Luca Annunziata

Questione di tablet

Eppur si muove: HP fa sapere che lo slate con WebOS ci sarà, Notion Ink offre notizie fresche su Adam (che ora ha un SDK). E poi c'è RIM, che potrebbe avere qualche sorpresa in serbo. Così come Motorola e Acer

Roma - Ci sono due certezze nel mondo dei tablet: la prima è che il progetto Slate di HP, visto a gennaio al CES sotto la veste di un tablet con Windows, si reincarnerà nel 2011 sotto forma di un tablet con WebOS (il frutto del matrimonio con Palm). La seconda, meno solida ma altrettanto interessante, è che Adam di Notion Ink si è fatto più concreto di quanto ci si potesse attendere poche settimane fa, grazie al rilascio del tanto anticipato SDK per gli sviluppatori. E poi ci sono i rumors, le indiscrezioni che fanno fantasticare: e che vogliono RIM pronta al lancio in autunno del suo BlackPad, con a bordo un OS (quasi) inedito, nonché Acer e Motorola altrettanto pronte a un exploit a base di Android.

Quanto ad HP, tutto farebbe pensare in una replica di quanto successe in quel di Las Vegas al CES 2010: allora era stato Steve Ballmer, CEO di Microsoft, a mostrare dal palco il potenziale rivale di iPad, tuttora unico paladino dei signori dell'IT sulla piazza delle tavolette elettroniche. Ma, come si sarebbe appreso nei mesi successivi, Slate non era affatto un prodotto pronto per la commercializzazione: la sua cancellazione, o per meglio dire la sua reincarnazione, sono il frutto di un Windows 7 non ancora (del tutto) pronto per il touch, e di un'acquisizione di Palm da parte di HP che resterà una delle pietre miliari del regno di Mark Hurd alla corte di Palo Alto.

La notizie più recenti sul tablet del primo produttore di PC al mondo sono le seguenti: il già intravisto Slate con a bordo Windows c'è ancora, e sarà commercializzato entro la fine dell'anno (con un target business, par di capire), mentre per WebOS si dovrà attendere l'inizio del 2011 e probabilmente una nuova presentazione al prossimo CES. Parola di Todd Bradley, vicepresidente HP, che questa volta però ha anticipato questa roadmap durante la conference call tenuta per annunciare i (buoni) risultati del trimestre fiscale appena conclusosi, dunque dovrebbe essere ufficiale e confermata.
Venendo a Notion Ink, invece, punzecchiato da qualche indiscrezione giornalistica il CEO Rohan Shravan si è lasciato andare a qualche nuova rivelazione sul progetto Adam: che, con un po' di fortuna, sarà immesso in commercio a cavallo delle feste natalizie, visto che la sua azienda punta a sottoporlo all'approvazione della FCC statunitense entro novembre. Anche in questo caso i tempi sembrerebbero appropriati per una presentazione della versione definitiva al CES (un anno esatto dopo il primo annuncio), e oltre ad aver finalmente messo a disposizione l'SDK (nome in codice: Genesis) ci sono notizie anche sui prezzi. La versione "economica" di Adam, con schermo LCD e WiFi costerà 399 dollari, mentre per la versione 3G con schermo Pixel Qi bisognerà sborsare 499 dollari: tutte monteranno un ricevitore GPS (e non A-GPS), e saranno disponibili anche versioni 3G/LCD e WiFi/PQi con costi intermedi (i prezzi sono pressoché definitivi).

Quanto a RIM, invece, il suo BlackPad potrebbe riservare qualche sorpresa: questo device dovrebbe fare il suo debutto in autunno, prima di Natale quindi, ma a bordo non ci sarà lo stesso sistema operativo installato sugli smartphone di casa. Sebbene la versione 6 dell'OS abbia appena fatto il suo debutto sul Torch, l'azienda canadese avrebbe preferito optare per una versione rimaneggiata del sistema operativo real time (RTOS) di QNX, azienda acquisita la scorsa primavera: una scelta dettata dal desiderio di accelerare l'arrivo sul mercato, sostiene Bloomberg, e dal rischio che la legacy dei vari dispositivi fin qui prodotti e trascinatasi in BlackBerry 6 potesse influire nella riuscita dell'operazione. Resta da chiarire se il software disponibile per gli smartphone, e che ha appena beneficiato dell'arrivo di una nuova versione del marketplace, sarà compatibile con il tablet.

Infine, continuano a ricorrersi le voci di tablet Android imminenti. In particolare, poco si sa ancora di Gingerbread (aka Android 3.0), e qualcuno si è spinto ad affermare che potrebbe trattarsi di una versione dell'OS di Google specifica per i tablet: Motorola e Acer starebbero lavorando a prodotti da lanciare a breve, forse addirittura a settembre, basati su questa release della piattaforma, e la prima starebbe addirittura lavorando a stretto contatto con Google. Niente Chrome OS ancora, quindi, come aveva erroneamente inteso qualcuno negli scorsi giorni: piuttosto, ci sarebbe alle porte un tablet con Android, probabilmente venduto in bundle a un abbonamento Verizon, da mettere sul piatto USA entro Natale e contrapporlo a iPad (che viene offerto con connessione AT&T). Insomma, a 4 mesi dal lancio e a quasi 8 dalla presentazione, la tavoletta di Apple si appresta finalmente ad avere veri rivali con cui confrontarsi.

Luca Annunziata
Notizie collegate
101 Commenti alla Notizia Questione di tablet
Ordina
  • Aspetto a questo punto che uno di questi prodotti arrivi alla effettiva vendita, con le reali caratteristiche e prezzi, qui si parla di oggetti che sono in essere da circa 1 anno, che cambiano di continuo le specifiche hardware e software e che non arrivano mai ai negozi.
    Che dire, staremo a vedere, certo è incredibile il ritardo di reazione da parte dei vari produttori, dopo il lancio dell'iPad, visto che tale lancio era noto da tempo e che da tempo appunto diversi produttori si dicevano pronti a rilasciare il proprio PAD... sembra quasi che il lancio di iPad abbia come raffreddato gli entusiasmi nonostante le buone vendite!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Che dire, staremo a vedere, certo è incredibile
    > il ritardo di reazione da parte dei vari
    > produttori, dopo il lancio dell'iPad, visto che
    > tale lancio era noto da tempo e che da tempo
    > appunto diversi produttori si dicevano pronti a
    > rilasciare il proprio PAD... sembra quasi che il
    > lancio di iPad abbia come raffreddato gli
    > entusiasmi nonostante le buone vendite!

