Alessandro Del Rosso

GNOME 3, arrivederci al 2011

Annunciato un nuovo posticipo nella data di rilascio di GNOME 3.0. Gli sviluppatori del celebre desktop environment si sono presi altri sei mesi per completare questa attesa major release

Roma - GNOME 3.0 subirà un nuovo ritardo. Ad annunciarlo è stato il GNOME Release Team in occasione della conferenza GUADEC.

La data di rilascio della prossima major release di GNOME è stata posticipata al marzo del 2011, un passo che Frederic Peters, membro del GNOME Release Team, ha definito necessario per "garantire che questa release abbia la qualità che noi tutti ci aspettiamo".

Già lo scorso novembre, in occasione dell'annuncio di un altro ritardo nella roadmap di GNOME 3.0, Vincet Untz, responsabile del GNOME Release Team, dichiarò che la data di rilascio della versione 3.0 "non è scolpita sulla pietra", ma dipende soprattutto dal feedback di sviluppatori e tester.
Per quest'anno gli sviluppatori hanno invece ancora in programma il rilascio di GNOME 2.32 e della prima beta di GNOME 3.0, che darà modo ad più ampio numero di utenti di provare novità quali la GNOME Shell.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaGNOME si aggiorna, apre il suo storeGNOME Project ha rilasciato la versione 2.30 del suo popolare desktop environment multipiattaforma e inaugurato lo GNOME Store. La prossima release del software sarà la 3.0, attesa fra sei mesi
  • TecnologiaGNOME 3.0 arriverà ad autunno 2010Il team di sviluppo ha confermato che la prossima major release del celebre desktop environment per Linux slitterà a settembre del prossimo anno. Nel frattempo verrà rilasciata la versione 2.30
94 Commenti alla Notizia GNOME 3, arrivederci al 2011
Ordina
  • Senza voler scatenare i soliti flames, direi che sarebbe ora di finirla con l'assurda pretesa di voler far girare Linux anche su hardware molto datato; ciò è possibilissimo, nel senso che esistono apposite distribuzioni Linux minimali capaci di lavorare perfettamente anche su un vecchio 486 con scheda video VGA e pochi MiB di RAM.

    Chi non vive nelle caverne sa che le moderne distribuzioni Linux sono rivolte a chi dispone di hardware dell'ultima generazione: CPU multicore, schede video ATI/nVidia recenti, abbondante disponibilità di RAM, etc.
    Avendo a disposizione l'hardware adeguato, direi che sarebbe anche giusto provare KDE4, nelle sue ultime versioni 4.4.x e l'imminente 4.5; io lo sto usando dai tempi della versione 3 e posso dire che ormai si può tranquillamente parlare di uno dei migliori Desktop Environment disponibili sul mercato.

    Inizialmente, gli sviluppatori del progetto KDE potevano sembrare dei presuntuosi nel tentativo di creare un DE open source capace di competere con i DE professionali; il tempo però sta dando loro ragione.
    Applicazioni come Amarok, K3b, DigiKam, KOffice, KDevelop, etc, parlano da sole e dimostrano che con KDE4 e le libQt4 si può sviluppare software veramente professionale.

    Chi parla di pesantezza di KDE4 probabilmente lo sta usando su un Pentium I con 64 MiB di RAM; questa mi sembra una pretesa un po eccessiva.
    KDE4 è molto esigente in termini di risorse perché offre tutto ciò che gli utenti hanno sulle ultime versioni di Windows e MacOSX; anzi, a dire la verità, la dotazione di effetti grafici in KDE4 mi sembra pure superiore rispetto agli altri DE professionali.

    Flammata finale: probabilmente, i ritardi nel rilascio di Gnome 3 sono legati alla consapevolezza di essere rimasti piuttosto indietro nella sfida con KDE4 ...
    non+autenticato
  • quoto però non sono d'accordo sui "computer datati"

    gnome pure richiede un bel pò di potenza per funzionare
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > quoto però non sono d'accordo sui "computer
    > datati"
    >
    > gnome pure richiede un bel pò di potenza per
    > funzionare

    Il mio discorso valeva infatti sia per KDE4, sia per le ultime versioni di Gnome.
    non+autenticato
  • Su macchine datate installo LXDE, ma come secondo DE: alcuni programmi che citi come Amarok, K3b e KOffice sono indispensabili.
    Anzi, ritengo KOffice di gran lunga più usabile, veloce e semplice di OpenOffice.

