number into a spreadsheet or correct a word in an e-mail message, you had to write it in a special pop-up box, which then transferred the information to Office. Annoying, clumsy and slow.
    non+autenticato
  • > purtroppo (per loro) hai ragione,
    > avevo letto etempo fa un articolo di
    > un ex dipendente MS, le risorse le hanno eccome,
    > hanno programmatori e ingegneri con le palle,
    > ma per via di lotte interne di potere
    > va sempre tutto a puttane..

    E la differenza con il resto del mondo dove starebbe?
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    >
    > E la differenza con il resto del mondo dove
    > starebbe?

    che a loro va tutto a puttane per davveroA bocca aperta
    non+autenticato
  • Office verrà rimpiazzato da OpenOffice, IE da Mozilla e Chrome, Windows da linux (Ubuntu sui pc, android su netbook e tablet)
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Office verrà rimpiazzato da OpenOffice, IE da
    > Mozilla e Chrome, Windows da linux (Ubuntu sui
    > pc, android su netbook e
    > tablet)

    Windows rimpiazzato da Linux? Se mai rimpiazzato da Mac, che continua a segnare +50% sulle vendite.
    Per non parlare poi del software, su Linux mancano quasi tutti i principali programmi.
    ruppolo
    33147
  • quando parti da meno del 5%, devi fare +50% per un sacco di anni consecutivi prima di sostituire microsoft
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > su Linux
    > mancano quasi tutti i principali
    > programmi.

    Aggiornati Ruppolo, e' in cantiere un porting di iFart anche per linux.
  • > Per non parlare poi del software, su Linux
    > mancano quasi tutti i principali
    > programmi.

    Mancano solo i malware, tutto il resto c'è.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: angros
    > > Office verrà rimpiazzato da OpenOffice, IE da
    > > Mozilla e Chrome, Windows da linux (Ubuntu sui
    > > pc, android su netbook e
    > > tablet)
    >
    > Windows rimpiazzato da Linux? Se mai rimpiazzato
    > da Mac, che continua a segnare +50% sulle
    > vendite.
    >
    > Per non parlare poi del software, su Linux
    > mancano quasi tutti i principali
    > programmi.

    tante grazie, linux non vende per natura, come fai a sapere che la crescita di mac è maggiore?
  • - Scritto da: angros
    > Office verrà rimpiazzato da OpenOffice, IE da
    > Mozilla e Chrome, Windows da linux (Ubuntu sui
    > pc, android su netbook e
    > tablet)

    beh questo è l'anno di linux...
  • Troll
    Devo smettere di leggere i commenti su PI. Mi fanno girare molto le p...
    non+autenticato
  • MA sei sicuro di volere abbandonare il fortum di PI?

    E' uno spasso, tante cassate in pochi colpi di mouse.

    bye
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Office verrà rimpiazzato da OpenOffice,

    che schifo!

    > IE da
    > Mozilla e Chrome,

    questo va bene

    > Windows da linux (Ubuntu sui
    > pc, android su netbook e
    > tablet)

    ho qualche dubbio