    Sarà che forse stanno ancora cercando di capire a cosa serva?... Occhiolino
    Una cosa è certa: iPad non è un e-Reader, almeno per quelli che tengono ai propri occhi
    non+autenticato
  • secondo me il corretto uso sarebbe quello che ora si fa con un netbook.
    O meglio l'evoluzione del netbook, che così com'è ha poco senso. Schermi 7-9 pollici touch, utilizzabili al posto del pc per navigare, mail, navigazione e giochi e anche come ereader... iPad è niente male, ma qualcosa di svincolato da iTunes e dall'ecosistema Aplle sarebbe assai gradita.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy

    > Sarà che forse stanno ancora cercando di capire a
    > cosa serva?...
    > Occhiolino
    > Una cosa è certa: iPad non è un e-Reader, almeno
    > per quelli che tengono ai propri
    > occhi

    no, a cosa serva è chiarissimo: è il sostituto del netbook. I netbook originali erano un bel concetto, ma pian piano sono diventati un po' più grandi e un po' meno portabili, perché gli utenti volevano in realtà usarli come pc a basso costo. Quindi sono spariti i modelli con hard disk ssd e schermi da 9''.
    Con iPad fai tutto quello che facevi col netbook: internet, mail, foto, mp3, film e via dicendo, in più fai presentazioni, foglio elettronico e un po' di scrittura, in più giochi, in attesa naturalmente che le app siano in grado di sftuttare tutte le peculiarità (gps e connessione 3g) per creare cose totalmente nuove (già ci sono). Il tutto con una portabilità superiore anche a quella dei netbook più piccoli.
    E infatti ne stanno vendendo a milioni, e non penserai che milioni di persone si comprino una cosa che non serve a nulla solo perché c'è scritto Apple.
    La verità è però che per fare tutte queste cose su un computer senza tastiera occorre un'interfaccia utente nuova, completamente ripensata e progettata da zero avendo il touch in mente. Se guardi l'interfaccia di iPhone OS e quella dei tablet con windows vedrai la differenza di usabilità. E' questo il motivo per cui i tablet windows non hanno mai sfondato: l'interfaccia non permetteva un utilizzo agevole.
    Alla Microsoft così hanno pensato di buttar via tutto, alla Apple invece hanno pensato a riprogettare l'interfaccia e fare un prodotto usabile. Ora gli altri sono lì a inseguire, e siccome nessuno è pronto questo è il motivo per cui non escono altri tablet. Il più vicino forse è Android, visto che è stato progettato già col touch in mente. Forse mancano un po' di applicazioni ancora.
    non+autenticato
  • - Scritto da: il signor rossi
    > - Scritto da: Osvy
    >
    > > Sarà che forse stanno ancora cercando di capire
    > a
    > > cosa serva?...
    > > Occhiolino
    > > Una cosa è certa: iPad non è un e-Reader, almeno
    > > per quelli che tengono ai propri
    > > occhi
    >
    > no, a cosa serva è chiarissimo: è il sostituto
    > del netbook. I netbook originali erano un bel
    > concetto, ma pian piano sono diventati un po' più
    > grandi e un po' meno portabili, perché gli utenti
    > volevano in realtà usarli come pc a basso costo.
    > Quindi sono spariti i modelli con hard disk ssd e
    > schermi da
    > 9''.

    Quindi un iPad non andrebbe nella stessa direzione di quanto chiesto dall'utenza:

    Costa il doppio di un netbook, visto che se ne trovano tranquillamente a 250 euro con a bordo l'atom 450 e HD da 160/250 Gb, varie porte USB master e lettore di schede SD, tutte cose che mancano all'iPad che costa almeno 500 euro!

    > Con iPad fai tutto quello che facevi col netbook:
    > internet, mail, foto, mp3, film e via dicendo, in
    > più fai presentazioni, foglio elettronico e un
    > po' di scrittura, in più giochi, in attesa

    In più cosa scusa? Perchè con un netbook non fai presentazioni? Cavolo hai anche l'uscita VGA per attaccarti ad un videoproiettore, cosa che manca ad esempio all'iPad, stendo un velo pietoso poi su videoscrittura o fgli di calcolo, o vorrai paragonare le possibilità di un M$ office o di un Open Office a quelle offerte da un'iPad? Per di più open office è pure gratis!

    > naturalmente che le app siano in grado di
    > sftuttare tutte le peculiarità (gps e connessione
    > 3g) per creare cose totalmente nuove (già ci
    > sono). Il tutto con una portabilità superiore
    > anche a quella dei netbook più
    > piccoli

    Ecco l'unico vero vantaggio dell'iPad è la sua portabilità nettamente superiore, hai ragione a dire che un formato tipo Pad possa essere molto interessante, ma a patto che si tratti di un vero PC e che non abbia costi eccessivi, perchè mai dovrebbe a parità di hardware costare più di un netbook?

    .
    > E infatti ne stanno vendendo a milioni, e non
    > penserai che milioni di persone si comprino una
    > cosa che non serve a nulla solo perché c'è
    > scritto
    > Apple.

    Beh questo invece è possibilissimo, è ad esempio stupefacente che si continuino a vendere ipod e simili (non solo apple) quando un qualsiasi cellulare da 50 euro in su è in grado di visualizzare filmati e ha capacità da player mp3... perchè mai dovrei portarmi dietro un oggetto aggiuntivo quando già un cellulare (non parliamo poi di uno smartphone anche di fascia bassa) riesce già a darmi e a prezzi estremamente contenuti... e invece si continuano a vendere milioni di player musicali/video.... boh!