    Solo una nota finale: sono un convinto sostenitore di Slacky...Sorride
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 luglio 2010 01.08
    -----------------------------------------------------------
    H5N1
    1641
  • - Scritto da: collione
    > quoto però non sono d'accordo sui "computer
    > datati"
    >
    > gnome pure richiede un bel pò di potenza per
    > funzionare

    Io sto usando ubuntu/gnome su un computer che non raggiunge neanche un quarto dei prerequisiti minimi per wsettete.
  • stavamo facendo un confronto da due software progettati come Dio comanda

    non puoi mettere in mezzo un bloatware schifoso e scritto con i piedi come windows

    qualunque cosa gira meglio di windows
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Senza voler scatenare i soliti flames, direi che
    > sarebbe ora di finirla con l'assurda pretesa di
    > voler far girare Linux anche su hardware molto
    > datato;

    Scoop. Windows XP ora vince su linux anche sull'hw datato.
    Ragazzi dateci una mano per liberarci di XP e tornate a dire che Linux gira meglio almeno sul vecchiume.
    non+autenticato
  • linux gira meglio di xp sui pc vecchi, basta che metti pekwm invece di kde4
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > linux gira meglio di xp sui pc vecchi, basta che
    > metti pekwm invece di kde4

    grazie, ma sono già convinto che linux giri meglio sul vecchiume (i pc datati mi perdoneranno il termine) è che mi sembra strano sentire dire il contrario, tuttavia non ho mai installato kde4 e viste le premesse non penso che lo farò presto
    non+autenticato
  • Concordo sul fatto che sia necessario utilizzare hardware moderni per verificare la qualità di sistemi linux "corazzati", o perlomeno che non ci si possa lamentare se con tutti gli effetti 3d attivati su un P3 il DE "va lento".
    Ma credo che il discorso sulla pesantezza non riguardi solo questo aspetto, bensì possa essere letto da un punto di vista stilistico o anche prestazionale.

    KDE 4 l'avevo affiancato a Gnome nel periodo di ubuntu 9.10 ma oltre a uno sguardo veloce non ero andato. Ultimamente sono tentato di ripetere l'esperienza (magari su OpenSuse però).
    Ubunto
    1350
  • Sono d'accordo sull'abbandonare i computer datati, ma non sulla maturità di KDE. Attualmente gli effetti di Kwin sono vistosamente più lenti di quelli di Compiz, non c'è niente di decente per gestire NetworkManager, plasma è un crash continuo e altre cose che se solo ci rimetto mano un attimo scopro in fretta. Le QT in compenso sono divineA bocca aperta
    Shiba
    4103
  • Confido e spero solo nelle migliorie che riguarderanno gli eventi dell'ambiente desktop.
    Il menù con manie di protagonismo ricorda troppo windows, lo eviterò come la peste.
    Ubunto
    1350
  • Se prevarrà il buon senso,
    Gnome 3 uscirà diciamo SEI mesi dopo le GTK 3.0.0.

    Per me le GTK 3.0.0 a settembre non escono
    (attualmente non c'è nemmeno una alpha in giro)
    quindi...
    non+autenticato
  • quindi kde4 ha vinto, alla faccia di chi ha spalato letame su questo straordinario progetto
    non+autenticato
  • Quando scusa?
    L'una distro enterprise KDE centrica è da anni sull'orlo del fallimento e si è risollevata recentemente grazie al governo russo (e aggiungo ancora non si sa che strada prenderà in futuro, IMHO non è improbabile il passaggio a Gnome...)

    Gnome guadagna strada ogni giorno (e aggiungo grazie alle spesso controverse scelte di Canonical), questo nonostante il pasticcio che stanno facendo sulla prossima major release!
  • - Scritto da: barra78
    > Quando scusa?
    > L'una distro enterprise KDE centrica è da anni
    > sull'orlo del fallimento e si è risollevata
    > recentemente grazie al governo russo (e aggiungo
    > ancora non si sa che strada prenderà in futuro,
    > IMHO non è improbabile il passaggio a
    > Gnome...)
    >
    > Gnome guadagna strada ogni giorno (e aggiungo
    > grazie alle spesso controverse scelte di
    > Canonical), questo nonostante il pasticcio che
    > stanno facendo sulla prossima major
    > release!

