Domenico Galimberti

Un futuro tutto touch

di D. Galimberti - Tablet, smartphone, tutto rigorosamente da toccare e facile da usare. Strumenti leggeri e dalle capacità limitate all'indispensabile. Ma capaci di trasformare il mercato consumer

Roma - Poco più di un anno fa, quando iPad non era ancora nulla di concreto (se non nei laboratori di Cupertino) descrivevo un futuro ipotetico in cui, pur senza nulla togliere al settore desktop (soprattutto per certi compiti dove è le prestazioni sono determinanti) i dispositivi portatili e ultraportatili sarebbero andati a ricoprire un ruolo sempre più importante. Non che l'avanzata del settore mobile fosse un mistero: ma oggi, alla luce di tutto quello che è accaduto nel 2010, si possono intravedere alcuni risvolti più o meno interessanti relativi a questo argomento.

L'anno si è aperto con il CES 2010 all'insegna dei tablet, annunciati un po' da tutti, forse con troppo anticipo (visti i progetti svaniti nel nulla e i tempi effettivi di rilascio di questi prodotti), forse col solo scopo di mostrare qualcosa prima di Apple: l'annuncio di un tablet designed in Cupertino era ormai nell'aria, anche se la comunicazione ufficiale sarebbe arrivata solo qualche settimana più tardi.

In ogni caso, iPad a parte (di cui si attendono i risultati delle vendite del trimestre estivo per capire se il traguardo dei 10-12 milioni di unità vendute nel 2010 sarà un obiettivo realizzabile), questi mesi sono stati un continuo susseguirsi di novità nel settore mobile, tra tablet, smartphone, nuove versioni dei sistemi operativi dedicati, decine di migliaia di nuove applicazioni, e molto altro ancora. Dall'HP Slate al PlayBook di RIM (prodotti non ancora disponibili, a differenza dello Streak di Dell), passando per la rinascita di Motorola grazie alla serie Droid, la nuova versione del sistema di Google (Froyo), il nuovissimo Windows Phone 7, le decine di migliaia di applicazioni per iPad, e i sondaggi che vedono in continua crescita l'utilizzo di tablet e smartphone per la fruizione di Internet.
Il motivo di questo successo è abbastanza evidente: l'informatica è diventata sempre più un fenomeno di massa, e non è più riservata a persone esperte in materia. Il computer non è solo uno strumento di lavoro, è diventato un comune elettrodomestico, uno strumento come tanti altri, utile per reperire informazioni su Internet, comunicare, stampare foto. L'utente medio, spesso e volentieri, non è minimamente esperto di informatica, né gli interessa diventarlo: vuole un computer per controllare la posta elettronica, incontrare gli amici su Facebook, giocare, vedere video su YouTube ecc. Il fenomeno non è certo una novità, ma negli ultimi anni si è ulteriormente accentuato, ed è stato affiancato dal potenziamento dei telefoni cellulari (il dispositivo elettronico probabilmente più diffuso) che ormai sono diventati dei veri e propri mini computer.

Anche uscendo dall'ambito consumer, ci sono alcuni settori professionali per i quali il computer è solo uno strumento per leggere e spedire email, o per preparare documentazione. A fronte di certi utilizzi che potremmo definire "poco impegnativi", non è indispensabile avere macchine dalle prestazioni elevate ma magari è più importante avere la possibilità di fare le cose in maniera semplice, e avere sempre in mano (o in tasca) la possibilità di farle: basti pensare al successo del Blackberry derivante principalmente dalle push-mail.

Se il successo degli smartphone è già ben consolidato e in continua crescita, la tendenza attuale è quella dei tablet, che stanno arrivando sul mercato praticamente da ogni produttore, in varie dimensioni, con diversi sistemi operativi e con diverse dotazioni hardware. Senza entrare nei dettagli dei singoli modelli, possiamo comunque notare che (nonostante ci siano ancora molte persone dubbiose) i tablet stanno rubando quote di mercato un po' a tutti, in particolare a notebook e netbook. Come mai il successo di questi device arriva solo ora, dopo quasi un decennio di presenza sul mercato?

