Roberto Pulito

Android, tra presente e futuro

I primi dettagli sul successore di Froyo. Le ipotesi su Android 4.0 che uscirà nel 2011. E la riposta di Rubin alle critiche di Steve Jobs

Roma - Ancora una volta è un partner di Google a fornire dettagli sulla roadmap del sistema operativo Android. Tudor Brown, presidente del designer di chip ARM, ha confermato alla stampa che dopo Froyo (2.2) arriveranno Gingerbread (3.0) e Honeycomb (3.5). Secondo Brown, nel futuro di Android ci sarebbe anche un "Ice Cream", nome in codice della release 4.0 prevista per la seconda metà del 2011.

A partire dal 2009, le nuove release di Google Android hanno sempre avuto denominazioni fantasiosamente zuccherose, tra torte, ciambelle, bignè e frozen-yogurt (soprannomi che vengono affibbiati in ordine rigorosamente alfabetico), ma non c'è ancora nessuna conferma ufficiale da parte di Google riguardo l'arrivo di un "gelato" nella lista della spesa.

Nel frattempo, trapelano anche i primi dettagli sul successore di Froyo, considerato da Google stessa poco adatto ai tablet PC con gli schermi troppo grandi. A quanto sembra, Android 3.0 supporterà l'accelerazione grafica hardware, includerà una video chat integrata e le chiamate Google VoIP via WiFi.
Le app di Google incluse saranno integrate ancora meglio con la GUI, che subirà un restyling generale rispetto a quella della versione 2.2.
Android diventa insomma sempre più competitivo nei confronti della concorrenza, aggiornamento dopo aggiornamento. Andy Rubin, creatore dell'OS mobile acquisito dal colosso di Mountain View, ha recentemente ribadito il concetto di "open source", per rispondere alle critiche mosse da Steve Jobs. Secondo Mr. Apple la frammentazione del codice, generata dai device che personalizzano Android, finisce col creare più confusione che altro: ma per Rubin, il fatto che ognuno possa compilarlo secondo le proprie esigenze resta il vero vantaggio competitivo.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaAndroid in the AIRDopo Flash, anche Adobe Integrated Runtime sbarca sul market di Google. Prevista un ondata di applicazioni specifiche, tra utility nuove e porting da altre piattaforme
  • TecnologiaAndroid e le app dalla bocca larga15 applicazioni su 30 invierebbero dati personali verso i server gestiti dall'advertising. Tra le informazioni spedite in silenzio: numeri di telefono, esatta posizione GPS e numeri seriali delle SIM
66 Commenti alla Notizia Android, tra presente e futuro
Ordina
  • Mi pare sia una definizione utile per chi i terminali produce, non per chi li usa, perché i clienti di Google non sono gli utenti finali.
    FDG
    10933
  • - Scritto da: FDG
    > Mi pare sia una definizione utile per chi i
    > terminali produce, non per chi li usa, perché i
    > clienti di Google non sono gli utenti
    > finali.

    Al contrario la GPL è una licenza scritta per gli user e infatti è user-centrica non per i developers diverso è se parli di bsd e altro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ullala

    > Al contrario la GPL è una licenza scritta per gli
    > user...

    Mah, la GPL si riferisce alle libertà degli utilizzatori qualsiasi siano. L'ultima è la 3 che ovvia ad alcune lacune della 2, tra cui la possibilità di imporre via hardware l'uso di una specifica versione del software, non quella scelta dall'utente finale.

    Solo il kernel di Android, linux, è GPL 2 (non 3!). Un telefono Android non è tale per il kernel (anzi secondo me potrebbero pure portare Android su altri kernel) ma per quello che ci sta su. E a parte il kernel Android è distribuito in licenza Apache.

    > diverso è se parli di bsd e altro...

    Appunto.

