Claudio Tamburrino

Ebook, Telecom chiama gli editori

Pronto il suo store: un piattaforma per la distribuzione e l'acquisto (e il pagamento). In arrivo nel catalogo della telco anche e-reader con connessione 3G

Roma - Telecom Italia ha scelto il Festivaletteratura 2010, evento che si svolge a Mantova dall'8 al 12 settembre 2010, per presentare la sua puntata di ingresso nel mercato dell'editoria digitale.

In quest'occasione ha organizzato otto postazioni tecnologiche nello spazio ad essa dedicato in cui ha presentato il proprio nuovo ebook store e alcuni modelli di e-reader di nuova generazione, tra cui quelli Sagem e Samsung, che entreranno a far parte della sua proposta commerciale con connessione mobile 3G.

Per sottolineare l'interesse per il mercato emergente degli ebook, Telecom ha ospitato anche un ciclo di incontri su temi letterari e tecnologie emergenti e per cui è prevista una diretto online e on demand sul suo sito e su festivaletteratura.it.

L'ebook Store Telecom Italia, già anticipato a marzo dall'AD Franco Bernabé, è una nuova piattaforma per l'editoria digitale che promette di essere in grado di gestire il processo end to end, dalla distribuzione al pagamento (tramite carta di credito o addebito su cellulare) dei contenuti digitali.
La volontà della telco è quella di trovare la collaborazione degli editori, lasciando alle case editrici la più ampia autonomia in termini di scelte commerciali e di politica dei prezzi e assicurando un sistema di DRM in grado di scongiurare la pirateria.

Gli ebook saranno organizzati in più sezioni: gratuiti, bestseller, novità e catalogo completo. La compatibilità su PC dovrebbe essere subordinata all'installazione di Adobe Digital Editions. Dovrebbero comunque essere utilizzati i formati maggiormente diffusi come PDF ed ePUB.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàEbook, lavori in corsoMentre Mondadori annuncia l'esordio nel mercato dei libri digitali, arriva un nuovo formato che integra componenti social e cerca di imporsi nella selva di specifiche differenti. Č un mercato ancora tumultuoso
  • Digital LifeBarnes&Nobles, il digitale tiraMentre le librerie tradizionali arrancano, Nook trascina la casa editrice. Mentre i preordini di Kindle esauriscono le scorte, la guerra degli ebook si fa sempre pių cruenta: con qualche vittima eccellente
38 Commenti alla Notizia Ebook, Telecom chiama gli editori
Ordina
  • Avviso: chi pensa che questa discussione sia sugli eBook e non sugli ereader non ha capito nulla del problema.

    Spero tanto che gli eBook spingano tutti voi a leggere di più, questa è l'unica cosa veramente importante.
    Per il resto ai "giovani" auguro che almeno nelle scuole gli ebook prendano piede e ogni studente si doti di un ereader adeguato... ma ci vorrà tempo. Certo gli editori scolastici sono semplicemente terrorizzati dalla prospettiva. Purtroppo però non sarà presto e a scuola voi e i vostri figli continuerete ad andarci con zaini stracarichi.

    Nel mondo normale dei lettori e degli editori (in Italia sono alcune migliaia gli editori) non vedo in giro grandi cambiamenti e grande voglia di entrare nel mondo dell'editoria digitale... anche se sicuramente qualcuno ci proverà anche solo per esserci.
    Non so cosa succederà ma è molto difficile che qualcosa cambi nell'editoria molto velocemente. Fatto mille il fatturato di un editore la sua speranza di fatturato in ebook oggi non supera 1.
    L'editore intelligente farà degli esperimenti nell'ambito eBook e molto cautamente per vedere se e come il mercato reagirà. L'editore è molto preoccupato che il fatturato cartaceo o elettronico subiscano i contraccolpi della cosa. Probabilmente il libro elettronico avrà più margine del libro carataceo ma questo non significa che i volumi complessivi riecano a coprire i vuoti creati nel fatturato cartaceo l'unica speranza dell'editore è la crescita complessiva dei lettori.
    L'editore italiano non rischierà.... non con soldi suoi... e non a scapito di cannabilizzarsi il cartaceo.
  • oh, belle osservazioni! il fatto è che i guadagni per un medio editore cartaceo sono risicati e se deve mettersi ad investire per il digitale, dove non può prevedere una risposta sicura, l'editore ci pensa due volte. i guadagni per il digitale secondo me non sono poi tanto superiori alla carta: dipende dai rapporti coi distributori (apple etc) il grande vantaggio piuttosto è quello delle rese (alcuni mettono in ballo il print on demand per questo problema). io mi auguro che in un modo o nell'altro la gente legga e soprattutto compri i libri (e non li scarichi solo) che poi, secondo me, non costano poi così tanto ...
    non+autenticato
  • > io mi
    > auguro che in un modo o nell'altro la gente legga
    > e soprattutto compri i libri (e non li scarichi
    > solo) che poi, secondo me, non costano poi così
    > tanto
    > ...

