Alfonso Maruccia

Facebook, il data center va a carbone

Greenpeace protesta contro il social network e il suo piano di realizzare un nuovo data center. Alimentato con elettricità prodotta a partire dal carbone

Roma - Continua l'attivismo di Greenpeace contro i colossi tecnologici che alimentano i propri data center con elettricità prodotta a partire dal carbone. Questa volta l'organizzazione non-profit se la prende direttamente con Facebook, colpevole di aver avviato la realizzazione di un nuovo centro di elaborazione dati (CED) a Prineville, nell'Oregon.

Il problema è che PacificCorp, la fornitrice di energia elettrica della zona, usa un mix di materiali di produzione che è "sproporzionatamente alimentato dal carbone, la più grande fonte di inquinamento da riscaldamento globale" dice Greenpeace.

Per applicare maggior pressione sul management di Facebook, Greenpeace ha organizzato una campagna per "obbligare" il portalone sociale a "togliere l'amicizia al carbone direttamente sulle pagine del sito. La campagna è andata discretamente raccogliendo l'adesione di più di 500mila persone, e ora il direttore esecutivo di Greenpeace International Kumi Naidoo ha inviato una lettera aperta a Mark Zuckerberg chiedendo un cambio radicale nelle politiche energetiche della corporation.
La risposta di Facebook è affidata a un lungo commento di Barry Schnitt, direttore delle politiche sulla comunicazione, che ribadisce la volontà dell'azienda di "giocare verde" con l'energia elettrica e rassicura sull'ecocompatibilità dei piani futuri di PacificCorp.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
22 Commenti alla Notizia Facebook, il data center va a carbone
Ordina
  • ...Ho scoperto che per dire fesserie su fessbùk
    vengono bruciate tonnellate di carbone e contribuito
    alla distruzione del pianeta Terra.
  • Penso anche al centinaio di millioni di computer accesi solo per scrivere "ogg mi sento triste", "oggi ho la sciolta", "guarda che foto che mi hanno fatto", "sono arrivato a 500 amici".

    Eh, il progresso.
    non+autenticato
  • Si potrebbe dire lo stesso del tuo commentoA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • Talvolta anche il loro sito va a carbone.
    non+autenticato
  • ... che il petrolio, come si fa da noi.
    Ce n'è molto di più e il petrolio è indispensabile per altri scopi (materiali, trasporto aereo, ecc) e quando finirà sarà un bel problema.

    Certo l'ideale sarebbe tornare al nucleare. Ma fatto bene:
    http://brc.gov/e-mails/June10/2010-07Hargraves.pdf

    Il nostro Rubbia ha anche brevetti in merito. Ma in Italia nessuno se lo fila (ora credo sia in Spagna).
    non+autenticato
  • Un giorno faremo una lezione sulle energie rinnovabili, resta in linea, mi raccomando!
  • - Scritto da: MacBoy
    > ... che il petrolio, come si fa da noi.

    Falso. Noi andiamo a carbone e gas naturale.
    Quasi nulla olio combustibile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: blah blah
    > - Scritto da: MacBoy
    > > ... che il petrolio, come si fa da noi.
    >
    > Falso. Noi andiamo a carbone e gas naturale.
    > Quasi nulla olio combustibile.

    Ok, è vero:
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    non sapevo che le cose fossero un po' cambiate, meglio così.
    Ma non è che sia una soluzione. Noi non abbiamo nessuna delle 2 cose...
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy

    > Ma non è che sia una soluzione. Noi non abbiamo
    > nessuna delle 2
    > cose...

    Nessuna delle TRE cose: anche l'uranio non ce l'abbiamo.
    Il sole quello si, e pure tanto, ma quello non ingrasserebbe le panze dei soliti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Oppure
    > Nessuna delle TRE cose: anche l'uranio non ce
    > l'abbiamo.

    Infatti io sono per il Torio. Le centrali nucleari ad Uranio sono OLD (se leggi l'articolo, il motivo principale per cui all'epoca state fatte ad uranio è perchè si poteva produrre plutonio per le bombe atomiche).

