Luca Annunziata

Un tablet? Uno smartphone? No, è Dell Streak

È più piccolo di un tablet, più grande di un cellulare o di un player multimediale portatile. Fa telefonate, e si può usare per navigare. Esce domani, tra i mugugni degli addetti ai lavori

Roma - Non è un tablet, non nel senso stretto del termine. Non è un cellulare, viste le dimensioni. E non è neppure un prodotto della stessa categoria di un iPod Touch: il Dell Streak è un MID unito a un telefono, un apparecchio pensato cioè per la connettività ubiqua, un'idea che circolava a cavallo tra 2008 e 2009 e non ha mai preso particolarmente piede. Ora però l'azienda USA decide di provarci, e lancia sul mercato il suo mini-tablet/telefono da 5 pollici equipaggiato con Android. Raccogliendo qualche scetticismo tra gli osservatori, interdetti per le scelte di prezzo e non solo riguardo il nuovo nato: ai più sembra destinato a battersi, e non sarà una sfida facile, con il tablet iPad più che con gli smartphone.

Tecnicamente Streak non è messo male: buono schermo da 5 pollici, fotocamera da 5 megapixel con flash, connettività 3G HSDPA, WiFi e Bluetooth. Non manca il GPS, un lettore di card microSD fino a 32GB che si aggiungono ai 512MB di ROM, i 512MB di RAM e i 2GB di memoria su un'altra microSD presente a bordo (e non accessibile all'utente) che si possono usare per archiviare le applicazioni. La CPU è un ottimo Snapdragon da 1GHz. Il problema di Streak è l'OS: monta Android, ma la versione 1.6 vecchia ormai quasi un anno, e l'azienda non prevede di aggiornarlo alla 2.2 (Froyo) se non al volgere del 2010. Inutile dire che, naturalmente, fioriranno le ROM non ufficiali "cucinate" appositamente per il dispositivo: ma l'idea di lanciare un prodotto con una release di Android vecchia, e di aggiornarlo alla attuale quando la successiva (3.0, Gingerbread) sarà alle porte, ha fatto arricciare più di qualche naso.

Altro fattore che gioca a sfavore è il prezzo. Chi desidera acquistarne uno potrà optare per la versione abbinata a un contratto biennale con AT&T al prezzo di 300 dollari più le rate mensili dell'abbonamento, oppure optare per la versione "libera" (ma SIM-locked, e visto quello che si dice della rete AT&T...) al costo di 550 dollari (più le tasse). Streak è un telefono, nel senso che ha un modulo di connessione 3G ed è equipaggiato per le chiamate GSM: ma le sue dimensioni difficilmente lo renderanno adatto a finire nelle tasche dei jeans. Eppure, se come pare scontato il MID Dell andasse confrontato con l'offerta Apple o Motorola, Streak costerà più di un iPod Touch (che ha solo il WiFi), di iPhone 4 e di un Droid X nella versione con contratto, e più di iPad WiFi nella versione semi-libera (e appena 50 dollari in meno di iPad 3G).
Resta da capire, se questi sono i prezzi dell'unità da 5 pollici, quanto potranno costare le future versioni da 7 e 10 pollici: esistono interpretazioni diametralmente opposte sulla lungimiranza della scelta operata da Dell, ma è indubbio che questo tipo di prodotto - come sempre accade per i compromessi tra diversi formati, in questo caso tra tablet e smartphone - finisca inevitabilmente per risultare interessante per una nicchia più che per la totalità dei consumatori. Il lancio nel Regno Unito, avvenuto a giugno, parrebbe confermare questa ipotesi.

