Mauro Vecchio

Google: quella licenza sarà nostra

Secondo dichiarazioni del CEO Eric Schmidt, la Grande G otterrà il rinnovo della licenza di Internet Content Provider (ICP). L'unico modo per permetterle di continuare ad operare in terra cinese

Roma - Un atteso segnale di via libera, che le autorità cinesi dovrebbero accendere a momenti. Google attende con fiducia il rinnovo della licenza Internet Content Provider(ICP), necessaria affinché l'azienda di Mountain View possa continuare ad operare in terra asiatica come sito di natura commerciale.

Almeno è stata questa la profetica visione del CEO di BigG Eric Schmidt, recentemente intervenuto nel corso di una riunione informale tenutasi negli Stati Uniti. Il governo di Pechino accetterà nuovamente la presenza di Google, rinnovando i termini di una licenza scaduta lo scorso 30 giugno.

BigG aveva ammorbidito le sue posizioni sui filtri governativi, fermando il reindirizzamento verso i server di Hong Kong di alcuni servizi di Google.cn. Una mossa che non sembrava aver suscitato particolari entusiasmi, tanto che un portavoce del governo cinese aveva tenuto a sottolineare come Pechino non avesse alcunché da dire sulla questione.
Un numero di licenza - B2-20070004 - era poi comparso in fondo alla homepage di Google.cn, ma BigG aveva smentito, sottolineando come quello fosse semplicemente il numero della vecchia concessione. Ora, pare che un altro portavoce dell'azienda di Mountain View abbia confermato il sì da parte delle autorità di Pechino. Per una licenza che assomiglia sempre più ad una soap opera.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle cinese è senza licenza?Un importante quotidiano locale ha scoperto che Google sta operando online senza l'apposita licenza. L'azienda statunitense si giustifica confermando di lavorare nella piena legalità
  • BusinessMusica, dollari di Google in CinaUn secondo round di investimenti nel servizio Top100.cn. Che si propone come alternativa legale al motore di ricerca Baidu. Ma BigG attende ancora il rinnovo della licenza necessaria ad operare in terra asiatica
  • AttualitàGoogle: i governi fermino la CinaAppello del legale di BigG David Drummond, affinché i governi di Europa e Stati Uniti intervengano per smantellare la grande muraglia digitale. A favore della circolazione di beni e informazioni