Mauro Vecchio

Mamma, ho già un profilo digitale?

Il 92 per cento delle madri statunitensi avrebbe caricato online fotografie del proprio pargoletto. Alcune ancora prima della sua nascita. Il 5 per cento dei bimbi del Pianeta avrebbe già un profilo su un social network

Roma - Si intitola Digital Birth: Welcome to the Online World ed è un recente studio condotto dagli analisti di Research Now, commissionato dalla società specializzata in sicurezza informatica AVG. L'81 per cento dei bambini al di sotto dei due anni ha ormai lasciato una qualche traccia digitale di sé, che si tratti di una fotografia caricata su un social network o addirittura di un profilo apparso tra i meandri del web.

Lo studio è partito da un campione di 2.200 madri, intervistate in vari paesi del mondo tra cui Regno Unito, Germania, Francia, Italia e Stati Uniti. Proprio in terra statunitense, il 92 per cento delle madri ha dichiarato di aver lasciato su Internet alcune tracce esistenziali del proprio pargoletto. 34 mommy su 100 avrebbero addirittura pubblicato online l'ecografia che ritrae il nascituro.

E non si tratta solo di fotografie, caricate sul web a poche settimane dalla nascita dal 33 per cento delle madri britanniche. Stando allo studio commissionato da AVG, il 7 per cento dei bimbi sul Pianeta avrebbe già acquisito un proprio indirizzo di posta elettronica. Il 5 per cento di questi potrebbe teoricamente già consultare il proprio profilo social, aperto dai suoi genitori mediamente entro i due anni d'età.
Intervenuto a commentare i risultati dell'analisi, il CEO di AVG JR Smith ha sottolineato come un'attività del genere sia del tutto comprensibile, specie da parte di genitori particolarmente fieri delle loro piccole creature. Due precisazioni sono state fatte. La prima: un bambino verrebbe inseguito fin dalla più tenera età dalle sue stesse tracce online. La seconda: le orgogliose mamme dovrebbero fare attenzione ai potenziali rischi per la privacy dei loro pargoletti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàContrappunti/ La maturità di Internet di M. Mantellini - Può un tema degli esami di stato segnare la svolta? Dipende. Quello che conta è tenere conto dell'esistenza della Rete, e della sua presenza nella vita di giovani e meno giovani
  • Digital LifeSchmidt: l'anonimato è un rischioIl CEO di Google parla dell'attuale esplosione delle informazioni disponibili online. La società non sarebbe pronta. I cittadini hanno bisogno di servizi che li proteggano. E gli stati li esigeranno
15 Commenti alla Notizia Mamma, ho già un profilo digitale?
Ordina
  • è che nella nostra cultura il bambino non è un individuo ma "la creatura di mamma" un bambolotto insomma, e così lo vesti con la cuffietta con le orecchiette da coniglio, metti le foto di lui nudo mentre fa il bagnetto… …

    Avrò un figlio a Natale, e fin dal primo giorno, lo tratterò come una PERSONA
    MeX
    16876
  • come dice maddox:" You make payments on the house, utilities, their clothes, school, and their food. You own them. If they don't like it, they can move out. If you love your kids, love them enough to beat them so that they don't grow up to be idiots."

    :D
    non+autenticato
  • - Scritto da: MeX
    > è che nella nostra cultura il bambino non è un
    > individuo ma "la creatura di mamma" un bambolotto
    > insomma, e così lo vesti con la cuffietta con le
    > orecchiette da coniglio, metti le foto di lui
    > nudo mentre fa il bagnetto…
    > …
    >
    > Avrò un figlio a Natale, e fin dal primo giorno,
    > lo tratterò come una
    > PERSONA
    cioe vuoi dire che non lo farai diventare un iConsumatore?