    Inoltre, la maggior parte degli utenti Android di sorgenti, compilazioni, rooting e altro non sa nulla. Queste cose interessano gli smanettoni e i produttori di smartphone. Al limite, può interessare quelli che si chiamano "solution provider" che hanno sicuramente uno spazio in più per muoversi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 ottobre 2010 15.49
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10933
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: ullala
    >
    > > Al contrario la GPL è una licenza scritta per
    > gli
    > > user...
    >
    > Mah, la GPL si riferisce alle libertà degli
    > utilizzatori qualsiasi siano. L'ultima è la 3 che
    > ovvia ad alcune lacune della 2, tra cui la
    > possibilità di imporre via hardware l'uso di una
    > specifica versione del software, non quella
    > scelta dall'utente
    > finale.

    Quale è la parte di "utilizzatori" (lo hai scritto tu e la traduzione è "users") non ti è chiara?

    >
    > Solo il kernel di Android, linux, è GPL 2 (non
    > 3!). Un telefono Android non è tale per il kernel
    > (anzi secondo me potrebbero pure portare Android
    > su altri kernel) ma per quello che ci sta su. E a
    > parte il kernel Android è distribuito in licenza
    > Apache.

    Il kernel android è Linux (e quindi GPL) parti di android ad es dalvik sono apache.
    E tra le 2 cose (dalvik e kernel) c'è una bella differenza!
    Dalvik non è os è una macchina applicativa.

    Che la gpl sia 2 e non 3 non fa alcuna differenza rispetto al fatto che sia user-centrica!
    La differenza tra gpl (tutte le versioni) e altre licenze open souce è proprio quella!

    >
    > > diverso è se parli di bsd e altro...
    >
    > Appunto.

    Appunto che?
    Ti è chiara o no la differenza tra kernel e il resto?
    La sostanza è che Android inteso come ambiente (quindi non il solo kernel) è un mix di licenze (Apache License, free software e open source license) orientate a scopi differenti..
    E questo è un dato oggettivo e non discutibile!
    Come è indiscutibile che ogni modifica alla parte fondamentale del codice che costituisce il kernel è non solo governata in teoria in modo totalmente conforme ma anche nella PRATICA.
    E anche questo è un fatto non smentibile!

    >
    > Inoltre, la maggior parte degli utenti Android di
    > sorgenti, compilazioni, rooting e altro non sa
    > nulla. Queste cose interessano gli smanettoni e i
    > produttori di smartphone. Al limite, può
    > interessare quelli che si chiamano "solution
    > provider" che hanno sicuramente uno spazio in più
    > per
    > muoversi.

    Infatti sono proprio i "solution providers" che hanno fornito agli users le rom non ufficiali e gli altri hacks no?
    La realtà (ti piaccia o meno) e che invece sono soluzioni scritte da utenti per altri utenti... come è piuttosto normale che sia in un sistema di questo tipo.
    E anche questo è un terzo dato non smentibile.

    Inoltre vorrei farti notare che data la origine di dalvik (parte proprio da codice già in origine Apache) non è che ci fossero molte alternative alla strada scelta da google o perlomeno non certo a "portata di mano"...
    E questo è un quarto dato!

    Se invece quella che vuoi fare è una discussione "ideologica" che prescinde da dati e fatti chiudiamola pure qui... non sono interessato!
    non+autenticato
  • - Scritto da: FDG
    > Mi pare sia una definizione utile per chi i
    > terminali produce, non per chi li usa, perché i
    > clienti di Google non sono gli utenti
    > finali.

    Concordo pienamente.
    ruppolo
    33147
  • e ve lo sta dicendo il sottoscritto che vive sviluppando prodotti software solo per piattaforma Windows.
    La causa è molto semplice: l'adozione di questa sistema da parte di molti produttori di smartphone nonchè la sua libertà "nel farci quello che vuoi con il tuo dispositivo", ma quest'ultima è una causa secondaria.
    Qui però entra in ballo la solita menata win vs linux vs mac.
    Allora perchè linux non sfonda anche nei desktop pc e nei laptop?
    Semplice risposta anche in questo caso: cambiare uno smartphone è molto più semplice che cambiare un pc in quanto i programmi ma sopratutto le abitudini di utilizzo sono molto diverse e complesse.
    Non puoi sevgliarti la mattina e cambiare sistema operativo e programmi.
    Le persone che lavorano per linux se lo devono mettere in testa questa cosa.
    Quindi il pinguino, farà marcia in avanti ma sempre con calma...non ci sarà mai un boom vero e proprio per linux.