    Pensa che il Torio ora lo considerano un inerte fastidioso (è leggermente radioattivo) e lo buttano quando vanno a scavare per estrarre i metalli rari...

    > Il sole quello si, e pure tanto, ma quello non
    > ingrasserebbe le panze dei soliti.

    Il sole sì, è lo spazio che manca. E ne serve tanto. E comunque non è che sia contrario, solo che non lo vedo come l'unica soluzione al momento.
    non+autenticato
  • Se investissero nel fotovoltaico nero ,basato sul silicio nero, forse lo spazio si ridurebbe ed aumenterebbe la quantità di energia prodotta.
    Ma non dite a nessuno che questa scoperta:
    http://paroleverdi.blogosfere.it/2008/10/il-silici...

    potrebbe fare tante cose
  • - Scritto da: MacBoy

    > Infatti io sono per il Torio. Le centrali
    > nucleari ad Uranio sono OLD (se leggi l'articolo,
    > il motivo principale per cui all'epoca state
    > fatte ad uranio è perchè si poteva produrre
    > plutonio per le bombe
    > atomiche).

    > Pensa che il Torio ora lo considerano un inerte
    > fastidioso (è leggermente radioattivo) e lo
    > buttano quando vanno a scavare per estrarre i
    > metalli rari...

    Letto oggi
    http://mondoelettrico.blogspot.com/2010/09/rubbia-...

    > > Il sole quello si, e pure tanto, ma quello non
    > > ingrasserebbe le panze dei soliti.
    >
    > Il sole sì, è lo spazio che manca. E ne serve
    > tanto. E comunque non è che sia contrario, solo
    > che non lo vedo come l'unica soluzione al
    > momento.

    non è vero, basterebbe una frazione dei terreni marginali non coltivabili al Sud per avere tutta l'energia necessaria all'Italia (al netto degli ovvi problemi di immagazzinamento e distribuzione)
    Senza aggiungere capannoni, tetti e coperture varie.
    Funz
    12990
  • > non è vero, basterebbe una frazione dei terreni
    > marginali non coltivabili al Sud per avere tutta
    > l'energia necessaria all'Italia (al netto degli
    > ovvi problemi di immagazzinamento e
    > distribuzione)

    peccato che se non risolvi i problemi di immagazzinamento, le batterie sono alquanto inquinanti e l'idrogeno non è uno scherzo stoccarlo e trasportarlo, e di distribuzione dell'energia questa soluzione ha valore tanto quanto proporre l'uso del motore a gatto imburrato.
  • - Scritto da: Oppure
    > - Scritto da: MacBoy
    > Il sole quello si, e pure tanto, ma quello non
    > ingrasserebbe le panze dei> soliti.

    il sole é gratis, quindi l'energia solare é gratis Rotola dal ridere

    il solare é un fallimento.
    Sei pregato di spiegare, inoltre come si potrebbe garantire una fornitura stabile di energia con una fonte variabile come il sole, disponibile solo alcune ore al giorno, soggetto al tempo metereologico e che durante autunno ed inverno produce pochissima energia.

    Prova a far andare una centrale solare in Gennaio !
    non+autenticato
  • - Scritto da: Undertaker
    > Prova a far andare una centrale solare in Gennaio!

    tecnicamente sarebbe possibile:
    https://secure.wikimedia.org/wikipedia/en/wiki/Nan...
  • Si potrebbe anche scrivere che il 26,1% di FaceBook va ad energia nucleare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uno a caso
    > Si potrebbe anche scrivere che il 26,1% di
    > FaceBook va ad energia
    > nucleare.

    Se invece di scriversi mediante fessbuk, tutta quella gente si parlasse, si otterrebbe tanta di quella energia eolica da sostituire tutte le centrali esistenti, e ne avanzerebbe pure!
  • - Scritto da: Uno a caso
    > Si potrebbe anche scrivere che il 26,1% di
    > FaceBook va ad energia> nucleare.

    In Francia il 76%, pensa quanti milioni di tonnellate di CO2 in meno
    non+autenticato
  • Già!
    E pensa quanti millenni prima che le scorie dimezzino il loro potenziale nocivo!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)