Claudio Tamburrino

Blizzard restituisce i nickname

Marcia indietro sull'anonimato nei forum. I troll sono il prezzo da pagare per la libertà di espressione

Roma - Una tempesta di proteste ha colpito Blizzard dopo l'annuncio della prossima eliminazione dell'anonimato dai suoi forum ufficiali, tanto da spingerla a far marcia indietro.

Lo sviluppatore di videogiochi tra cui Diablo, StarCraft e World of Warcraft, aveva dichiarato di voler proibire i commenti anonimi a partire dal lancio del forum per il nuovo StarCarft II atteso per fine luglio, rendendo obbligatorio il sistema di autenticazione Real ID.

Ma la mozione anti-troll ha subito sollevato non poche critiche: innanzitutto per gli effetti sulla vita reale a cui rischiava di esporre gli utenti, che soprattutto in un mondo violento come quello di WoW, rischiano di subire rappresaglie vere. Ma anche perché rischiava di mettere in pericolo la libertà di espressione e di allontare gli utenti spopolando i forum.
Sono bastati i commenti (mille solo nelle prime 24 ore, arrivati a numeri da record con 2500 pagine di discussione) per far cambiare idea a Blizzard, che prima ha precisato che l'abolizione dell'anonimato si sarebbe configurato come indipendente dal servizio Real ID (che serve a connettere l'account utilizzato nel gioco con altri possibili giochi e/o social network) e poi ha ritirato il progetto incassando l'approvazione e i ringraziamenti di molti di quegli stessi utenti che l'avevano bombardata di proteste.

Per combattere i flame e i troll, obiettivi dichiarati del cambiamento, Blizzard dovrà cercare ora un'altra strada.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàBlizzard: tacciano gli anonimiIl celebre publisher videoludico annuncia l'avvio di un'autentica rivoluzione nella gestione dei forum ufficiali. Che entro breve ospiteranno solo i commenti di persone con nome e cognome reali, invece di nickname
  • Digital LifeDiablo III: il Signore del Terrore risorgeSono passati otto anni dal secondo episodio di un videogame che ha ridefinito l'intera storia dei GDR d'azione. E ora Blizzard ha confermato: presto la terza incarnazione di uno dei suoi più corposi blockbuster
  • TecnologiaDARPA finanzia l'anonimatoLa celebre agenzia del Pentagono vuole mettere le mani su nuove tecnologie in grado di oltrepassare le censure del Web. Per sconfiggere la deep packet inspection un click alla volta
39 Commenti alla Notizia Blizzard restituisce i nickname
Ordina
  • "voler proibire i commenti anonimi"... Ma chi è lo
    stolto che pensa di proibire una cosa su Internet?

    Internet è L I B E R A e tale rimarrà
  • Ecco il solito commento spazzatura.
    Come fai a dire che non si può ("è da stolti"?) bloccare i commenti perchè Internet è libera?
    Internet deve essere sviluppata e programmata da qualcuno....se si programma che è NECESSARIA la registrazione ti sfido a commentare da anonimo visto che la TUA Internet è liberaOcchiolino
    non+autenticato
  • il bello di internet è che è stata concepita proprio come progetto militare ai suoi inizi, ed è quindi progettata per essere resistente ad eventuali attacchi, spionaggi, danni o altri disservizi che un qualunque eventuale "nemico" volesse fare alla rete (internet). per esempio: Anche se butti giù un nodo importante, la rete nel suo complesso si riassesta, ecc.
    Questo per dirti, che anche se viene imposta la registrazione obbligatoria (cosa non per altro facile nelle "democrazie europee") ci sono sempre mille e mila modi per aggirarla.
    Come si dice, fatta la legge trovato l'inganno.. no? Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo86
    [CUT]
    > Questo per dirti, che anche se viene imposta la
    > registrazione obbligatoria (cosa non per altro
    > facile nelle "democrazie europee") ci sono sempre
    > mille e mila modi per
    > aggirarla.
    > Come si dice, fatta la legge trovato l'inganno..
    > no?