    Quanto alle reali utilità dell'iPad, trovo che siano castrate dal solito approccio apple, tra l'altro in Italia la disponibilità di materiale interessante da visualizzare su ipad non ve ne è!
    Giornali? Hanno costi di abbonamento paragonabili alla controparte cartacea!
    Libri? Se si tratta di testi senza foto, come i vari romanzi e simili, i 10 pollici dell'iPad sono eccessivi, bastano e avanzano i 3.5 pollici di uno smartphone (Io leggo benissimo su un Samsung S3100 con schermo da 2.1 pollici), per i puristi esistono poi sempre i book reader che costano comunque meno dell'iPad...
    Rimangono le Riviste e i Fumetti.... un pò pochino direi e quanto meno per ora in Italia non mi risultano Riviste e/o fumetti disponibili
    Non ho volutamente menzionato testi di studio... assolutamente assenti e non solo in lingua italiana....
    Rimangono i giochini e la navigazione sul Web.... ma non era già eccezionale con l'iPhone? Questa cosa aggiunge a parte la solita incompatibilità con flash?

    > La verità è però che per fare tutte queste cose
    > su un computer senza tastiera occorre
    > un'interfaccia utente nuova, completamente
    > ripensata e progettata da zero avendo il touch in
    > mente. Se guardi l'interfaccia di iPhone OS e
    > quella dei tablet con windows vedrai la
    > differenza di usabilità. E' questo il motivo per
    > cui i tablet windows non hanno mai sfondato:
    > l'interfaccia non permetteva un utilizzo
    > agevole.

    Veramente di tablet con windows in giro ne ho visti ben pochi, anzi se parliamo di un target rivolto al settore consumer direi proprio zero... certo è difficile sviluppare un'interfaccia se un prodotto non esiste!
  • - Scritto da: Enjoy with Us

    > Quindi un iPad non andrebbe nella stessa
    > direzione di quanto chiesto
    > dall'utenza:
    >
    > Costa il doppio di un netbook, visto che se ne
    > trovano tranquillamente a 250 euro con a bordo
    > l'atom 450 e HD da 160/250 Gb, varie porte USB
    > master e lettore di schede SD, tutte cose che
    > mancano all'iPad che costa almeno 500
    > euro!

    non importa, è un prodotto diverso, il prezzo ci sta, vista la ricerca per progettarlo, che non deve essere facile visto che gli altri ancora latitano (e si basano su componenti standard). E poi si sa che la roba Apple costa di più, è come pretendere che una bmw costi come una fiat...

    > In più cosa scusa? Perchè con un netbook non fai
    > presentazioni? Cavolo hai anche l'uscita VGA per
    > attaccarti ad un videoproiettore, cosa che manca
    > ad esempio all'iPad, stendo un velo pietoso poi
    > su videoscrittura o fgli di calcolo, o vorrai
    > paragonare le possibilità di un M$ office o di un
    > Open Office a quelle offerte da un'iPad? Per di
    > più open office è pure
    > gratis!

    in più era inteso rispetto a ipad stesso... oltre alle cose standard puoi anche spingerti a fare qualche foglio elettronico, presentazione o altre cose che finora non erano possibili (o perlomeno talmente poco agevoli da non essere utilizzabili produttivamente) su device la cui unica interfaccia con l'utente fosse il touch screen. Naturalmente non si tratta del suo uso primario, perciò ci sta che manchi ad esempio una porta vga, ad ogni vedremo le evoluzioni anche in casa apple stessa... è probabile che nel futuro uscite video o lettori sd compariranno, d'altra parte per adesso è l'unico prodotto di quel tipo sul mercato per cui non vedo come ci si possa lamentare...

    > Ecco l'unico vero vantaggio dell'iPad è la sua
    > portabilità nettamente superiore, hai ragione a
    > dire che un formato tipo Pad possa essere molto
    > interessante, ma a patto che si tratti di un
    > vero PC e che non abbia costi eccessivi, perchè
    > mai dovrebbe a parità di hardware costare più di
    > un
    > netbook?

    ripeto... perché è l'unico che c'è, quindi fanno il prezzo che vogliono, e perché comunque i prodotti Apple sono storicamente più cari. Quando usciranno i concorrenti vedremo se saranno costretti a abbassare il prezzo o a aumentare le caratteristiche inserendo ad esempio più interfacce con l'esterno.

    > Beh questo invece è possibilissimo, è ad esempio
    > stupefacente che si continuino a vendere ipod e
    > simili (non solo apple) quando un qualsiasi
    > cellulare da 50 euro in su è in grado di
    > visualizzare filmati e ha capacità da player
    > mp3... perchè mai dovrei portarmi dietro un
    > oggetto aggiuntivo quando già un cellulare (non
    > parliamo poi di uno smartphone anche di fascia
    > bassa) riesce già a darmi e a prezzi estremamente
    > contenuti... e invece si continuano a vendere
    > milioni di player musicali/video....
    > boh!

    te lo spiego io: perché sono più facili da usare. Perché ho due sorelle che pur avendo cellulari multimediali non sono in grado di copiarci i file sopra, anzi un file non sanno neanche cosa sia, lasciamo perdere il concetto di copiare in una cartella.
    E invece con iTunes riescono tranquillamente a gestire la loro libreria multimediale, e l'iPod funziona benissimo e lo sa usare anche un bambino. Se non l'hai mai provato, o se non riesci a calarti nella mentalità di un non-informatico che non ha nessuna intenzione di imparare a usare il proprio pc o il proprio cellulare ma vuole solo che faccia quello per cui l'ha comprato, non discutiamone nemmeno!Sorride
    E poi guarda, sia con il mio sonyericsson della linea Walkman che con il mio LG attuale usarli come lettore mp3 è un pianto, tanto male è fatta l'interfaccia...

    > Quanto alle reali utilità dell'iPad, trovo che
    > siano castrate dal solito approccio apple, tra
    > l'altro in Italia la disponibilità di materiale
    > interessante da visualizzare su ipad non ve ne
    > è! [...]

    mah, ti ripeto che per i non-informatici l'approccio Apple è interpretato non come castrante, ma come facilitante!