    Vi saluto e commentate il mio pensiero.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mux
    > e ve lo sta dicendo il sottoscritto che vive
    > sviluppando prodotti software solo per
    > piattaforma Windows.
    > La causa è molto semplice: l'adozione di
    > questa sistema da parte di molti produttori
    > di smartphone nonchè la sua libertà "nel
    > farci quello che vuoi con il tuo
    > dispositivo", ma quest'ultima è una causa
    > secondaria.
    > Qui però entra in ballo la solita menata win
    > vs linux vs mac.
    > Allora perchè linux non sfonda anche nei desktop
    > pc e nei laptop?

    Perche' non lo trovi preinstallato ?

    > Semplice risposta anche in questo caso: cambiare
    > uno smartphone è molto più semplice che cambiare
    > un pc in quanto i programmi ma sopratutto le
    > abitudini di utilizzo sono molto diverse e
    > complesse.

    E non devi installare il SO.

    > Non puoi sevgliarti la mattina e cambiare sistema
    > operativo e programmi.

    Quindi e' tutto li' il problema, sono solo 20 anni di cause antitrusti.

    > Le persone che lavorano per linux se lo devono
    > mettere in testa questa cosa.

    Ma si sa che il problema e' il preinstallato.

    > Quindi il pinguino, farà marcia in avanti ma
    > sempre con calma...non ci sarà mai un boom vero e
    > proprio per linux.

    > Vi saluto e commentate il mio pensiero.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Mux
    >
    > Perche' non lo trovi preinstallato ?

    Ni, puoi anche trovartelo preinstallato ma se sono abituato a usare un programma e su linux non lo trovo, o lo trovo diverso, non me ne faccio niente, proprio per un discorso di abitudini. Insegnare a una persona a utilizzare un certo strumento non è roba da poco. Questo purtroppo lo capiscono in pochi.
    e questo è il succo del discorso.

    >
    >
    > E non devi installare il SO.
    anche...
    >
    > > Non puoi sevgliarti la mattina e cambiare
    > sistema
    > > operativo e programmi.
    >
    > Quindi e' tutto li' il problema, sono solo 20
    > anni di cause
    > antitrusti.

    oh yes! La gente si è abituata a utilizzare certi strumenti...perchè cambiare quando "tutto mi funziona"? ecco perchè Windows è ancora sistema operativo più utilizzato.

    >
    > > Le persone che lavorano per linux se lo devono
    > > mettere in testa questa cosa.
    >
    > Ma si sa che il problema e' il preinstallato.

    Il preinstallato era la causa all'inizio del "boom utilizzo pc". Adesso invece la causa è diventata l'abitudine e il preinstallato è passato in secondo piano.
    Se linux vuole fare strade deve puntare sul doftware di "consumo".
    Se tutti i software che utilizziamo funzionassero anche in linux, vedresti che fine farebbe la MS in meno di 2 anni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mux
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Mux

    > > Perche' non lo trovi preinstallato ?

    > Ni, puoi anche trovartelo preinstallato ma se
    > sono abituato a usare un programma e su linux non
    > lo trovo, o lo trovo diverso, non me ne faccio
    > niente, proprio per un discorso di abitudini.
    > Insegnare a una persona a utilizzare un certo
    > strumento non è roba da poco. Questo purtroppo
    > lo capiscono in pochi.
    > e questo è il succo del discorso.

    Strano allora che la gente abbia imparato ad usare l'ultimo office con ribbon, oppure che sia passata da '98 a XP.
    Strano come tutti si stupiscano quando la "gente" non segue il mercato, sembrano tutti stupirsi che sia in grado di scegliere quando puo' e le conviene.

    > > E non devi installare il SO.
    > anche...

    > > > Non puoi sevgliarti la mattina e cambiare
    > > > sistema operativo e programmi.

    > > Quindi e' tutto li' il problema, sono solo
    > > 20 anni di cause antitrusti.

    > oh yes! La gente si è abituata a utilizzare certi
    > strumenti...perchè cambiare quando "tutto mi
    > funziona"? ecco perchè Windows è ancora sistema
    > operativo più utilizzato.

