Roberto Pulito

C'Ŕ un sismografo nell'hard disk

IBM recluta computer volontari per formare un network con cui monitorare terremoti e tsunami. Il sensore di movimento Ŕ il requisito fondamentale per partecipare. Astenersi laptop

Roma - Dopo anni investiti in discussioni e prove tecniche, i ricercatori IBM stanno seriamente pensando di utilizzare i sensori di vibrazione all'interno dei dischi rigidi per analizzare le informazioni sui terremoti e prevedere gli tsunami. L'idea, già portata avanti anche dalle università di Riverside e Stanford con il progetto Quake-Catcher Network, propone una rete di computer sempre collegati, per monitorare le scosse sismiche a livello mondiale.

Nell'iniziativa promossa dal Quake-Catcher Network chiunque può contribuire all'invio di dati utili: basta installare l'apposito software in un computer che possieda un hard disk dotato di sensori di movimento. I dispositivi portatili sono esclusi da questo tipo di monitoraggio. Secondo il ricercatore IBM Bob Friedlander "ricevere e analizzare dati da più fonti significa poter fornire un quadro molto più dettagliato su ciò che sta accadendo durante un cataclisma, ma questi dati devono essere più puliti possibile".

╚ ovvio che l'hard disk dei laptop finirebbe con l'inviare una serie di falsi allarmi. Si è deciso quindi di restringere l'operazione ai dischi rigidi dei mastodontici server montati su rack. "Le condizioni ambientali dei server nei data center sono molto più controllabili" ha spiegato Friedlander. Sai che sono in un determinato piano dell'edificio, orientati in un certo modo. Quindi, in caso di terremoto sarà possibile calcolare meglio l'onda sismica, capire a quale forza sta per essere sottoposta la struttura e quanto durerà ancora la scossa".
Nel corso dei prossimi mesi, IBM conta di avviare un progetto pilota con i suoi data center ma spera anche che altre aziende sparse nel mondo decidano di affiliarsi. Del resto, per generare dati affidabili e veramente utili, i server collegati al network devono essere distribuiti su un territorio più vasto e più vario possibile.

Roberto Pulito
Notizie collegate
14 Commenti alla Notizia C'Ŕ un sismografo nell'hard disk
Ordina
  • ...delle persone.

    I soli HD che contengono un sensore di tipo SMS (Sudden Motion Sensor) sono gli IBM Thinkpad e gli Apple MacBook.

    Che io sappia tutti gli altri laptop nonché gli HD dei PC desktop e dei server non contengono suddetto sensore. Quindi già il campo dei possibili utilizzatori allo stato attuale è enormemente ristretto. Inoltre a differenza di quanto citato nell'articolo di PI il progetto è proprio destinato agli utilizzatori dei suddetti laptop (oppure di chi acquista un sensore esterno collegato via USB) e non ai server.
    non+autenticato
  • Non hai letto l'articolo, vero?
    non+autenticato
  • Direi proprio di noOcchiolino
    non+autenticato
  • yahoo il macbook nuovo miè più utile adesso... più che altro per me non sarebbe una cosa attendibilissima.. in qualche modo ritengo che le ventole i passi corsette etcetera, insomma vibrazioni naturali date dal moto delle persone e dei componenti stessi del computer (il mio fisso fa un ronzio continuoTriste mai riuscito a trovare un dissipatore nuovo per cpu) per esempio potrebbero influire, se questi sensori sono abbastanza sensibili, chiedo agli esperti di confutare
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > yahoo il macbook nuovo miè più utile adesso...
    > più che altro per me non sarebbe una cosa
    > attendibilissima.. in qualche modo ritengo che le
    > ventole i passi corsette etcetera, insomma
    > vibrazioni naturali date dal moto delle persone e
    > dei componenti stessi del computer (il mio fisso
    > fa un ronzio continuoTriste mai riuscito a trovare
    > un dissipatore nuovo per cpu) per esempio
    > potrebbero influire, se questi sensori sono
    > abbastanza sensibili, chiedo agli esperti di
    > confutare
    le vibrazioni naturali sono casuali i terremoti agiscono invece contemporaneamente su tutte le macchine della staìessa zona, quindi eliminando le variazioni casuali e conoscendo la posizione della macchia (GPS a Bordo) è possibile fare statistiche su intensità e localizzazione di un sisma anche con poche macchine a disposizione (poche centinaia)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > yahoo il macbook nuovo miè più utile adesso...