Ognuno potrebbe dare una risposta diversa a questa domanda, molti diranno che è solo una moda: a mio avviso, al di là dell'avere solo recentemente un hardware "maturo" per realizzare un dispositivo interessante (come prestazioni, autonomia, e peso/ingombri), il merito principale va al sistema operativo, ed è lo stesso motivo per cui negli ultimi anni c'è stata una forte diffusione anche degli smartphone. iOS e Android (giusto per citare i due più chiacchierati) sono sistemi operativi nati appositamente per essere utilizzati su uno schermo touch, che sia di uno smartphone o di un tablet (nonostante Google ammetta che Froyo abbia qualche limite per funzionare al meglio su schermi di grandi dimensioni). L'esperienza di utilizzo è completamente diversa rispetto a quella di utilizzare un normale sistema operativo desktop con uno schermo touch, soprattutto se consideriamo la differenza tra applicazioni realizzate ad-hoc, e applicazioni che normalmente richiedono l'impiego di un mouse: non stento a credere che, prima dell'avvento di sistemi e applicazioni dedicate, i tablet non abbiano incontrato i favori del mercato.

A seguito di queste considerazioni, cosa dovremmo aspettarci per il futuro? Se a livello professionale tutto proseguirà secondo i canoni più tradizionali, il settore consumer potrebbe abbandonare progressivamente macchine e sistemi operativi classici, per adottare dispositivi più versatili nell'utilizzo (e quindi anche in mobilità) ma più semplici da gestire. Chiunque possiede un iPad (parlo di questo tablet semplicemente perché al momento è quello maggiormente diffuso, se non quasi l'unico di nuova generazione presente sul mercato) probabilmente si sarà ritrovato ad utilizzare questo dispositivo come strumento principale per navigare, controllare i messaggi di posta elettronica, chattare, giocare, e molti altri compiti (ci sono anche applicazioni di un certo spessore): è più immediato, veloce, sicuro, e meno impegnativo rispetto all'utilizzo di un normale computer

E questa sarà la chiave vincente che contribuirà alla diffusione di dispositivi di questo genere, sia tra le mura domestiche che per altri compiti.

Domenico Galimberti
blog puce72

Gli altri interventi di Domenico Galimberti sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • TecnologiaKno, il tablet bussa due volteIn attesa dell'attesa grande versione dual screen, la startup starebbe preparando un modello a singolo schermo. Perché chi va piano, va sano e fa economia di scala
  • TecnologiaTablet, il giorno di PlayBook Research In Motion sfida apertamente Apple e Samsung con l'ambizioso tablet BlackBerry. Un dispositivo dall'animo professionale, multi-core, multitasking e multimediale
  • Digital LifeIn Giappone è tablet-maniaSharp e Onkyo propongono nuove tecnologiche tavolette riservate al mercato nipponico. Negli USA, nel frattempo, sembra che Amazon prepari un Android Market (e un tablet) per contrastare iPad
136 Commenti alla Notizia Un futuro tutto touch
Ordina
  • che sia moda o utile effettivamente, touch e multitouch sono solo un modo di fornire input.
    Il futuro dell'informatica fatto di una miriade di aggeggini specializzati e' spinto semplicemente perche' va meglio ai produttori ed agli sviluppatori, visto che il desktop e' un bastione del 'vecchio' concetto di personal computing mentre il cloud e' un rifacimento del modello centralizzato.

    Un modello apparentemente simile ma sostanzialmente alternativo potrebbe essere un server a casa, uno su internet (un vps) per backup di cose importanti e per tutte le cose che si vuole condividere, una workstation per giochi e attivita' cpu intensive.

    A questo si possono aggiungere tutti i tablet/tv interattive/smartphone che si vuole, che si connettono ai server (tuoi) via http,remote desktop,voip. Fine. I provider telefonici ridotti a semplici fornitori di connettivita' tcpip, le app cacheabili in locale per risparmiare banda e spesso sostituite da 'buoni vecchi' siti. Per fare realta' aumentata basta fare una query sulla la tua location e orientamento, in piu' potrebbe passare per il tuo nodo di casa che fa da anonimizzatore mandando al server remoto altre query farlocche. Etc etc.
    non+autenticato
  • - Scritto da: alethewiz
    >
    > non una gran battuta..

    ballmer ne ha fatta una più divertente!

    ha detto che win7 su tablet è ottimo per lavorare!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: alethewiz
    > >
    > > non una gran battuta..
    >
    > ballmer ne ha fatta una più divertente!
    >
    > ha detto che win7 su tablet è ottimo per lavorare!

    E' proprio un dilettante, Jobs ha detto che ipad è magico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    >
    > E' proprio un dilettante, Jobs ha detto che ipad
    > è magico.