    ;)
    non+autenticato
  • scherzi? spendere tutti quei soldi per un computer? si assembla una cassone con i pezzi riciclati e smadonna con linuxA bocca aperta
    MeX
    16876
  • AuguroniSorride

    Io devo ancora cercarmi una compagna, ma continuando così la vedo male... mah
    non+autenticato
  • - Scritto da: MeX
    > è che nella nostra cultura il bambino non è un
    > individuo ma "la creatura di mamma" un bambolotto
    > insomma, e così lo vesti con la cuffietta con le
    > orecchiette da coniglio, metti le foto di lui
    > nudo mentre fa il bagnetto…
    > …
    >
    > Avrò un figlio a Natale, e fin dal primo giorno,
    > lo tratterò come una
    > PERSONA

    vuoi dire che non lo battezzerai ? :-!
    non+autenticato
  • ovvio che no!
    MeX
    16876
  • Le mamme sono protettive, eccetto che per dare i loro figli in pasto alla folla. Arrabbiato
    non+autenticato
  • Ho appena creato un indirizzo gmail per mia figlia...
    Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • Dovrebbero arrestarti!Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: FU Pi
    > Ho appena creato un indirizzo gmail per mia
    > figlia...
    > Con la lingua fuori
    Internet è comoda, anche utile. Ma perché bisogna proprio mettere le foto su facebook? Perché spedirle con un account gmail?
    Se comprate un dominio con una decina di euro vi danno sicuramente anche una decina di caselle di posta a corredo e dello spazio web. Nell root dello spazio web ci mettere un bel file robots.txt con "deny all" e poi usate internet. I parenti ai quali avrete dato il link, vedranno i progressi di vostro figlio. Chi Googla alla ricerca di voi, invece no. E quando è ragionevole che tutti i parenti le hanno viste, le togliere dal vostro spazio web, senza che rimangano in eterno archiviate da qualche parte. E stesso dicasi della casella di posta, quando la chiuderete.
    Certo, costa una ventina di euro all'anno: gmail e facebook sono "gratis": o forse si pagano proprio in "Kg di Privacy perduta".

    Certo se uno prende la foto dal mio sito e la pubblica su facebook, il danno è fatto. Ma non è che se invece scandisce una foto su carta e la mette online sia diverso. E' li che bisogna lavorare, e molto...
    Ecco perché i "tanto non ho nulla da nascondere" mi fanno paura: perché con la stessa leggerezza pubblicano anche i miei di dati. E, per dirla in Savonese, "son tutti finocchi con il culo degli altri".
    non+autenticato
  • Sembra più fissati con la privacy, chi condivide tutto di se di sicuro non si preoccupa della privacy... Per cui perchè farne un dramma continuamente?
    non+autenticato
  • Ma infatti, che assurdità.
    Io ho già fatto la mail ai miei 3 figli... adesso devo solo trovare una compagna.Imbarazzato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Sembra più fissati con la privacy, chi condivide
    > tutto di se di sicuro non si preoccupa della
    > privacy... Per cui perchè farne un dramma
    > continuamente?
    forse perchè chi "condivide tutto di se",dovrebbe appunto continuare a farsi i cazzi propri senza condividere tutto anche degli altri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Sembra più fissati con la privacy, chi condivide
    > > tutto di se di sicuro non si preoccupa della
    > > privacy... Per cui perchè farne un dramma
    > > continuamente?
    > forse perchè chi "condivide tutto di se",dovrebbe
    > appunto continuare a farsi i cazzi propri senza
    > condividere tutto anche degli
    > altri.

    Esatto un conto è se stessi!
    Magari il pargoletto una volta cosciente, potrebbe non volere che delle sue immagini siano in giro ed accessibili a chiunque.
    Solo che ormai è troppo tardi e tecnologicamente non è possibile tracciare tutti gli storage/utilizzi della sua infanzia.

    Praticamente solo l'immagine della progenie dei personaggi famosi è implicitamente tutelata....... ma per il resto.

    Non ho parole, complimenti a queste mamme!
    non+autenticato