Claudio Tamburrino

H.264 è libero, ma non per tutti

Mossa diretta a scardinare le posizioni di Mozilla e Opera nella guerra dei codec, e per sfidare Google e VP8. Accoglienza tiepida per la notizia, la partita è ancora tutta da giocare

H.264 è libero, ma non per tuttiRoma - MPEG Licensing Association, il gruppo che gestisce le licenze brevettuali necessarie ad utilizzare gli standard del codec video MPEG, ha annunciato che non chiederà royalty per il codec AVC/H.264 di video messi a disposizione gratuitamente su Internet.

L'associazione, in realtà, aveva già adottato una moratoria sui video disponibili gratuitamente online valida fino al 2015 ma, il fatto che questa fatidica data pendesse come una spada di Damocle su tutti coloro che in questi cinque anni avessero scelto il formato proprietario, lasciava scettici gli operatori e gli osservatori: ora MPEG sembra decisa a rispondere alle insinuazioni estendendola a tutto il tempo di vita del suo portafoglio brevettuale relativo ad AVC, rendendo così per sempre privo di royalty l'utilizzo di codec H.264 in video distribuiti gratuitamente online.

Compensi a favore dell'associazione che li gestisce, per conto delle aziende che ne condividono la propreità intellettuale, saranno ancora dovuti per tutti quei video che non sono distribuiti gratuitamente e per l'utilizzo di encoder e decoder.
La mossa è strategicamente pensata per prevenire l'adozione da parte di Google di standard alternativi come quelli del progetto Open Web Media Project (WebM): a spaventare MPEG LA sarebbe in particolare il codec VP8 rilasciato da Google sotto licenza open source. Che, con la sponsorizzazione di BigG, avrebbe la chance di costituire uno standard Web alternativo.

Inoltre, con questa decisione l'associazione che gestisce i diritti sulle codifiche video attualmente in circolazione spera di ottenere una posizione di riguardo nella guerra dei codec attualmente in corso nella nascente definizione dello standard HTML5: H.264 è, per alcuni, il formato video che dovrebbe essere preferito nelle specifiche HTML5.

Il percorso delle draft di HTML5, del resto, resta quanto mai intricato: AVC/H.264 si trova in concorrenza con Ogg Theora, sviluppata da On2 (stessa azienda acquisita da Google e dalla cui tecnologia è nata VP8, altro concorrente per il momento non direttamente in gioco). È attorno a AVC/H.264 e Ogg Theora, tuttavia, si sono delineati i primi schieramenti delle parti che si sono riunite per cercare di definire la parte video dello standard HTML5: H.264 è supportato da Apple, che ha rifiutato di implementare Theora in Quick Time e che rappresenta il più agguerrito nemico di Flash, ma anche da Microsoft, che ha scelto di supportare solo H.264 in Internet Explorer 9.

Al contrario, H.264 non ha finora trovato spazio su Mozilla e Opera, preoccupate dei suoi requisiti di licenza, che glihanno preferito il formato portato avanti da Google: che a sua volta, mentre porta avanti una codifica video con VP8, supporta sia H.264 che (anche se con qualche dubbio in più per la qualità-per-bit) Ogg Theora.

Con la decisione di rendere perpetua la gratuità del codec almeno per alcuni utilizzi, MPEG LA vorrebbe spingere dalla sua parte Mozilla e Opera. Mentre per fermare Google starebbe provando a dimostrare che il codec di Mountain View sarebbe in parte coperto da brevetti detenuti dai suoi membri, e che quindi poca convenienza ci sarebbe a cambiare da H.264 ad esso, almeno non per questioni di licenze aperte o meno.

Mozilla ha già annunciato che non cambierà la sua decisione di non supportare lo standard MPEG LA: a non convicere il CEO John Lilly il fatto che royalty saranno ancora richieste per encoder e decoder e per i filmati non distribuiti gratuitamente. Per quelli, cioè, che circolano nei siti legali di video streaming e download a pagamento.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàNero AG denuncia: MPEG-LA ci strozzaSecondo la società tedesca il gruppo di lavoro che gestisce le royalty per l'utilizzo dei codec audiovisivi è degno di una indagine antitrust. In ballo le licenze sui prodotti in prova
  • TecnologiaGoogle VP8, accoglienza agrodolceIl nuovo codec che Mountain View ha donato alla community dell'open source continua a far discutere. In tanti lo criticano, Apple in primis, e già si prospettano possibili vertenze legali
  • BusinessHTML capitolo 5: la guerra dei codecLa nuova versione dello standard web per antonomasia dovrebbe servire a propagare un'autentica rivoluzione per i contenuti video e lo streaming multimediale. Ma prima occorrerà attendere la fine della contesa tra i formati
145 Commenti alla Notizia H.264 è libero, ma non per tutti
Ordina
  • Essenzialmente, credo che questa mossa serva solo ad imbonire Google: sanno bene che se YouTube passasse completamente a WebM, questo diverrebbe LO standard streaming nel giro di qualche mese, e non ce ne sarebbe più per nessuno. Evidentemente poi le loro rivendicazioni brevettuali su WebM non sono poi così fondate, visto che decidono di usare la carota prima del bastone. Sarà perché perderebbero la licenza d'uso di WebM se denunciassero Google...

