Alfonso Maruccia

Google Apps in versione governativa

La suite di produttività telematica di Mountain View approda nelle infrastrutture governative statunitensi grazie a misure di sicurezza rafforzate. Intanto Google pensa ad aggiornare uno dei suoi tool

Roma - Mountain View ha reso nota la disponibilità di Google Apps for Government, pacchetto contenente le sue applicazioni da ufficio web-centriche specificatamente tarate sulle esigenze delle istituzioni statunitensi. Promessa una maggiore sicurezza nei controlli all'accesso degli addetti e l'archiviazione dei dati su server presenti su suolo nordamericano.

Le appliance contenute in Google Apps for Government sono le stesse già disponibili per le organizzazioni corporate private, con in più quelle misure di sicurezza che sono state necessarie a ottenere la certificazione FISMA (Federal Information Security Management Act): con il gagliardetto FISMA in tasca, Google dice di voler estendere anche agli account "non governativi" le stesse misure di sicurezza aggiuntive come il numero superiore di controlli dei permessi di accesso ai documenti online.

Le nuvole del Googleplex possono ora ospitare informazioni sensibili (ma non classificate) in tutta sicurezza, tipologia di dati che stando al management di Google costituisce l'80-90% di tutti i dati trattati dalle istituzioni governative. Anche l'altra caratteristica imprescindibile richiesta dal governo federale, vale a dire la necessità di archiviare le informazioni solo e soltanto su server USA, verrà con tutta probabilità estesa anche ad altri soggetti commerciali che ne faranno richiesta.
I vantaggi del passaggio alla produttività tra le nuvole? Ovviamente il risparmio dei costi di gestione che Google calcola attualmente in 76 miliardi di dollari di spese federali per l'IT - più altri 50 miliardi investiti dalle autorità locali e statali. E parlando di autorità locali non si può non citare lo switch di Los Angeles verso i server di Mountain View, un passaggio "epocale" che attualmente procede a rilento ma che Google dice stia andando a gonfie vele con oltre 10mila utenti già serviti dai servizi del pacchetto Apps.

La disponibilità dell'offerta Apps for Government piace anche al Berkeley Lab, dove i responsabili riferiscono di risultati positivi per il delopyment di Google Apps presso il Dipartimento dell'Energia e di potenziali risparmi sulla spesa pari a 2 milioni di dollari.

E mentre pensa a soddisfare le esigenze informatiche del governo statunitense al modico prezzo di qualche milione di dollari, Google trova anche il tempo di preparare una nuova versione di un suo applicativo (sempre facente parte del gruppo Apps) sotto le mentite spoglie del nickname Google Punch. L'applicativo da aggiornare è tutt'ora ignoto, mentre le fantasticherie su un eventuale nuovo prodotto made in Mountain View scemano.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Google Apps in versione governativa
Ordina
  • Maruccia, le appliances sono dispositivi fisici o al massimo (l'ho visto una sola volta) sistemi completi di sistema operativo.
    Puoi aver trovato la traduzione appliance <--> applicazione in vari dizionari di lingue italiano-inglese, ma non la troverai nei dizionari non di traduzione, perché non é quello il significato. Gli italiani saranno coerenti con gli italiani e quelli inglesi con quelli inglesi. Questo perché probabilmente quando un dizionario si sbaglia, gli altri semplicemente lo copiano.
    Mi é giá capitato anche col significato di "disponibile" tradotto come "disposable" (ed una persona "disposable", cioé che la puoi sbattere nel pattume, non é una gran bella persona). Controllato con almeno 3 vocabolari per parte, online e non (Garzanti, De Mauro, Sandron, Cambridge, Oxford, Answers e altro, mi pare... encarta?).
  • Leggendo l'articolo mi viene da fare tre personali considerazioni:

    1) Che razza d'incapaci gestiscono l'IT federale USA se l'unica soluzione che hanno è quella di dare tutto fuori? Con i budget indicati c'è lo spazio per sviluppare un nuovo sistema operativo l'anno.

    2) Siamo sicuri che il signor G. eviterà di intrufolarsi negli archivi federali accaparrandosi informazioni di immenso valore, e che potrebbero riguardare organi che devono controllare l'operato di Google in quanto azienda?

    3) Una nazione che svende le proprie reti e le proprie informazioni non credo alla lunga possa prosperare.

    bye
    non+autenticato