Luca Annunziata

Apple e il magico trackpad

Quanto vociferato nell'imminenza del WWDC starebbe per diventare realtÓ. Un device Bluetooth, pronto da mesi, che ora Cupertino si appresterebbe a lanciare

Roma - La domanda che si pone Engadget è: perché aspettare tanto? Stando ai documenti individuati dai redattori del sito, per il device A1339 sottoposto da Apple alle verifiche dell'ente statunitense FCC (che regola la messa in commercio di dispositivi con moduli trasmissivi) il testing sarebbe stato completato nell'autunno del 2009. Se, come sembra, di un trackpad Bluetooth gigante si tratta, e se sarebbe tutto già pronto, perché non è ancora finito in commercio?

Stando a quanto scoperto da Engadget, FCC ha dato il via libera a un "trackpad Bluetooth", ovvero un apparecchio grande all'incirca come la keyboard wireless Apple priva di tastierino numerico in dotazione agli iMac (o acquistabile a parte), ma con forma leggermente più quadrata. Il documento FCC di approvazione è divenuto pubblico da circa 24 ore, dopo che a febbraio Cupertino aveva chiesto di seguire la cosiddetta "procedura riservata" (consuetudine per i gadget con la Mela) per tenere segrete le caratteristiche del prodotto. Visti i precedenti, l'annuncio da parte di Apple delle novità dovrebbe avvenire entro poche ore, al massimo a pochi giorni dalla scadenza del veto di segretezza.

Del Magic Trackpad, nome registrato lo scorso anno pare, o più in generale di un mega-dispositivo di input "digitale", si parla da qualche mese: qualche immagine era pure circolata nell'imminenza del keynote di Jobs di giugno, in realtà poi dominato dagli annunci su iPhone 4. La denominazione "magic", dopo che questa parola è stata abusata largamente impiegata per descrivere le caratteristiche di iPad, appare la cosa più improbabile: più fattibile l'idea che Apple abbia deciso di aggiungere un device multitouch esterno alla sua offerta, da abbinare magari a iMac e computer desktop per implementare l'input manuale oltre a quello offerto dai tradizionali mouse e tastiera.
Dei rumors circolati prima del WWDC, ovvero Mac Mini, iPhone 4, Apple TV e appunto il Magic Trackpad, i primi due hanno già ricevuto conferma: se, come pare possibile, anche il Magic Trackpad diventasse realtà, resterebbe in ballo solo Apple TV (ormai più che datata) per un upgrade. Ma, visto come Jobs si è espresso a riguardo dei set top box e della TV durante lo scorso D8, a meno di particolari novità proprio quest'ultima potrebbe rimanere una speranza per gli appassionati più che una concreta possibilità: e dire che, con un aggiornamento a iOS e un modulo Bluetooth, con un Magic Trackpad a corredo potrebbe fare grandi cose sui televisori LCD che ormai sempre più spesso campeggiano in salotto.

Luca Annunziata
44 Commenti alla Notizia Apple e il magico trackpad
Ordina
  • dopo il magic mouse era una cosa ovvia, una trackpad bluetooth, niente di stravolgente, e le tecnologie sono a disposizione di tutti, ma nessuno l'ha fatta perché?
    adesso dopo apple, se avrà successo, tutti a rincorrere, ci saranno le trackpad di dell, HP, Lenovo etc.
    E un po' di intraprendenza che diamine!
    non+autenticato
  • il problema è un altro.

    Un gadget banale o anche tecnicamente sofisticato ma, che normalmente non interessa alla massa e che non è richiesto, per essere venduto ha bisogno di essere lanciato da una azienda con un alto grado di fidelizzazione col cliente (leggasi: compro solo perchè è di marca X e devo averlo a tutti i costi), un ottimo reparto marketing e prestarsi ad essere appetibile a mode/trendy per venire incontro alle ridotte capacità mentali di un utente medio.

    Ormai si è capito che alla gente di avere strumenti avanzati a prezzi onesti non gliene frega nulla. La massa vuole strumenti semplici con 4 funzioni fa quello che l'oggetto dice di fare e stop, fa nulla se allo smanettone lo strumento appare "castrato" rispetto a quello che potrebbe fare con il suo hardware, tanto la gente normale non lo vede e non ci arriverà mai.