    Insomma, piùche una gentile concessione, mi sembra più un atto di disperazione.
  • Io suppongo che la storia sui brevetti possa rivelarsi per MPEG-LA un'arma a doppio taglio... se - da un'analisi approfondita - venisse fuori che la On2 possedeva dei brevetti su tecnologie poi implementate in h264 sarebbero dolori !

    Quindi adesso la strategia è quella di non rischiare contro la concorrenza, ma dissuadere i clienti ad andarsene...

    Auguri !
    non+autenticato
  • La penso allo stesso modo.
    Se YouTube trasmettesse solo con WebM lo share di Explorer precipiterebbe ancora.
    Ed anche Safari, per i 4 che lo usano.
    Alla fine Google ha sia cio che il mercato vuole ( YouTube ) che il sistema di codifica ( WebM ) che il browser ( Chrome, con Firefox che supporta la stessa linea di pensiero ).
    Non la vedo una battaglia difficile: dovessero mostrare i muscoli, farebbero un male assurdo agli avversari.
  • - Scritto da: r1348
    > Essenzialmente, credo che questa mossa serva solo
    > ad imbonire Google: sanno bene che se YouTube
    > passasse completamente a WebM, questo diverrebbe
    > LO standard streaming nel giro di qualche mese, e
    > non ce ne sarebbe più per nessuno.

    AHAHAHAHHA!!!

    Si certo, basta far finta che Apple e relativi iPhone/iPad non esistano!
    ruppolo
    33146
  • Parte minima del traffico internet: http://marketshare.hitslink.com/operating-system-m...

    In termini di market share, per google ha più senso sviluppare una soluzione per linux...
  • Togli YT e vedi come gli utenti Apple corrono a chiedere l'upgrade ed il codec.
    Sono solo indeciso: minuti o secondi?
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: r1348
    > > Essenzialmente, credo che questa mossa serva
    > solo
    > > ad imbonire Google: sanno bene che se YouTube
    > > passasse completamente a WebM, questo diverrebbe
    > > LO standard streaming nel giro di qualche mese,
    > e
    > > non ce ne sarebbe più per nessuno.
    >
    > AHAHAHAHHA!!!
    >
    > Si certo, basta far finta che Apple e relativi
    > iPhone/iPad non
    > esistano!


    scusami eh.. 100 milioni di dispositivi su quasi 1.2 miliardi.. mi dici che incidenza hanno?.. o si adeguano o ne rimangono fuori.. google potrebbe farlo e la cosa peserebbe piu ad apple che a google te lo assicuro..
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: r1348
    > > Essenzialmente, credo che questa mossa serva
    > solo
    > > ad imbonire Google: sanno bene che se YouTube
    > > passasse completamente a WebM, questo diverrebbe
    > > LO standard streaming nel giro di qualche mese,
    > e
    > > non ce ne sarebbe più per nessuno.
    >
    > AHAHAHAHHA!!!
    >
    > Si certo, basta far finta che Apple e relativi
    > iPhone/iPad non
    > esistano!

    Sono piu` gli utenti Apple o gli utenti di YouTube? Comunque non e` un problema, jailbreak e codec di terzi e anche l`iP* tornera` ad essere un dispositivo degno di questo nome.
    Shiba
    4103
  • ....in pratica inutile

    rispetto al passato non è cambiato assolutamente niente, se non la dicitura "gratis a tempo indeterminato"

    quel "tempo indeterminato" è una sciabola tra capo e collo di quelli che vogliono adottare h264, perchè implica la possibilità che in un punto indeterminato nel futuro mpeg-la ricomincerà a rompere

    internet ha bisogno di un codec free e open, si tratta di requisiti obbligatori per l'accettazione da parte del w3c...mpeg-la non li soddisfa e non ha intenzione di soddisfarli

    l'unica nota positiva è che mpeg-la mostra chiaramente il terrore per l'avvento del suo grande avversario, segno che webm, o meglio la recente implementazione fatta da xiph, è in grado di far mangiare la polvere al codec h264

    personalmente sono per i formati liberi e di certo le clausole della licenza di mpeg-la sono ben poco chiari e, dal punto di vista legale, un vero e proprio campo minato
  • Implemantazione fatta da Xiph ???