    Su carta, continuerò a comprarli. Digitali, no: quelli si possono scaricare gratis, non ha senso pagarli: non è neanche giusto.
    non+autenticato
  • pagherai, pagherai...
    nel commercio non esiste giusto o sbagliato esiste solo "domanda o offerta"... e lo sai che nessuno ti da niente per niente!
  • > pagherai, pagherai...

    No.

    > nel commercio non esiste giusto o sbagliato
    > esiste solo "domanda o offerta"...

    Vero: un ebook è duplicabile all'infinito->offerta infinita->prezzo zero.
    non+autenticato
  • Dovesse mai succedere che tutto questo parlare di ebook facesse nascere la moda di leggere romanzi.
    Immaginatevi che i ragazzi, invece di passare i pomeriggi coi videogiochi, li passino con i Tre Moschettieri, Huckleberry Finn, Piccole Donne; o più probabilmente Twilight, Harry Potter e Il Signore degli Anelli.
    Se pensate che sia impossibile per la concorrenza di FB e XBox, immaginate a quanto è più facile fare una telefonata che mandare un sms. Eppure la gente si è abituata a mandare sms e ci sono addirittura delle forme di dipendenza.
    non+autenticato
  • si vabè fantascienza..
    comunque sai...dai dai hanno fatto eleggere Ibraimovich e ronaldinho.
    Puo capitare anche quello..
    non+autenticato
  • Beh di solito chi lancia un prodotto nuovo, se ha tanti soldi, cerca di far andare di moda l'uso di quel prodotto; con una copertura mediatica totale...
    Hanno fatto eleggere hibrahimovich e ronaldinho?!? Per cosa?
    Comunque, mi rendo conto anche io che è una cosa poco probabile quella che ho scritto.
    non+autenticato
  • era metaforico!!

    parlavo del fatto che un calciatore di una certa squadra puo far prendere voti ad un partito..
    le cose dovrebbero essere disgiunte ...ma siamo in italia
    non+autenticato
  • Ok, scusa non avevo capitoSorride
    non+autenticato
  • Ho come l'impressione che gli editori in cerca di lucro facile (non di giusto guadagno), al nominare gli ebook si eccitino non meno di un adolescente alla scopoerta del suo primo numero di playboy...

    essi infatti immaginano

    - ebook = poche spese molti ricavi
    - posso applicarci restrizioni, e i fessi li compreranno, invece di ragionare facendomi fallire e costringendomi a produrre libri senza alcun tipo di restrizione
    - elimino il mercato dell'usato, che mi fa svalutare i libri e permette alla gente di comprarsi i libri ad un prezzo minore di quello che voglio imporre e a me editore poi non entra un soldo in tasca
  • Facciamo quello che gli pare...
    poi tanto la loro aviditò gli si ritorgerà contro come è successo con le videoteche.
    Appena i libri saranno in rete, pochi li compreranno!
    non+autenticato
  • Infatti: gli editori faranno la fine dei videotecari, e ci libereremo finalmente di loro e dei DRM.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Teone
    > Ho come l'impressione che gli editori in cerca di
    > lucro facile (non di giusto guadagno), al
    > nominare gli ebook si eccitino non meno di un
    > adolescente alla scopoerta del suo primo numero
    > di
    > playboy...
    >

    Sullo store della Telecom può pubblicare chiunque, anche te. Fai il prezzo che vuoi e loro prendono il 30%

