Claudio Tamburrino

SIAE: controlli alla dogana

Un accordo per cercare di contenere l'evasione dell'equo compenso nell'importazione di dispositivi dall'estero

Roma - SIAE, la Società Italiana degli Autori ed Editori, ha firmato un protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Dogane con l'obiettivo di contrastare l'evasione dei compensi per copia privata dovuti da chi fabbrica o importa nel territorio dello Stato, per finalità commerciali, apparecchi di registrazione e altri device suscettibili di essere utilizzati per la registrazione o il trasporto per uso personale di opere tutelate dal diritto d'autore.

L'estensione delle categorie di prodotti per cui bisogna pagare il compenso aggiuntivo ai detentori dei diritti sui contenuti ipoteticamente utilizzati, innesca un automatico aumento dei prezzi dei dispositivi interessati: con il risultato che i produttori e i distributori italiani debbano guardarsi anche dalla concorrenza estera. Gli eventuali clienti possono infatti ritenere più conveniente ordinare dall'estero i prodotti evitando di corrispondere il compenso.

Per cercare di migliore i controlli, quindi, le due entità si impegnano ad uno scambio periodico di informazioni per consentire alla SIAE di disporre delle informazioni necessarie a verificare il regolare versamento dei compensi dovuti e all'Agenzia delle Dogane di individuare operazioni "a rischio" o "sospette" da sottoporre a controllo.
Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessSIAE, inefficienza milionariaQuesta la stima dell'Istituto Bruno Leoni. Che confronta la SIAE con i suoi corrispettivi e traccia il quadro degli anacronismi nel mercato del diritto d'autore europeo
  • Diritto & InternetNel Paese dei dinosauri a pagare è l'innovazionedi G. Scorza - La proposta della FIEG di tassare Internet per sostenere l'industria dei contenuti chiede al futuro di sostenere il passato. Per garantire il pluralismo, quello dei media tradizionali
  • Diritto & InternetUna moratoria per la copia privatadi G. Scorza - La legittimità del cosiddetto decreto Bondi è ampiamente discussa, regna la confusione fra gli addetti ai lavori. Una proposta di moratoria, in attesa che i Giudici valutino la nuova disciplina dell'equo compenso
  • AttualitàEquo compenso imprevistoLe polemiche sul decreto Bondi riguardano anche la sua tempistica: per il Ministero sarebbe in vigore già dal 14 gennaio. I rivenditori denunciano un grave danno per gli operatori che non hanno provveduto ad adeguare i prezzi
70 Commenti alla Notizia SIAE: controlli alla dogana
Ordina
  • http://blog.tntvillage.scambioetico.org/?p=6811

    La collecting society spagnola SGAE minaccia, per concorrenza sleale e violazione del marchio "SGAE", la EXGAE, un'associazione senza scopo di lucro con sede a Barcellona che offre consulenza a coloro che vogliono distribuire le proprie opere utilizzando licenze libere e canali di distribuzione alternativi.
  • La maggior parte di chi ha scritto un commento non ha capito un emerito cazzo di quello che ha letto.

    L'imposta è per le aziende che commercializzano DVD in Italia importandoli dall'estero, non per i privati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nessuno
    > La maggior parte di chi ha scritto un commento
    > non ha capito un emerito cazzo di quello che ha
    > letto.
    >
    > L'imposta è per le aziende che commercializzano
    > DVD in Italia importandoli dall'estero, non per i
    > privati.

    cioè i vari stand alle fiere dell'elettronica?
  • farò scorta a novegro tra nemmeno un mesetto allora...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nessuno
    > La maggior parte di chi ha scritto un commento
    > non ha capito un emerito cazzo di quello che ha
    > letto.
    Si, certo.
    Tu però modera il linguaggio o ti ritroverai allo stesso livello di chi non ha capito.

    > L'imposta è per le aziende che commercializzano
    > DVD in Italia importandoli dall'estero, non per i
    > privati.
    La traslazione di imposta, questa disciplina.
    Nel momento in cui i controlli si faranno più stretti quello che succederà sarà che il mio avvocato, ma anche l'elettricista, il barbiere e il meccanico aumenteranno i loro prezzi perché pagheranno di più ANCHE i supporti CD e DVD o sarà il loro commercialista a doverlo fare.

    Un Saluto
    GT
  • - Scritto da: Nessuno
    > La maggior parte di chi ha scritto un commento
    > non ha capito un emerito cazzo di quello che ha
    > letto.
    >
    > L'imposta è per le aziende che commercializzano
    > DVD in Italia importandoli dall'estero, non per i
    > privati.
    >

    Eccolo, è arrivato il capiscione: e queste aziende su chi credi che scaricheranno questi "aumenti" ?

    Collega il cervello la prossima volta, prima di scrivere.
    non+autenticato
  • ...per emigrare.

    Italia agli Italiani ? No, grazie.
    non+autenticato
  • ... e togliersi dai maroni la SIAE no ... vero?!
    non+autenticato
  • cavolo ma si usano ancora cd e dvd? ... sd,hard disk e media player costano una miseria... se usate ancora supporti ottici un pò ve lo meritate...Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: abc
    > cavolo ma si usano ancora cd e dvd? ... sd,hard
    > disk e media player costano una miseria... se
    > usate ancora supporti ottici un pò ve lo
    > meritate...
    >Sorride

    Guarda che paghi l'equo compenso anche per le chiavette usb, per l'hard disk, per il cellulare, per la fotocamera, per il computer che ti credevi?
    non+autenticato
  • Quanta superficialità, Come installi una distrio di linux ? Non mi dire che si può fare anche con la chiavetta, che lo so, però il metodo più pratico e farci un CD o dvd!

