Alfonso Maruccia

Linux 2.6.35, il nuovo Pinguino dell'imperatore Linus

Il mantainer di Linux ha distribuito l'ultima release del suo kernel open source. Corpose e interessanti le novità, con la prospettiva di futuri miglioramenti. Incluso qualche avvertimento a non tirare troppo la corda

Roma - Linus Torvalds ha annunciato la disponibilità della nuova versione di Linux, il kernel del Pinguino che arriva così alla versione 2.6.35. Che si tratti di bugfix o nuove funzionalità, Linux 2.6.35 chiude un ciclo di sviluppo e ne apre immediatamente un altro che già si prospetta ricco di novità e discussioni in seno alla community open source.

Visto dalla prospettiva dell'utente finale, il corposo elenco di miglioramenti, correzioni di bug e nuove caratteristiche tocca un gran numero di sottosistemi e ambiti di utilizzo: dal risparmio energetico sulle schede grafiche e i processori al miglior sfruttamento della potenza dei processori multi-core, dall'accelerazione hardware dei flussi video H.264 - con le istruzioni incluse nelle ultime CPU Intel - alla virtualizzazione, al sottosistema di memoria, ai file system, al networking.

Il networking in particolare riserva una delle novità più interessanti di Linux 2.6.35: l'ultima revisione del kernel del Pinguino implementa le tecnologie Receive Packet Steering (RPS) e Receive Flow Steering (RFS) di Google, entrambe pensate per incrementare le transazioni-per-secondo (tps) e il volume di traffico di rete sui sistemi multi-core.
RPS serve a distribuire i pacchetti di rete in arrivo su tutte le CPU (e i core) disponibili sulla macchina, mentre RFS si incarica di calcolare quale CPU/core sia più adatto a processare i suddetti pacchetti di dati. I risultati delle due nuove tecnologie si misurerebbero in un incremento di tps da 104mila a 303mila sfruttando il doppio della potenza del processore (61% contro il 30% senza RPS/RFS).

Linux è arrivato a una nuova release ma lo sviluppo sul kernel naturalmente non si ferma, anzi: nell'annunciare il nuovo Linux, Torvalds coglie l'occasione per avvertire tutti coloro che contribuiscono al codice del kernel di fare attenzione a quel che sottopongono ai mantainer del progetto per la prossima versione del Pinguino e di non trasformare Linux-next in un codice instabile difficile da gestire.

Instabilità a parte, il prossimo Linux dovrebbe portare in dote la funzionalità AppArmor, grazie alla quale gli admin avranno la possibilità di stabilire criteri di accesso stringenti per ogni software Linux, mitigare i danni in caso di exploit di vulnerabilità e rafforzare la sicurezza dell'intero sistema. AppArmor non è sin qui riuscita ad approdare nel kernel ufficiale, ma dopo oltre quattro anni la funzionalità potrebbe divenire parte integrante di Linux grazie al mantainer del sottosistema di sicurezza James Morris.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaAMD aggiorna il suo driver video per LinuxDisponibile una nuova versione per Linux del driver ATI Catalyst. Introduce il supporto ufficiale alle più recenti specifiche OpenGL e promette migliori performance nel 2D
  • AttualitàUNIX, l'appello di SCO. DisperatoIl morto vivente che rivendica diritti su UNIX riprova a mordere Novell chiedendo nuovi giudizi e - se necessario - nuovi processi. SCO non ha un soldo né un business, ma gli azzeccagarbugli ancora scribacchiano
  • TecnologiaDell saluta Linux, Dell rilancia LinuxPerplessità tra i sostenitori dell'open source per l'apparente cambio di direzione del produttore statunitense. Dell abbandona i sistemi dotati di Ubuntu Linux, si dice. Intervengono dagli USA: tutto ok, proseguiamo col Pinguino
130 Commenti alla Notizia Linux 2.6.35, il nuovo Pinguino dell'imperatore Linus
Ordina
  • a forza di aggiungere tutto nel kernel, prima o poi scoppia!
    non+autenticato
  • Rispetto a prima è comunque più modulare .. anche si tecnicamente rimane sempre un macrokernel
    non+autenticato
  • sara' anche ciccione, ma basta che te lo ricompili con solo quello che ti serve e ridiventa anoressico come piace a te!
    non+autenticato
  • moduli? fuse? non ti dicono niente suppongo
    non+autenticato
  • e se microsoft facesse come ubunto e cambiasse il suo kerner ciofeca e usasse il kerner di ubunto?
    non so se é possibile per via delle licenze di Mark Schuttelwite ma sarebbe un passo avanti x i tanti utilizzatori del so ciofeca.
  • sei ingengere pure tu?
    non+autenticato
  • - Scritto da: il polemico
    > sei ingengere pure tu?

