Alfonso Maruccia

Google, la fibra la promuovono i cittadini

Mountain View attiva risorse telematiche per invogliare cittadini e istituzioni al miglioramento della banda stretta statunitense. Perché non tutti avranno accesso al supernetwork in fibra annunciato dal Googleplex a inizio anno

Roma - Probabilmente Google non diventerà un provider a tutto tondo, ma di certo il colosso telematico non perde occasione per sottolineare la notevole inadeguatezza del network statunitense rispetto alle aspettative e alle esigenze dei netizen moderni sempre connessi. Ultima iniziativa di questa continua pressione nei confronti dei padroni delle infrastrutture è Google Fiber for Communities, un sito web a metà strada fra un teaser della rete in fibra a 1 Gigabit di Google e un centro di informazione per quanti vogliano partecipare attivamente al miglioramento della banda larga nazionale.

Fiber for Communities nasce dal notevole successo di pubblico ottenuto dall'annuncio della costruzione della suddetta rete in fibra ottica, con centinaia di migliaia di utenti e oltre 600 comunità (Topeka ex-Google inclusa) che si sono precedentemente candidate come potenziali bersagli della sperimentazione infrastrutturale di Mountain View.

Lo scopo di Fiber for Communities è dunque quello di fornire agli scontenti della banda stretta statunitense gli strumenti informativi con cui poter fare pressione sulle istituzioni, sugli ISP e sugli altri soggetti da cui dipende il miglioramento della rete esistente e l'installazione di network di nuova generazione in fibra.
Il guadagno tratto da una connessione superiore è reciproco: gli utenti hanno la possibilità di accedere alle infinite risorse disponibili online (intrattenimento, informazione, educazione, rapporti con le istituzioni, cura personale etc.) con maggior rapidità e frequenza, mentre Google incassa denari dall'advertising veicolato attraverso le pagine web su cui i netizen tendono a spendere una maggiore quantità di tempo.

Oltre a fornire informazioni utili, Fiber for Communities è anche un luogo in cui poter esporre le proprie proposte per il miglioramento della banda larga statunitense. Google ha intenzione di sfruttare quanto apprenderà da tali proposte per il suo network, e di condividerlo con gli Internet Provider.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaLa fibra ride con GoogleBigG annuncia che nel corso del 2010 partiranno i lavori per la costruzione di una super-fibra da 1 gigabit al secondo. Lo chiamano un esperimento. ISP e utenti si interrogano sugli obiettivi: costerà oltre 1 miliardo di euro
  • AttualitàGoogle spera in GoogleUn cittadina statunitense cambia nome in onore del colosso di Mountain View. Per attirare l'attenzione di BigG affinché sperimenti la sua banda larga in Kansas
  • AttualitàGli USA hanno il loro National Broadband PlanLa Commissione Federale per le Comunicazioni ha finalmente presentato al Congresso il suo ambizioso piano per riportare gli States alla testa dei paesi più avanzati nelle tecnologie di rete
  • TecnologiaGoogle, ovvero il futuro dell'Internet providerIl traffico veicolato da Google e dagli altri giganti è enorme, ed è in crescita. A Mountain View magari non pensano a trasformarsi in ISP, ma è indubbio che lo scenario stia cambiando: anche grazie agli investimenti