    Per non parlare che ci sono anche software di diagnostica che fungono tramite CD....per non parlare delle distrio live....i backup...ecc ecc.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: abc
    > cavolo ma si usano ancora cd e dvd? ... sd,hard

    Troll
    non+autenticato
  • "uno scambio periodico di informazioni per consentire alla SIAE di disporre delle informazioni necessarie a verificare il regolare versamento dei compensi dovuti e all'Agenzia delle Dogane di individuare operazioni "a rischio" o "sospette" da sottoporre a controllo."

    Questa mossa, se ho capito bene, è per verificare se qualche rivenditore evade la gabella SIAE. Se io privato compro da un rivenditore UE non sono tenuto a pagare nessun dazio, ed il rivenditore non deve nulla alla SIAE.
    Suppongo che ora se qualcuno fa arrivare 100.000 cd dall'estero può aspettarsi una segnalazione. Chi compra 100 CD dalla Germania stare tranquillo.
  • In teoria anche chi ne compra 10000000 se non è per finalità commerciali...i DVD per "uso personale" non vengono tassati.
    non+autenticato
  • sì ok, ma 100.000 CD equivale a dire che 6 chili di cocaina sono per uso personaleA bocca aperta

    scherzi a parte, la Siae non credo possa pretendere qualcosa dagli acquisti intra-UE, per cui si possono sempre comprare le cose da Germania, Francia e UK senza problemiOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ade
    > In teoria anche chi ne compra 10000000 se non è
    > per finalità commerciali...i DVD per "uso
    > personale" non vengono
    > tassati.

    ma l'equo compenso lo devi pagare cmq, anche se sono a uso personale..
    non+autenticato
  • giusto... l'unico sistema per recuperare l'equo compenso è fare una dichiarazione nella quale si specifica che impiegherai i supporti per archiviare materiale non protetto da copyright... il problema è che possono farlo solo le aziende, e non i privati!
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
    > - Scritto da: Ade
    > > In teoria anche chi ne compra 10000000 se non è
    > > per finalità commerciali...i DVD per "uso
    > > personale" non vengono
    > > tassati.
    >
    > ma l'equo compenso lo devi pagare cmq, anche se
    > sono a uso
    > personale..

    Mi sa di no. Se non ricordo male l'iniqua estorsione, seppur fatta ricadere sul prezzo finale, è richiesta al venditore: non all'acquirente.
    Per cui acquistando all'estero e da fornitori non italiani (che non hanno il balzello/truffa SIAE) non ci dovrebbero essere problemi.
    Ubunto
    1350
  • - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
    > - Scritto da: Ade
    > > In teoria anche chi ne compra 10000000 se non è
    > > per finalità commerciali...i DVD per "uso
    > > personale" non vengono
    > > tassati.
    >
    > ma l'equo compenso lo devi pagare cmq, anche se
    > sono a uso
    > personale..

    Lo paghi nel paese di origine (se UE e se il paese di origine la prevede).
    A quanto pare la UE ha lasciato ampia discrezionalità per decidere come e quanto devi pagare.
    2678
  • Forse ti sfugge che in Francia e in Germania i prezzi dei supporti sono gravati dall'equo compenso locale.

    Quindi sara' un problema del venditore far trasferire quanto io ho gia' pagato alla SIAE, come e' un problema del venditore o della "SIAE" locale appianare eventuali discrepanze.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ade
    > In teoria anche chi ne compra 10000000 se non è
    > per finalità commerciali...i DVD per "uso
    > personale" non vengono
    > tassati.

    Sbagliato. Legge sul diritto d'autore, art. 71-septies, comma 3: "allo scopo di trarne profitto", e non "a scopo di lucro". La differenza è che solo chi evade importando a scopo di lucro è soggetto alle sanzioni penali, mentre chi lo fa per scopo non lucrativo è soggetto solo al diritto civile (in pratica è la SIAE che deve fagli causa).
  • - Scritto da: guerret
    > - Scritto da: Ade
    > > In teoria anche chi ne compra 10000000 se non è
    > > per finalità commerciali...i DVD per "uso
    > > personale" non vengono
    > > tassati.
    >
    > Sbagliato. Legge sul diritto d'autore, art.
    > 71-septies, comma 3: "allo scopo di trarne
    > profitto", e non "a scopo di lucro". La
    > differenza è che solo chi evade importando a
    > scopo di lucro è soggetto alle sanzioni penali,
    > mentre chi lo fa per scopo non lucrativo è
    > soggetto solo al diritto civile (in pratica è la
    > SIAE che deve fagli
    > causa).

    Sbagliato. Qua la legge sul diritto d'autore non c'entra una ceppa.
  • - Scritto da: p4bl0
    > Sbagliato. Qua la legge sul diritto d'autore non
    > c'entra una
    > ceppa.

    Ah bene. Allora saresti così gentile da spiegarmi dove sta per te la disciplina giuridica dell'equo compenso?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)