    E perche' e' windows XP il piu' utilizzato e non 7 - Vista o '98 ?

    > > > Le persone che lavorano per linux se lo
    > > > devono mettere in testa questa cosa.
    > > Ma si sa che il problema e' il preinstallato.

    > Il preinstallato era la causa all'inizio del
    > "boom utilizzo pc". Adesso invece la causa è
    > diventata l'abitudine e il preinstallato è
    > passato in secondo piano.

    E' un serpente che si morde la cosa, il preinstallato avvelena i nuovi utenti, la maggior parte della gente che acquista un pc non sa neanche che windows ha un costo.

    > Se linux vuole fare strade deve puntare sul
    > doftware di "consumo".
    > Se tutti i software che utilizziamo funzionassero
    > anche in linux, vedresti che fine farebbe la MS
    > in meno di 2 anni.

    Non finche' verra' preinstallato.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    > Strano allora che la gente abbia imparato ad
    > usare l'ultimo office con ribbon...

    Ma sai a quante imprecazioni si sono lasciati andare per il cambio d'interfaccia?
    FDG
    10933
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: krane
    >
    > > Strano allora che la gente abbia imparato ad
    > > usare l'ultimo office con ribbon...
    >
    > Ma sai a quante imprecazioni si sono lasciati
    > andare per il cambio
    > d'interfaccia?

    Ma non è un problema che hanno avuto con android!
    La interfaccia applicativa è identica!
    io sono passato dalle versioni "ufficiali" 2.0->2.1->2.2 senza dovermi preoccupare di nulla!
    E pure con le versioni "non ufficiali" problemi zero!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mux

    > Vi saluto e commentate il mio pensiero.

    NO A bocca aperta
  • - Scritto da: Mux

    > Semplice risposta anche in questo caso: cambiare
    > uno smartphone è molto più semplice che cambiare
    > un pc in quanto i programmi ma sopratutto le
    > abitudini di utilizzo sono molto diverse e
    > complesse.

    Beh, in questo caso si è partiti da un mercato praticamente aperto, per cui comprare un terminale con un sistema X è semplice. Quindi la diffusione di un sistema è legata alla proposta. Più terminali ci sono con un sistema X più questo sarà più diffuso. Ma è anche vero che "cambiare uno smartphone è molto più semplice che cambiare un pc". E questo vuol dire che... beh, io do una possibilità a Microsoft e al suo Windows Phone.
    FDG
    10933
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Mux
    >
    > > Semplice risposta anche in questo caso: cambiare
    > > uno smartphone è molto più semplice che cambiare
    > > un pc in quanto i programmi ma sopratutto le
    > > abitudini di utilizzo sono molto diverse e
    > > complesse.
    >
    > Beh, in questo caso si è partiti da un mercato
    > praticamente aperto, per cui comprare un
    > terminale con un sistema X è semplice. Quindi la
    > diffusione di un sistema è legata alla proposta.
    > Più terminali ci sono con un sistema X più questo
    > sarà più diffuso. Ma è anche vero che "cambiare
    > uno smartphone è molto più semplice che cambiare
    > un pc". E questo vuol dire che... beh, io do una
    > possibilità a Microsoft e al suo Windows
    > Phone.

    Vediamo se i produttori sceglieranno windows phone o android.
    E ovviamente i produttori sceglieranno in base alle vendite.
    Di conseguenza è tutto in mano al consumatore. Il consumatore può benissimo scegliere sia l'uno che l'altro visto che come scrivevo anche prima cambiare abitudini per uno smartphone è molto semplice.
    Infatti questo ragionamento applicato al contrario rispecchia la posizione di windows e cioè io utente sono abituato con windows, non lo cambio e quindi me ne frego di linux o altro...
    non+autenticato
  • Android sta aumentando le proprie vendite semplicemente in quanto sistema meno soggetto alle ristrettezze dell'AppStore di Apple. Tutto là. Non c'è niente di veramente innovativo (es. il Retina display, genialate varie ecc.). Sono semplicemente un ripareggio di quel che Apple butta fuori completamente nuovo, dai propri laboratori. Ecco perchè Apple continua a pompare.
    Se sta gente si svegliasse ed iniziasse sul serio ad ufficializzare qualche novità propria, utile ed innovativa, le cose cambierebbero sul serio. Così è solo una rincorsa.

