Gaia Bottà

Cookie, indigesti ai minori

Sotto accusa colossi dei media come Disney e Warner. I cookie zombie non risparmiano i minori, consentono di mappare le loro abitudini. E continuano a non morire

Roma - Consentono di elaborare una mappa delle abitudini, degli interessi, delle caratteristiche di un cittadino della rete, permettono di associare informazioni rastrellate mentre l'individuo zigzaga online su uno dei siti partner delle aziende che li somministrano fino a creare profili dettagliati. I cookie di Flash sono al centro di una seconda causa statunitense: a doversi difendere dalle accuse di un nugolo di genitori di minorenni, colossi del calibro di Disney e Warner, che si appoggiano ai servizi di advertising basati su widget di Clearspring Technologies.

Sfuggono al controllo degli utenti, restituiscono vita ai cookie cancellati in precedenza per continuare a tracciare: che si tratti o meno di una caratteristica accidentale, il tracciamento non si arresta con l'immediatezza dell'ordinaria procedura mediata dal menù del browser. E coinvolge informazioni che ricadono nella sfera dei dati sensibili, senza risparmiare i più piccoli. Per questo motivo due studi legali, Parisi & Havens e Joseph Malley, hanno esteso il loro raggio di azione spinti dalla denuncia di un gruppo di famiglie statunitensi: alla prima accusa, rivolta contro Quantacast e depositata nelle scorse settimane, si è aggiunto un secondo procedimento contro Clearspring, un altro grande operatore del settore, e i suoi clienti. Fra i siti che impiegano il servizio, quelli di Disney e Warner, meta di minori e non: stando a quanto descritto nel documento depositato presso la Corte Distrettuale del Central District of California, Clearspring inietta nelle macchine di coloro che visitano i siti dei suoi affiliati "strumenti di tracciamento online che permettono di accedere e mostrare le attività online degli utenti di Internet".

Strumenti che permetterebbero, spiegano gli avvocati nel documento, di ricostruire i tracciati compiuti in rete degli utenti, da qualsiasi postazione di colleghino. E non si tratta solo delle preferenze con cui si è soliti fruire di video: consentirebbero di costruire la storia del singolo consumatore online, di quello che acquista, di quello che vede, di quello che legge, dati che se aggregati consegnano nelle mani di chi fosse interessato un profilo abbastanza realistico relativo ad aspetti della vita quali le condizioni di salute, l'orientamento politico o sessuale. Ad essere coinvolte, anche informazioni precise come indirizzo, email e numero di telefono consegnati dai netizen a siti che li richiedessero, dati su età e sesso, sul livello di istruzione e di reddito.
La denuncia? Clearspring e i suoi affiliati agirebbero in violazione del Computer Fraud and Abuse Act, la legge statunitense che vigila sulle intrusioni informatiche, delle sezioni del Codice Penale della California che si occupano di reati mediati dalla tecnologia e di sconfinamenti nella sfera privata. L'accusa, come nel caso del procedimento contro Quantcast, cerca di ottenere lo status di class action e un risarcimento non ancora fissato.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, il ritorno dei cookie zombieClass action intentata contro svariati siti web, rei di aver sfruttato segretamente una tecnologia capace di far tornare in vita i tradizionali cookie eliminati dagli utenti. E Google presenta un'allarme per la privacy
  • AttualitàIl netizen è unico e distinguibileSconcertanti i risultati conclusivi dello studio di EFF sulla tracciabilità dei software di navigazione. Nella stragrande maggioranza dei casi ogni utente ha una sua impronta digitale unica che lo identifica a ogni URL visitato
  • AttualitàCassandra Crossing/ L'anonimato è una risorsadi Marco Calamari - Lo è per il cittadino, ma non per le aziende che vivono di dati da mettere a frutto. Che sfoggiano capriole retoriche per persuadere sudditi
  • AttualitàGoogle, tracciare scaldaLotte intestine per difendere la privacy e non cedere alle lusinghe della pubblicità comportamentale. La Grande G e l'evolvere delle sue strategie, fotografata da un documento che viene dal passato
36 Commenti alla Notizia Cookie, indigesti ai minori
Ordina
  • non e' una soluzione, certo, ma sicuramente una valida mossa per opporsi alla profilazione.
    Ogni volta - ripeto: OGNI VOLTA - che si vuole accedere al web occorre farlo tramite un live cd gnu/linux che lavora in ram e quindi "perde memoria" ogni volta che si spegne.
    In questo modo, si e' provilati volta per volta senza la possibilita' di far accumolare lo "storico", che e' la cosa importante per questi bastardi abili markettari.
    NOTA: ci sono altri trucchetti per poterlo fare anche da una distro gnu/linux installata.
    non+autenticato
  • Firefox o Chrome in versione "porn mode"??????
    non+autenticato
  • - Scritto da: Diabolik
    > Firefox o Chrome in versione "porn mode"??????
    Cosi' ti "ficeresti" delle scelte dei programmatori di firefox/crome... ma chorme non puo' essere degno di fiducia, al massimo crhomium.

