Claudio Tamburrino

Pyongyang, cinguettii di propaganda

La Corea del Nord crea account di YouTube e Twitter. L'idea sembra essere quella di migliorare la propria comunicazione verso l'esterno. Anche se i primi messaggi si mostrano tutt'altro che diplomatici

Roma - La Corea del Nord è entrata su Twitter: per usarlo come ulteriore canale di comunicazione con l'apertura di un proprio account ufficiale, destinato in particolare a cercare di influenzare la percezione della propria immagine all'estero.

Dopo aver postato alcuni video con un account ufficiale di YouTube, come a testare il terreno del Web, il Governo ha quindi esordito sul tecnofringuello sotto il nickname di uriminzok (che significa "il nostro popolo". Nei primi cinguettii, rimandi ad una serie interventi anti-Corea del Sud e anti-USA contenuti sul sito ufficiale della propaganda governativa e a discorsi passati del presidente perpetuo Kim Jong-il.

A gestire l'account (che sfiora quota 9 mila follower) il "Comitato governativo per la riunificazione pacifica della Corea", proibito nel Sud della penisola.
La novità adottata dal governo del Nord Corea è stata commentata positivamente (nonostante i più o meno evidenti attacchi subiti) dagli Stati Uniti: "Diamo il benvenuto alla Corea del Nord su Twitter e nel mondo connesso", ha detto Philip Crowley, portavoce di Washington, limitandosi ad auspicare che la medesima possibilità venga offerta ai suoi cittadini, per il momento lasciati in gran parte offline.

La vicina Corea del Sud, invece, ha già bloccato l'accesso al sito cui ha linkato nei primi tweet Uriminzokkiri, così come all'account stesso e, in generale, a qualsiasi argomento a supporto del vicino.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàTwitter contro la censuraEvan Williams, fondatore e CEO della piattaforma di microblogging, ha parlato di un piano per sviluppare le tecnologie volte ad aggirare i blocchi della censura. Due casi su tutti: Iran e Cina
  • AttualitàCensura, no all'esportazione di bavagli tecnologiciAppello congiunto di Francia e Olanda. Le varie aziende dovrebbero evitare di esportare prodotti high-tech in quei paesi che attentano alla libertà della Rete. Ma sotto tiro sono finite France Telecom e Alcatel
20 Commenti alla Notizia Pyongyang, cinguettii di propaganda
Ordina
  • Perchè, perchè, perchèeeee...??
    Una nazione che si smuove per protestare contro un regime e neanche una mezza paginetta,
    sti koreani sparano 2 ca***te su twitter e articolone.

    Ma fatemi il piacere.

    p.s. se lo censurate torno qui ogni giorno a metterlo fino al ban.
  • A parte il caso patologico della Korea del Nord mi pare che la Korea del sud rincorra molti paesi dittatoriali in fatto di censure e oscuramenti di siti e persino di Tweet.
  • - Scritto da: Sandro kensan
    > A parte il caso patologico della Korea del Nord
    > mi pare che la Korea del sud rincorra molti paesi
    > dittatoriali in fatto di censure e oscuramenti di
    > siti e persino di
    > Tweet.

    Tutti i paesi in guerra da sempre censurano la propaganda nemica, tutti, anche quelli piu' democratici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Magenta

    > Tutti i paesi in guerra da sempre censurano la
    > propaganda nemica, tutti, anche quelli piu'
    > democratici.

    Si, dai, questa è una scusa.
    FDG
    10909
  • - Scritto da: Sandro kensan
    > A parte il caso patologico della Korea del Nord
    > mi pare che la Korea del sud rincorra molti paesi
    > dittatoriali in fatto di censure e oscuramenti di
    > siti e persino di
    > Tweet.

    Basti buttare un occhio sugli ultimi eventi sportivi di risonanza mondiale che la Corea del sud ha ospitato: Olimpiadi 1988 e mondiali 2002. Lo sport è sempre stato un grande strumento di propaganda per i regimi e si è visto come la nazione ospitante sia stata favorita, in quelle occasioni.
  • - Scritto da: Il Caro leader

    Credici

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • ...migliorare la propria immagine all'estero se poi tutti i tweet sono in lingua coreana?
    Almeno usassero l'inglese: otterrebbero per lo meno di venir capiti subito dal resto del mondo.
    non+autenticato
  • che dire della Corea del Sud che censura i suoi contenuti?
    pippuz
    1260
  • Non credo che i sud-coreani siano tanto contenti di vedere quei contenuti... ma questo non giustifica l'oscurare persino il sito che ha linkato i tweet..!
    Se fosse vero che abbiano oscurato i siti, lo si potrebbe ritenere un modo estremo per difendersi da quest'attacco mediatico...
    Tra l'altro, se i sud-coreani lasciassero messaggi poco ortodossi, potrebbero inasprirsi i rapporti già parecchio aspri tra le due coree.
  • - Scritto da: kaihiwatari
    > Non credo che i sud-coreani siano tanto contenti
    > di vedere quei contenuti... ma questo non
    > giustifica l'oscurare persino il sito che ha
    > linkato i tweet..!
    > Se fosse vero che abbiano oscurato i siti, lo si
    > potrebbe ritenere un modo estremo per difendersi
    > da quest'attacco mediatico...

    Definire attacco mediatico qualche video di Youtube e qualche messaggio su Twitter mi sembra esagerato. Perché da noi non si censurano le parole di Ahmadinejad (forse sono troppo ingenuo)?

    > Tra l'altro, se i sud-coreani lasciassero
    > messaggi poco ortodossi, potrebbero inasprirsi i
    > rapporti già parecchio aspri tra le due coree.