    Infatti, spiegalo al tizio "Antony" che mi sa che
    non ha ancora capito una emerita bega di Internet...
  • "che soprattutto in un mondo violento come quello di WoW"
    ma è ironico?
    non+autenticato
  • Purtroppo no. Due anni fa il mio vicino di casa ha ricevuto la visita di un tale che nemmeno conosceva. Dopo averlo riempito di calci, se n'è andato dicendo "Ci vediamo in arena, stronzo !".

    Ovviamente il tipo è stato identificato, denunciato, eccetera. Ma questo non cambia che naso fratturato, trauma cranico e un braccio rotto, per aver battuto un cretino in una battaglia FINTA in un gioco di m€rd@ (pardon) sono davvero troppo.

    C'è gente malata. Il commento era, purtroppo, più che realistico, altro che ironico. Un tempo non ci credevo nemmeno io.
    non+autenticato
  • screenshot or never happen
    non+autenticato
  • - Scritto da: J.M.
    > Purtroppo no. Due anni fa il mio vicino di casa
    > ha ricevuto la visita di un tale che nemmeno
    > conosceva. Dopo averlo riempito di calci, se n'è
    > andato dicendo "Ci vediamo in arena, stronzo
    > !".
    >
    > Ovviamente il tipo è stato identificato,
    > denunciato, eccetera. Ma questo non cambia che
    > naso fratturato, trauma cranico e un braccio
    > rotto, per aver battuto un cretino in una
    > battaglia FINTA in un gioco di m€rd@ (pardon)
    > sono davvero
    > troppo.

    Ci vorrai anche raccontare come ha fatto quell'imbecille a conoscere l'indirizzo del tuo vicino di casa.

    Perche' pure io gioco online ma ben mi guardo dal comunicare nome, eta', sesso, citta', telefono, etc...

    Non giustifico l'imbecille, ma il tuo vicino non ha certo avuto un comportamento prudente.

    > C'è gente malata.
    Non e' una novita'.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: J.M.
    > > Purtroppo no. Due anni fa il mio vicino di casa
    > > ha ricevuto la visita di un tale che nemmeno
    > > conosceva. Dopo averlo riempito di calci, se n'è
    > > andato dicendo "Ci vediamo in arena, stronzo
    > > !".
    > >
    > > Ovviamente il tipo è stato identificato,
    > > denunciato, eccetera. Ma questo non cambia che
    > > naso fratturato, trauma cranico e un braccio
    > > rotto, per aver battuto un cretino in una
    > > battaglia FINTA in un gioco di m€rd@ (pardon)
    > > sono davvero
    > > troppo.

    > Ci vorrai anche raccontare come ha fatto
    > quell'imbecille a conoscere l'indirizzo del tuo
    > vicino di
    > casa.

    Il tipo era in gilda con lui, prima che passasse in orda. Già da gildano aveva perso alcune arene (avevano ovviamente due teams diversi) e la cosa non gli era andata giù. Poi si è fatto trasferire il pg in horde per "potergli rompere le ossa" e non c'è riuscito, continuando a perdere e straperdere. E' cosa comune che i gildani spesso si conoscano anche nella vita real, e i due ovviamente frequentavano lo stesso forum dove, nel profilo, c'era precisata il paese di residenza (e già, c'è ancora gente così ingenua). Essendo un paese molto piccolo, è stato facile trovare il "Pippo" - "di 25 anni" ed è finita come ho poc'anzi sopraesposto.

    I giornali non ne hanno parlato poiché la vittima non ha voluto attirare su di sé pubblicità e ha rifiutato di concedere qualunque dichiarazione (non sto facendo nomi, infatti). Ma io che abito a 30 metri da lui, so bene cos'è successo davvero. Appena tre mesi fa.

    > Non giustifico l'imbecille, ma il tuo vicino non
    > ha certo avuto un comportamento
    > prudente.

    Verissimo. E' la stessa cosa che gli rimproverai io. Che ci stanno a fare i Nicknames altrimenti ?Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: J.M.

    > Il tipo era in gilda con lui, prima che passasse
    > in orda.