    Apple ha creato un marchio solido in questo momento (o meglio, fino a ieri) e quindi poteva permettersi di creare oggetti che se fossero stati fatti da qualsiasi altra azienda con le stesse medesime caratteristiche avrebbero avuto ben altro destino e volumi di vendita.

    Spero solo che tutto questo non continui a pregiudicare l'alto livello di prodotti creati da aziende che vengono comprati proprio per la loro alta usabilità e qualità a discapito di qualche millimetro di spessore e un design scialbo oltre il minimal.

    Le aziende ancora devono capire che se quell'oggetto nuovo vende non è perchè interessa veramente..ma solo perchè è apple ed è inutile poi uscire con prodotti simili spesso migliori sperando nel botto. Non avranno comunque lo stesso volume di vendite per il motivo detto sopra.
    non+autenticato
  • Apple non fa nulla. Non vende allegati ai prodotti bustine che danno dipendenza.
    Se la gente compra, e' perche' c'e' un bisogno, evidentemente anche di oggetti inutili o molto costosi e dal design curato. Se nessun'altra ditta riempie il vuoto, e' ovvio che Apple faccia il botto.
    Il problema e' dentro di noi. O forse, non e' nemmeno un problema.
    non+autenticato
  • il problema è che tutto questo va a discapito di prodotti veramente utili e innovativi. Purtroppo è la massa che muove il mercato, e le aziende hanno imparato a influenzare e muovere questa massa a loro vantaggio proponendo oggetti con il più alto tasso di guadagno rispetto al costo effettivo dell'oggetto. Avere oggetti castrati rispetto alle proprie potenzialità permette di vendere più oggetti (o più software da aggiungere) e aumentare ancora il margine di profitto.

    Sinceramente ho poca fiduncia nel potere decisionale e critico della maggior parte delle persone. E infatti i risultati si vedono.
    non+autenticato
  • - Scritto da: antonio montemurro
    > il problema è che tutto questo va a discapito di
    > prodotti veramente utili e innovativi. ...

    per esempio?
    Vediamo, due o tre prodotti veramente utili ed innovativi che la massa non ha capito e che sono stati dei flop
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > - Scritto da: antonio montemurro
    > > il problema è che tutto questo va a discapito di
    > > prodotti veramente utili e innovativi. ...
    >
    > per esempio?
    > Vediamo, due o tre prodotti veramente utili ed
    > innovativi che la massa non ha capito e che sono
    > stati dei
    > flop

    Ad esempio il teletrasporto! Ficoso
    Ubunto
    1350
  • mi vengono in mente per esempio gli splendidi lettori con card reader in stile vosonic. un piccolo oggetto con hd integrato che mi ha permesso di avere nel 2005 un lettore di mp3/dvx/txt/jpg/html (codice) e altri formati con hd da 40 gb e card reader multiplo che mi permetteva di backuppare al volo gli scatti della mia macchina fotografica digitale per liberare subito la scheda di memoria subito satura (utilissimo in viaggio più o meno lunghi). ovviamente telecomando incluso con porta a infrarossi per poter collegare il lettore alla tv (lettore con uscite audio/video/microfono, visto che permetteva pure la registrazione vocale) e di conseguenza usarlo pure come lettore dvx da tavolo. l'hd è un banale hard disk per portatili quindi facilmente sostituibile così come la batteria. Inclusso ovviamente nella confezione sia il caricabatterie da parete che il cavo usb per i dati o eventuale alimentazione se non usato come hard disk esterno di storage (tenendolo spento).

    La batteria ovviamente dopo 5 anni dura poco più di un ora (contro le 10 iniziali in modalità mp3 e 5 in modalità video usando lo splendido schermino con una qualità davvero incredibile).


    Certo.. era alto più di un cm.. ma sinceramente nella tasca del giubbino o in una borsina attaccata alla cintura o nella borsa..insomma.. un posto lo trovo sempre dove ficcarlo.