    E mi spiace dirlo, in quanto apprezzo Android. Ok, anche iOS... sì va beh.. tutti e due insomma..
    non+autenticato
  • non sono molto d'accordo con le tue affermazioni. Io posseggo un nexus one aggiornato a Froyo e non mi posso di sicuro lamentare.
    Dei miei amici che hanno uno studio musicale (tutti apple dipendenti, dai computer ai telefoni). si sono stupiti che il mio telefono puo': andare nel sito mobile di beatport (fatto in flash, beatport e' l'itunes della musica elettronica) / salvare dati su sd attraverso il cavo usb / scambiare file via bluetooth con altri dispositivi (anche se credo non lo farebbero comunque) / l'hotspot wifi per quando sono in giro / si sono stupiti della ricerca vocale di serie / di google maps-navigator gratuiti / un tipo che era li' con un nokia voleva inviare un contatto dal cell utilizzando la funzione biglietto da visita ma non veniva letto /... mah...! ho visto il loro retina display, bello!
    insomma, quello che si e' stupito di piu' in realta' sono stato io che credevo che queste cose fossero di serie in un telefono che buona parte della popolazione ritiene il migliore (cosa che puo' essere vera eh, pero' sinceramente non capisco il perche' viste le limitazioni che ho scritto sopra). Ecco, una buonissima impressione invece me l'ha data il touchscreen dell'iphone, che ritengo superiore a quella del mio nexus. molto piu' reattivo e preciso (poi tra l'altro sul mio c'e' un problema dell'inversione degli assi :-/ )

    (se ho scritto castronerie correggetemi please, puo' essere che i tipi non sappiano che le cose sopra sono fattibili anche con l'iphone, ma in questo momento mi devo fidare di loro)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonymous
    > Android sta aumentando le proprie vendite
    > semplicemente in quanto sistema meno soggetto
    > alle ristrettezze dell'AppStore di Apple. Tutto
    > là.

    Guarda che le cose sono molto più semplici... e lo dico da possessore di un telefono Android.

    Android vende perchè ha, grossomodo, le stesse funzionalità dell'iPhone ma i telefoni, mediamente, costano meno.
    E' una questione di prezzi ... la gente comune non sa nulla di kernel, di limitazioni dell'Applestore e cose simili.
    non+autenticato
  • Aggiungi anche il fatto che avere diversi dispositivi Android è pure un grosso vantaggio per gli utenti.

    Ad es. conosco persone che non comprerebbero _MAI_ uno smartphone senza tastiera fisica. Altre cercano le dimensioni più compatte possibili mentre altre che cercano un display il più grande possibile.

    Ovviamente c'è anche la questione di un'ampia gamma di prezzi.

    Libertà di scelta che iPhone se la sogna...
    non+autenticato
  • - Scritto da: the_m
    > Aggiungi anche il fatto che avere diversi
    > dispositivi Android è pure un grosso vantaggio
    > per gli
    > utenti.
    >
    > Ad es. conosco persone che non comprerebbero
    > _MAI_ uno smartphone senza tastiera fisica. Altre
    > cercano le dimensioni più compatte possibili
    > mentre altre che cercano un display il più grande
    > possibile.
    >
    > Ovviamente c'è anche la questione di un'ampia
    > gamma di
    > prezzi.
    >
    > Libertà di scelta che iPhone se la sogna...

    Alla libertà di scelta si contrappone la disponibilità di software e la stabilità di non dover programmare per risoluzioni/schermi/versioni diverse (vedi il caso skype ultimamente) se ci fosse UNA sola versione di Android e differenti modelli non avrei nulla in contrario.
    Ma N versioni, N interfacce grafiche diverse non sono proprio una bella cosa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mr. X
    > - Scritto da: the_m
    > > Aggiungi anche il fatto che avere diversi
    > > dispositivi Android è pure un grosso vantaggio
    > > per gli utenti.