    Ah, ecco.

    Boh... io con questi giochi ho un approccio diverso.
    Dialogo spesso coi miei avversari per due motivi: il primo per capire con chi ho a che fare, se e' uno che distingue chiaramente il gioco dalla vita reale e col quale quindi si puo' giocare, e l'altro per studiarne gli orari di connessione.

    Ogni tanto mi capita quello che non distingue il gioco dalla vita, e io semplicemente interrompo i rapporti di gioco.
    > ... e i due
    > ovviamente frequentavano lo stesso forum dove,
    > nel profilo, c'era precisata il paese di
    > residenza (e già, c'è ancora gente così ingenua).

    E che cavolo!
    Mettiamo pure le coordinate geografiche di casa nostra e magari la foto satellitare!

    > Essendo un paese molto piccolo, è stato facile
    > trovare il "Pippo" - "di 25 anni" ed è finita
    > come ho poc'anzi sopraesposto.

    Ecco.
    Ci vorrebbe un daspo per quella gente li': gli devono staccare internet per almeno 6 mesi.
  • > Boh... io con questi giochi ho un approccio
    > diverso.
    > Dialogo spesso coi miei avversari per due motivi:
    > il primo per capire con chi ho a che fare, se e'
    > uno che distingue chiaramente il gioco dalla vita
    > reale e col quale quindi si puo' giocare, e
    > l'altro per studiarne gli orari di
    > connessione.

    Esattamente. Più che giusto/logico !

    > Ogni tanto mi capita quello che non distingue il
    > gioco dalla vita, e io semplicemente interrompo i
    > rapporti di
    > gioco.

    E così dovrebbero far tutti. Tant'è che /ignore funziona benissimo.

    > E che cavolo!
    > Mettiamo pure le coordinate geografiche di casa
    > nostra e magari la foto
    > satellitare!

    Tu ci scherzi...ma c'è gente che nella firma mette addirittura il numero di telefono fisso. Inutile dire quanto poco basti per rintracciare l'abitazione con precisione millimetrica. Fu la cosa infatti che rimproverai al malcapitato. MAI usare dati veri su Internet. Io neanche uso Facebook. Figuriamoci se vado a elencare i fatti miei su un qualunque forum frequentato da malatiSorride

    > Ecco.
    > Ci vorrebbe un daspo per quella gente li': gli
    > devono staccare internet per almeno 6
    > mesi.

    Decisamente, la miglior soluzione. Unita magari a qualche settimana di galera forse farebbe riflettere meglio chi di dovere. I provvedimenti ci furono, ma molto "limitati" rispetto alla gravità della cosa. Non tanto il danno fisico in sé, che è stato completamente curato, ma il GESTO. Gravissimo, in un paese "civile".
    non+autenticato
  • - Scritto da: J.M.

    > Tu ci scherzi...ma c'è gente che nella firma
    > mette addirittura il numero di telefono fisso.

    Questi dovrebbero essere bannati all'istante, mica quelli che scrivono insulti!

    > > Ecco.
    > > Ci vorrebbe un daspo per quella gente li': gli
    > > devono staccare internet per almeno 6
    > > mesi.
    >
    > Decisamente, la miglior soluzione. Unita magari a
    > qualche settimana di galera forse farebbe
    > riflettere meglio chi di dovere. I provvedimenti
    > ci furono, ma molto "limitati" rispetto alla
    > gravità della cosa. Non tanto il danno fisico in
    > sé, che è stato completamente curato, ma il
    > GESTO. Gravissimo, in un paese
    > "civile".