    > - elimino il mercato dell'usato, che mi fa
    > svalutare i libri e permette alla gente di
    > comprarsi i libri ad un prezzo minore di quello
    > che voglio imporre e a me editore poi non entra
    > un soldo in
    > tasca

    Ma tu credi veramente che con gli ebook sparisce il mercato dei libri stampati e di conseguenza di quelli usati? La versione stampata ci sarà sempre o almeno per tanti tanti anni.
    non+autenticato
  • si ma tanto se te li vogliono far comprare alzano i prezzi dei cartacei..e ti attacchi!

    i consumatori sono dei topi da laboratorio...

    sfruttati e basta
    non+autenticato
  • - Scritto da: upr
    > si ma tanto se te li vogliono far comprare alzano
    > i prezzi dei cartacei..e ti
    > attacchi!

    Sì, ti attacchi... al P2P.
    non+autenticato
  • gli editori invece hanno tanta paura della pirateria
    non+autenticato
  • ... se un libro in libreria mediamente ha raggiunto lo sproporzionato costo di euro 19.90, gli eBook vendeteli a euro 18.90 che tanto noi siamo scemi e vi gonfiamo le saccocce di soldi mentre voi non spendete (quasi) un cazzo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Chiappon Tondepen
    > ... se un libro in libreria mediamente ha
    > raggiunto lo sproporzionato costo di euro 19.90,

    Non mi pare proprio che sia quella la media. Dipende che libro prendi, se scegli un libro d'arte ad esempio costa più di quella cifra. Ma mettendo insieme tutti i libri: tascabili, i classici, le edizioni economiche ecc... Dubito che la media dei prezzi sia così alta.
    non+autenticato
  • Fidati: mediamente un libro nuovo (non di arte) costa quei soldi lì. Poi ci sono alcuni economici (ex nuovi) che orbitano attorno ai 9.90 - 15 euro.
    Un eBook nuovo, SE FOSSERO ONESTI, dovrebbe costare massimo massimo, ma proprio esagerando, non più di 5 euro (che come pdf è già caro). Voglio proprio vedere che prezzi gonfiati faranno.
    non+autenticato
  • Suppongo che il prezzo-tipo, sia attorno a 10-12 euro.
  • - Scritto da: Chiappon Tondepen
    > Fidati: mediamente un libro nuovo (non di arte)
    > costa quei soldi lì. Poi ci sono alcuni economici
    > (ex nuovi) che orbitano attorno ai 9.90 - 15
    > euro.

    Ok però non hai parlato di libri nuovi, dicevi del prezzo medio dei libri di una libreria che dovrebbe comprendere tutti i libri. Quelli che dici tu sono quelli nuovi con copertina rigida, sono solo una piccola parte di quelli che trovi in negozio, anche se esposti con maggiore evidenza. Se guardi la classifica dei più venduti su ibs costano tutti di meno:
    http://ibs.it/100/100pge.asp


    > Un eBook nuovo, SE FOSSERO ONESTI, dovrebbe
    > costare massimo massimo, ma proprio esagerando,
    > non più di 5 euro (che come pdf è già caro).
    > Voglio proprio vedere che prezzi gonfiati
    > faranno.

    Adesso il formato che viene più utilizzato non è il pdf, ma l'epub.
    Per me dovrebbero permettere di affittarli. Perché sarebbe l'unica utilità per un libro con il DRM. Immagina un affitto di 1 euro al giorno indipendentemente dal libro scelto. Se uno è bravo paga un libro 1-2 euro e in un paio di giorni lo legge tutto. Spingerebbe la gente a leggere quello che prende, anziché prendere i libro, guardare le prime pagine e poi metterlo in libreria per fare arredamento.

    All'inizio i prezzi saranno più alti del dovuto, come è sempre stato nei mercati nuovi. Bisognerà vedere se scenderanno in futuro.
    non+autenticato
  • L'affitto è una cosa che condivido, anche a pagamento, ma metterei un prezzo fisso e un limite diverso.
    Non puoi "affittare" un altro libro prima di "restituire" il precedente (bloccando il drm di quello che hai scaricato).

    In tal modo non si "opprime" il lettore con tempi stretti ma lo si stimola comunque a leggere ciò che "affitta".

