Claudio Tamburrino

Lower Merion, liceo di controllori

Nuova denuncia per la scuola già accusata di abusare delle webcam di portatili forniti agli studenti. Lo spionaggio domestico non sarebbe stato un caso isolato

Roma - Il liceo Lower Merion, già accusato di utilizzare le webcam dei portatili forniti agli studenti per motivi di studio per effettuare monitoraggi anche nella privacy delle loro stanze, dovrà affrontare un ulteriore processo. A ricorrere in tribunale un altro suo (ormai ex) studente.

Diplomatosi la scorsa primavera, Jalil Hasan accusa l'istituto scolastico di aver scattato oltre mille foto, 469 tramite webcam, 543 screen shot: lo spionaggio sarebbe durato un paio di mesi.

Secondo l'accusa il meccanismo di sorveglianza via webcam sarebbe stato attivato il 18 dicembre 2009, giorno in cui il ragazzo dimenticava il laptop in un aula e lo recuperava tre giorni dopo dalla divisione dell'istituto dedicata alle tecnologie.
Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, la spia vulnerabile della scuolaI pc con la webcam indiscreta avrebbero anche una vulnerabilità che aprirebbe al strada a qualsiasi cracker. Un problema, secondo alcuni addetti ai lavori, di tutti i PC con programmi Absolute Manage
  • AttualitàUSA, la scuola che non ti spiavaSecondo gli avvocati dell'istituto statunitense nell'occhio del ciclone per pratiche di tecnocontrollo le foto scattate agli studenti a mezzo webcam non sarebbero state viste da nessuno. Gli ammininstratori? Non ne sapevano nulla
  • AttualitàLa soap opera della webcam spionaMigliaia di immagini catturate dallo staff della Lower Merion High School. Le webcam venivano attivate per seguire un emozionante reality adolescenziale, o per violare la privacy degli studenti?
1 Commenti alla Notizia Lower Merion, liceo di controllori
Ordina
  • Questi qui si facevano letteralmente i c..zi dei loro alunni!
    Ma io lascio spesso il pc acceso in camera, magari ascolto della musica mentre sto con la mia ragazza sul letto.
    Ma ci rendiamo conto della gravità dei fatti?!?!

    Spero che i responsabili paghino cara questa intromissione nella privacy altrui. Si potrebbe configurare anche il reato di produzione di materiale pedopornografico se questi hanno filmato nudità di ragazzini\e minorenni!

    Nicola