    Si, ma e' molto meglio gridare all'hacker o al pedofilo o al pirata.
    I veri pericoli della rete e' bene che stiano sotto al tappeto.
  • - Scritto da: ciccio
    > "che soprattutto in un mondo violento come quello
    > di
    > WoW"
    > ma è ironico?

    no manco un po.. ho una taglia da parte di una gilda ally.. quando vedono il mio pg prete mi camperano.. uno che ho umiliato in 10 arene è venuto a cercarmi a casa a perugia da bolzano.. se fai pvp è facile attirarsi inimicizie.. sopratutto se sei orda
  • - Scritto da: lordream
    > - Scritto da: ciccio
    > > "che soprattutto in un mondo violento come
    > quello
    > > di
    > > WoW"
    > > ma è ironico?
    >
    > no manco un po.. ho una taglia da parte di una
    > gilda ally.. quando vedono il mio pg prete mi
    > camperano.. uno che ho umiliato in 10 arene è
    > venuto a cercarmi a casa a perugia da bolzano..
    > se fai pvp è facile attirarsi inimicizie..
    > sopratutto se sei
    > orda

    E quello come faceva a sapere dove e come trovarti?
  • se la storia che racconti fosse vera l'avremmo letta su qualche giornale...... ma forse sbaglio
    non+autenticato
  • PI ha capito questa cosa 100 anni fa!
    se io passso e devo dire la mia ca***ina , la dico.
    se mi devo autenticare eccetera...

    ... nei newsgroup questo è sempre stata LA PRASSI: c'è la regola del bar, che è anche in netiquette.

    i luoghi virtuali pubblici vanno considerati come bar.

    non si rutta e scureggia troppo... ma mica si tira fuori la carta di identità per dire qualcosa del governo e bersi una birra.

    ci mancherebbe altro.

    e tra un po' ci arriveremo, se continuiamo così Sorride

    cito un tipo di un newsgroup (che forse citava qualcuno):

    "Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo,
    il nostro compito è di fare il possibile per la
    salvezza degli anni nei quali viviamo,
    sradicando il male dai campi che conosciamo."

    può anche averlo detto Paperone, ma io lo condivido.
    non+autenticato
  • tolkien
  • Giusto per la cronaca, qualche anno fa anche PI aveva fatto lo stesso errore. I commenti erano possibili solo agli utenti registrati.
    Dopo una marea di proteste e il calo vertiginoso di messaggi a corredo degli articoli, PI fortunatamente ha fatto marcia indietro...


    - Scritto da: MALFIDENTE
    > PI ha capito questa cosa 100 anni fa!
    > se io passso e devo dire la mia ca***ina , la
    > dico.
    > se mi devo autenticare eccetera...
    >
    > ... nei newsgroup questo è sempre stata LA
    > PRASSI: c'è la regola del bar, che è anche in
    > netiquette.
    >
    > i luoghi virtuali pubblici vanno considerati come
    > bar.
    >
    > non si rutta e scureggia troppo... ma mica si
    > tira fuori la carta di identità per dire qualcosa
    > del governo e bersi una
    > birra.
    >
    > ci mancherebbe altro.
    >
    > e tra un po' ci arriveremo, se continuiamo così
    > Sorride
    >
    > cito un tipo di un newsgroup (che forse citava
    > qualcuno):
    >
    >
    > "Non tocca a noi dominare tutte le maree del
    > mondo,
    > il nostro compito è di fare il possibile per la
    > salvezza degli anni nei quali viviamo,
    > sradicando il male dai campi che conosciamo."
    >
    > può anche averlo detto Paperone, ma io lo
    > condivido.
    non+autenticato
  • La registrazione al forum obbligatoria per poter effettuare commenti mi sembra giusta, specialmente in un forum come quello di Punto Informatico, dove il livello dei commenti purtroppo è estremamente basso. Non sarebbe la soluzione definitiva, ma almeno agirebbe da filtro.
  • - Scritto da: Kralizec
    > La registrazione al forum obbligatoria per poter
    > effettuare commenti mi sembra giusta,
    > specialmente in un forum come quello di Punto
    > Informatico, dove il livello dei commenti
    > purtroppo è estremamente basso. Non sarebbe la
    > soluzione definitiva, ma almeno agirebbe da
    > filtro.
    ma no... le 2 cose non sono affatto collegate. Basti pensare al fatto che "ruppolo" e' un utente registrato, e questa teoria si schianta miseramente.
    non+autenticato
  • Anche se non lo risolverebbe, almeno ridimensionerebbe il problema, in aggiunta ad una maggiore moderazione naturalmente.
  • Anche se non lo risolvereSSe....semmai