    E poi, no, io intendevo dire che crei un utente con /home/nomeutente/.mozilla/firefox spostata in /dev/shm cosi' ad ogni shutdown la cache viene azzerata, ma ovvio funziona solo per firefox.
    Oppure meglio, sposti INTERAMENTE la home in /dev/ram ma in questo modo perderesti tutte le modifiche fatte, ma funzionerebbe per tutti i browser che si appoggiano su quel profilo.
    (ci devi lavorare un po' con qualche script creato ad hoc e lanciato al boot)
    non+autenticato
  • Si, ma intendevo dire che (teoricamente) utilizzando i due browser in "porn mode", i cookie non vengono salvati e, quindi, eviti di essere tracciato.
    Teoricamente anche con Tor potrebbe funzionare... (forse?)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Diabolik
    > Si, ma intendevo dire che (teoricamente)
    > utilizzando i due browser in "porn mode", i
    > cookie non vengono salvati e, quindi, eviti di
    > essere
    > tracciato.
    > Teoricamente anche con Tor potrebbe funzionare...
    > (forse?)

    E' il "teoricamente" che ti incula.
    Spostando le home sei a posto, usando una live cd sei ANCORA PIU' sicuro.
    Al limite, se vuoi flessibilita' e sicurezza, lanci una live cd all'interno di una virtual machine, cosi' hai un ambiente di navigazione sicuro ed al contempo sempre disponibile sulla tua piattaforma software abituale.
    non+autenticato
  • Dandoti ragione al 100% ci riprovo in altro modo:
    eseguendo i browser all'interno di Sandboxie, nel momento in cui esco dall'applicazione. vengono cancellate i cookie e, quindi, i tracciamenti...
    Corretto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Diabolik
    > Dandoti ragione al 100% ci riprovo in altro modo:
    > eseguendo i browser all'interno di Sandboxie, nel
    > momento in cui esco dall'applicazione. vengono
    > cancellate i cookie e, quindi, i
    > tracciamenti...
    > Corretto?
    non conosco sandboxie, per cui non sono in grado di risponderti.
    So solo che il mio sistema funziona, ancorche' un po' complicato; ma daltronde, "sicuro" e "facile" sono due cose opposte, non puoi avere l'una E l'altra allo stesso tempo.
    non+autenticato
  • Grazie, gentilissimo! Sorride
    non+autenticato
  • > NOTA: ci sono altri trucchetti per poterlo fare
    > anche da una distro gnu/linux
    > installata.

    Oppure, puoi fare quella che chiamano "installazione dei poveri": basta copiare l'ISO del live cd su hard disk, e poi usi alcune routine che te lo fanno partire. Io ho fatto così con una iso di knoppix.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > NOTA: ci sono altri trucchetti per poterlo fare
    > > anche da una distro gnu/linux
    > > installata.
    >
    > Oppure, puoi fare quella che chiamano
    > "installazione dei poveri": basta copiare l'ISO
    > del live cd su hard disk, e poi usi alcune
    > routine che te lo fanno partire. Io ho fatto così
    > con una iso di
    > knoppix.

