Mauro Vecchio

Medal of Honor, talebani rinominati

Annunciata la rimozione della possibilità per i gamer di impersonare un guerrigliero che faccia strage di soldati a stelle e strisce. Il fuoco delle polemiche era stato scatenato dal Pentagono e dalle famiglie statunitensi

Roma - Manca poco al lancio del nuovo capitolo della popolare saga videoludica Medal of Honor. I possessori di PC, Xbox 360 e PlayStation 3 potranno così tornare a scatenarsi in nuove imprese belliche, questa volta ambientate nei torridi paesaggi dell'Afghanistan. Vestendo i panni di militari occidentali alle prese con agguerrite forze nemiche.

Opposite forces. Questa l'espressione ora utilizzata da Electronic Arts, che ha di recente annunciato alcuni cambiamenti all'originale gameplay del celebre sparatutto in prima persona. Il fuoco delle polemiche era infatti divampato, dopo la decisione degli sviluppatori di inserire nella trama del gioco la possibilità per gli utenti di mettersi a capo di una truppa di guerriglieri talebani.

La concreta possibilità di uccidere soldati statunitensi aveva quindi destato le indignazioni più feroci sia da parte dei vertici militari del Pentagono che delle varie famiglie, in particolare di quelle che avevano già pianto i propri figli impegnati sul fronte afghano. Lettere di protesta erano giunte presso la sede principale di Electronic Arts.
E non solo. Gli stessi vertici militari a stelle e strisce - appoggiati da quelli britannici - avevano successivamente ordinato la messa al bando del nuovo titolo della serie, in particolare presso 50 punti vendita GameStop situati all'interno di altrettante basi distribuite sul territorio.

Ora - come annunciato da un post apparso sul sito ufficiale di Medal of Honor - il publisher Electronic Arts ha provveduto alla rimozione della possibilità di impersonare un guerrigliero talebano. Si parlerà invece di opposite forces, di forze nemiche. Lo stesso post ha poi sottolineato come il resto del gameplay rimarrà assolutamente invariato.

La voce di famiglie e militari è stata dunque definita "molto importante" da Greg Goodrich, executive producer del videogame. Una voce che meriterebbe di essere ascoltata con attenzione, dal momento che il cuore pulsante di Medal of Honor ha sempre mostrato simpatia nei confronti delle forze alleate, in particolare dei soldati statunitensi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK: GTA contro la violenzaUn programma scolastico con tanto di gioco di ruolo. Alcune carte aiuteranno i più piccoli a non diventare una generazione di insensibili alla violenza. Con immagini tratte dal celebre game
  • Digital LifeUSA, pubblicizzare game violenti si puòL'autorità per i trasporti di Chicago non può vietare le pubblicità di videogiochi violenti. Non se sui mezzi campeggiano campagne altrettanto capaci di urtare la pubblica morale
28 Commenti alla Notizia Medal of Honor, talebani rinominati
Ordina
  • Ma che cosa imbecille quella di volerlo vietare... E' una simulazione di guerra, DEVE simulare tutte le parte.
    non+autenticato
  • Che schifo!
    Uno statunitense puo' solo sparare a quello che di volta in volta e' "il nemico" la nemesi dell'impero, fondamentale per evitare il suo collasso.

    Il rischio che gli americani si fossero messi a pensare era troppo alto (nonostante fosse scarso, visto che di videogame si tratta).

    I buoni ed i cattivi sono rigidamente separati, non puo' esistere un marine cattivo che si diverte a stuprare e uccidere, e non puo' esistere un arabo che si illude che l'integralismo religioso sia la strada per la liberta' del suo popolo (a modo degli integralisti).
    Il che e' grottesco, visto che l'essenza di questi due uomini e' la medesima, ed entrambi sono stati ispirati dal braccio armato dei loro governi per privilegiare la solita elite di arrivisti.

    No, meglio non pensarci, buoni vs. cattivi, bianco vs. nero, non pensate e non rompete il c...o!
    non+autenticato
  • Constato purtroppo che diverse persone parteggiano per il nemico dichiarato della nostra società. Evidentemente non hanno capito quale balzo all'indietro nel tempo ci porterebbe l'instaurarsi della "civiltà" islamica nel mondo intero, una civiltà che vuole imporsi con la violenza e il terrorismo, vedi 11 settembre, vero inizio e dichiarazione reale della guerra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Constato purtroppo che diverse persone
    > parteggiano per il nemico dichiarato della nostra
    > società.

    Cioe' ? Chi e' il nemico secondo te ?