    Non giustifichiamo un atto di censura (comprensibile, ma non giustificabili) con la scusa che un'eventuale (!!!) scomposta reazione sudcoreana alimenterebbe nuove tensioni. Allora censuriamo tutte le notizie negative e viviamo felici e contenti.
    pippuz
    1260
  • > Definire attacco mediatico qualche video di
    > Youtube e qualche messaggio su Twitter mi sembra
    > esagerato. Perché da noi non si censurano le
    > parole di Ahmadinejad (forse sono troppo
    > ingenuo)?
    >
    perché l'esercito che hanno alle porte non è quello iraniano.
  • - Scritto da: pippuz
    > che dire della Corea del Sud che censura i suoi
    > contenuti?

    Direi che e' un attegiamento comprensibile visto che nord e sud sono ancora in guerra e quella del nord e' la solita propaganda, non si e' mai visto un paese che diffonde e favorisce la propaganda del nemico.

    Cerchiamo di non far passare una repubblica democratica come la Corea del Sud, che a differenza del Nord, non mette nei lager la popolazione e non la affama, per un nemico dei diritti civili.

    In Corea del Nord "non sono santi", dici, eh ma sei il Signore Assoluto dell'eufemismo!!

    Nella Corea del Nord se dici "forse il capitalismo non e' male" tu i tuoi figli e i tuoi nipoti finite nei lager a morire di fatica, e' successo e continua a succedere.
    non+autenticato
  • si infatti la corea del sud ha preso tutti i pregi del capitalismo
    ad esempio durante le manifestazioni (al contrario della corea del nord, in quella del sud si possono fare manifestazioni, è proprio una conquista), hanno imparato anche loro come uccidere i manifestanti e farlo passare per incidente
    cerca un po' su youtube va, ci sono dei video di poliziotti che decapitano i manifestanti con colpi di scudo

    non ce la fate proprio a non separare il mondo in buoni e cattivi vero?
    non+autenticato
  • > Direi che e' un attegiamento comprensibile visto
    > che nord e sud sono ancora in guerra e quella del
    > nord e' la solita propaganda, non si e' mai visto
    > un paese che diffonde e favorisce la propaganda
    > del nemico.

    Non mi sembra che i discorsi di Saddam, quando gli americani stavano per sbarcare in Iraq o anche dopo che questi fosse catturato, siano stati censurati. Non mi sembra che le parole di Ahmadinejad vengano censurate (ed è una guerra di fatto). Cos'è, non hanno argomenti da controbattere? La censura non va bene quando non viene fatta in Iran, ma va bene se viene fatta in Sudkorea?

    > Cerchiamo di non far passare una repubblica
    > democratica come la Corea del Sud, che a
    > differenza del Nord, non mette nei lager la
    > popolazione e non la affama, per un nemico dei
    > diritti civili.

    C'è censura, questo è il punto e questo non rende sicuramente la Corea più libero.

    > In Corea del Nord "non sono santi", dici, eh ma
    > sei il Signore Assoluto
    > dell'eufemismo!!
    >
    > Nella Corea del Nord se dici "forse il
    > capitalismo non e' male" tu i tuoi figli e i tuoi
    > nipoti finite nei lager a morire di fatica, e'
    > successo e continua a succedere.

    Quindi questo giustifica la Corea del Sud ad attivare la censura? Si parla di Corea del Sud, non di Corea del Nord. Che ogni giorno, da decenni, in Corea del Nord vengano commesse atrocità di ogni genere è indubbio e sarebbe enormemente positivo se la situazione migliorasse, se ci fosse solo un barlume di rispetto dei diritti civili, etc. Nessuno ha intenzione di negarlo. Ma di qui a giustificare la censura in Corea del Sud, ce ne passa.
    pippuz
    1260
  • - Scritto da: Magenta

    > Nella Corea del Nord se dici "forse il
    > capitalismo non e' male" tu i tuoi figli e i tuoi
    > nipoti finite nei lager a morire di fatica, e'
    > successo e continua a
    > succedere.

    Occhio che adesso arriva il genialoide di turno a dirti che è tutta propaganda e che te lo sei inventato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Magenta
    > - Scritto da: pippuz
    > > che dire della Corea del Sud che censura i suoi
    > > contenuti?
    >
    > Direi che e' un attegiamento comprensibile visto
    > che nord e sud sono ancora in guerra e quella del
    > nord e' la solita propaganda, non si e' mai visto
    > un paese che diffonde e favorisce la propaganda
    > del
    > nemico.
    >
    > Cerchiamo di non far passare una repubblica
    > democratica come la Corea del Sud, che a
    > differenza del Nord, non mette nei lager la
    > popolazione e non la affama, per un nemico dei
    > diritti
    > civili.

    Lo sai vero che le prime libere elezioni in Corea del Sud sono avvenute nel 1992?
    Lo sai vero che sino a quel momento in Corea del Sud c'è stata una DITTATURA MILITARE spalleggiata dagli USA?
    Lo sai vero che fino a quel momento in Corea del Sud avvenivano cose come il massacro di Gwangju?

    To', fatti una cultura e poi torna a parlare:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Gwangju_Massacre
    non+autenticato
  • - Scritto da: Magenta

    > Cerchiamo di non far passare una repubblica
    > democratica come la Corea del Sud, che a
    > differenza del Nord, non mette nei lager la
    > popolazione e non la affama, per un nemico dei
    > diritti civili.

    Cioè, devo decidere se un certo messaggio è propaganda di un regime dittatoriale sulla base del fatto che qualcuno lo censura? Tu su che base definisci qualcosa male, sulla sua ignoranza o sulla sua conoscenza?

    C'è una bella differenza tra presunzione del male perché viene dai nostri nemici (e chi lo ha detto che quelli sono i nostri nemici?) e presa di coscienza del male da combattere.
    FDG
    10909
  • contenuto non disponibile