    In ogni caso spero che oltre se non più delle librerie online prendano piede le biblioteche online, in questo caso non limitate dal numero di copie disponibili sarebbero la soluzione ideale per tantissimi.
  • buongiorno, ben svegliati:
    - il sistema del prestito digitale lo usano nelle biblioteche americane
    - le librerie non hanno alcun interesse ad offrire libri in affitto
    - la possibilità di implementare il libro "a tempo" dipende dal formato e dal DRM utilizzato (epub, per ora, non può)
    - i DRM finora utilizzati si rimuovono tutti, basta cercare su google
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > buongiorno, ben svegliati:
    > - il sistema del prestito digitale lo usano nelle
    > biblioteche
    > americane


    Lo so da tempo

    > - le librerie non hanno alcun interesse ad
    > offrire libri in
    > affitto

    L'unico problema è che con l'affitto uno toglie il DRM e poi se lo tiene quanto gli pare. Altrimenti sarebbero interessate.

    > - la possibilità di implementare il lib
    ro "a
    > tempo" dipende dal formato e dal DRM utilizzato
    > (epub, per ora, non
    > può)

    L'epub è un formato, non un drm. L'adobe fornisce supporto per gli epub e i pdf con scadenza:
    http://www.adobe.com/products/contentserver/
    non+autenticato
  • - Scritto da: LucaS69
    > L'affitto è una cosa che condivido, anche a
    > pagamento, ma metterei un prezzo fisso e un
    > limite
    > diverso.
    > Non puoi "affittare" un altro libro prima di
    > "restituire" il precedente (bloccando il drm di
    > quello che hai
    > scaricato).
    >

    Ma perchè vuoi bloccare il libro scaricato? A te a cosa serve? Non è come in biblioteca, dove se non ti restituisco il libro non puoi darlo ad altri. Se io mi tengo il libro, non ti faccio nessun danno. Quindi, se cerchi di bloccarlo io lo sblocco (e visto che tu, per farmi dispetto, hai bloccato il mio libro, io, per ricambiare il dispetto, potrei metterlo online sul mulo): così ci rimetti soldi per davvero.
    non+autenticato
  • > Ma perchè vuoi bloccare il libro scaricato? A te
    > a cosa serve? Non è come in biblioteca, dove se
    > non ti restituisco il libro non puoi darlo ad
    > altri. Se io mi tengo il libro, non ti faccio
    > nessun danno. Quindi, se cerchi di bloccarlo io
    > lo sblocco (e visto che tu, per farmi dispetto,
    > hai bloccato il mio libro, io, per ricambiare il
    > dispetto, potrei metterlo online sul mulo): così
    > ci rimetti soldi per
    > davvero.

    Quoto.
    non+autenticato
  • > Adesso il formato che viene più utilizzato non è
    > il pdf, ma l'epub.

    Con la precisazione che esistono almeno tre diversi DRM
    per l'Epub e che un dato lettore è generalmente in grado
    di decodificare uno specifico tipo di DRM e non gli altri.
    Inoltre c'e' anche il formato mobipocket che è utilizzato
    dagli ebook di Amazon.
    non+autenticato
  • '....assicurando un sistema di DRM in grado di scongiurare la pirateria.' ...commento: ahahahaha ahahahhahahh ahahaa ahahaha ahahaha !!!!
    ma chi hanno assunto alla telecom... claudio Bisio???!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: geppetto
    > '....assicurando un sistema di DRM in grado di
    > scongiurare la pirateria.' ...commento:
    > ahahahaha ahahahhahahh ahahaa ahahaha ahahaha
    > !!!!
    > ma chi hanno assunto alla telecom... claudio
    > Bisio???!!!

    Quella è la frase di punto-informatico. Loro hanno solo detto che gli ebook avranno il drm.

    Qui:http://ebook.telecomitalia.com/faq/
    e qui: http://www.telecomitalia.it/tit/it/archivio/media/...
    Non vedo riportata una frase del genere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: geppetto
    > '....assicurando un sistema di DRM in grado di
    > scongiurare la pirateria.' ...commento:
    > ahahahaha ahahahhahahh ahahaa ahahaha ahahaha
    > !!!!

    Concordo.... la barzelletta del secolo!

    Bisogna essere proprio idioti per mettere i drm
    non+autenticato