Mauro Vecchio

Cina, sempre più netizen

Sarebbero ora 420 milioni, dopo i 36 milioni dei soli primi sei mesi del 2010. Il 66 per cento di questi si connetterebbe in mobilità. Non una parola spesa per i blog costretti alla chiusura

Roma - Una crescita vertiginosa, per quella che già rappresenta la più vasta popolazione di netizen del mondo. Sarebbero ora 420 i milioni di utenti presenti in terra cinese, dopo un ulteriore aumento di 36 milioni nella sola prima metà del 2010.

Si tratta di dati ufficiali, diramati di recente dalle autorità competenti di Pechino. Il 98,1 per cento dell'intera popolazione connessa cinese avrebbe accesso al broadband, il 66 per cento usufruisce di connessioni in mobilità.

Non è risultata tuttavia così mastodontica la velocità media di connessione, che con 857kbps è ancora indietro rispetto a paesi come la Corea del Sud e gli Stati Uniti. Mentre la media di ore passate in Rete è aumentata, fino ad arrivare a circa 20 ore trascorse a settimana.
Dunque, sempre più utenti cinesi abbracciano il web, interessati anche a servizi come l'online banking. Che è un fenomeno cresciuto in Cina del 30 per cento circa, sempre dati ufficiali alla mano.

Quello che tuttavia i dati hanno ignorato è la quantità di netizen a cui le stesse autorità di Pechino hanno deciso di chiudere la bocca. Sarebbero infatti 61 i blog chiusi solo sulla piattaforma Sohu.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCina, addio all'anonimato in Rete?Secondo nuove disposizioni delle autorità di Pechino per usufruire di certi servizi web bisognerà sottostare ad un sistema di identificazione. Mentre il software Green Dam langue dopo il taglio dei fondi
  • AttualitàCina: censurare Internet è cosa giustaIn un documento ufficiale le autorità di Pechino esaltano i benefici offerti da Internet. Ma precisano: c'è bisogno di controllare un'informazione incontrollabile. Per la sicurezza nazionale e la stabilità del governo
  • AttualitàCina, quota 400 milioniLa già più vasta popolazione online del mondo aumenta senza posa. E la penetrazione della banda larga è pari al 95 per cento. Ma le autorità di Pechino annunciano nuove censure, questa volta contro i siti d'informazione ostili
4 Commenti alla Notizia Cina, sempre più netizen
Ordina
  • Solito articoletto di propaganda anti-cinese, culminato dalla patacca finale che scambia SOHU.com (uno dei piu' grossi portali cinesi) con "la regione di Sohu"...

    Ecco cosa succede a scopiazzare articoli dalle agenzie (AP, in questo caso) e a non sapere neppure di cosa o di chi si sta parlando.
    non+autenticato
  • AnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiato
    La cina non uccide la libertà d'espressione per tornacono, noooooooooo è solo propaganda anti cina!

    AnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiato
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > Solito articoletto di propaganda anti-cinese,
    > culminato dalla patacca finale che scambia
    > SOHU.com (uno dei piu' grossi portali cinesi) con
    > "la regione di Sohu"...
    >
    >
    > Ecco cosa succede a scopiazzare articoli dalle
    > agenzie (AP, in questo caso) e a non sapere
    > neppure di cosa o di chi si sta
    > parlando.

    Ma sei ancora vivo! Ormai disperavo di ribeccarti, calo detlattole, sei riuscito ad evadere dal laogai ma se continui a prendere le pastiglie che ti danno i cin ciao lin, non ritroverai il senno perduto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > Solito articoletto di propaganda anti-cinese,
    > culminato dalla patacca finale che scambia
    > SOHU.com (uno dei piu' grossi portali cinesi) con
    > "la regione di Sohu"...

    Scusa, ma vedo ovunque che si tratta del portale (anche la fonte della fonte dell'articolo), come riportato da PI.
    Non capisco quindi da dove salta fuori il collegamento con la regione di Sohu. Il redattore ha per caso corretto l'articolo?