Luca Annunziata

Houston, abbiamo dell'ammoniaca

La Stazione Spaziale Internazionale è nel pieno di un lavoro di riparazione idraulico. Che non procede per il meglio. Gli astronauti si preparano a una seconda passeggiata spaziale, fondamentale per il futuro della ISS

Roma - C'è voluto più tempo del previsto, e probabilmente serviranno 3 passeggiate spaziali per risolvere il guasto: dalla scorsa settimana il sistema primario di dissipazione termica della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) è in avaria, e il primo tentativo di ripararlo non è andato al meglio. Nonostante l'attività extra-veicolare (EVA) sia durata oltre 8 ore, i due componenti dell'equipaggio usciti dal modulo spaziale hanno portato a termine circa la metà dei compiti assegnati: e l'evoluzione della situazione ha complicato ulteriormente le procedure di riparazione.

L'ISS, che orbita attorno alla Terra a circa 350 chilometri di altitudine di media, è esposta alla luce diretta del Sole per alcune ore al giorno: la mancanza di un'adeguata schermatura da parte dell'atmosfera genera un surriscaldamento del lato soleggiato, che unito alla normale produzione di calore dei dispositivi a bordo può portare la temperatura esterna dello scafo fino a ben oltre 100 gradi. Allo stesso modo, la parte che resta in ombra vede calare la sua temperatura fino a parecchi gradi sotto lo zero: in mancanza di un adeguato sistema di termoregolazione, che rimetta in equilibrio queste differenze marcate, la struttura e chi vive al suo interno potrebbero essere messi seriamente a rischio. In ogni caso, il sistema di dissipazione interessato è del tutto indipendente dal supporto vitale.

La rottura nel circuito primario di raffreddamento, a cui al momento sopperisce il circuito secondario, è una faccenda da non sottovalutare: per questo, nel giro di poche ore, la NASA e gli altri consorzi spaziali coinvolti nella gestione della ISS hanno provveduto a inserire in calendario almeno due sessioni EVA per provvedere alla manutenzione necessaria. In tutto, con il contributo di due astronauti (Tracy Caldwell Dyson e Douglas Wheelock) e del braccio robotico installato sull'esterno del modulo, sono circa una dozzina i compiti da portare a termine: interruzione del flusso in 4 tubi che trasportano ammoniaca a pressione, interruzione di cinque linee elettriche, rimozione e sostituzione della pompa e ripristino delle condizioni iniziali.
Sebbene sin da prima della sessione EVA svoltasi sabato fosse noto che sarebbero state necessarie due passeggiate, l'evolversi della faccenda ha complicato il quadro: tre dei quattro tubi che trasportano ammoniaca sono stati scollegati e deviati sul percorso secondario al primo colpo, mentre l'ultimo (il più grande del lotto) ha rifiutato inizialmente di svitarsi, e in seguito ha anche perso quantità modiche del liquido in esso contenuto. Ci sarebbe il mancato funzionamento di alcune valvole di sicurezza a monte del problema e, nonostante i due astronauti USA siano rimasti fuori oltre il limite di tempo previsto inizialmente, al momento l'intera procedura ha subito un certo ritardo nella tabella di marcia in attesa per altro di una soluzione che ovvi allo stallo attuale.

Il rischio della situazione è duplice, se non addirittura triplo: da un lato la perdita rischia di compromettere l'integrità del sistema di raffreddamento, nonché dell'atmosfera interna alla ISS se non si presta la massima attenzione ad attendere l'evaporazione dei cristalli di ammoniaca formatisi dopo la perdita. Inoltre, l'eccessiva perdita di liquido da parte del circuito di refrigerazione potrebbe rendere vana anche una riparazione coronata dal successo, sebbene sia presente ammoniaca di riserva in appositi serbatoi e si possa anche procedere a un tentativo di "rabbocco". Infine, come detto, la mancanza di un doppio dispositivo di raffreddamento funzionante (il principale più quello secondario) comprometterebbe in maniera significativa i parametri di funzionamento a bordo della ISS.

La prossima passeggiata è prevista per mercoledì, ma allo stato dei fatti sarà probabilmente necessario programmarne una terza per completare le riparazioni: sarà un momento critico per il futuro della ISS, anche alla luce della recente approvazione di un aumento del budget USA per le missioni spaziali, che punta ad estendere le attività della Stazione Spaziale ben oltre il 2016 inizialmente fissato, probabilmente fino al 2020. A tale scopo, è stata proposta un'ulteriore missione Shuttle oltre quelle inizialmente previste prima del ritiro della navicella, oltre a un cospicuo investimento in un rimpiazzo per la stessa categoria di vascelli.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • AttualitàShuttle, missione rinviataPosticipato il pensionamento dello storico programma di voli spaziali statunitensi. Nel mentre alla Stazione Spaziale si è rischiato l'incidente e il Pentagono si prepara a lanciare satelliti avvista-spazzatura
  • AttualitàFalcon 9 si prenota un posto dopo lo ShuttleIl vettore creato da SpaceX arriva in orbita. Risultato positivo con tanto di falsa partenza. E molte speranze per il futuro dell'esplorazione spaziale in mano ai privati
  • AttualitàSpazio, ultima frontiera di paceLa Casa Bianca distilla la nuova politica dell'esplorazione spaziale a stelle e strisce: tanta cooperazione tra le nazioni, ma al netto dei cinesi. E comunque lassù niente sesso: siamo astronauti
69 Commenti alla Notizia Houston, abbiamo dell'ammoniaca
Ordina
  • Si deve usare per forza questa brutta espressione da giornale generalista, anche su PI?Occhiolino