    > Veramente di tablet con windows in giro ne ho
    > visti ben pochi, anzi se parliamo di un target
    > rivolto al settore consumer direi proprio zero...
    > certo è difficile sviluppare un'interfaccia se un
    > prodotto non
    > esiste!

    il prodotto esisteva eccome! Ti ricordi quando uscirono in gran pompa i tablet pc, quelli con schermo orientabile? Parlo di diversi anni fa... addirittura microsoft fece windows xp tablet edition. Dove sono finiti? La gente semplicemente si accorse che usare windows solo toccando lo schermo era una tortura, il prodotto c'era, mancava un modo decente di usarlo. E microsoft anziché rendersene conto e sviluppare un'interfaccia ad hoc pensò che il tablet non interessasse a nessuno. D'altra parte chi è che ha detto "questa internet è solo un fenomeno passeggero"? Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: il signor rossi
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    >

    > non importa, è un prodotto diverso, il prezzo ci
    > sta, vista la ricerca per progettarlo, che non
    > deve essere facile visto che gli altri ancora
    > latitano (e si basano su componenti standard). E
    > poi si sa che la roba Apple costa di più, è come
    > pretendere che una bmw costi come una
    > fiat...
    >

    Non sono stato Io a paragonare per primo iPad ad un netbook ma tu! Gli utenti come hai fatto osservare hanno decretato il successo dei netbook vedendoli come notebook leggeri ma in grado di soddisfare le loro esigenze e ad un prezzo conveniente.


    > > In più cosa scusa? Perchè con un netbook non fai
    > > presentazioni? Cavolo hai anche l'uscita VGA per
    > > attaccarti ad un videoproiettore, cosa che manca
    > > ad esempio all'iPad, stendo un velo pietoso poi
    > > su videoscrittura o fgli di calcolo, o vorrai
    > > paragonare le possibilità di un M$ office o di
    > un
    > > Open Office a quelle offerte da un'iPad? Per di
    > > più open office è pure
    > > gratis!
    >
    > in più era inteso rispetto a ipad stesso... oltre
    > alle cose standard puoi anche spingerti a fare
    > qualche foglio elettronico, presentazione o altre
    > cose che finora non erano possibili (o perlomeno
    > talmente poco agevoli da non essere utilizzabili
    > produttivamente) su device la cui unica
    > interfaccia con l'utente fosse il touch screen.
    > Naturalmente non si tratta del suo uso primario,
    > perciò ci sta che manchi ad esempio una porta
    > vga, ad ogni vedremo le evoluzioni anche in casa
    > apple stessa... è probabile che nel futuro uscite
    > video o lettori sd compariranno, d'altra parte
    > per adesso è l'unico prodotto di quel tipo sul
    > mercato per cui non vedo come ci si possa
    > lamentare...

    Ci si può lamentare eccome, sarà anche l'unico sul mercato, ma le mancanze sono tali da relegarlo a smartphone cresciuto, non certo a pc e tra l'altro costa sempre il doppio di un netbook!

    >
    > > Ecco l'unico vero vantaggio dell'iPad è la sua
    > > portabilità nettamente superiore, hai ragione a
    > > dire che un formato tipo Pad possa essere molto
    > > interessante, ma a patto che si tratti di un
    > > vero PC e che non abbia costi eccessivi, perchè
    > > mai dovrebbe a parità di hardware costare più di
    > > un
    > > netbook?
    >
    > ripeto... perché è l'unico che c'è, quindi fanno
    > il prezzo che vogliono, e perché comunque i
    > prodotti Apple sono storicamente più cari.

    E allora che se li tengano!

    > Quando
    > usciranno i concorrenti vedremo se saranno
    > costretti a abbassare il prezzo o a aumentare le
    > caratteristiche inserendo ad esempio più
    > interfacce con
    > l'esterno.
    >

    Ecco appunto, ragion per cui prendersi oggi un'iPad è una cavolata, hai praticamente la certezza di avere un prodotto obsoleto nel giro di un anno!

    > > Beh questo invece è possibilissimo, è ad esempio
    > > stupefacente che si continuino a vendere ipod e
    > > simili (non solo apple) quando un qualsiasi
    > > cellulare da 50 euro in su è in grado di
    > > visualizzare filmati e ha capacità da player
    > > mp3... perchè mai dovrei portarmi dietro un
    > > oggetto aggiuntivo quando già un cellulare (non
    > > parliamo poi di uno smartphone anche di fascia
    > > bassa) riesce già a darmi e a prezzi
    > estremamente
    > > contenuti... e invece si continuano a vendere
    > > milioni di player musicali/video....
    > > boh!
    >
    > te lo spiego io: perché sono più facili da usare.
    > Perché ho due sorelle che pur avendo cellulari
    > multimediali non sono in grado di copiarci i file
    > sopra, anzi un file non sanno neanche cosa sia,

    Caspita difficilissimo copiare un file.... colleghi un cavetto (sempre che non ci sia il WiFi) e trasferisci un file da una cartella ad un'altra... se manco sai fare questo vuol dire che sei un minorato informatico, se vuoi lavorare anche per fare il netturbino (con tutto il rispetto) queste competenze informatiche minime le pretendono!

    > lasciamo perdere il concetto di copiare in una
    > cartella.
    > E invece con iTunes riescono tranquillamente a
    > gestire la loro libreria multimediale, e l'iPod
    > funziona benissimo e lo sa usare anche un
    > bambino.

    Proprio non vedo la maggior semplicità di funzionamento di iTunes rispetto ad un copia incolla!

    Se non l'hai mai provato, o se non
    > riesci a calarti nella mentalità di un
    > non-informatico che non ha nessuna intenzione di
    > imparare a usare il proprio pc o il proprio
    > cellulare ma vuole solo che faccia quello per cui
    > l'ha comprato, non discutiamone nemmeno!
    >Sorride

    Senti oggi sanno usare un PC ad un livello molto superiore a quello che dici tu i bambini delle elementari!

    > E poi guarda, sia con il mio sonyericsson della
    > linea Walkman che con il mio LG attuale usarli
    > come lettore mp3 è un pianto, tanto male è fatta
    > l'interfaccia...
    >

    ?
    Francamente con il mio Samsung s3100 non ho mai avuto problemi ne rimpianti rispetto a lettori multimediali stand alone, non so come siano i sony, certo mi pare strana la tua affermazione dato che si tratta di un'azienda che di player multimediali ne vende diversi...

    > > Quanto alle reali utilità dell'iPad, trovo che
    > > siano castrate dal solito approccio apple, tra
    > > l'altro in Italia la disponibilità di materiale
    > > interessante da visualizzare su ipad non ve ne
    > > è! [...]
    >

    Vedo che qui glissi...

