Alfonso Maruccia

Iron Man per l'esercito USA

Presentata la nuova versione di un esoscheletro sviluppata da un contractor della difesa statunitense. Permette di sollevare pesi di notevoli dimensioni senza sforzo eccessivo

Roma - Di qui a cinque anni, l'idea di indossare un esoscheletro in grado di fornire all'utilizzatore capacità fisiche superiori potrebbe essere realtà. Per lo meno è quello che pensa Raytheon, contractor della difesa USA impegnato su più fronti tecnologici avanzati uno dei quali comprende appunto la realizzazione di un supporto fisico esterno, capace di facilitare la vita in applicazioni civili ma soprattutto militari.

Exoskeleton (XOS 2) è l'ultimo esemplare tecnologico realizzato da Raytheon, evoluzione di un precedente esoscheletro sperimentale e molto più raffinato in quanto a capacità operative e caratteristiche tecniche. XOS 2 è più leggero, permette movimenti più veloci ed è meno affamato di energia usandone il 50 per cento in meno del suo predecessore.

Maggiormente resistente alle condizioni ambientali, XOS 2 permette una elasticità nei movimenti sufficiente a sferrare pugni, incedere ad una velocità che può raggiungere i 5 chilometri orari e calciare un pallone. La capacità di sollevamento dell'esoscheletro è pari a un diciassettesimo del peso reale, per cui il sollevamento di 77 chilogrammi comporterebbe uno sforzo effettivo pari a quello necessario ad alzare 4,5 kg.
Disponibile in due versioni differenti - una "completa" destinata a usi logistici e un'altra fornita delle sole gambe robotiche più adatte per trasportare grandi pesi sul campo di battaglia - XOS 2 ha prima di tutto il vantaggio di ridurre la fatica e il rischio di lesioni, due elementi che costano caro quando si tratta di applicazioni militari.

I ricercatori di Raytheon sono convinti del fatto che "con il giusto impegno" XOS 2 potrebbe diventare un prodotto bello e finito entro un lustro. Prima occorrerà ovviare alle limitazioni che ancora affliggono il dispositivo-esoscheletro, naturalmente, a cominciare dal fabbisogno energetico della struttura (che dovrebbe idealmente essere in grado di autosostenersi). Al momento Exoskeleton viene alimentato con un collegamento "cablato", mentre gli sviluppatori sono attualmente al lavoro su una batteria portatile da installare sul retro all'altezza della schiena dell'utilizzatore.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
35 Commenti alla Notizia Iron Man per l'esercito USA
Ordina
  • Ma per i facchini invece che pe i sordati un sarebbero più utili!
    non+autenticato
  • facchino-man!Con la lingua fuori
  • Ma da dove ve la siete inventata l'energia idraulica?
    non+autenticato
  • bho! forse la corrente necessaria a farla funzionare è prodotta da centrali idroelettriche... LOL
    non+autenticato
  • L'energia idraulica esiste...
    e un liquido spinto a pressione in un tubo genera energia idraulica...

    solo che questa spinta non è di provenienza idraulica
    non+autenticato
  • Ni, nel senso che possiamo anche affermare che l'energia idraulica esista (come esiste l'energia di deformazione, che concettualmente è molto simile essendo generata da una pressione per uno spostamento), ma dire che questi esoscheletri funzionino ad energia idraulica è semplicemente sbagliato tanto quanto affermare che un'automobile funziona con l'energia di deformazione dell'albero motore. Quello è solo il mezzo con il quale la vera fonte di energia (elettrica nel caso dell'esoscheletro, chimica nel caso dell'automobile) viene trasmessa ai dispositivi che la utilizzano.
  • - Scritto da: rb1205
    > Ni, nel senso che possiamo anche affermare che
    > l'energia idraulica esista (come esiste l'energia
    > di deformazione, che concettualmente è molto
    > simile essendo generata da una pressione per uno
    > spostamento), ma dire che questi esoscheletri
    > funzionino ad energia idraulica è semplicemente
    > sbagliato tanto quanto affermare che
    > un'automobile funziona con l'energia di
    > deformazione dell'albero motore. Quello è solo il
    > mezzo con il quale la vera fonte di energia
    > (elettrica nel caso dell'esoscheletro, chimica
    > nel caso dell'automobile) viene trasmessa ai
    > dispositivi che la utilizzano.