    Illuminaci !
    non+autenticato
  • hanno reimplementato il codice, che ovviamente non era il massimo....poi hanno cominciato a lavorare a delle aggiunte al formato e a migliorare gli algoritmi

    in verità c'è un'implementazione realizzato dal team di ffmpeg che è addirittura migliore di quella di xiph
  • - Scritto da: pabloski
    > personalmente sono per i formati liberi e di
    > certo le clausole della licenza di mpeg-la sono
    > ben poco chiari e, dal punto di vista legale, un
    > vero e proprio campo
    > minato

    Ci stiamo preoccupando troppo.
    ruppolo
    33146
  • chissà quante aziende in passato hanno detto la stessa cosa, adottando soluzioni e software della microsoft, allettati dalle "permissive" opzioni di licensing e, perchè no, dalla possibilità della pirateria.....

    adesso quelle stesse aziende si stanno mangiando le mani, perchè si trovano bloccate in un sistema proprietario e non possono andare oltre xp e ie6, altrimenti gli scoppia in faccia l'intera infrastruttura dell'intranet
  • Non potrebbero accordarsi e supportarli entrambi?
    Lasciando quindi agli sviluppatori la LIBERTA' di decidere?
    non+autenticato
  • - Scritto da: vac
    > Non potrebbero accordarsi e supportarli entrambi?
    > Lasciando quindi agli sviluppatori la LIBERTA' di
    > decidere?

    humm.. libertà di decidere.. aziende come apple.. libertà di decidere autonomamente.. humm.. no non si puo fare.. 30anni di politica interna per evitare che tu pensi autonomamente non si cambiano manco se hai ragione
  • Straquoto
    non+autenticato
  • > Non potrebbero accordarsi e supportarli entrambi?
    > Lasciando quindi agli sviluppatori la LIBERTA' di decidere?
    Supportarli chi?
    H.264 è un codec proprietario, costosissimo e che limita la libertà di impresa: se vuoi, come sviluppatore PAGHI e lo usi. Sei libero di farlo.
    WebM è un codec completamente libero: se ti va di usarlo lo fai e fine della storia.
  • - Scritto da: advange


    > WebM è un codec completamente libero

    Salvo brevetti...
    2678
  • di cui, molto probabilmente, la maggior parte sono reinvenzioni dell'acqua calda

    i brevetti sono l'ultimo dei problemi, perchè h264, a sua volta, è molto "legato" ai formati di on2.....se la questione brevetti fosse stata tutta a favore di mpeg-la, credi davvero che avrebbero cambiato i termini della licenza piuttosto che trascinare google in tribunale?

    l'attuale mossa è il chiaro indicatore che i brevetti di cui parlano fanno parte dell'armamentario tipico di FUD di cui l'industria informatica odierna tanto si vanta
  • infatti è così, mpeg-la se la sta facendo sotto e cerca di fregare i programmatori e gli operatori del settore multimediale

    solo che ormai la gente s'è fatta furba e il trucchetto non riesce

    aspettiamo che il loro cadavere ci passi davanti mentre siamo seduti sulla sponda del fiume gialloA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: vac
    > Non potrebbero accordarsi e supportarli entrambi?
    > Lasciando quindi agli sviluppatori la LIBERTA' di
    > decidere?

    in che senso?

    accordarsi mpeg-la e xiph non credo proprio

    l'accordo avverrà in maniera indiretta, perchè ms ha tutto l'interesse a non fare figure di ***** e non perdere utenti per delle stupidaggini del genere e quindi ha detto che il supporto a webm per loro non è un problema

    firefox supporta già webm come pure chrome e opera

    mpeg-la ha giocato questa sporca carta perchè se la sta facendo sotto e si è accorta che contro google il suo FUD da patent troll non funziona
    non+autenticato
  • http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2817544&m=282...

    Anche se non ero il solo a pensarla così in questo forum.

    e qualcuno mi aveva anche detto che era fantascienza pensare ad un h264 senza royalty...

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2857199&m=285...

    Fan LinuxFan Apple
  • Certo, ora puoi distribuire il tuo video gratuito su internet in h264. Per crearlo o visionarlo però ti serve un codec...
  • - Scritto da: r1348
    > Certo, ora puoi distribuire il tuo video gratuito
    > su internet in h264. Per crearlo o visionarlo
    > però ti serve un
    > codec...
    Codec presente su tutti i sistemi Apple, su IE di Microsoft e su Google Chrome. Più che sufficiente.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: r1348
    > > Certo, ora puoi distribuire il tuo video
    > gratuito
    > > su internet in h264. Per crearlo o visionarlo
    > > però ti serve un
    > > codec...
    > Codec presente su tutti i sistemi Apple, su IE di
    > Microsoft e su Google Chrome. Più che
    > sufficiente.

    domanda.. perchè continuare a far campare mpeg-la?
  • - Scritto da: lordream

    >
    > domanda.. perchè continuare a far campare mpeg-la?