    > mah, ti ripeto che per i non-informatici
    > l'approccio Apple è interpretato non come
    > castrante, ma come
    > facilitante!
    >

    e sopratutto trendy... come certe scarpe, ti ricorda niente il fenomeno anni '80 delle Timberland? costavano più di certe scarpe fatte su misura... ma erano alla moda... poi la moda è finita!

    > > Veramente di tablet con windows in giro ne ho
    > > visti ben pochi, anzi se parliamo di un target
    > > rivolto al settore consumer direi proprio
    > zero...
    > > certo è difficile sviluppare un'interfaccia se
    > un
    > > prodotto non
    > > esiste!
    >
    > il prodotto esisteva eccome! Ti ricordi quando
    > uscirono in gran pompa i tablet pc, quelli con
    > schermo orientabile? Parlo di diversi anni fa...

    Quelli che costavano un botto erano pesanti e con la cerniera fragile? e quelli sarebbero prodotti consumer? Strano che non abbiano avuto successo...
    Già ma se la gente cerca i netbook a 250 euro un motivo ci sarà!

    > addirittura microsoft fece windows xp tablet
    > edition. Dove sono finiti? La gente semplicemente
    > si accorse che usare windows solo toccando lo
    > schermo era una tortura, il prodotto c'era,
    > mancava un modo decente di usarlo.

    La gente come dici tu non lo ha mai provato, semplicemente costava troppo!
  • Esiste un aggettivo per definire un ignorante più ignorante di tutti gli ignoranti?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Esiste un aggettivo per definire un ignorante più
    > ignorante di tutti gli
    > ignoranti?

    solitamente basta dire "ruppolo" e tutti capiscono
  • - Scritto da: Enjoy with Us

    > Quindi un iPad non andrebbe nella stessa
    > direzione di quanto chiesto
    > dall'utenza:

    L'utenza non ha chiesto nulla, tanto meno l'iPad che è un prodotto nuovo e innovativo.   

    > Costa il doppio di un netbook, visto che se ne
    > trovano tranquillamente a 250 euro con a bordo
    > l'atom 450 e HD da 160/250 Gb, varie porte USB
    > master e lettore di schede SD, tutte cose che
    > mancano all'iPad che costa almeno 500
    > euro!

    Il costo importa solo a te, che sei al verde.

    > In più cosa scusa? Perchè con un netbook non fai
    > presentazioni?

    "fai" in che senso? Di certo non le costruisci, visto che la risoluzione minima verticale di una presentazione coincide con la risoluzione verticale di un netbook, 600 pixel.

    Su iPad, invece, non solo la risoluzione è sufficiente, ma Keynote è anni luce avanti PowerPoint.

    > Cavolo hai anche l'uscita VGA

    Hai SOLO l'uscita VGA.

    > per
    > attaccarti ad un videoproiettore, cosa che manca
    > ad esempio all'iPad,

    Cosa che NON manca all'iPad.

    > stendo un velo pietoso poi
    > su videoscrittura o fgli di calcolo, o vorrai
    > paragonare le possibilità di un M$ office o di un
    > Open Office a quelle offerte da un'iPad? Per di
    > più open office è pure
    > gratis!

    Il velo pietoso lo puoi stendere su Office su un netbook, ed il fatto che sia gratis interessa sono quelli come te. Io 8 euro per un Pages li ho, e non credo di essere ricco per questo, ma di certo non sono un mentecatto.

    > Ecco l'unico vero vantaggio dell'iPad è la sua
    > portabilità nettamente superiore, hai ragione a
    > dire che un formato tipo Pad possa essere molto
    > interessante, ma a patto che si tratti di un
    > vero PC

    È proprio perché non ha nulla a che spartire con un PC, che lo rende interessante.

    > e che non abbia costi eccessivi,

    Riguarda solo quelli come te.

    > perchè
    > mai dovrebbe a parità di hardware costare più di
    > un
    > netbook?

    Forse perché i netbook sono giocattoli.

    > Beh questo invece è possibilissimo, è ad esempio
    > stupefacente che si continuino a vendere ipod e
    > simili (non solo apple) quando un qualsiasi
    > cellulare da 50 euro in su è in grado di
    > visualizzare filmati e ha capacità da player
    > mp3...

    Solo un ignorante come te si stupisce della cosa.

    > perché mai dovrei portarmi dietro un
    > oggetto aggiuntivo

    Ma senti da che pulpito arriva la questione, proprio tu che da anni continui a confrontare l'iPhone con un insieme di apparecchi, al punto che più volte ho dovuto parlare di zaini per trasportare tutta quella roba!

    > quando già un cellulare (non
    > parliamo poi di uno smartphone anche di fascia
    > bassa) riesce già a darmi e a prezzi estremamente
    > contenuti...

    La questione prezzo, che continui a citare ogni quattro righe, riguarda solo quelli come te...

    > e invece si continuano a vendere
    > milioni di player musicali/video....
    > boh!

    Boooh, ha detto Enjoy...

    > Quanto alle reali utilità dell'iPad, trovo che
    > siano castrate dal solito approccio apple, tra
    > l'altro in Italia la disponibilità di materiale
    > interessante da visualizzare su ipad non ve ne
    > è!

    TU non sai che esiste, è differente.

    > Giornali? Hanno costi di abbonamento paragonabili
    > alla controparte
    > cartacea!

    Certo, i quotidiani costano solo la metà, quindi sono paragonabili. Ricordati di dire la stessa cosa per il netbook, che costa la metà di un iPad.

    > Libri? Se si tratta di testi senza foto, come i
    > vari romanzi e simili, i 10 pollici dell'iPad
    > sono eccessivi, bastano e avanzano i 3.5 pollici
    > di uno smartphone (Io leggo benissimo su un
    > Samsung S3100 con schermo da 2.1 pollici),

    Hai fatto ridere anche i polli.

    > per i
    > puristi esistono poi sempre i book reader che
    > costano comunque meno
    > dell'iPad...

    Prova a contare quante volte hai parlato di costo, solo in questo post, e poi medita se non sei ormai ossessionato dai soldi.