    C'è una polemicona ultimamente tra quelli di Gnome e Canonical sul fatto che quest'ultima contribuisca poco ma faccia solo un gran lavoro di marketing prendendosi però tutto il merito, mentre aziende come redhat fanno sedici volte di più, ma a quanto pare non se ne accorge nessuno. Sui blog ho visto questo:
    http://gregdekspeaks.wordpress.com/2010/07/29/red-.../

    Ma è su twitter che ci sono le cose più gustose come gli scambi di vedute tra i dipendenti canonical e quelli che si occupano di Gnome.

    http://twitter.com/keybuk dipendente Canonical:
    The problem I have with the complaints about Canonical/Ubuntu not contributing to GNOME is the assumption that GNOME is relevant anymore

    A cui sono ovviamente seguite risposte polemiche da parte degli Gnomi.
    non+autenticato
  • A tal proposito ti consiglio la lettura di un post di questa notte scritto da Jono Bacon.

    A sentir lui (che se ben ricordo tra le altre cose è il responsabile per canonical dei rapporti con la community) ci sono state molte cose sviluppate da Canonical e proposte per l'inclusione all'interno di gnome ma sono sempre state bocciate.
    Questo è un discorso IMHO complesso e che dipende dal fatto RH ha un pò troppo potere all'interno di Gnome (e ultimamente ha dimostrato di avere poche idee, vedi il pasticcio che stanno facendo con la shell).
    Il bello dell'opensource è che si può prendere un progetto, ottimizzarlo, pulirlo e adattarlo alle proprie necessità fregandosene delle scelte fatte in upstream. Giusto? sbagliato? sinceramente a me interessa avere un DE usabile e oggi gnome-shell non lo è (mentre unity, nato pochi mesi fa è spettacolarmente usabile, nonostante i tanti bug)!
  • - Scritto da: barra78
    > A tal proposito ti consiglio la lettura di un
    > post di questa notte scritto da Jono
    > Bacon.
    >
    > A sentir lui (che se ben ricordo tra le altre
    > cose è il responsabile per canonical dei rapporti
    > con la community) ci sono state molte cose
    > sviluppate da Canonical e proposte per
    > l'inclusione all'interno di gnome ma sono sempre
    > state
    > bocciate.
    > Questo è un discorso IMHO complesso e che dipende
    > dal fatto RH ha un pò troppo potere all'interno
    > di Gnome (e ultimamente ha dimostrato di avere
    > poche idee, vedi il pasticcio che stanno facendo
    > con la
    > shell).
    > Il bello dell'opensource è che si può prendere un
    > progetto, ottimizzarlo, pulirlo e adattarlo alle
    > proprie necessità fregandosene delle scelte fatte
    > in upstream. Giusto? sbagliato? sinceramente a me
    > interessa avere un DE usabile e oggi gnome-shell
    > non lo è (mentre unity, nato pochi mesi fa è
    > spettacolarmente usabile, nonostante i tanti
    > bug)!

    Sì l'ho letto stamattina. Conosco Jono Bacon da tempo grazie a lugradio e shot of jaq. Lui lavora per Canonical come Community Manager. Ma è più un giornalista che un tecnico ed è anche un bonaccione. Ognuno ovviamente ha i suoi punti di vista. Le cifre in un mondo così frammentato come quello open source ognuno le può rigirare come vuole.
    non+autenticato
  • Vero sul bonaccione ma lo definirei più un "formatore" che un giornalista.
    Con i suoi progetti ha creato strumenti interessanti per chi vuole avvicinarsi allo sviluppo software e IMHO tra qualche tempo ne vedremo i frutti.

    Vero anche che le cifre possono essere rigirate come uno vuole ma è innegabile che certi rifiuti di Gnome foundation appaiano un pò strani e ingiustificati (penso a zeitgeist, app-indicator ecc), soprattutto se poi mancano soluzioni alternative.....
  • girala come vuoi ma rimane il fatto che kde4 è qui adesso e funziona mentre gnome sta menando il can per l'aia da anni
    non+autenticato
  • Già nel 2005 un tipo qualunque come Linus Torvalds commentava:
        'La mentalità di Gnome che "gli utenti siano idioti e confusi dalle funzionalità" è malata.
        Se pensate che i vostri utenti siano idioti allora solo gli idioti la useranno.
        Non uso Gnome perché, nello sforzo di essere semplice, ha da tempo raggiunto il punto in cui, semplicemente, non fa quello che ho bisogno che faccia'

    Forse il passaggio dalla versione 3 alla 4 di KDE è stato duro e non privo di incidenti, ma credo che non si possano neanche minimanente tentare paragoni tra i due DE.