    > > Ad es. conosco persone che non comprerebbero
    > > _MAI_ uno smartphone senza tastiera fisica.
    > > Altre cercano le dimensioni più compatte
    > > possibili mentre altre che cercano un display
    > > il più grande possibile.

    > > Ovviamente c'è anche la questione di un'ampia
    > > gamma di prezzi.
    > > Libertà di scelta che iPhone se la sogna...

    > Alla libertà di scelta si contrappone la
    > disponibilità di software e la stabilità di non
    > dover programmare per risoluzioni / schermi /
    > versioni diverse (vedi il caso skype
    > ultimamente) se ci fosse UNA sola versione
    > di Android e differenti modelli non avrei nulla
    > in contrario.
    > Ma N versioni, N interfacce grafiche diverse non
    > sono proprio una bella cosa

    E' una sola versione di android e poi vorresti che tutti i device avessero lo stesso schermo ? Dallo smartphone da orologio alla web TV ?
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Mr. X
    > > - Scritto da: the_m
    > > > Aggiungi anche il fatto che avere diversi
    > > > dispositivi Android è pure un grosso vantaggio
    > > > per gli utenti.
    >
    > > > Ad es. conosco persone che non comprerebbero
    > > > _MAI_ uno smartphone senza tastiera fisica.
    > > > Altre cercano le dimensioni più compatte
    > > > possibili mentre altre che cercano un display
    > > > il più grande possibile.
    >
    > > > Ovviamente c'è anche la questione di un'ampia
    > > > gamma di prezzi.
    > > > Libertà di scelta che iPhone se la sogna...
    >
    > > Alla libertà di scelta si contrappone la
    > > disponibilità di software e la stabilità di non
    > > dover programmare per risoluzioni / schermi /
    > > versioni diverse (vedi il caso skype
    > > ultimamente) se ci fosse UNA sola versione
    > > di Android e differenti modelli non avrei nulla
    > > in contrario.
    > > Ma N versioni, N interfacce grafiche diverse non
    > > sono proprio una bella cosa
    >
    > E' una sola versione di android e poi vorresti
    > che tutti i device avessero lo stesso schermo ?
    > Dallo smartphone da orologio alla web TV
    > ?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere(

    Indipendenza dalla risoluzione, questa sconosciuta...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mr. X
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Mr. X
    > > > - Scritto da: the_m
    > > > > Aggiungi anche il fatto che avere
    > > > > diversi dispositivi Android è pure
    > > > > un grosso vantaggio per gli utenti.

    > > > > Ad es. conosco persone che non
    > > > > comprerebbero _MAI_ uno smartphone
    > > > > senza tastiera fisica.
    > > > > Altre cercano le dimensioni più
    > > > > compatte possibili mentre altre che
    > > > > cercano un display il più grande
    > > > > possibile.

    > > > > Ovviamente c'è anche la questione
    > > > > di un'ampia gamma di prezzi.
    > > > > Libertà di scelta che iPhone se la
    > > > > sogna...

    > > > Alla libertà di scelta si contrappone
    > > > la disponibilità di software e la
    > > > stabilità di non dover programmare per
    > > > risoluzioni / schermi / versioni
    > > > diverse (vedi il caso skype ultimamente)
    > > > se ci fosse UNA sola versione di Android
    > > > e differenti modelli non avrei nulla

    > > > in contrario.
    > > > Ma N versioni, N interfacce grafiche
    > > > diverse non sono proprio una bella cosa

    > > E' una sola versione di android e poi
    > > vorresti che tutti i device avessero lo
    > > stesso schermo ?
    > > Dallo smartphone da orologio alla web TV ?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere(

    > Indipendenza dalla risoluzione, questa
    > sconosciuta...