    > Rimangono le Riviste e i Fumetti.... un pò
    > pochino direi e quanto meno per ora in Italia non
    > mi risultano Riviste e/o fumetti
    > disponibili

    Ovvio, tu non hai iPad, quindi non puoi sapere. Ma, pur non sapendo, continui a parlare...

    > Non ho volutamente menzionato testi di studio...
    > assolutamente assenti e non solo in lingua
    > italiana....

    tesi de che?

    > Rimangono i giochini e la navigazione sul Web....
    > ma non era già eccezionale con l'iPhone? Questa
    > cosa aggiunge a parte la solita incompatibilità
    > con
    > flash?

    Quello che aggiunge non lo potrai mai sapere.

    > Veramente di tablet con windows in giro ne ho
    > visti ben pochi, anzi se parliamo di un target
    > rivolto al settore consumer direi proprio zero...
    > certo è difficile sviluppare un'interfaccia se un
    > prodotto non
    > esiste!

    I prodotti di cui parli esistono da 10 anni, ti è stato fornito più volte il link a Wikipedia con l'elenco dei modelli più noti, decine di modelli, ma la tua memoria ovviamente è limitata e ti manca lo slot per aumentarla
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    >

    > > In più cosa scusa? Perchè con un netbook non fai
    > > presentazioni?
    >
    > "fai" in che senso? Di certo non le costruisci,
    > visto che la risoluzione minima verticale di una
    > presentazione coincide con la risoluzione
    > verticale di un netbook, 600
    > pixel.
    >

    E perchè non puoi costruirle? Tra l'altro esiste lo zoom sai!

    > Su iPad, invece, non solo la risoluzione è
    > sufficiente, ma Keynote è anni luce avanti
    > PowerPoint.
    >

    Molto opinabile questo, il punto che su iPad hai solo Keynote e lo paghi, su netbook hai Power Point ma anche molte altre alternative gratis, tra l'altro lo standard per le presentazioni ai congressi è power point, non Keynote!

    >
    > > Cavolo hai anche l'uscita VGA
    >
    > Hai SOLO l'uscita VGA.
    >

    iPad non ha neppure quell'uscita e ti devi comprare i soliti adattatori!

    > > per
    > > attaccarti ad un videoproiettore, cosa che manca
    > > ad esempio all'iPad,
    >
    > Cosa che NON manca all'iPad.
    >

    Ha un'uscita VGA standard? No! Guarda caso è quella richiesta in sede congressuale, ma tanto con chi parlo?

    > > stendo un velo pietoso poi
    > > su videoscrittura o fgli di calcolo, o vorrai
    > > paragonare le possibilità di un M$ office o di
    > un
    > > Open Office a quelle offerte da un'iPad? Per di
    > > più open office è pure
    > > gratis!
    >
    > Il velo pietoso lo puoi stendere su Office su un
    > netbook, ed il fatto che sia gratis interessa
    > sono quelli come te. Io 8 euro per un Pages li
    > ho, e non credo di essere ricco per questo, ma di
    > certo non sono un mentecatto.
    >

    Vuoi paragonare pages a M$ office o anche a Open Office? Intanto ti paghi altri 8 euro!

    >
    > > perchè
    > > mai dovrebbe a parità di hardware costare più di
    > > un
    > > netbook?
    >
    > Forse perché i netbook sono giocattoli.
    >

    ? Perchè lo dici tu?


    > > Beh questo invece è possibilissimo, è ad esempio
    > > stupefacente che si continuino a vendere ipod e
    > > simili (non solo apple) quando un qualsiasi
    > > cellulare da 50 euro in su è in grado di
    > > visualizzare filmati e ha capacità da player
    > > mp3...
    >
    > Solo un ignorante come te si stupisce della cosa.
    >
    > > perché mai dovrei portarmi dietro un
    > > oggetto aggiuntivo
    >
    > Ma senti da che pulpito arriva la questione,
    > proprio tu che da anni continui a confrontare
    > l'iPhone con un insieme di apparecchi, al punto
    > che più volte ho dovuto parlare di zaini per
    > trasportare tutta quella
    > roba!
    >

    Io non ho mai sostenuto che un apparecchio multifunzione sia peggio rispetto ai singoli apparecchi separati, ma a patto che abbia sostanzialmente la stessa qualità di fruizione e che il costo sia decisamente più contenuto della somma dei vari apparecchi che sostituisce. Nel caso dei telefonini multimediali da 50 o pochi più euro siamo appunto in quella condizione, hai un player multimediale decente, hai una radio FM e hai un cellulare! Perchè mai dovrei spendere altri 50-90 euro per un player multimediale separato?
    Se poi pensi a player multimediali più costosi, stile iPod per intenderci ci sono diversi smartphone che reggono benissimo il confronto a partire da cifre sotto i 200 euro!


    > La questione prezzo, che continui a citare ogni
    > quattro righe, riguarda solo quelli come
    > te...

    Certo come no, notoriamente quando si va ad acquistare un bene di consumo la variabile prezzo è insignificante... forse questo vale per i macachi ma per il resto del mondo no!

    >
    > > Quanto alle reali utilità dell'iPad, trovo che
    > > siano castrate dal solito approccio apple, tra
    > > l'altro in Italia la disponibilità di materiale
    > > interessante da visualizzare su ipad non ve ne
    > > è!
    >
    > TU non sai che esiste, è differente.
    >

    Ah davvero e che materiale esiste oggi in Italiano "legalmente" fruibile su iPad (visto che tu ci tieni tanto alla legalità e a farti spremere come un limone)

    > > Giornali? Hanno costi di abbonamento
    > paragonabili
    > > alla controparte
    > > cartacea!
    >
    > Certo, i quotidiani costano solo la metà,

    assolutamente no vai a confrontare il costo di un abbonamento di 12 mesi per la versione elettronica e per quella cartacea, la differenza è minima, tale da non coprire neppure le spese di spedizione della copia cartacea!

    > > Libri? Se si tratta di testi senza foto, come i
    > > vari romanzi e simili, i 10 pollici dell'iPad
    > > sono eccessivi, bastano e avanzano i 3.5 pollici
    > > di uno smartphone (Io leggo benissimo su un
    > > Samsung S3100 con schermo da 2.1 pollici),
    >
    > Hai fatto ridere anche i polli.