    Suona veramente orrendo, per il significato che si attribuisce alla parola passeggiata in italiano, definire tali delle missioni altamente rischiose e critiche...
    E' come dire "gli esperti hanno fatto una passeggiata nucleare per risolvere il problema nel reattore", "i robot hanno fatto una passeggiata sottomarina per tappare la falla della BP"A bocca aperta
  • - Scritto da: desyrio
    > Si deve usare per forza questa brutta espressione
    > da giornale generalista, anche su PI?
    >Occhiolino
    >
    > Suona veramente orrendo, per il significato che
    > si attribuisce alla parola passeggiata in
    > italiano, definire tali delle missioni altamente
    > rischiose e
    > critiche...
    > E' come dire "gli esperti hanno fatto una
    > passeggiata nucleare per risolvere il problema
    > nel reattore", "i robot hanno fatto una
    > passeggiata sottomarina per tappare la falla
    > della BP"
    >A bocca aperta

    Hai ragione... adesso è trendy parlare di 'esperienze'... Mio cugino, avendo avuto un problema idraulico a casa, è stato costretto a fare delle esperienze in campestriSorride
    non+autenticato
  • Anche mio cuggino ha avuto dei problemi "idraulici" che lo costringevano a delle "passeggiate esterne"...Occhiolino
    non+autenticato
  • io per esempio come tuo cugino , mi fermavo dietro un muretto e tiravo fuori dell'ammoniaca,prima la regalavo all'esercito.Ora si spreca.Questo non va bene..Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
  • Con un fluido adeguato dentro....(forse anche anche semplice.... aria... 70% di azoto... ecc.. ecc..)
    le differenze termiche come insegna la termodinamica lo manterrebbero in movimento... e compenserebbero le differenze di temperatura o no?

    Mah... troppi ingegneri e pochi fisici.... deve essere questo il problema!
    Avrebbe detto il professor Ferretti ordinario di Fisica teorica e "ex ragazzo" di via Panisperna (nonchè mio esimio maestro all'epoca della mia frequenza alle sue lezioni).
    non+autenticato
  • è già così che funziona (in parte)

    ci sono enormi radiatori sulla ISS

    ma è una struttura enorme, la sola spinta "idraulica" non basta per rendere il tutto efficiente come dovrebbe: infatti una parte dei dispositivi è spenta al momento
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > è già così che funziona (in parte)
    >
    > ci sono enormi radiatori sulla ISS
    >
    > ma è una struttura enorme, la sola spinta
    > "idraulica" non basta per rendere il tutto
    > efficiente come dovrebbe: infatti una parte dei
    > dispositivi è spenta al
    > momento
    Io infatti non ho detto idraulica ho detto termica!
    Che abbiano radiatori non lo metto in dubbio (è inevitabile) io discuto appunto del principio.
    Le differenze di temperatura si sfruttano (da mo) per creare energia e a vantaggio del riequilibrio che (come TERMODINAMICA e non IDRAULICA insegna tendono al riequilibrio se non impedite dal "vuoto").
    A volte ci sono errori banali anche in imprese che costano miliardi fitti!
    L'esempio più clamoroso è quello che costò la vita a Virgil Grissom Edward White e Roger Chaffee.
    Qualcuno disse "per quale motivo abbiamo costruito una bomba e l'inferno riempiendo di ossigeno la capsula invece che con normale aria?"
    Il motivo non fu trovato... (qualcuno ha detto "sembrava una buona idea")... ma hanno smesso di metterci ossigeno puro!

    A volte le cose sono più semplici di come sembrano!
    (e sondo il personalissimo parere di Ferretti, pace all'anima sua, quasi sempre più semplici di come se le immagina un ingegnere)....
    non+autenticato
  • le hai viste le virgolette attorno a "idraulica"?

    l'abbiamo fatti tutti (o quasi) gli esami di fisica, fisica tecnica ecc, ma ciò non toglie che nessuno di noi collabora alla costruzione e gestione della ISS...Occhiolino
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > le hai viste le virgolette attorno a "idraulica"?
    >
    > l'abbiamo fatti tutti (o quasi) gli esami di
    > fisica, fisica tecnica ecc, ma ciò non toglie che
    > nessuno di noi collabora alla costruzione e
    > gestione della ISS...
    >Occhiolino

    Ah ho capito adesso la reazione inviperita è dovuta alla innocente battuta del povero professor Ferretti!
    Potevi dirlo subito che sei un ingegnere "riciclato"!
    Occhiolino
    Non è mica un caso unico eh!
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > insistiA bocca aperta
    Certo dato che a quanto pare vuoi a tutti i costi confermare che il prof. Ferretti aveva degli ottimi motivi per avere il suo "innocente" pregiudizio!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • ritenta, sarai più fortunatoSorride

    era dai temi di Alex Rossi che non mi divertivo così...
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > ritenta, sarai più fortunatoSorride
    >
    > era dai temi di Alex Rossi che non mi divertivo
    > così...
    1) Chi è alex rossi?
    2) Perchè dovrei essere "più fortunato"?
    Sei un caso appunto "da manuale".... direi che sono già stato "molto fortunato" magari se beccavo un "filosofo" o un "matematico" mi andava peggio!
    Ficoso
    non+autenticato
  • non preoccuparti, puoi continuareSorride

    se non ti dispiace, ripasso solo ogni tanto a controllare, nel frattempo tengo in ordine il resto...
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > non preoccuparti, puoi continuareSorride
    >
    > se non ti dispiace, ripasso solo ogni tanto a
    > controllare, nel frattempo tengo in ordine il
    > resto...
    Grazie!
    sig "inge(n)iere"....
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Ma gli articoli li scrivete con notepad?Deluso
  • no, con il pallottoliere

    ?
  • capit

    non lo segnala perché huston esiste, con la lettera grande poi è peggio