    E no, su mac non cel'hanno quindi sono convinti che fuori dall'I-Giardinetto non esista o se esiste funziona male; gliel'avra detto Steve.
    krane
    22544
  • - Scritto da: Mr. X
    > dover programmare per
    > risoluzioni/schermi/versioni diverse

    Non mi risulta che il primo iPhone montasse un retina display...
    Detto questo questa tua affermazione lascia il tempo che trova, visto che anche chi programma per iPhone (iPad compreso), se vuole che la sua app funzioni correttamente su tutti i device della mela, deve comunque tenere in considerazione risoluzioni diverse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Spettacolo
    > - Scritto da: Mr. X
    > > dover programmare per
    > > risoluzioni/schermi/versioni diverse
    >
    > Non mi risulta che il primo iPhone montasse un
    > retina
    > display...
    > Detto questo questa tua affermazione lascia il
    > tempo che trova, visto che anche chi programma
    > per iPhone (iPad compreso), se vuole che la sua
    > app funzioni correttamente su tutti i device
    > della mela, deve comunque tenere in
    > considerazione risoluzioni
    > diverse.

    Se vuoi un aspetto piu gradevole certamente, ma questo non vuol dire che un'applicazione scritta per i vecchi iphone non giri su ipad(scalata) o iphone4 e viceversa.
    Tant'è che sull'app store esistono tranquillamente programmi (tipo evernote, il primo che mi viene in mente) che con un unica versione girano senza problemi su tutti i 3 i dispositivi.
    Se ci riesce apple non vedo perchè non debba riuscirci anche google.
    non+autenticato
  • Guarda che anche su Android, già dalla prima versione, le app possono tranquillamente essere compatibili o adattarsi alle varie risoluzioni degli schermi
    non+autenticato
  • il signor Google "rubando" le tecnologie (in costante aggiornamento) del kernel linux ha in mano un pozzo di petrolio inesauribile..

    vedi android, la google tv, chrome os e quelli che verranno..

    che gli costa in termini economici? un pò di gente che prende i sorgenti e li raffina..

    iOS deriva da osx (e in primis da bsd) e wp7 dal kernel win..

    Pol
  • non si può non dire, però, che google ha donato codice a molti progetti open e ne finanzia altrettanti

    haiku ad esempio è praticamente finanziato da google
    non+autenticato
  • sbaglio o Windows (almeno a partire da NT) anch'esso ha origini prettamente "Unixiane"?
  • eheh dai il tentativo pro-flame almeno l'ha fatto! se non ci fossero utenti cosi' ci dovrebbe pensare la redazione (... o lo fa gia'!?Occhiolino )
    non+autenticato
  • Windows NT non deriva da unix.

    La microsoft ha sviluppato il DOS, e i sistemi 9x (windows 1,2,3,95,98,me). I sistemi appena citati sono derivati esclusivamente dal DOS, mentre per quanto riguarda Windows NT, microsoft aveva bisogno di una struttura organizzativa a 32 bit per la gestione dei SERVER. E da qui è nato Windows NT, che molti chiamano anche WINDOWS NETWORK TECNOLOGIEs. Nello sviluppare il kernel NT Microsoft ha usato solamente la struttura logica di alcune particolarità di UNIX. Ma non ha ne copiato, ne preso preso parti di codice.

    L'unico sistema UNIX di microsoft è stato lo XENIX degli anni 80.... poi venduto a SCO.
    non+autenticato
  • VMS -> V+1 M+1 S+1 -> WNT

    a VMS è ispirato NT non a unix. il sistema di ACL vi sembra quello di unix?
    non+autenticato
  • In realtà nelle prime versioni di windows NT (new tecnology) il kernel era basato su quello di OS/2 e l'interfaccia era quella scarna di windows 3.1. Quando nel 1991-1992 la IBM divorziò dalla Microsoft iniziò anche la divergenza del kernel e della piattaforma. Infatti la prima versione di win nt (se non ricordo male era la 3.5) aveva già un kernel derivato da OS/2. Mentre l'interfaccia di quest'ultimo uscita nel '92 con OS/2 2.0 (già quasi completamente IBM) aveva forse la migliore GUI a oggetti degli ultimi 20 anni.
    Sempre se non ricordo male.

    Ciao.
    non+autenticato
  • Fin dalle origini Windows NT si ispira alla filosofia dei sistemi Unix e si differenzia nettamente dai sistemi basati su MS-DOS: l'impostazione è multiutente, multiprocesso (o multitask), multiprocessore.