    Hai fatto bene a comprarlo, pare che apple stia per aumentare i prezzi a causa della nuova "magica" feature dei suoi pc: l'iSismografo.
    non+autenticato
  • seismac non lavora in un network è un giocattolo

    forse intendevi QCN
    non+autenticato
  • - Scritto da: aid85
    > seismac non lavora in un network è un giocattolo
    >
    > forse intendevi QCN


    suppongo lavorino insieme

    http://www.levysoft.it/archivio/2009/03/23/seismac.../
    non+autenticato
  • A mio avviso non si avranno grandi risultati;
    ho gia' provato un paio di sensori del genere per controllare i movimenti di una piattaforma e mi sono scontrato con il problema della bassa sensibilita' alle basse frequenza;
    un sostanza sono in grado di leggere movimenti bruschi o repentini nonche' traslazioni secche per un breve movimento ma le variazioni molto lente danno valori bassissimi che spesso si perdono nel rumore di fondo;
    considerando la frequenza dei movimenti sismici ai bassi valori e' probabile che solo una variazione di temperatura ambientale, dovuta es, a una porta o una finestra che viene aperta possa fornire delle false letture.
    Se provate a cercare infatti i progetti per costruirvi un sismografo noterete infatti la necessita' di sistemi oscillanti a frequenze estremamente basse con zavorra molto distanti dai perni e spesso con dei sistemi di smorzamento che fanno capire quanto sia lento l'evento; difficile che un chip grande come la testa di una vite M2 sia in grado di rilevare tali variazioni estremamente lente.
    A chi di voi notasse che esistono dei rilevatori molto compatti, spieghero' che al loro interno si utilizza una zavorra grossa rispetto alle molle di ritorno, che moltiplica la distanza della zavorra tramite leverismi e che il movimento meccanico rispetto al sensore viene amplificato sempre attraverso leverismi, se voi lo smontaste e metteste le leve in fila diventerebbe lungo e decisamente poco portatile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: fred

    > considerando la frequenza dei movimenti sismici
    > ai bassi valori e' probabile che solo una
    > variazione di temperatura ambientale, dovuta es,
    > a una porta o una finestra che viene aperta possa
    > fornire delle false
    > letture.

    Dimentichi il grosso numero dei partecipanti: mica tutti aprono la finestra contemporaneamente!
  • - Scritto da: fred
    > A mio avviso non si avranno grandi risultati;
    > ho gia' provato un paio di sensori del genere per
    > controllare i movimenti di una piattaforma e mi
    > sono scontrato con il problema della bassa
    > sensibilita' alle basse
    > frequenza;
    > un sostanza sono in grado di leggere movimenti
    > bruschi o repentini nonche' traslazioni secche
    > per un breve movimento ma le variazioni molto
    > lente danno valori bassissimi che spesso si
    > perdono nel rumore di
    > fondo;
    > considerando la frequenza dei movimenti sismici
    > ai bassi valori e' probabile che solo una
    > variazione di temperatura ambientale, dovuta es,
    > a una porta o una finestra che viene aperta possa
    > fornire delle false
    > letture.
    > Se provate a cercare infatti i progetti per
    > costruirvi un sismografo noterete infatti la
    > necessita' di sistemi oscillanti a frequenze
    > estremamente basse con zavorra molto distanti dai
    > perni e spesso con dei sistemi di smorzamento che
    > fanno capire quanto sia lento l'evento; difficile
    > che un chip grande come la testa di una vite M2
    > sia in grado di rilevare tali variazioni
    > estremamente
    > lente.
    > A chi di voi notasse che esistono dei rilevatori
    > molto compatti, spieghero' che al loro interno si
    > utilizza una zavorra grossa rispetto alle molle
    > di ritorno, che moltiplica la distanza della
    > zavorra tramite leverismi e che il movimento
    > meccanico rispetto al sensore viene amplificato
    > sempre attraverso leverismi, se voi lo smontaste
    > e metteste le leve in fila diventerebbe lungo e
    > decisamente poco
    > portatile.
    Credo sia un punto di vista corretto: non so come sia costruito il sistema della IBM pero'. Possibile che non ne abbiano tenuto conto?

    Ricordo di aver visto poco tempo fa un filmino su YouTube di un tool per il monitoraggio delle perfomance dei dischi di un data center.

    Era sufficiente che un essere umano parlasse a voce alta (chi non ha mai litigato in un data center? Occhiolino ), per modificare le curve.

    Se mamma IBM avesse commesso una simile leggerezza, nel costruire il sensore, li potrebbe giocare al lotto i dati.

    Bah, mi sembra strano, ma tutto e' possibile.

    Orfheo.
  • Scusa, ma sei un sismologo ?
    non+autenticato
  • Idea geniale, sono curioso di sapere i risultati degli esperimenti.
    non+autenticato