    Più che altro MPEG-LA è semplicemente un mandatario per la gestione di brevetti altrui, quindi sono i possessori dei brevetti a farla campare.
    Il problrema non sta quindi in MPEG-LA ma nella validità (o meno) dei brevetti stessi.

    Dopo la mossa di Google io mi aspettavo questa risposta di MPEG LA, assieme alla minaccia che VP8 violi (e la cosa non si può escludere) alcuni brevetti MPEG ... senza però dire quali.

    Spero che comunque Google e sviluppatori 'associati' non rallentino lo sviluppo di VP8 o che, comunque vadano le cose, si arrivi a standard liberi, anche se meno preformanti.
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: r1348
    > > Certo, ora puoi distribuire il tuo video gratuito
    > > su internet in h264. Per crearlo o visionarlo
    > > però ti serve un
    > > codec...
    > Codec presente su tutti i sistemi Apple, su IE di
    > Microsoft e su Google Chrome. Più che sufficiente.

    Prendete una qualsiasi videocamera o fotocamera professionale capace di fare filmati codificati nel formato H264. Aprite il manualetto alla pagina tutta scritta in piccolo delle licenze. Con vostro stupore scoprirete che NON avete la licenza di usare l'oggetto per riprendere filmati H264 per uso commerciale. Per esempio fotografi che riprendono e filmano matrimoni e comunioni, se usano H264 e poi rivendono il filmato possono subire una causa dalla MPEG-LA. Etc etc.

    Ok, non si tratta di utilizzi free, ma era per spiegare che lo scopo di MPEG-LA è imporre H264 come standard mondiale e poi cominciare a riscuotere royalties su chiunque produca, distribuisca e riproduca filmati H264.
    non+autenticato
  • Codec non presente su Firefox, ovvero circa il 30% del mercato browser. Inaccettabile.
  • - Scritto da: r1348
    > Codec non presente su Firefox, ovvero circa il
    > 30% del mercato browser.
    > Inaccettabile.
    Ininfluente, ci sono vari browser, tra l'altro migliori di Firefox, tutti gratuiti.
    Inoltre H.264 non è un formato legato prettamente al web, tantomeno ai browser.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: r1348
    > > Codec non presente su Firefox, ovvero circa il
    > > 30% del mercato browser.
    > > Inaccettabile.
    > Ininfluente, ci sono vari browser, tra l'altro
    > migliori di Firefox, tutti
    > gratuiti.
    > Inoltre H.264 non è un formato legato prettamente
    > al web, tantomeno ai
    > browser.


    migliori?.. come safari ad esempio?.. non mi dire di si che ti rido in faccia consulente
  • - Scritto da: lordream
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: r1348
    > > > Codec non presente su Firefox, ovvero circa il
    > > > 30% del mercato browser.
    > > > Inaccettabile.
    > > Ininfluente, ci sono vari browser, tra l'altro
    > > migliori di Firefox, tutti
    > > gratuiti.
    > > Inoltre H.264 non è un formato legato
    > prettamente
    > > al web, tantomeno ai
    > > browser.
    >
    >
    > migliori?.. come safari ad esempio?.. non mi dire
    > di si che ti rido in faccia
    > consulente

    Safari è certamente migliore, ma ce ne sono altri, sempre migliori. Ma tu sei fuori da queste cose, non sai.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: lordream
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > > - Scritto da: r1348
    > > > > Codec non presente su Firefox, ovvero circa
    > il
    > > > > 30% del mercato browser.
    > > > > Inaccettabile.
    > > > Ininfluente, ci sono vari browser, tra l'altro
    > > > migliori di Firefox, tutti
    > > > gratuiti.
    > > > Inoltre H.264 non è un formato legato
    > > prettamente
    > > > al web, tantomeno ai
    > > > browser.
    > >
    > >
    > > migliori?.. come safari ad esempio?.. non mi
    > dire
    > > di si che ti rido in faccia
    > > consulente
    >
    > Safari è certamente migliore, ma ce ne sono
    > altri, sempre migliori. Ma tu sei fuori da queste
    > cose, non
    > sai.

    safari migliore di cosa?.. in quali ambiti?.. in cosa migliore di FF o chrome? o anche opera?.. sai.. sono abituato ad avere metri di paragone quando mi dicono "è migliore" non so tu ma per me è cosi.. non mi basta che mi dicano "è migliore" servono dati alla mano per giudicarlo tale.. tu usi safari semplicemente perchè è apple non certo perchè sei in grado di capire che è migliore o meno
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)