    "Ogni tecnologia sufficientemente avanzata
    è indistinguibile dalla magia."


    Arthur C. Clarke
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: nome e cognome
    > >
    > > E' proprio un dilettante, Jobs ha detto che ipad
    > > è magico.
    >
    > "Ogni tecnologia sufficientemente avanzata
    > è indistinguibile dalla magia."

    >
    > Arthur C. Clarke

    Io sottolineerei "sufficientemente avanzata"
    non+autenticato
  • - Scritto da: vituzzo
    >
    > Io sottolineerei "sufficientemente avanzata"

    "prima dovresti smetterla di agitarla come un piumino"
    non+autenticato
  • il touch è una moda e i grossi gruppi non possono ovviamente perdere l'occasione di cavalcarla

    questa tecnologia annulla il senso del tatto, pertanto non può che essere più difficile svolgere le attività più comuni, eccetto quelle che richiedono due "tocchi" (leggere posta, pagine web, etc..)
    Se invece la posta poi la devi scrivere, allora iniziano le frustrazioni

    ad esempio nei cellulari è molto più comoda la tastiera qwerty tipo blackberry che la tastiera touch (anche se di tipo capacitivo)

    è ovvio che al primo impatto il cliente-bamba resterà folgorato dal touch iphone, ma chi è abituato alla qwerty fisica sa benissimo di cosa stia parlando

    con il touch si svolgono più comodamente solo le operazioni basilari, a patto di perdere il senso del tatto

    io (come tanti altri) ad esempio scrivo senza quasi mai guardare la tastiera (sia su pc che su smartphone), la stessa cosa è pressocchè impossibile con il touch, proprio perchè l'assenza di fisicità sui pulsanti e lo spazio che li separa annulla la sensibilità di orientamento automatica delle dita fra le lettere del dispositivo

    questo non vuol dire che il touch sia da buttare, è una tecnologia molto utile in taluni campi e assolutamente ridicola in altri

    la cosa divertente è che oggi c'è gente convinta che il touch sarà la tastiera del domani
    non+autenticato
  • - Scritto da: roumhok2n
    >
    > ad esempio nei cellulari è molto più comoda la
    > tastiera qwerty tipo blackberry che la tastiera
    > touch (anche se di tipo
    > capacitivo)
    >
    > è ovvio che al primo impatto il cliente-bamba
    > resterà folgorato dal touch iphone, ma chi è
    > abituato alla qwerty fisica sa benissimo di cosa
    > stia parlando
    >
    > con il touch si svolgono più comodamente solo le
    > operazioni basilari

    giusto un paio di considerazioni...
    (premesso che non ho mai provato una qwerty tipo blackberry)

    1) la tastiera touch modifica i tasti visualizzati in base al contesto.
    questo permette di avere tasti più grandi
    anche l'uso dei modificatori sembra nettamente più comodo

    2) se appoggio il telefono su una superficie, posso scrivere molto velocemente con una pressione dei tasti minima.. non so se si può fare altrettanto su una qwerty fisica

    sul fatto di scrivere senza guardare invece hai pienamente ragione, con il touch al momento è impossibile
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > sul fatto di scrivere senza guardare invece hai
    > pienamente ragione, con il touch al momento è
    > impossibile

    Toglimi una curiosità, visto che la tastiera touch sta sul display, uno che non volesse guardare la tastiera mentre scrive, cosa dovrebbe guardare?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    >
    > Toglimi una curiosità, visto che la tastiera
    > touch sta sul display, uno che non volesse
    > guardare la tastiera mentre scrive, cosa dovrebbe
    > guardare?

    ok, io non faccio la verginella, e ammetto che
    spesso ho messaggiato mentre guidavo

    ora con iphone è meglio evitareSorride
    anche se a volte...

    in compenso l'uso di tutte le altre app mi è di gran lunga semplificato mentre guido!!A bocca aperta
    non+autenticato
  • Voglio sperare che la tua sia solo una battuta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Oliver Hardy
    > Voglio sperare che la tua sia solo una battuta.

    Imbarazzato
    non+autenticato
  • E' il motivo per cui han fatto la "tastiera per l'ipad"... utilissima ma dire ridicolo e paradossale è poco....

    Il fatto stesso che sia utile ne dice molto.... probabilmente in futuro i pc saranno tutti delle dimensioni dell'ipad, tanto che un tablet ormai sarà l'unico "computer" comprabile, ma da qua a dire che le tastiere saranno dimenticate ce ne passa...