    - Scritto da: Kralizec
    > Anche se non lo risolverebbe, almeno
    > ridimensionerebbe il problema, in aggiunta ad una
    > maggiore moderazione
    > naturalmente.
    non+autenticato
  • ehm....Anche se non lo risolveSSe....semmai


    - Scritto da: Axel
    > Anche se non lo risolvereSSe....semmai
    >
    > - Scritto da: Kralizec
    > > Anche se non lo risolverebbe, almeno
    > > ridimensionerebbe il problema, in aggiunta ad
    > una
    > > maggiore moderazione
    > > naturalmente.
    non+autenticato
  • Chiedo scusa, se c'è una cosa che odio è fare di questi errori di grammatica!!
  • - Scritto da: Matt Young
    > Come da titolo

    Ma anche se il forum non fosse moderato, chissenefrega degli anonimi.

    Cioe', metti caso che pandarossa insultasse pesantemente matt young: a me e a te che ce ne frega? Io non sono pandarossa e tu non sei matt young.

    Stiamo giocando a wow, gia' ci ammazziamo di botte virtuali nel game, che cosa cambia se proseguissimo la battaglia a parole nel forum?
  • Beh si presume (ma questo è un concetto generale)che i forum dovrebbero avere una certa utilità...

    Se in un forum devo perdere la maggior parte del tempo a scartare messaggi più che a leggerli,non so te,ma non è che lo trovi divertente,ora te dirai "beh chi ti obbliga ad andare li,puoi sempre andare su un altro" giustissimo,ma credo che non farebbe male avere un pò di e-monnezza in meno no?Ma poi a sto punto allora la Netiquette che l'hanno inventata a fare se poi vige (almeno da quanto deduco dal tuo intervento) la legge del chissene?

    Ps:
    Con questo non voglio dire che l'idea blizzard di far postare solo con la RealID fosse buona,tutt'altro,quella vuole essere una "toppa" al problema,perchè il problema è di (non)educazione.

    - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Matt Young
    > > Come da titolo
    >
    > Ma anche se il forum non fosse moderato,
    > chissenefrega degli
    > anonimi.
    >
    > Cioe', metti caso che pandarossa insultasse
    > pesantemente matt young: a me e a te che ce ne
    > frega? Io non sono pandarossa e tu non sei matt
    > young.
    >
    > Stiamo giocando a wow, gia' ci ammazziamo di
    > botte virtuali nel game, che cosa cambia se
    > proseguissimo la battaglia a parole nel
    > forum?
    non+autenticato
  • - Scritto da: dimmi prima tu chi sei
    > Beh si presume (ma questo è un concetto
    > generale)che i forum dovrebbero avere una certa
    > utilità...
    >
    > Se in un forum devo perdere la maggior parte del
    > tempo a scartare messaggi più che a leggerli,non
    > so te,ma non è che lo trovi divertente,ora te
    > dirai "beh chi ti obbliga ad andare li,puoi
    > sempre andare su un altro" giustissimo,ma credo
    > che non farebbe male avere un pò di e-monnezza in
    > meno no?Ma poi a sto punto allora la Netiquette
    > che l'hanno inventata a fare se poi vige (almeno
    > da quanto deduco dal tuo intervento) la legge del
    > chissene?

    La netiquette l'hanno inventata quando i client erano dumb e l'utenza dotata di cervello.
    Naturalmente la netiquette vale sempre, ma oggi che i client sono intelligenti e programmabili, si fa in fretta a scartare i messaggi monnezza: un bel filtro sull'autore e neppure li vedi in elenco!

    > Ps:
    > Con questo non voglio dire che l'idea blizzard di
    > far postare solo con la RealID fosse
    > buona,tutt'altro,quella vuole essere una "toppa"
    > al problema,perchè il problema è di
    > (non)educazione.