    Allo stesso modo, per onor di cronaca, lo stesso Torvalds inveì contro KDE4 definendola un disastro inducendolo a tornare sui suoi passi e a passare nuovamente a Gnome.

    Sono sicuramente le osservazioni e le opinioni comunque di una persona, sebbene si tratti del "padre" di Linux, ma indipendentemente da questo resto dell'opinione che Gnome sia fatto per i deficienti...
    H5N1
    1641
  • - Scritto da: H5N1
    > Già nel 2005 un tipo qualunque come Linus
    > Torvalds
    > commentava:
    >     'La mentalità di Gnome che "gli utenti siano
    > idioti e confusi dalle funzionalità" è
    > malata.
    >     Se pensate che i vostri utenti siano idioti
    > allora solo gli idioti la
    > useranno.
    >     Non uso Gnome perché, nello sforzo di essere
    > semplice, ha da tempo raggiunto il punto in cui,
    > semplicemente, non fa quello che ho bisogno che
    > faccia'
    >
    > Forse il passaggio dalla versione 3 alla 4 di KDE
    > è stato duro e non privo di incidenti, ma credo
    > che non si possano neanche minimanente tentare
    > paragoni tra i due
    > DE.
    >
    > Allo stesso modo, per onor di cronaca, lo stesso
    > Torvalds inveì contro KDE4 definendola un
    > disastro inducendolo a tornare sui suoi passi e a
    > passare nuovamente a
    > Gnome.
    >
    > Sono sicuramente le osservazioni e le opinioni
    > comunque di una persona, sebbene si tratti del
    > "padre" di Linux, ma indipendentemente da questo
    > resto dell'opinione che Gnome sia fatto per i
    > deficienti...

    Gnome lo puoi modificare come vuoi, solo che per molte cose devi smanettare sui files di configurazione. Non è solo una questione di semplicità intesa come "poche funzioni" a caratterizzare Gnome, ma il suo aspetto minimale.
    Se scegli Gnome lo dovresti fare nel caso in cui tu apprezzi questa caratteristica. Altrimenti non sarebbe Gnome.

    Il problemi che si possono riscontrare in Gnome (che ci sono eccome) non derivano certo dal fatto che è semplice, ma a mio parere che alcune cose restano implementate in maniera un po' approssimativa.
    La versione 3, tenendo alta l'attenzione alla "pulizia" dell'interfaccia, dovrebbe muovere i suoi passi per risolvere quelle situazioni inattese o soluzioni imprecise che non contribuiscono a dare un aspetto professionale all'ambiente.

    Il menù che cliccato mostra i desktop ad esempio è un elemento che aggiunge poco o nulla alle caratteristiche di professionalità, e a mio avviso si discosta dalla linea "essenziale" che dovrebbe differenziare Gnome da altri DE.
    Ubunto
    1350
  • Gnome però non ha mai puntato ad essere essenziale....

    Confondi l'usabilità con l'essere minimalista. La scelta fatta (ai tempi dal IMHO grande De Icaza) era creare un'insieme di regole e standard per la creazione degli applicativi. Si andava dalla standardizzazione delle icone (per fare in modo ad esempio che il pulsante "exit" avesse lo stesso aspetto in ogni applicativo GTK) fino a cose più tecniche come l'accesso alle risorse del sistema ecc.
    Ai tempi fu una rivoluzione nel mondo del free software (e ci fu una grossa battaglia portata avanti da chi riteneva queste regole assurde per il free software) ma oggi la scelta si è dimostrata vincente.

    Gnome è e resta free software e come tale è altamente configurabile e personalizzabile ma ogni installazione standard DEVE rispettare un insieme di regole.

    il passo successivo era (e dico era perchè oggi mi sembra che qualcuno abbia perso per strada alcuni concetti) sfruttare il compositing per migliorare l'usabilità ed integrare l'esperienza gnome con il WEB.
  • forse adesso hanno rimesso il culo in carreggiata, ma quanti casini in versioni che definivano stabili!

    la filosofia "when it's ready" va benone, soprattutto dal momento che i DE di Windows ed OSX non hanno ancora introdotto rivoluzioni così grosse

    al momento gnome+compiz compete alla grande
    non+autenticato
  • > OSX non hanno ancora introdotto rivoluzioni così grosse
    >
    > al momento gnome+compiz compete alla grande

