Mauro Vecchio

Google, c'è la licenza cinese

Ottenuto il rinnovo da parte delle autorità di Pechino. La Grande G potrà continuare per un altro anno ad operare come sito di natura commerciale in terra asiatica

Roma - "Siamo davvero lieti che il governo abbia deciso di rinnovare la nostra licenza Internet Content Provider (ICP) e non vediamo l'ora di continuare a fornire ai nostri utenti cinesi search e prodotti destinati al mercato locale".

Così un recente aggiornamento ad un post già pubblicato dal chief legal officer di Google David Drummond, che sul blog ufficiale di BigG ha commentato entusiasta una concessione attesa.

Ovvero quella relativa alla licenza ICP, necessaria affinché l'azienda di Mountain View possa continuare ad operare in terra asiatica. Proprio di recente, era stato lo stesso CEO di Google Eric Schmidt a parlare di un sì imminente.
E il sì pare arrivato da parte delle autorità di Pechino, che hanno così rinnovato per un altro anno la licenza di Google. Che era scaduta lo scorso 30 giugno, scatenando una situazione di fumosa incertezza.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle: i governi fermino la CinaAppello del legale di BigG David Drummond, affinché i governi di Europa e Stati Uniti intervengano per smantellare la grande muraglia digitale. A favore della circolazione di beni e informazioni
  • AttualitàCina, Google non suggerisce piùLe autorità di Pechino contro la funzione Suggest, già colpevole di diffondere chiavi di ricerca a sfondo pornografico. E sulla licenza per Google, ancora nulla da dichiarare. Se non che i vari provider debbano uniformarsi alla legge
  • AttualitàPechino e il nuovo regime di GoogleBigG ha predisposto una pagina speciale in Google.cn. Permette la ricerca non filtrata, ma rimanda comunque ad Hong Kong per news ed immagini. Una mossa per ammorbidire la propria posizione, in vista di una pericolosa scadenza
2 Commenti alla Notizia Google, c'è la licenza cinese
Ordina