    Inoltre per un tot di anni ha goduto di vari aggiornamenti software per estendere i formati supportarti e aggiungere feature o migliorare alcuni aspetti (es all'inizio lo schermo rimaneva acceso quando trasferivi dati dalla sd all'HD, sprecando inutilmente le batterie. Successivamente lo schermo appena partica il copy si spegneva per riaccendersi appena sfioravi il minijoystick di comando).
    non+autenticato
  • scusate gli errori/orrori.. avevo scritto un po' di frettaSorride
    non+autenticato
  • ma non hanno avuto un grande successo, ci sarà un motivo, magari sono troppo spessi, o sono brutti, o troppo pesanti, oppure hanno un target troppo ristretto, servono solo a poche persone con esigenze particolari, non è solo per il brand, se un prodotto funziona, si diffonde anche senza un nome che lo spinge.
    Comunque è faticoso creare un nome e costa molto, ma basta pochissimo per distruggerlo, un solo prodotto sbagliato e i danno sono gravissimi (es. Vista) un buon nome va mantenuto con prodotti continuamente almeno al livello delle aspettative dei clienti.
    non+autenticato
  • E' dentro di noi, ed è un grave problema.
    Perchè prima si crea il bisogno, poi lo si rende fruibile.
    Mica solo Apple, per carità.
    I primi a scoprirlo sono stati i supermercati.
    Prova a fare la spesa nel negozietto sotto caso: comprerari quel che ti serve
    Vai al supermercato pieno di ogni ben di Dio: comprerai anche cose che non ti servono, solo perchè le hai viste sullo scaffale.
    La tecnica quindi è vecchia, si sta solo allineando alle nuove tecnologie.
    Poi c'è chi ci casca in modo consapevole (forse) e chi in modo pienamente inconsapevole e pure convinto.
    non+autenticato
  • sì sulle tecniche delle catene dei supermercati ci sono interi libri che consiglio perchè si imparano cose molto utili.

    Dalla musica, alla scelta degli oggetti da mettere vicino alle casse, allo spostare continuamente gli oggetti di reparto, confondendoti (e facendoti credere che c'è aria di novità alzando la tua soglia di attenzione, facendoti guardare oltre il tuo solito) a tante altre piccole cose.

    Noi ci facciamo una lista prima delle cose utili e necessarie, poi se scappa qualche cosa in offerta che davvero conviene e che già avevamo addocchiato ma che non compravamo per il prezzo.. beh si compra, anche per lasciare il messaggio che "se tieni sempre il prezzo più basso potresti avere un acquirente".

    Anche perchè.. se ti fanno uno sconto del 50% e ancora ci guadagnano.. qualcosa non quadra.. vuol dire che PRIMA ti stavano vendendo un prodotto che sicuramente ha più del 50% di puro guadagno!
    non+autenticato
  • non abbia problemi di trasmissione... Geek

    lol A bocca aperta
    jk
    non+autenticato
  • - Scritto da: 6errori o.o
    > non abbia problemi di trasmissione... Geek
    >

    La mano del fanboy è trasparente alle onde radio A bocca aperta
    non+autenticato
  • ...si tratta di un trackpad enorme per usare gli schermi dei Mac come se fossero touch, ma senza stancare le braccia: e la fusione tra MacOSX e iOS si avvicina
  • infatti, questo oggetto è davvero interessante
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea C.
    > infatti, questo oggetto è davvero interessante

    Si potrà usare con la sinistra?
    non+autenticato
  • sbaglio, o sono anche quelli in attesa di un aggiornamento da un bel pezzo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
    > sbaglio, o sono anche quelli in attesa di un
    > aggiornamento da un bel
    > pezzo?
    e anche gli ipod touch mi pare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
    > sbaglio, o sono anche quelli in attesa di un
    > aggiornamento da un bel
    > pezzo?

    E chi se ne frega? Sei OT.
    Funz
    13032
  • Apple sta gradualmente abbandonando il mercato professionale per meglio concentrarsi sul più profittevole, meno esigente mercato bimbominkia.