    pensi che bisogna essere ingegneri x usare ubunto?
  • - Scritto da: hacher
    > e se microsoft facesse come ubunto e cambiasse il
    > suo kerner ciofeca e usasse il kerner di
    > ubunto?
    > non so se é possibile per via delle licenze di
    > Mark Schuttelwite ma sarebbe un passo avanti x i
    > tanti utilizzatori del so
    > ciofeca.

    il bloatware riesce a farlo in casa.
  • Si.. riscrivendo tutto ciò che gira intorno al kernel fatto fino a oggi... mesà che te mancano proprio le basi
    non+autenticato
  • - Scritto da: Karciofen
    > Si.. riscrivendo tutto ciò che gira intorno al
    > kernel fatto fino a oggi... mesà che te mancano
    > proprio le basi

    L'ha fatto la apple ma M$ e' troppo piccola, certo... Probabilmente hanno meno sviluppatori.
    krane
    22544
  • Windows non è basato su unix, a differenza di MACOS, è un kernel completamente diverso, il file system su cui poggia non è nemmeno paragonabile ai vai HFS,EXTx,XFS con tutto ciò che ne consegue a livello di diritti e struttura dei nodi ... ci vorrebbero anni e anni
    non+autenticato
  • - Scritto da: Karciofen
    > Windows non è basato su unix, a differenza di
    > MACOS, è un kernel completamente diverso, il file
    > system su cui poggia non è nemmeno paragonabile
    > ai vai HFS,EXTx,XFS con tutto ciò che ne consegue
    > a livello di diritti e struttura dei nodi ... ci
    > vorrebbero anni e anni

    E allora ?
    Neanche mac os 9 non era basato su unix, vabbe' se non sono capaci che lo dicano Rotola dal ridere apple e' sempre apple, altra classe vero ruppolo ?
    krane
    22544
  • Tanto per dirne una pensa a riscrivere a un prodotto come ISA Server per adattarlo alla nuova implementazione dello stack TCP/IP...mantenendo al contempo lo sviluppo per le patch per le versioni già vendute e in produzione basate sul vecchio kernel...

    Riadattare di conseguenza tutte le applicazioni aziendali tipo Exchange, Sharepoi , SQL Server...

    Apple ha un parco di prodotti decisamente più ridotto, poi a quei tempi IPhoto non c'aveva il riconoscimento "chiappale"....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Karciofen
    > Tanto per dirne una pensa a riscrivere a un
    > prodotto come ISA Server per adattarlo alla nuova
    > implementazione dello stack TCP/IP...mantenendo
    > al contempo lo sviluppo per le patch per le
    > versioni già vendute e in produzione basate sul
    > vecchio kernel...

    Bhe, in effetti visto che non sono stati capaci neanche di scrivere lo stack TCP IP ma hanno dovuto copincollarlo, e' difficile che siano capaci di adattarvi i loro stessi programmi.

    > Riadattare di conseguenza tutte le applicazioni
    > aziendali tipo Exchange, Sharepoi , SQL Server...

    Emmm... Stai citando programmi che girano anche su Mac OS X... Ma hai ragione, non sono capaci di riscriverli sono M$ Rotola dal ridere

    > Apple ha un parco di prodotti decisamente più
    > ridotto, poi a quei tempi IPhoto non c'aveva il
    > riconoscimento "chiappale"....

