Alfonso Maruccia

Ksplice, kernel gratis su Fedora

Mai più reboot in seguito all'aggiornamento del kernel per gli utenti della popolare distro Linux sponsorizzata da Red Hat. Il servizio offerto da Ksplice diventa gratuito

Roma - La distro Linux Fedora si arricchisce di una possibilità che farà certamente felici admin di sistema e smanettoni sempre pronti ad aggiornare il kernel a ogni nuova versione: Ksplice, la tecnologia che permette di applicare i suddetti aggiornamenti senza obbligare per questo al riavvio del sistema, diventa un servizio gratuito per gli utenti Fedora.

Ksplice viene venduto come "servizio in sottoscrizione" grazie al quale applicare gli aggiornamenti di sicurezza al kernel Linux mantenendo il periodo di uptime della macchina - sia essa client o server. Una possibilità che risulta naturalmente appetibile soprattutto agli amministratori di sistema, e non a caso i clienti indicati da Ksplice includono popolari provider di servizi di web hosting come MediaTemple, DreamHost e HostGator.

Ksplice è un servizio a pagamento con costi che partono da 3,95 dollari per sistema al mese (dopo un periodo di prova di 30 giorni), mentre Fedora entra a far parte della ristrettissima cerchia di distro "supportate" dalla società Ksplice, Inc che garantisce la disponibilità gratuita degli update "bootless". Prima di Fedora, solo Ubuntu Desktop poteva fregiarsi di una simile caratteristica.
"Centinaia di provider mondiali di cloud computing, società di web hosting e installazioni Linux aziendali usano Ksplice Uptrack per aggiornare i propri kernel in maniera continuata e senza interruzioni per i clienti - recita la press release della società - La novità di oggi è che milioni di utenti Fedora hanno la stessa possibilità".

Dopotutto Ksplice "è stato in origine sviluppato proprio su Fedora", dice il founder e CEO Jeff Arnold, dunque l'azienda sostiene di essere ben lieta di "fornire in cambio il servizio alla community Fedora gratuitamente".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaFedora 13, attesa finitaRilasciata negli scorsi giorni la nuova release della famosa distribuzione Linux figlia di Red Hat. Tra le migliorie, un più efficiente supporto alla virtualizzazione e alle più recenti schede grafiche
  • TecnologiaLinaro dà una mano a LinuxUn gruppo di giganti dei microprocessori unisce le forze per portare Linux dappertutto, nei dispositivi mobile come nel salotto domestico. Focus sulle CPU di ARM, ma Intel resta la benvenuta
  • TecnologiaLinux 2.6.35, il nuovo Pinguino dell'imperatore LinusIl mantainer di Linux ha distribuito l'ultima release del suo kernel open source. Corpose e interessanti le novità, con la prospettiva di futuri miglioramenti. Incluso qualche avvertimento a non tirare troppo la corda
41 Commenti alla Notizia Ksplice, kernel gratis su Fedora
Ordina
  • maaaa usare kexec con uno script no?
    non+autenticato
  • io ho una teoria:

    "quando le cose non valgono più, si buttano... anzi no.. si regalano"

    Fan Windows
    non+autenticato
  • quindi windows non è mai valso niente visto che ms lo fa piratare da cani e porci chiudendo quattro occhi
    non+autenticato
  • Per le versioni client delle distrio, tale oggetto era gratuito.
    Sgabbio
    26177
  • Ben fatto..hai anticipato il terribile flame sulla ricompilazione che si sarebbe generato.
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Per le versioni client delle distrio, tale
    > oggetto era
    > gratuito.

    uno spunto di riflessione trolloso. Come mai le aziende preferiscono pagare la licenza per usarlo e non si limitano a piratare quello gratuito per le versioni client ?
  • - Scritto da: shevathas
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Per le versioni client delle distrio, tale
    > > oggetto era
    > > gratuito.
    >
    > uno spunto di riflessione trolloso. Come mai le
    > aziende preferiscono pagare la licenza per usarlo
    > e non si limitano a piratare quello gratuito per
    > le versioni client
    > ?

    Parliamo di utilizzatori linux, mica di winsozz.
    Il winaro pirata tutto, e quando puo' scegliere tra qualcosa di free e qualcosa di piratato sceglie sempre il piratato.