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • commenti più costruttivi no eh!?!
    non+autenticato
  • - Scritto da: obbligatori o
    >
    > [img]http://snarkerati.com/movie-news/files/2008/0

    si in effetti ho un po' esagerato a dire che Aero possa competere con Compiz, ma volevo essere buono
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zio Richardo
    > si in effetti ho un po' esagerato a dire che Aero
    > possa competere con Compiz, ma volevo essere buono

    si buono con te stesso e non illuderti, compiz è l'ennesima interfaccia di nicchia. piacerà a tutta una serie di nerds e perditempo, ma è lontana dall'interfaccia che a linux serve per competere con gli altri sistemi.
    non+autenticato
  • Compiz è un sistema di effetti grafici, non una interfaccia (che rimane GNOME)

    E innanzitutto non è per nerd, la può usare con facilità chiunque (digita il bottone "abilita effetti grafici") spesso ti rende la vita più semplice (il cubo con 4 desktop è inimitabile) e consuma pochissima potenza di calcolo.

    Pensa che Aereo di Windows, per fare meno di un terzo di quello che può fare compix ti occupa RAM a dismisura e ti monopolizza la scheda video...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    > Compiz è un sistema di effetti grafici, non una
    > interfaccia (che rimane GNOME)

    tipica risposta da nerd, sono effetti grafici che si applicano all'interfaccia, non cambia il senso del discorso

    > E innanzitutto non è per nerd

    No infatti se non si è nerd non se ne può nemmeno parlare che salta fuori uno a dirti che non è quello o non è quell'altro

    > la può usare con facilità chiunque (digita il bottone "abilita
    > effetti grafici") spesso ti rende la vita più
    > semplice (il cubo con 4 desktop è inimitabile) e

    super nerdata, non ti sei accorto che milioni di persone dormono tranquille senza il cubo? gli effetti grafici non servono a niente di niente e ce ne sono così tanti da farci una tesi di laurea. dimmi cosa se ne fa l'utente medio casalingo o quello che sul lavoro dovrebbe essere produttivo di quella roba

    > consuma pochissima potenza di calcolo.

    consuma ancora meno usare un'interfaccia semplice e pulita

    > Pensa che Aereo di Windows, per fare meno di un
    > terzo di quello che può fare compix ti occupa RAM
    > a dismisura e ti monopolizza la scheda video...

    se dovesse essere vero buon per compix, se dovesse fare la differenza MS aggiornerà aero per recuperare il gap e se non basta farà come ha fatto finora con tutte le concorrenti, se invece non serve a niente aero resterà com'è
    non+autenticato
  • prima di tirar giù un post così pieno di luoghi comuni ed inesattezze converrebbe ragionare e non ritenersi i detentori della verità assolutà!
    forse, per lei ovviamente, la presenza di più desktop virtuali non è così determinante... per scrivere l'avviso da affiggere nel condomio ms-word le è più che sufficiente... a me, ricercatore, abituato a confrontare molti dati e pubblicazioni contemporaneamente fa invece molto comodo... la presenza di un effetto di transizione inoltre mi fa immediatamente capire, avendo molti documenti aperti, spesso apparentemente simili, se lo switching fra un desktop virtuale e l'altro sia effettivamente già avvenuto! il fatto poi di poter desaturare i documenti e le applicazioni non in primo piano contribuisce inoltre ad aumentare l'usabilità del sistema, almeno per quelle che sono le MIE NECESSITÀ!

    LA COSA CHE MI MANDA IN BESTIA e che è molto comune fra gente come lei, è la pretesa di voler dettare le regole non avendo neanche i requisiti culturali ed intellettivi idonei a scriverle.

    quindi continui tranquillamente ad utilizzare quello che le piace e la fa sentire così "cool" ed altrettanto "geek"... se è quanto le serve buon per lei, altrimenti apra la mente e non faccia in modo che siano altri a scrivervi sopra i propri slogan pubblicitari!
    non+autenticato
  • ----
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 luglio 2010 12.08
    -----------------------------------------------------------
  • Le prime versioni di KDE4 non sono mai state dichiarate stabile, è colpa di quelle distro Linux che lo includevano di default come DE facendolo passare per stabile quando non lo era.

    Preferisco Gnome per via della politica sulla stabilità, e questa decisione di rimandare il lancio ufficiale della futura versione non sorprende affatto.
  • IMHO è colpa di chi chiama un software 4.0 e al tempo stesso smette lo sviluppo del ramo "stabile"! Le distro semestrali qualcosa si nuovo devono pur pubblicare....