    bella anche questa, unisci la velocita' dell'hard disk alla "staticita'" della iso.
    non+autenticato
  • In più, molte live cd ti permettono di operare solo in ram, o di configurare un hard disk virtuale (su file): se usi questo sistema, e ti configuri l'hard disk virtuale, puoi anche salvare le tue impostazioni, e in qualunque momento, cancellando un solo file, resetti tutto alle condizioni di partenza. Utilissimo quando vuoi smanettare con impostazioni di cui non sei sicuro: se incasini qualcosa, ti bastano pochi secondi per rimettere tutto a posto.
    non+autenticato
  • Prima gli danno le anfetamine ai propri figli (senza parlare della mer*a che mangiano) e poi si preoccupano se vengono spiati dalla disney...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ture muture
    > Prima gli danno le anfetamine ai propri figli
    > (senza parlare della mer*a che mangiano) e poi si
    > preoccupano se vengono spiati dalla
    > disney...

    Ma cosa c'entra? Tu quando si segnala un problema parli tirando fuori argomenti a caso che non c'entrano nulla per dire "eh va beh, ma ci sono altri problemi"? Se a una persona sovrappeso rigano la macchina tu gli dici "ma pensa a dimagrire"? Ma che discorsi sono? Mah!
    non+autenticato
  • Mi sa che non hai capito il punto della questione.
    "oh mio dio! mio figlio viene spiato! Gli possono proporre delle pubblicità su cose che gli interessano!" (perchè alla fine di questo si tratta tutto il resto sono complottismi del cavolo e mai provati).

    Invece di pensare a cose moolto più allucintanti, come al solito pensano alle stron*ate (o magari se possono farci i soldi).

    Ah, il paragone non regge, li si subisce un danno, con i cookie no.
    non+autenticato
  • Si a parte la Disney che cerca solamente "tracciati" commerciali, ci potrebbe essere chi si rivolge a tali aziende o usa i dati raccolti
    per azioni molto più illegali di sapere che film guardi... E poi se una cosa è vietata dalla legge va punita altrimenti sai da dove parti
    ma non dove arrivi...
    Paperolibero
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paperoliber o
    > Si a parte la Disney che cerca solamente
    > "tracciati" commerciali, ci potrebbe essere chi
    > si rivolge a tali aziende o usa i dati
    > raccolti
    > per azioni molto più illegali di sapere che film
    > guardi... E poi se una cosa è vietata dalla legge
    > va punita altrimenti sai da dove
    > parti
    > ma non dove arrivi...
    > Paperolibero
    quindi se l'omicidio non sarebbe vietato dalla legge secondo te le persone sarebbero giustificate a farlo? ma va va
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > - Scritto da: Paperoliber o
    > > Si a parte la Disney che cerca solamente
    > > "tracciati" commerciali, ci potrebbe essere chi
    > > si rivolge a tali aziende o usa i dati
    > > raccolti
    > > per azioni molto più illegali di sapere che film
    > > guardi... E poi se una cosa è vietata dalla
    > legge
    > > va punita altrimenti sai da dove
    > > parti
    > > ma non dove arrivi...
    > > Paperolibero
    > quindi se l'omicidio non sarebbe vietato dalla
    > legge secondo te le persone sarebbero
    > giustificate a farlo? ma va
    > va

    Perdonami, ma papero non dice assolutamente questo, temo tu abbia frainteso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > - Scritto da: Paperoliber o
    > > Si a parte la Disney che cerca solamente
    > > "tracciati" commerciali, ci potrebbe essere chi
    > > si rivolge a tali aziende o usa i dati
    > > raccolti
    > > per azioni molto più illegali di sapere che film
    > > guardi... E poi se una cosa è vietata dalla
    > legge
    > > va punita altrimenti sai da dove
    > > parti
    > > ma non dove arrivi...
    > > Paperolibero
    > quindi se l'omicidio non sarebbe vietato dalla
    > legge secondo te le persone sarebbero
    > giustificate a farlo?

    Si?Deluso

    ma va
    > va

    Dove?
    non+autenticato
  • quindi se l'omicidio non sarebbe vietato dalla legge secondo te le persone sarebbero giustificate a farlo? ma va va

    Non vedo cosa c'entri col discorso che state facendo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd

    > quindi se l'omicidio non sarebbe vietato dalla
    > legge secondo te le persone sarebbero
    > giustificate a farlo? ma va
    > va

    In lacrime
    non+autenticato