    Le aziende che usano linux invece, quando c'e' da pagare una licenza, la pagano.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: shevathas
    > > - Scritto da: Sgabbio
    > > > Per le versioni client delle distrio, tale
    > > > oggetto era
    > > > gratuito.
    > >
    > > uno spunto di riflessione trolloso. Come mai le
    > > aziende preferiscono pagare la licenza per
    > usarlo
    > > e non si limitano a piratare quello gratuito per
    > > le versioni client
    > > ?
    >
    > Parliamo di utilizzatori linux, mica di winsozz.
    > Il winaro pirata tutto, e quando puo' scegliere
    > tra qualcosa di free e qualcosa di piratato
    > sceglie sempre il
    > piratato.
    >
    > Le aziende che usano linux invece, quando c'e' da
    > pagare una licenza, la
    > pagano.

    Le aziende sono un discorso a parte; infatti tutte le aziende che conosco utilizzano software originale a prescindere dalla natura dei loro OS.

    Inoltre il discorso sugli utenti finali non regge; è inutile fare di tutta l'erba un fascio; la pirateria esiste a prescindere dal sistema, e sebbene sui sistemi liberi sia ridotta rispetto ad altri c'è anche da valutare la disponibilità di applicativi commerciali su tali sistemi prima di esprimere giudizi si tanto lapidari.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vault Dweller

    > Inoltre il discorso sugli utenti finali non
    > regge; è inutile fare di tutta l'erba un fascio;
    > la pirateria esiste a prescindere dal sistema, e
    > sebbene sui sistemi liberi sia ridotta rispetto
    > ad altri c'è anche da valutare la disponibilità
    > di applicativi commerciali su tali sistemi prima
    > di esprimere giudizi si tanto
    > lapidari.

    C'e' poco da valutare.

    Chi usa linux come desktop *SA* che non c'e' Office, non c'e' Autocad, non c'e' Photoshop.

    Chi non vuole passare a linux come desktop le obiezioni che muove sono: non c'e' office, non c'e' autocad, non c'e' photoshop.

    Ma la cultura del software piratato non e' solo limitata a quei grossi pacchetti, ma arriva pure agli shareware non corrisposti.
    Il tipico winaro con office craccato, ha anche winzip craccato o con la finestrella che ad ogni lancio gli ricorda che sono trascorsi 1356 giorni dalla fine del periodo di prova.
    Poco importa che esistano per winsozz programmi di compressione/decompressione piu' efficienti e versatili di winzip, e pure opensource.

    Ci sono poche mosche bianche, tipicamente utenti linux che tengono winsozz in dual boot che si preoccupano di installare programmi open anche su winsozz.
    La massa utonta invece fa del possesso di software piratato motivo di vanto.
  • In effetti non si capisce il motivo per cui, nonostante esista, per dirne uno, un 7zip che funziona DA DIO e legge mooolti più formati di WinZip e WinRar, questi vengano usati, quindi craccati e 7zip che è free no.

    Secondo me molto risiede nell'ignoranza dell'utenza, che appunto ignora l'esistenza di programmi free e anche migliori talvolta.

    Quanta gente che teneva stretto stretto norton o mcafee ho fatto passare ad avast. Ho perso il conto.
    non+autenticato
  • Avast! era noto per i suoi clamorosi falsi positivi un tempo, mi ricordo che mi vide come malware, utorrentA bocca aperta


    Comunque 7zip fungerà da dio però manca la funzionalità di associare un archivio compresso a quel programma come fanno gli altri programmi.

    Comunque un'altra obbiezione che fanno su linux è la mancanza di giochi ed emulatori di vecchie piattaforme ludice.
    Sgabbio
    26177
  • Scusa, cosa manco a 7-zip?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Avast! era noto per i suoi clamorosi falsi
    > positivi un tempo, mi ricordo che mi vide come
    > malware, utorrent
    >A bocca aperta

    Non e' che era un torrent di un crack infetto?

    > Comunque 7zip fungerà da dio però manca la
    > funzionalità di associare un archivio compresso a
    > quel programma come fanno gli altri
    > programmi.

    Come no? Sotto winsozz si integra perfettamente nel desktop manager: eseguibile associato e opzioni col tasto destro del menu.

    > Comunque un'altra obbiezione che fanno su linux è
    > la mancanza di giochi ed emulatori di vecchie
    > piattaforme ludice.

    Dosbox, uae, e una sfilza di emulatori dal gameboy alla ds, tutti scaricabili dal repo.
    Chi e' che fudda quelle cose li'?
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Avast! era noto per i suoi clamorosi falsi
    > positivi un tempo, mi ricordo che mi vide come
    > malware, utorrent
    >A bocca aperta

    > Comunque 7zip fungerà da dio però manca la
    > funzionalità di associare un archivio compresso a
    > quel programma come fanno gli altri programmi.

    > Comunque un'altra obbiezione che fanno su linux è
    > la mancanza di giochi ed emulatori di vecchie
    > piattaforme ludice.

    Quali emulatori di vecchie piattaforme mancano ?
    krane
    22544