MMS e sfera privata

di Valentina Frediani (consulentelegaleinformatico.it) - Come usare le cam dei nuovi cellulari senza sbagliare? Dalle pronunce del Garante alla normativa sul trattamento delle immagini. Un occhio giuridico sulla questione

Roma - Il mercato della telefonia mobile ha assistito ad una sempre maggiore diffusione dei cosiddetti Mms (messaggi multimediali) che consentono di effettuare fotografie e riprese di immagini da registrare e comunicare a terzi. Tale fenomeno ha ovviamente sollevato questioni di tipo giuridico in materia di riservatezza, determinando un intervento piuttosto rapido da parte dell'Autorità Garante della Privacy, la quale ha emanato una serie di regole per gli usi personali degli Mms.

Il pericolo prospettato dall'utilizzo di questo nuovo tipo di tecnologia è ovviamente rappresentato da una raccolta di immagini e suoni che può avvenire incondizionatamente anche senza il consenso del soggetto ripreso, in particolare qualora l'utilizzo avvenga in luoghi pubblici, rischiando di ledere la sfera privata altrui.

Pertanto il Garante, con un Comunicato stampa datato 14 marzo 2003, ha precisato le modalità per un uso corretto degli Mms.
Presupponendo la liceità di tali forme di ripresa e di scatto di fotografie con l'unico scopo di farne un uso personale, il Garante ha ammesso la libertà della circolazione di tali immagini qualora permangano in un ambiente di ristretta conoscibilità: si pensi, ad esempio, riprese di tipo culturale inviate ad un familiare o ad amici durante una vacanza.

Tale regola segue lo spirito della normativa di cui alla legge 675/96, secondo cui alla raccolta e alla comunicazione di dati personali in via occasionale e per scopi esclusivamente personali non si applica la legge sulla privacy, pur permanendo in caso di eventuali danni cagionati nei confronti delle persone ritratte, un obbligo al risarcimento del danno.
Al contrario, nell'ipotesi di fotografie o filmati comunicati sistematicamente ad una pluralità di destinatari o diffusi tramite la pubblicazione in Internet, o anche di invii tali da dar vita ad una comunicazione a catena, è obbligatorio informare gli interessati e chiedere il loro consenso.
Deroga a quanto sopra disposto, vige per la categoria dei giornalisti, i quali in considerazione dell'attività svolta devono esclusivamente attenersi alla legge sulla privacy ed al codice deontologico, rimanendo dispensati dalle regole disposte per i messaggi multimediali.
5 Commenti alla Notizia MMS e sfera privata
Ordina
  • Le macchine fotografiche esistono da tempo, perchè tanta attenzione verso gli MMS?
    non+autenticato
  • Perche' specialmente in Italia si concepisce il telefonino non come un'oggetto utile ma come un qualcosa di cui fare sfoggio
    non+autenticato
  • Mi permetto di dissentire: se un soggetto "vede" una macchina fotografica in mano a qualcuno, puntata verso di sè, può ragionevolmente supporre che sta per essere (o è stato) fotografato. Ma se lo stesso soggetto NON vede una macchina fotografica, può ragionevolmente supporre che chiunque abbia in mano un telefono cellulare può "potenzialmente" fotografarlo. E' fin troppo chiaro ed evidente che, cosi' come per le armi da fuoco è difficile capire se sono vere o se sono un giocattolo, a meno di essere buoni esperti, è difficile capire (magari a distanza) se un telefono cellulare è in grado di produrre MMS oppure se è un residuato.... di qualche mese prima.
    In ogni caso, ritengo che corra obbligo a chi di competenza tutelare il diritto alla protezione della propria immagine, non solo in quanto così previsto dal Codice Penale, ma sopratutto in quanto diritto inalienabile di ognuno alla libertà personale, che vale ben più dei meri e biechi interessi economici di chi sta distruggendo la rete e le tecnologie innovative che sono al suo sviluppo collegate.
    non+autenticato
  • in pratica tutto dipende dal buon senso dele persone che utilizzano il cellulare/macchina fotografica

    ma a conti fatti , calcolando che le macchine fotografiche digitali e non ci sono già da mò era proprio necessaria questa ( a mio avviso) stupida ed inutile invenzione ?

    e poi calcolando che come usare la macchina fotografica lo sanno anche i sassi era proprio necessario che il garante facesse notare che publicando la foto di tizio che bacia caia
    l'amante/marito sempronio se la può prendere ???????
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Le macchine fotografiche esistono da tempo,
    > perchè tanta attenzione verso gli MMS?

    Perchè può essere uno strumento di controllo in tempo reale delle persone e di quello che fanno. Immaginati l'utilizzo di questo apparecchio in un seggio elettorale: chi "vende" il proprio voto può garantirlo al 100%!
    non+autenticato