    Quindi tu sei ancora convinto che tutto nasca dal bisogno di avere maggiore educazione nei forum?
  • - Scritto da: panda rossa
    > Quindi tu sei ancora convinto che tutto nasca dal
    > bisogno di avere maggiore educazione nei
    > forum?

    Probabilmente mi darai dell'ingenuo,ma penso che fondamentalmente sia quello il problema,alla fine se ci pensi è proprio l'educazione che ci permette di conversare senza mandarci a quel paese l'un l'altro anche se le nostre opinioni divergono leggermente.

    Comprendo (in parte) il tuo punto di vista,ma utilizzare software "evoluti" che mettono una "pezza" sul problema,anzichè provare a risolverlo,mi sembra un pò come chiudersi nel proprio bunker full-optional,mentre tutto intorno va in malora.

    Non so te,ma anche su PI (spesso e volentieri capita quando c'è un articolo sui prodotti apple) mi passa la voglia di leggere i commenti,anche se molto probabilmente in mezzo a tutto quel marasma qualcosa d'interessante c'è,ma che ce voi fa,per molti la libertà di espressione (che è così tanto di moda invocare),significa dire sempre e comunque la propria,anche quando non si ha realmente una mazza da dire su di un determinato argomento.
    non+autenticato
  • - Scritto da: dimmi prima tu chi sei
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Quindi tu sei ancora convinto che tutto nasca
    > dal
    > > bisogno di avere maggiore educazione nei
    > > forum?
    >
    > Probabilmente mi darai dell'ingenuo,ma penso che
    > fondamentalmente sia quello il problema,alla fine
    > se ci pensi è proprio l'educazione che ci
    > permette di conversare senza mandarci a quel
    > paese l'un l'altro anche se le nostre opinioni
    > divergono leggermente.

    Indubbiamente, ma converrai anche tu che la medesima educazione e' anche quella che ci permette di dare credibilita' a quello che scriviamo.

    Se io utilizzassi un tono aspro e ricco di insulti, potrei scrivere la piu' assoluta delle verita' ma non mi si filerebbe nessuno.

    La prova e' questo forum dove, quando le conversazioni si mantengono nei binari della decenza, escono dibattiti interessanti e vengono messe a confronto opinioni molto diverse.

    Non appena i toni si involgariscono, o si scatena il flame, o il thread muore, ma questo non ha mai impedito di discutere.

    > Comprendo (in parte) il tuo punto di vista,ma
    > utilizzare software "evoluti" che mettono una
    > "pezza" sul problema,anzichè provare a
    > risolverlo,mi sembra un pò come chiudersi nel
    > proprio bunker full-optional,mentre tutto intorno
    > va in malora.

    Perche' invece l'idea della Blizzard di imporre nome e cognome in chiaro non e' forse una pezza?
    Io resto dell'idea che il problema si risolve da se' con una semplice autoregolamentazione.
    Un filtro nel client serve solo a facilitare tale autoregolamentazione.
    Se il provocatore viene filtrato e quindi ignorato, abbandona il campo.

    > Non so te,ma anche su PI (spesso e volentieri
    > capita quando c'è un articolo sui prodotti apple)
    > mi passa la voglia di leggere i commenti,anche se
    > molto probabilmente in mezzo a tutto quel marasma
    > qualcosa d'interessante c'è,ma che ce voi fa,per
    > molti la libertà di espressione (che è così tanto
    > di moda invocare),significa dire sempre e
    > comunque la propria,anche quando non si ha
    > realmente una mazza da dire su di un determinato
    > argomento.

    Be' dai, con un po' di astuzia si riesce a capire se c'e' un messaggio interessante e dove si trova, soprattutto nei thread dove si parla di apple.
  • non tenete comunque conto che molti utenti vivono di flame, e anche per esempio su PI molti utenti si divertono a leggere i commenti con gente che si insulta.

    vivamo nell'era di Sgarbi, Luttazzi, Santoro, Beppe Grillo, Di Pietro, Bruno Vesta, Pino scotto

    Chi piu' urla viene ascoltato indipendentemente da cosa urla o anche semplice per il fatto che urli.
    La gente ha bisogno di sentirsi urlare qualcosa
    non+autenticato
  • - Scritto da: gofy
    > non tenete comunque conto che molti utenti vivono
    > di flame, e anche per esempio su PI molti utenti
    > si divertono a leggere i commenti con gente che
    > si insulta.