    A bhe allora... Questo spiega tutto: hanno sfruttato una congiunzione astrale favorevole.
    krane
    22544
  • Che Exchange Server giri su MACOSX non mi risulta, nemmeno ISA Server... infatti su MACOSX per il firewall utilizzi ipfw che è BSD, l'attuale kernel di MACOSX è un derivato...non è la stessa cosa...
    non+autenticato
  • Cosa succederà?
    Secondo me appariranno fork del kernel a bizzeffe,
    ognuno farà la guerra agli altri.
    non+autenticato
  • Dipende a chi Linus deciderà di vendere il nome (che non è open è suo).
    non+autenticato
  • Semplicemente finirà un'era!
  • - Scritto da: MAH
    > Cosa succederà?
    > Secondo me appariranno fork del kernel a bizzeffe,
    > ognuno farà la guerra agli altri.

    Nessuno sentirà la mancanza di un esaltato che sostiene la superiorità assoluta di C vs C++, così come dei kernel monolitici vs microkernel.
    Ci sarà sicuramente qualcuno più bravo di lui (ce ne sono tantissimi al mondo), con concezioni meno "vecchie" e magari anche più simpatico.
  • - Scritto da: Uau (TM)
    > - Scritto da: MAH
    > > Cosa succederà?
    > > Secondo me appariranno fork del kernel a
    > > bizzeffe, ognuno farà la guerra agli altri.

    > Nessuno sentirà la mancanza di un esaltato che
    > sostiene la superiorità assoluta di C vs C++,
    > così come dei kernel monolitici vs
    > microkernel.
    > Ci sarà sicuramente qualcuno più bravo di lui (ce
    > ne sono tantissimi al mondo), con concezioni meno
    > "vecchie" e magari anche più simpatico.

    E perche' costui dovremme mettersi a seguire il kernel invece di andare a lavorare in tv ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    >
    > E perche' costui dovremme mettersi a seguire il
    > kernel invece di andare a lavorare in tv
    > ?

    Perchè non sarà di certo un italiano! "Uomini e tro...ehm donne" non c'è mica in tutto il mondo sai.
  • - Scritto da: Uau (TM)
    > Nessuno sentirà la mancanza di un esaltato che
    > sostiene la superiorità assoluta di C vs C++,
    > così come dei kernel monolitici vs
    > microkernel.

    si certo

    considerando il numero dei server linux,se consideriamo quello che ha "portato" indirettamente, se consideriamo pure il business che si è creato,forse non ha proprio visto sbagliato
    non+autenticato
  • mmm hai cambiato idea sui microkernel? giorni fa dicevi che microkernel=embedded=realtime

    che c'è, pur di trollare, stravolgi pure le tue convinzioni?
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > mmm hai cambiato idea sui microkernel? giorni fa
    > dicevi che
    > microkernel=embedded=realtime
    >
    > che c'è, pur di trollare, stravolgi pure le tue
    > convinzioni?

    ???
    Il caldo ti fa dare i numeri? Beh non che cambi molto rispetto al solito A bocca aperta
  • > Nessuno sentirà la mancanza di un esaltato che
    > sostiene la superiorità assoluta di C vs C++,
    > così come dei kernel monolitici vs
    > microkernel.

    potevi spiegarglieli durante la discussione con tanenbaum.

    Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • già, così Torvalds e Tanenbaum avrebbero trovato qualcuno da prendere in giroA bocca aperta
    non+autenticato
  • peccato che nessuna applicazione usa queste novità, quindi pressochè inutile
    non+autenticato
  • Allora, non devi far altro che aggiungerne il supporto: puoi farlo, se ci tieni tanto, visto che la maggior parte delle applicazioni linux sono open source.
    non+autenticato
  • Ti si é leso il kernel del cervello? Ho capito bene?
    non+autenticato
  • No, tu sei un troll e non capisci niente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: fan
    > peccato che nessuna applicazione usa queste
    > novità, quindi pressochè
    > inutile

    Hai ragione! E' inutile sviluppare nuove tecnologie e aggiungere nuove funzionalità...tanto le vecchie applicazioni non le usano.
    Quanta stupidità...
  • - Scritto da: fan
    > peccato che nessuna applicazione usa queste
    > novità, quindi pressochè inutile

    E si, come il file system, nessun programma lo usa perche' non cel'hanno implementato dentro.
    krane
    22544
  • - Scritto da: fan
    > peccato che nessuna applicazione usa queste
    > novità, quindi pressochè
    > inutile

    Hai scritto una castroneria!