    > Evidentemente non hanno capito quale
    > balzo all'indietro nel tempo ci porterebbe
    > l'instaurarsi della "civiltà" islamica nel mondo
    > intero,

    Bhe, da queste parti abbiamo gia' dato con il cattolicesimo ed il conseguente oscurantismo, auspicherei anche io di evitare anche l'oscurantismo islamico visto che non ci siamo ancora liberati del nostro.

    > una civiltà che vuole imporsi con la
    > violenza e il terrorismo, vedi 11 settembre, vero
    > inizio e dichiarazione reale della guerra.

    Infatti, sono d'accordo che gli usa dovrebbero essere fermati, purtroppo al momento nessuno ne ha la forza.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    > > una civiltà che vuole imporsi con la
    > > violenza e il terrorismo, vedi 11 settembre,
    > vero
    > > inizio e dichiarazione reale della guerra.
    >
    > Infatti, sono d'accordo che gli usa dovrebbero
    > essere fermati, purtroppo al momento nessuno ne
    > ha la
    > forza.

    Quoto Krane e invece l'anonimo non mi trova d'accordo.
  • Complimenti, vedo che hai capito tutto della vita, talebani terroristi?

    Hahahaha, allora anche io sono un terrorista, penche penso che gli americani siano dei guerrafondai, che si inventano di tutto per attaccare tutti, persino la guerra preventiva hanno creato, forse l'ignoranza mi affligge, ma una guerra preventiva consiste nel fatto che io ti attacco solo sul fatto che forse tu mi voglia attaccare, quindi ti dichiaro guerra in modo che tu non lo possa fare a me?, sono convinto che questo sia un pensiero pacifista per te, spero che un giorno facciano qualcosa di preventivo anche nei tuoi confronti, poi ti chiederò cosa ne pensi.

    Io provo profondo rispetto per gli islamici come loro lo provano per noi, però sai con l'ignoranza che dilaga una "guerra santa al terrorismo" non mi stupirebbe, così i bush introiterebbero qualche miliardo di dollari tra armi e ricostruzioni!!!
    non+autenticato
  • Dico solo una cosa: Call of Duty 6, Modern Warfare 2, "No Russian"
    Non è stata imposta alcuna censura, eppure lì si trattava di civili totalmente innocenti.
  • In Russia è stato ritirato dal mercato. Solo dopo che è stata tolta quella missione hanno autorizzato la distribuzione.
    non+autenticato
  • E lo stesso per Fallout 3 a causa della missione della bomba atomica in un centro abitato. Stavolta il paese è il Giappone.
    non+autenticato
  • non proprio tolta... resa facoltativaSorride In giappone è stata rilasciata una versione che terminava in game over se sparavi a qualcuno... ma almeno non hanno chiamato "rossi" i russi, e "blu" gli americani, solo per essere politically correct
  • Nel resto del mondo, Italia compresa, è stata inserita la patch che permetteva di saltare la missione, ma in Russia è stata proprio eliminata dal gioco.
    Enok
    245
  • Personalmente sono contrario a tutti i giochi crudeli, sia con protagonisti soldati americani sia talebani; invece come scelta reale di campo mi sento vicino ai soldati che operano per normalizzare il paese, e non ai fanatici talebani e ai terroristi.
    non+autenticato
  • Forse sarebbe stato meglio tappezzare il gioco di avvisi e magari un messaggio strappalacrime, oppure, caso estremo censurare il gioco direttamente, ma così non c'è parità anzi strumentalizza il gioco.
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Personalmente sono contrario a tutti i giochi
    > crudeli, sia con protagonisti soldati americani
    > sia talebani; invece come scelta reale di campo
    > mi sento vicino ai soldati che operano per
    > normalizzare il paese, e non ai fanatici
    > talebani e ai
    > terroristi.

    Spera soltanto che un giorno non decidano di "normalizzare" anche a noiA bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Personalmente sono contrario a tutti i giochi
    > crudeli, sia con protagonisti soldati americani
    > sia talebani; invece come scelta reale di campo
    > mi sento vicino ai soldati che operano per
    > normalizzare il paese, e non ai fanatici
    > talebani e ai terroristi.

    E sanno bene come fare, visto che prima li avevano creati loro.
    krane
    22544
  • - Scritto da: silvan
    > Personalmente sono contrario a tutti i giochi
    > crudeli, sia con protagonisti soldati americani
    > sia talebani; invece come scelta reale di campo
    > mi sento vicino ai soldati che operano per
    > normalizzare il paese, e non ai fanatici
    > talebani e ai
    > terroristi.

    Eh già gli stessi soldati che prima di "normalizzare" il paese hanno messo i fucili in mano ai "fanatici" di cui parli
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)