In definitiva, per il tablet Dell non esiste una previsione chiara sul successo o insuccesso dell'operazione. A suo vantaggio va ricordato che si tratta di uno dei pochi prodotti di questa categoria visti al CES 2010 che finalmente trovano la strada del mercato: resta da capire, visto che si tratta di un pezzo grosso come e quanto Apple, se l'azienda di Cupertino abbia qualcosa da temere dal primo approccio della concorrenza al campo dei tablet.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • TecnologiaIl caldo scioglie il vaporware del CES Cancellato lo smartphone First Else, rimandati ancora gli smartbook Lenovo, posticipato il Que di Plastic Logic. Poche conferme, molte perplessità per i prodotti che avevano fatto parlare di sé a Las Vegas
  • TecnologiaQUE addio, Adam arrivederci Plastic Logic cancella il suo tablet per professionisti, rimandando a un futuro prodotto. Ma discute di spostarsi in Russia. Notion Ink scopre le sue carte e spiega il perché dei ritardi
48 Commenti alla Notizia Un tablet? Uno smartphone? No, è Dell Streak
Ordina
  • Vi devo dire che e' un prodotto molto valido,io o una Sim Vodafone e va benissimo,sono contento di averlo .
    non+autenticato
  • Ho acquistato questo prodotto 15 giorni fa, con Android 2.1 e ora l'ho aggiornato via OTA a 2.2. Provengo da acquisti di terminali HTC, non ultimo il Desire HD, che ritengo un ottimo smartphone, ma questo oso dire che puo' battere questo standard. Dipende sempre da una persona cosa vuole. Il processore gira piu' rapidamente a parita' di frequenza e senza overclock. La fluidità della navigazione è migliore e la risposta anche utilizzando la rete mobile come connessione e' ottima (io ho TIM). Per il resto tutto nella norma per Android, buone applicazioni e grandissima scelta, navigatore perfetto (sia Copilot che Sygic Aura) lettore audio/video di qualita' (meglio utilizzare mixzing). La funzione telefono e' quasi un optional, ma si comporta molto bene. Per chi vuole acquistare questo tabletphone (come lo chiamo io) suggerisco di scordarsi le tasche come custodia e di utilizzare sempre un auricolare per non farsi venire i crampi al braccio dopo 20 minuti di telefonata.
    non+autenticato
  • Mi trovo in UK e "non ho resistito".
    Avevo un HTC tatoo che ha un hardware schifosissimo.
    Certo questo costa il doppio, ma:
    - prende il segnale GPS al volo;
    - mi carica le pagine anche "complesse" in una frazione di quanto ci metteva il Tatoo (anche dopo reset);
    - il segnale finalmente e' decente (anche se devo ancora proparlo in zona collinare tipica italiana dove l'HTC le prendeva di botto anche dal mio vecchio nokia);
    - la camera e' un clicca-mette a fuoco-riclicca (con tasto dedicato) che, di nuovo, non ha paragoni con quella del Tatoo;
    - la batteria tutto sommato, e nonostante l'amplio display, e' piu' che decente... si ricarica la notte come tutti gli smartphone attuali.

    Adesso.. un discorso sulle dimensioni. Ma che son tutte ste balle markettare del "tablet"?? Questo NON E' UN TABLET.. e' uno smartphone con un ampio e leggibilissimo display, in realta' solo un po' piu' grande di modelli come il Samsung Galaxy S o il Motorola Droid X. In realta' in tasca (o nel marsupio) ci sta benissimo e anche telefonare e' "normalissimo" (e si sente veramente bene).
    Solo, finalmente, si riesce a leggere la maggior parte delle pagine web senza doverle ridimensionare. E scusate se e' poco!
    In UK la dell lo vende con microSD di 16 GB (non ho capito il commento sui 2GB) a 450 sterline, trasporto incluso, circa 540 euro.. non poi cosi' alto rispetto agli altri modelli di punta qui in Italia.

    (PS.. in giro circola gia' un leak del firmware 2.1 ma solo per i cellulari loccati con l'operatore inglese O2.. video 720 e tastiera migliorata.. spero solo che arrivi presto il firmware "ufficiale" per Froyo)
  • Una nota: le 450 sterline sono per il modello unlocked. Quello pay-as-you-go ma locked all'operatore O2 costa 400.
  • Bella nicchia di mercato che occupa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: hollywood
    > Bella nicchia di mercato che occupa.

    Beh, poteva avere qualche speranza di success(ino), ma il prezzo le spazza via tutte. 200$/euro di troppo non andranno giù a molti, e lo schermo XL non basta a compensare la cosa. Probabilmente i possibili acquirenti dello Streak si butteranno più facilmente su Motorola o HTC (con Android, ovviamente), a questo punto...
    non+autenticato
  • Tutti fini analisti da queste parti?

    È come col calcio, tutti CT...
    iRoby
    8343
  • Bella la strategia di AT&T. E' una delle più odiate in america, ma invece di investire per migliorare i servizi, invece di abbassare i prezzi, preferisce pagare profumatamente i produttori perche gli consegnino i clienti ben legati.
    guast
    1319
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)