    Certa gente si diverte con poco.
    Comunque meglio divertirsi a leggere dei flame su P.I. che andare a sballarsi in disco il sabato notte e poi schiantarsi ubriachi la domenica mattina.

    > vivamo nell'era di Sgarbi, Luttazzi, Santoro,
    > Beppe Grillo, Di Pietro, Bruno Vesta, Pino
    > scotto

    Pino scotto chi e?

    > Chi piu' urla viene ascoltato indipendentemente
    > da cosa urla o anche semplice per il fatto che
    > urli.

    Ma anche no.
    E comunque i forum hanno il vantaggio che non si urla, e se qualcuno urla, non si sente.

    > La gente ha bisogno di sentirsi urlare qualcosa
    Un bel film di Tarzan?
  • > Certa gente si diverte con poco.
    > Comunque meglio divertirsi a leggere dei flame su
    > P.I. che andare a sballarsi in disco il sabato
    > notte e poi schiantarsi ubriachi la domenica
    > mattina.

    sono scelte, purche' non ledono la liberta' degli altri ognuno a parer mio e' libero di divertirsi a modo proprio, anche tentando il suicidio.

    > Pino scotto chi e?
    vai su youtube, e' pieno delle sue perle di saggezza
    non+autenticato
  • - Scritto da: dimmi prima tu chi sei
    > Beh si presume (ma questo è un concetto
    > generale)che i forum dovrebbero avere una certa
    > utilità...
    >
    > Se in un forum devo perdere la maggior parte del
    > tempo a scartare messaggi più che a leggerli,non
    > so te,ma non è che lo trovi divertente,ora te
    > dirai "beh chi ti obbliga ad andare li,puoi
    > sempre andare su un altro" giustissimo,ma credo
    > che non farebbe male avere un pò di e-monnezza in
    > meno no?Ma poi a sto punto allora la Netiquette
    > che l'hanno inventata a fare se poi vige (almeno
    > da quanto deduco dal tuo intervento) la legge del
    > chissene?
    >
    > Ps:
    > Con questo non voglio dire che l'idea blizzard di
    > far postare solo con la RealID fosse
    > buona,tutt'altro,quella vuole essere una "toppa"
    > al problema,perchè il problema è di
    > (non)educazione.
    >
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Matt Young
    > > > Come da titolo
    > >
    > > Ma anche se il forum non fosse moderato,
    > > chissenefrega degli
    > > anonimi.
    > >
    > > Cioe', metti caso che pandarossa insultasse
    > > pesantemente matt young: a me e a te che ce ne
    > > frega? Io non sono pandarossa e tu non sei matt
    > > young.
    > >
    > > Stiamo giocando a wow, gia' ci ammazziamo di
    > > botte virtuali nel game, che cosa cambia se
    > > proseguissimo la battaglia a parole nel
    > > forum?

    infatti qui il 99% dei post non e' di troll
    non+autenticato
  • Se vogliono risolvere il problema dei troll o aumentano i mods oppure linkano l'account in game con l'account sul forum cosicchè solo chi ha un account attivo può postare, gli utenti anonimi o i lurkers di turno possono solo leggere ma non postare. Problema risolto, almeno in buona parte.Sorride

    - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Matt Young
    > > Come da titolo
    >
    > Ma anche se il forum non fosse moderato,
    > chissenefrega degli
    > anonimi.
    >
    > Cioe', metti caso che pandarossa insultasse
    > pesantemente matt young: a me e a te che ce ne
    > frega? Io non sono pandarossa e tu non sei matt
    > young.
    >
    > Stiamo giocando a wow, gia' ci ammazziamo di
    > botte virtuali nel game, che cosa cambia se
    > proseguissimo la battaglia a parole nel
    > forum?
    non+autenticato