    Sono funzionalità gestite direttamente dal kernel e non dalle applicazioni.
    Le applicazioni richiedono un determinato servizio al kernel e il kernel lo fornisce; altrimenti che kernel sarebbe?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Le applicazioni richiedono un determinato
    > servizio al kernel e il kernel lo fornisce;
    > altrimenti che kernel
    > sarebbe?

    appunto, se l'applicazione non richiama tale API, non sarà mai sfruttata!
    non+autenticato
  • Quindi tu scriveresti prima l'applicazione che richiama l'API e poi le API?

    Apposto... mo semo tutti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Karciofen
    > Quindi tu scriveresti prima l'applicazione che
    > richiama l'API e poi le API?

    > Apposto... mo semo tutti...

    Perdonalo, e' abituato a windows dove sono le applicazioni a doversi occupare della sicurezza, non il sistema operativo.
    krane
    22544
  • Linux è un kernel, non un S.O.

    Il sistema si chiama GNU/Linux.

    Che terribile errore! XDXDXD lol
    non+autenticato
  • Ormai solo quelli di Debian e di GNU lo chiamano g-nu-slesc-linucs. La gente normale e la stragrande maggioranza delle distro lo chiamano Linux o Linux based system.
    non+autenticato
  • > Ormai solo quelli di Debian e di GNU lo chiamano
    > g-nu-slesc-linucs. La gente normale e la
    > stragrande maggioranza delle distro lo chiamano
    > Linux o Linux based
    > system.

    è comunque una dicitura sbagliata
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > Sent from my iUbuntu.

    è vero, è bello come un'isola del pacifico.
    ma stai da solo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 1977
    > - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > > Sent from my iUbuntu.
    >
    > è vero, è bello come un'isola del pacifico.
    > ma stai da solo.

    Non credo, io sto spedendo il mio post da mandriva 2010.
  • - Scritto da: Sandro kensan
    >
    > Non credo, io sto spedendo il mio post da
    > mandriva
    > 2010.

    ... e io da Slackware 13.1

    Inoltre, anche il nostro amicone Steve Ballmer mostra un grafico per affermare che la quota di mercato di Linux è nettamente superiore a quella di Apple!

    http://www.osnews.com/story/21035/Ballmer_Linux_Bi...

    Il grafico a torta mostra una quota Linux addirittura doppia rispetto a quella Apple!

    Ballmer sarà pure un trollone, ma quei dati ogni tanto vengono fuori anche da altre fonti; solo la mistificazione mediatica porta a far credere che Linux abbia solo l'1% del mercato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > - Scritto da: Sandro kensan
    > >
    > > Non credo, io sto spedendo il mio post da
    > > mandriva
    > > 2010.
    >
    > ... e io da Slackware 13.1
    >
    > Inoltre, anche il nostro amicone Steve Ballmer
    > mostra un grafico per affermare che la quota di
    > mercato di Linux è nettamente superiore a quella
    > di
    > Apple!
    >
    > http://www.osnews.com/story/21035/Ballmer_Linux_Bi
    >
    > Il grafico a torta mostra una quota Linux
    > addirittura doppia rispetto a quella
    > Apple!
    >
    > Ballmer sarà pure un trollone, ma quei dati ogni
    > tanto vengono fuori anche da altre fonti; solo la
    > mistificazione mediatica porta a far credere che
    > Linux abbia solo l'1% del
    > mercato.

    AHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAH Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • che c'è non puoi confutarlo dicendo che è fuffa cantinara perchè l'ha postato Ballmer?

    GET THE FACTS Rotola dal ridere

    Ballmer di certo ha fonti più che attendibili
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)