    A volte mi fa sorridere l'entusiasmo di alcuni... l'ipad è una chicca, di marca, di moda, per questo vende... l'ho provato ed è figo, già "figo" descrive tutto, peccato che un computer non debba solo essere bello ma pure totalmente usabile, non solo dalla nonna ma da ognuno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: raptus
    ..peccato che un computer
    > non debba solo essere bello ma pure totalmente
    > usabile, non solo dalla nonna ma da
    > ognuno.

    l'iPad non è un computer e non vuole esserlo, infatti Apple i computer li vende ancora, è un'altra cosa, serve a chi un computer non l'ha veramente bisogno ma non essendoci altro finora era costretto ad usarlo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: roumhok2n

    > il touch è una moda e i grossi gruppi non possono
    > ovviamente perdere l'occasione di cavalcarla...

    Ti do ragione su tutto, sul discorso delle sensazioni tattili, ma non sulla "moda". Non condivido l'idea che i tablet sostituiranno i PC. Se però si parla di affiancare, il discorso è diverso. Tablet e PC sono due strumenti diversi e complementari.
    FDG
    10933
  • - Scritto da: FDG

    > Ti do ragione su tutto, sul discorso delle
    > sensazioni tattili, ma non sulla "moda". Non
    > condivido l'idea che i tablet sostituiranno i PC.
    > Se però si parla di affiancare, il discorso è
    > diverso. Tablet e PC sono due strumenti diversi e
    > complementari.

    Quoto. Sono perfettamente d'accordo.
  • - Scritto da: roumhok2n

    > questo non vuol dire che il touch sia da buttare,
    > è una tecnologia molto utile in taluni campi e
    > assolutamente ridicola in altri
    >
    > la cosa divertente è che oggi c'è gente convinta
    > che il touch sarà la tastiera del
    > domani
    Per alcuni lo sarà. Essendo un vecchio cane (vedi il mio nick) mi ricordo le dattilografe che, dopo il primo passaggio da macchine da scrivere a word processor tipo Wordstar, interfaccia a caratteri e decine di combinazioni di tasti con cui potevi fare di tutto, videro il mouse.
    "Scemenza, hai le mani sulla tastiera e devi spostarne una, afferrare il mouse, scegliere dal menu, lasciare il mouse, riprendere la posizione con i tasti guida, invece di un bel CTRL+ALT+@ (invento) che fai in una frazione di secondo."
    Loro lo trovavano un peggioramento, gli utenti scrittori occasionali una benedizione e sappiamo tutti che le tastiere non sono scomparse, ma un touchpad o un mouse sono praticamente di serie su ogni PC e per alcuni usi possiamo spostare di lato la tastiera e andare di mouse quasi per l'intera sessione di lavoro.
    non+autenticato
  • Non so quanti di voi si mettono le dita nel naso o sono soliti lavarsi le mani prima e dopo essere andati in bagno.
    Modestamente mi dedico ad entrambe le attività con lo stesso entusiasmo.

    Ne consegue però che sebbene le mie mani siano mediamente pulite, la carica batterica di tutto ciò che tocco è piuttosto elevata.

    Gli schermi touch diventeranno un bel ricettacolo per batteri di tutte le specie, in realtà già lo sono e, andando lentamente a sostituire la tastiera, diventeranno come quest'ultima.
    Puliti come quest'ultima.

    Invito tutti voi a fare questo esperimento: prendete la vostra tastiera (se non è integrata nel portatile) capovolgetela e battetela DELICATAMENTE contro la scrivania e ripetete l'operazione per 30 secondi.

    Bello eh?

    Ora pensate a come diventeranno i dispositivi touch.

    Il futuro è "touchless".

    Saluti.
    GTFS
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush Fuorisede

    > Ora pensate a come diventeranno i dispositivi
    > touch.

    Sai che il tastierino del tuo cellulare è enormemente più lercio della tavoletta dei ce$$i della stazione? Almeno quella la lavano regolarmente, e tu non te la appoggi alla faccia...

    > Il futuro è "touchless".

    Speriamo, tra l'altro sarebbe bello aggiungere una terza dimensione al multitouchA bocca aperta
    Funz
    12995
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Guybrush Fuorisede
    >
    > Sai che il tastierino del tuo cellulare è
    > enormemente più lercio della tavoletta dei ce$$i
    > della stazione? Almeno quella la lavano
    > regolarmente, e tu non te la appoggi alla
    > faccia...