    Hai mai provato? Tu che ci tieni tanto alle prove in prima persona? Io l'ho fatto ed ero all'inizio molto prevenuto, ho fatto tale prova dopo aver visto vari modelli di bookreader!

    >
    > > per i
    > > puristi esistono poi sempre i book reader che
    > > costano comunque meno
    > > dell'iPad...
    >
    > Prova a contare quante volte hai parlato di
    > costo, solo in questo post, e poi medita se non
    > sei ormai ossessionato dai
    > soldi.
    >

    Si lo ammetto odio buttare i soldi per tecnogingilli a rapida obsolescenza e dalla dubbia utilità!

    > > Rimangono le Riviste e i Fumetti.... un pò
    > > pochino direi e quanto meno per ora in Italia
    > non
    > > mi risultano Riviste e/o fumetti
    > > disponibili
    >
    > Ovvio, tu non hai iPad, quindi non puoi sapere.
    > Ma, pur non sapendo, continui a
    > parlare...
    >

    Ma tu che hai accesso a tutto questo materiale, linka pure prezzi e disponibilità in Italiano di tale materiale!

    > > Non ho volutamente menzionato testi di studio...
    > > assolutamente assenti e non solo in lingua
    > > italiana....
    >
    > tesi de che?
    >

    Testi di studio!

    > > Veramente di tablet con windows in giro ne ho
    > > visti ben pochi, anzi se parliamo di un target
    > > rivolto al settore consumer direi proprio
    > zero...
    > > certo è difficile sviluppare un'interfaccia se
    > un
    > > prodotto non
    > > esiste!
    >
    > I prodotti di cui parli esistono da 10 anni, ti è
    > stato fornito più volte il link a Wikipedia con
    > l'elenco dei modelli più noti, decine di modelli,
    > ma la tua memoria ovviamente è limitata e ti
    > manca lo slot per
    > aumentarla

    a quali tablet consumer ti riferisci? a quelli che pesavano 3-4 Kg, costavano dai 2000 euro a salire (di 10 anni fa)... starno vero che non abbiano avuto successo, sarà stata colpa delle porte USB master!
  • Il mondo informatico inizia a capire il grande errore commesso con Windows.

    L'informatica non è compatibili con il "sistema unico". Il sistema unico mortifica l'hardware e vanifica l'innovazione.

    Stiamo ritornando ai gloriosi anni '70, dove tutti studiano e inventano cose NUOVE.

    Che dire, sono felice Sorride
    ruppolo
    33147
  • > L'informatica non è compatibili con il "sistema
    > unico". Il sistema unico mortifica l'hardware e
    > vanifica
    > l'innovazione.

    Quindi, tu proponi il modello "tanti sistemi operativi diversi" (come quando c'era il dos, l'amiga, l'atari st....)?

    In tal caso, sarà necessario un SDK multipiattaforma.... e sarà il trionfo del GCC (che è quello che già adesso ne supporta di più)

    Non male.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > L'informatica non è compatibili con il "sistema
    > > unico". Il sistema unico mortifica l'hardware e
    > > vanifica
    > > l'innovazione.
    >
    > Quindi, tu proponi il modello "tanti sistemi
    > operativi diversi" (come quando c'era il dos,
    > l'amiga, l'atari st....)?

    Non credo che intenda questo: il concetto è che ogni dispositivo è di natura diversa e necessita di funzioni specifiche: Windows ha fallito sugli smartphone, ha fallito sui tablet dell'ultimo decernnio, e fallirà su eventuali tablet futuri. Molto meglio Android e, in parte, WebOS

    > In tal caso, sarà necessario un SDK
    > multipiattaforma....

    ma anche no: a quale pro avere #n sistemi differenti se poi ci girano sempre le solite cose? Secondo te perché Apple (tra i vari motivi) non vuole Che si sviluppi in Flash su iOS?
  • - Scritto da: sadness with you

    > > Quindi, tu proponi il modello "tanti sistemi
    > > operativi diversi" (come quando c'era il dos,
    > > l'amiga, l'atari st....)?
    >
    > Non credo che intenda questo: il concetto è che
    > ogni dispositivo è di natura diversa e necessita
    > di funzioni specifiche: Windows ha fallito sugli
    > smartphone, ha fallito sui tablet dell'ultimo
    > decernnio, e fallirà su eventuali tablet futuri.
    > Molto meglio Android e, in parte,
    > WebOS
    >

    mmm mi pare che in sostanza avete detto la stessa cosa e cioè che ognuno di questi device necessita di un sistema operativo fatto per esaltarne le qualità

    > > In tal caso, sarà necessario un SDK
    > > multipiattaforma....
    >
    > ma anche no: a quale pro avere #n sistemi
    > differenti se poi ci girano sempre le solite
    > cose? Secondo te perché Apple (tra i vari motivi)
    > non vuole Che si sviluppi in Flash su
    > iOS?

    e quindi i programmatori dovranno impazzire per imparare millemila sdk diversi?

    apple non vuole flash perchè flash è lento, ma apple usa gcc e il toolchain gnu per lo sviluppo

    come vedi apple è stata la prima a standardizzarsi in questo settore

    e il fatto di spingere tanto su llvm mi fa pensare che alla apple abbiano capito che ci vuole un sistema di sviluppo unico ma capace di creare codice ottimizzato per le varie piattaforme
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > > > Quindi, tu proponi il modello "tanti sistemi
    > > > operativi diversi" (come quando c'era il dos,
    > > > l'amiga, l'atari st....)?
    > >
    > > Non credo che intenda questo: il concetto è che
    > > ogni dispositivo è di natura diversa e necessita
    > > di funzioni specifiche: Windows ha fallito sugli
    > > smartphone, ha fallito sui tablet dell'ultimo
    > > decernnio, e fallirà su eventuali tablet futuri.
    > > Molto meglio Android e, in parte, WebOS
    > >
    >
    > mmm mi pare che in sostanza avete detto la stessa
    > cosa e cioè che ognuno di questi device necessita
    > di un sistema operativo fatto per esaltarne le
    > qualità

    Non proprio la stessa cosa: io non sto dicendo che ogni produttore debba avere il proprio sistema operativo (com'era ai tempi della Amiga, Atari, ecc...), ma che ogni categoria di dispositivi, nello specifico i tablet, necessita di alcune particolarità che potrebbero non essere soddisfatte da un OS tradizionale. Windows mobile, quello "classico" sugli smartphone ha fallito, e ora Microsoft cercherà di rimediarvi con WinPhone7. IMHO pure Windows 7 non avrà futuro sui tablet, perché un tablet che per sua natura è touch necessita di un interfaccia studiata in tal senso... non basta dire che c'è il "supporto nativo" se poi l'interfaccia è pensata per un utilizzo con il mouse.
    Android (non solo li) potrà trovare posto su innumerevoli dispositivi di ogni marca, e sarà adatto ai tablet, così com'è adatto iOS. Se il mercato si dividerà equamente in 3, 4 o 5 OS (iOS, Android, WebOS, meego, QNX), sarà tutto di guadagnato per gli utenti.