    E io che gia' immaginavo il soldato salire sul coso ed urlare : "energia idraulica a me !!!"
    krane
    22528
  • A meno che non intendano che il cavo di collegamento sia in realtà un tubo dell'acqua ( vorrei DAVVERO vederlo, questo! ), direi che hanno scritto una boiata colossaleA bocca aperta
    Per sollevare utilizza pistoni idraulici, ma deve andare a energia elettrica.
  • - Scritto da: Valeren
    > A meno che non intendano che il cavo di
    > collegamento sia in realtà un tubo dell'acqua (
    > vorrei DAVVERO vederlo, questo! ), direi che
    > hanno scritto una boiata colossale
    >A bocca aperta
    > Per sollevare utilizza pistoni idraulici, ma deve
    > andare a energia
    > elettrica.


    Esatto dietro qualunque pistone idraluico vi è una pompa che comprime un liquido "olio" nei pistoni, quindi il compressore sarà alimentato a benzina o elettricamente, comunque sia il fatto è che l'esercito ha troppi soldi da sputtanare in tecno minchiate, vedono un film e il giorno dopo dicono "applicato al super soldato ..." e spendono miliardi di dollari in minchiate, una per tutte la penna pressurizzata per scrivere nello spazio, mentre i sovietici usavano una matita, troppo semplice vero? hahaha
    non+autenticato
  • - Scritto da: V67

    > spendono miliardi di dollari in minchiate, una
    > per tutte la penna pressurizzata per scrivere
    > nello spazio, mentre i sovietici usavano una
    > matita, troppo semplice vero?
    > hahaha

    Nota leggenda urbana. Ripetendola con tanta spocchia mostri solo la tua ignoranza abissale e ti condanni da solo ad un giusto scherno da parte di tutti noi Gente Vera.
    non+autenticato
  • Dimenticavo di citare anche la penna pressurizzata attuale che è questa:

    Il successivo successo della Fisher fù nel 1969, in quanto l' equipaggio delle Missioni Apollo era dotato della sfera Fisher Bullet!
    La particolarità di questa penna a sfera è il refill pressurizzato, capace di scrivere in assenza di gravità, sottosopra, sott'acqua, sopra superfici grasse, a temperature estreme ( da -34 a + 43 Gradi Celsius ).
    Tutt'ora, la Nasa, l'Agenzia Spaziale Russa, le forze militari Americane, la Camera ed il Senato Americani, La Arion ( Programma Spaziale Francese ) , la Thunderbirds ( Pattuglia Acrobatica Americana ) e molte altre forze speciali, hanno in dotazione la FISHER BULLET!
    non+autenticato
  • rimane il fatto che la storia della matita sia una leggenda metropolitana: se tu fossi a bordo della Mir (che non è proprio l'ultimo modello), ti sentiresti tranquillo sapendo che c'è della polvere di carbonio a spasso per la cabina e che potrebbe infilarsi ovunque? io no

    tornando in argomento: ricordiamoci che buona parte delle tecnologie che usiamo ogni giorno è di derivazione militare (e spesso USA), prima fra tutte quella che ci consente di accapigliarci su questo forum
  • Quindi, ti sei già risposto da solo sul fatto che "l'esercito ha troppi soldi da sputtanare in tecno minchiate", visto che la ricerca possibilmente non sulle armi, ma su progetti innovativi non è mai una "minchiata" quando porta a nuove scoperte e miglioramenti sulle tecnologie attuali.

