Claudio Tamburrino

Apple, non ci sono più gli iPhone di una volta?

La nuova generazione sarebbe più delicata: la questione verte su quel che c'è dietro

Roma - iPhone 4 si rompe il 68 per cento più spesso di iPhone 3GS: lo dicono le statistiche effettuate da Square Trade, azienda che incidentalmente fornisce servizi di garanzia.

I dati sarebbero stati raccolti a partire da oltre 20mila iPhone di quarta generazione coperti dalla loro assicurazione e vittime di incidenti e dimostrerebbero che, dal passaggio dai modelli 3GS a quelli di ultima generazione, gli schermi rotti nei melafonini sono aumentati dell'82 per cento e gli incidenti in generale sono aumentati del 68 per cento.

Per quanto ci sia da rilevare come l'osservatore (un'azienda che fornisce garanzie e che lavora su dati raccolti a partire da utenti che sottoscrivono un'assicurazione specifica) influisca sull'esperimento, il discorso dei nuovi modelli più delicati dei precedenti si era già presentato con l'arrivo di iPhone 3G.
Mentre in quel caso l'imputato era la cover di plastica sostitutiva di quella d'alluminio, questa volta la differenza a livello di hardware sta nel fatto che Apple ha raddoppiato il vetro (il materiale GorillaGlass copre ora anche il dorso), aumentando di fatto la superficie graffiabile: nel circa 30 per cento dei casi i danni hanno a che fare con il il vetro nero posteriore.
Inoltre, la stessa Apple nei giorni scorsi sembra aver iniziato a investigare sui case di parti terze compatibili con iPhone 4 che non proteggono adeguatamente dai graffi o che li provocano quando sabbia o altri materiali si insinuano al loro interno.

O forse, semplicemente, iPhone non è più un oggetto da venerare, ma un apparecchio tecnologico consolidato che, in quanto tale, viene maneggiato con meno cura reverenziale. Ma, d'altra parte, il cambio a livello di design esterno starebbe spingendo gli utenti, secondo Vince Tseng di Square Trade, a lasciare scoperto lo smartphone "per ammirarne la bellezza del dorso".

A consolare Apple, il fatto che solo nel circa lo 0,5 per cento dei casi (per entrambe le generazioni) l'utilizzo della garanzia si attiva per difetti del prodotto.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaE se invece toccasse ad iPod?Dopo i rumors sui MacBook, arrivano le indiscrezioni su un rinnovato iPod. Si parla di un Nano che assomiglia a Zune, di un Touch rinfrescato con GPS. Ma non si parla di Classic. Ah sì, Mobile Me sta bene grazie. iPhone meno
  • AttualitàGPU difettose, le vittime di NvidiaNella partita corrotta del 2007 sono coinvolte Apple, Dell e HP. Ma la produttrice rifiuta ancora qualsiasi assunzione di responsabilità pur accettando di rimborsare gli utenti
  • AttualitàIndia, pastore vittima del suo cellulare?Un Nokia 1209 sospettato per la morte di un giovane. Deceduto con ustioni su un orecchio, sul collo e su una spalla. I pezzi del dispositivo disseminati intorno a lui. La storia attende conferma
173 Commenti alla Notizia Apple, non ci sono più gli iPhone di una volta?
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)