    > > > In tal caso, sarà necessario un SDK
    > > > multipiattaforma....
    > >
    > > ma anche no: a quale pro avere #n sistemi
    > > differenti se poi ci girano sempre le solite
    > > cose? Secondo te perché Apple (tra i vari
    > > motivi) non vuole Che si sviluppi in Flash su
    > > iOS?
    >
    > e quindi i programmatori dovranno impazzire per
    > imparare millemila sdk diversi?

    Parlando dal punto di vista dell'utente, questa è la cosa migliore, perché permette di sfruttare al meglio le caratteristiche specifiche dei diversi OS.

    > apple non vuole flash perchè flash è lento,

    se parliamo di supporto online sicuramente... ma parlando di strumenti di sviluppo, Apple ha impedito che sullo store ci finissero applicazioni realizzate dall'ambiente flash, perché sarebbero applicazioni che non sfruttano le feature di iOS (essendo, per forza di cose, un ambiente "generico").

    > ma apple usa gcc e il toolchain gnu per lo
    > sviluppo
    >
    > come vedi apple è stata la prima a
    > standardizzarsi in questo settore

    nulla in contrario su questo...

    > e il fatto di spingere tanto su llvm mi fa
    > pensare che alla apple abbiano capito che ci
    > vuole un sistema di sviluppo unico ma capace di
    > creare codice ottimizzato per le varie
    > piattaforme

    dipende da cosa racchiudi nel "unico"... "unico" per iOS e Android direi di no...
  • Esatto.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: angros
    > > L'informatica non è compatibili con il "sistema
    > > unico". Il sistema unico mortifica l'hardware e
    > > vanifica
    > > l'innovazione.
    >
    > Quindi, tu proponi il modello "tanti sistemi
    > operativi diversi" (come quando c'era il dos,
    > l'amiga, l'atari
    > st....)?

    Si.

    > In tal caso, sarà necessario un SDK
    > multipiattaforma....

    Forse, ma questo non significa che lo sviluppatore possa evitare di scrivere programmi ad hoc per ogni differente sistema.
    ruppolo
    33147
  • > Forse, ma questo non significa che lo
    > sviluppatore possa evitare di scrivere programmi
    > ad hoc per ogni differente
    > sistema.

    Però può scrivere il programma generico e lasciare le personalizzazioni a programmatori esperti delle singole piattaforme.

    Ad esempio, scrive il programma in modo che abbia solo l'interfaccia dalla riga di comando (parecchi programmi sono così: mplayer, i cdtools, mame...), e poi lascia che per ogni sistema altri creino il front-end con l'interfaccia più adatta (che sarà diversa su un desktop, su un netbook, su un tablet, su un dispositivo embedded...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > Forse, ma questo non significa che lo
    > > sviluppatore possa evitare di scrivere programmi
    > > ad hoc per ogni differente
    > > sistema.
    >
    > Però può scrivere il programma generico e
    > lasciare le personalizzazioni a programmatori
    > esperti delle singole
    > piattaforme.
    >
    > Ad esempio, scrive il programma in modo che abbia
    > solo l'interfaccia dalla riga di comando
    > (parecchi programmi sono così: mplayer, i
    > cdtools, mame...), e poi lascia che per ogni
    > sistema altri creino il front-end con
    > l'interfaccia più adatta (che sarà diversa su un
    > desktop, su un netbook, su un tablet, su un
    > dispositivo
    > embedded...)

    Questo lo potresti fare con dispositivi molto simili, quindi di fatto quasi mai. Anche perché non si tratta solo di interfaccia, ma anche di dotazioni hardware più o in meno ampie.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: angros
    > > > Forse, ma questo non significa che lo
    > > > sviluppatore possa evitare di scrivere
    > programmi
    > > > ad hoc per ogni differente
    > > > sistema.
    > >
    > > Però può scrivere il programma generico e
    > > lasciare le personalizzazioni a programmatori
    > > esperti delle singole
    > > piattaforme.
    > >
    > > Ad esempio, scrive il programma in modo che
    > abbia
    > > solo l'interfaccia dalla riga di comando
    > > (parecchi programmi sono così: mplayer, i
    > > cdtools, mame...), e poi lascia che per ogni
    > > sistema altri creino il front-end con
    > > l'interfaccia più adatta (che sarà diversa su un
    > > desktop, su un netbook, su un tablet, su un
    > > dispositivo
    > > embedded...)
    >
    > Questo lo potresti fare con dispositivi molto
    > simili, quindi di fatto quasi mai. Anche perché
    > non si tratta solo di interfaccia, ma anche di
    > dotazioni hardware più o in meno
    > ampie.


    ma non c'è tutta questa varietà, in sostanza la polarità x86-ARM... i SOC degli smartphone, ad esempio, sono tutti molto simili... basati su ARM e chip grafici di Imagination, per quanto possano avere delle differenze le fondamenta son quelle... se guardi le specifiche tecniche del Samsung "Hummingbird" e dell'Apple A4 ti rendi cono di qunto siano simili
    non+autenticato
  • Speriamo di non finire poi nei gloriosi anni 80 quando c'erano così tanti consulenti incapaci da creare sufficienti problemi per il trentennio a venire...

    Ad ogni modo non so se sarebbe un bene questa cosa. O, meglio: non vedo solo punti favorevoli.
    non+autenticato