    E le tastiere dei PC sono ancora peggio, se pensi che nelle aziende su un PC ci mette le mani chiunque.

    Se non sbaglio uno studio inglese di qualche anno fa diceva che le tastiere sono peggio dei cessi.
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Guybrush Fuorisede
    >
    > > Ora pensate a come diventeranno i dispositivi
    > > touch.
    >
    > Sai che il tastierino del tuo cellulare è
    [...]
    > faccia...
    E' così per tutti i telefoni di questo pianeta.


    > > Il futuro è "touchless".
    >
    > Speriamo, tra l'altro sarebbe bello aggiungere
    > una terza dimensione al multitouch
    >A bocca aperta

    adesso tocca ai display touch.
    La rogna è che vanno tenuti ben puliti o diventano raipdamente illeggibili.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > adesso tocca ai display touch.
    > La rogna è che vanno tenuti ben puliti o
    > diventano raipdamente
    > illeggibili.

    Dal punto di vista dell'igiene è un miglioramento (o, come fa notare qualcun altro, un ulteriore colpo al nostro sistema immunitario già provato dalla troppa puliziaA bocca aperta)
    Funz
    12995
  • - Scritto da: Guybrush Fuorisede
    >
    > Invito tutti voi a fare questo esperimento:
    > prendete la vostra tastiera (se non è integrata
    > nel portatile) capovolgetela e battetela
    > DELICATAMENTE contro la scrivania e ripetete
    > l'operazione per 30 secondi.

    beh sul fatto che siano dei cessi non ci sono dubbi..

    però dalla mia non è uscito nulla...

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: Guybrush Fuorisede
    > >
    >
    > però dalla mia non è uscito nulla...
    >

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Beh quella viene lasciata nella scatola di solito! Indiavolato
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 06 ottobre 2010 17.34
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: James Kirk
    >
    > Beh quella viene lasciata nella scatola di
    > solito!
    >Indiavolato

    questione di abitudine, per me la sensazione che si ha scrivendo è molto piacevole, inoltre è ultrasilenziosa!
    non+autenticato
  • Ci giochi ad un fps e le prendi da tutti.
  • Prova ad immaginare la scena:
    il tizio dice che da quando c'è l'iPad i giornali di carta sono superati. Pure quelli che legge la mattina al bagno sono stati sostituiti.
    Poi ti chiede se ti serve il suo iPad per controllare una cosa su internet.
    guast
    1319
  • - Scritto da: guast
    > Prova ad immaginare la scena:
    > il tizio dice che da quando c'è l'iPad i giornali
    > di carta sono superati. Pure quelli che legge la
    > mattina al bagno sono stati
    > sostituiti.
    > Poi ti chiede se ti serve il suo iPad per
    > controllare una cosa su
    > internet.

    Io gli risponderei di prestarmi l'iPad da usare come giornale quando vado in bagno (...e non per leggerlo)
  • Un punto chiave di questa evoluzione sarà rappresentato dall'OS Intel/Nokia che ha già riscosso grandi apprezzamenti nel segmento netbook. Le due aziende stanno creando ottime interfacce anche per i tablet, gli smartphone, i set-top box e i dispositivi per auto.
  • - Scritto da: Elris
    > Un punto chiave di questa evoluzione sarà
    > rappresentato dall'OS Intel/Nokia che ha già
    > riscosso grandi apprezzamenti nel segmento
    > netbook. Le due aziende stanno creando ottime
    > interfacce anche per i tablet, gli smartphone, i
    > set-top box e i dispositivi per
    > auto.

    un po' di link? Perché di questo Meego se ne parla tanto, ma si vede poco
    pippuz
    1260
  • - Scritto da: Elris
    > http://meego.com/
    >
    > http://www.google.it/images?q=meego+screenshots&hl

    dove sono i netbook / tablet / smartphone / set top box / etc. con Meego? In commercio, ovviamente...
    pippuz
    1260
  • Attualmente l'unico prodotto in commercio è il WeTab, che sconsiglio vivamente a causa della scarsa qualità dell'hardware. Per quanto riguarda i set top box si ha notizia dell'Amino, il cui lancio penso possa richiedere ancora qualche mese. Attualmente, moltissimi produttori hardware hanno annunciato hardware che monterà MeeGo, ma credo che i primi esemplari li troveremo nel primo semestre 2011, mentre la stragrande maggioranza di essi sarà rilasciata nel secondo semestre.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)