    Tanto per fare un esempio un po' più concreto della tua penna a sfera pressurizzata, sai com'è nato Internet?
    A fine anni 60 un progetto militare USA chiamato ARPA venne finanziato, sviluppato e ha rappresentato la base dell'attuale Internet.

    Quindi è meglio pensarci due volte prima di sparare "minchiate"...
    non+autenticato
  • ... non è "Alimentato a Energia Idraulica", l'energia che lo alimenta è normale elettricità. Sono semplicemente pistoni idraulici (elettrici). L'equivalente di un pistone ad aria compressa (da un motore elettrico), ma invece dell'aria il trasporto è lasciato ad un liquido (tipicamente un olio). Sono i comuni pistoni che regolano il braccio delle scavatrici.
    non+autenticato
  • Hai ragione, chiedo scusa. Ho presentato male la cosa, la prossima volta cercherò di stare più attento....
  • Ma questi esoscheletri é da un bel pó che esistono..
    Quelli visti in "Aliens" difatti (duello finale con la regina) erano prodotti commerciali...
    non+autenticato
  • si grossi come ruspe però
    non+autenticato
  • - Scritto da: Undertaker
    > Ma questi esoscheletri é da un bel pó che
    > esistono..
    > Quelli visti in "Aliens" difatti (duello finale
    > con la regina) erano prodotti
    > commerciali...

    Mi hai preceduto.
    Era una ditta italiana a produrli, purtroppo erano un tantino più cari e meno maneggevoli di un banale muletto, e non ebbero successoSorride
    Funz
    11922
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Undertaker
    > > Ma questi esoscheletri é da un bel pó che
    > > esistono..
    > > Quelli visti in "Aliens" difatti (duello finale
    > > con la regina) erano prodotti
    > > commerciali...

    > Mi hai preceduto.
    > Era una ditta italiana a produrli, purtroppo
    > erano un tantino più cari e meno maneggevoli di
    > un banale muletto, e non ebbero successo
    >Sorride


    Marca e modello !!!!
    E linkSorride
    krane
    22528
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Funz
    > > - Scritto da: Undertaker
    > > > Ma questi esoscheletri é da un bel pó che
    > > > esistono..
    > > > Quelli visti in "Aliens" difatti (duello
    > finale
    > > > con la regina) erano prodotti
    > > > commerciali...
    >
    > > Mi hai preceduto.
    > > Era una ditta italiana a produrli, purtroppo
    > > erano un tantino più cari e meno maneggevoli di
    > > un banale muletto, e non ebbero successo
    > >Sorride
    >
    >
    > Marca e modello !!!!
    > E linkSorride

    Uhm, andavo a memoria, avevo letto un articolo sulla Stampa chissà quanti anni fa, dove intervistavano l'industriale.

    Ho trovato solo qualche info che contraddice parzialmente i miei ricordi:
    http://alienepredatoritalia.forumfree.it/?t=107413...

    Esistono davvero gli elevatori?
    Secondo la Collectors Version di Aliens su Laserdisc, che è fornita con un disco che mostra alcuni segreti della lavorazione del film, l'elevatore in parte è reale, in parte fasullo. L'effettivo elevatore è reale, ma ha una forza motrice esterna. Poiché l'elevatore è estremamente pesante, esso è sostenuto da cavi che vengono camuffati nella stampa finale. Un elevatore era in mostra al museo delle Scienze di Boston come parte di una mostra di effetti speciali. Questo elevatore era azionato da una persona all'interno, dietro e al di sotto dell'attore, cioè con le gambe in quelle dell'elevatore e il torso nel resto dell'elevatore. Differenti modelli dell'elevatore furono usati a seconda dell'azione che dovevano eseguire davanti alle macchine da presa


    Chissà se qualcuno ne sa di più. Magari era tutto inventatoA bocca aperta
    E adesso DEVO riguardarmi AliensA bocca aperta
    Funz
    11922
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)