    Windows NT parte dalla versione 3.1

    La GUI è ancora fortemente limitata dalle questioni legali con Apple sulla proprietà, in quanto Microsoft copiò il codice Apple per produrre la GUI dei propri sistemi.

    Windows NT era originalmente basato su OS/2, un progetto congiunto tra Microsoft e la proprietaria IBM. La collaborazione cessò e IBM continuò a commercializzare la versione precedente di OS/2 mentre Microsoft rinominò la propria versione in Microsoft Windows NT, inserendo come API ad alto livello le Windows API di Windows 3.x adattate ai 32 bit.

    OS/2 non ha niente a che fare con UNIX, piuttosto è un assemblato di idee composte da vari sistemi operativi server uniti alla logica di quello che è ora WINDOWS NT.

    In Microsoft Windows specialmente per le tecnologie che riguardano il network è possibile trovare molti componenti riadattati del sistema BSD [ una variante di UNIX (quella su cui si basa Mac OS X) ] ciò è stato possibile grazie alla LICENZA BSD che permette liberamente l'uso del codice, consentendo modifiche e copia, purchè si citi l'autore iniziale. (in modo molto spartano)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Amedeo
    > Fin dalle origini Windows NT si ispira alla
    > filosofia dei sistemi Unix e si differenzia
    > nettamente dai sistemi basati su MS-DOS:
    > l'impostazione è multiutente, multiprocesso (o
    > multitask),
    > multiprocessore.
    >
    > Windows NT parte dalla versione 3.1
    >
    > La GUI è ancora fortemente limitata dalle
    > questioni legali con Apple sulla proprietà, in
    > quanto Microsoft copiò il codice Apple per
    > produrre la GUI dei propri
    > sistemi.
    >
    > Windows NT era originalmente basato su OS/2, un
    > progetto congiunto tra Microsoft e la
    > proprietaria IBM. La collaborazione cessò e IBM
    > continuò a commercializzare la versione
    > precedente di OS/2 mentre Microsoft rinominò la
    > propria versione in Microsoft Windows NT,
    > inserendo come API ad alto livello le Windows API
    > di Windows 3.x adattate ai 32
    > bit.
    >
    > OS/2 non ha niente a che fare con UNIX, piuttosto
    > è un assemblato di idee composte da vari sistemi
    > operativi server uniti alla logica di quello che
    > è ora WINDOWS
    > NT.
    >
    > In Microsoft Windows specialmente per le
    > tecnologie che riguardano il network è possibile
    > trovare molti componenti riadattati del sistema
    > BSD [ una variante di UNIX (quella su cui si basa
    > Mac OS X) ] ciò è stato possibile grazie alla
    > LICENZA BSD che permette liberamente l'uso del
    > codice, consentendo modifiche e copia, purchè si
    > citi l'autore iniziale. (in modo molto
    > spartano)

    se non ricordo male con l'avvento del 2k vennero riscritte le parti del kernel prese direttamente da bsd per riadattarle.. le modifiche stavano su una parte trovata sul sorgente del 2k che girava qualche tempo fa sul p2p
  • Infatti è esatto ciò che dici.
    Ma il problema principale in windows è che è antiquato, è obsoleto, instabile. Potrà prendere tutte parti del codice che vuole da altri sistemi ecc ecc.... ma finchè continuato a esserci parti invariate del sistema o solamente modificate, nelle quali non si apportano correzioni non ci saranno cambiamenti.

    Se vogliono un Windows funzionale devono capire una cosa.
    È necessaria una riscrittura totale del sistema, sulla base di ciò che ha fatto Apple negli anni 90 con il progetto Raphsody, divenuto ora Mac OS X.

    È inutile integrare nel sistema parti di BSD, se poi il sistema non ha le capacità effettive di utilizzarle al 100%.
    Mentre per quanto riguarda Mac OS X il sistema ha la sua base su BSD.
    non+autenticato
  • Mi sembrava che su WinXP ci fosse parte di BSD (un 30%, tra cui lo stack di rete).
    >
    > L'unico sistema UNIX di microsoft è stato lo
    > XENIX degli anni 80.... poi venduto a
    > SCO.

    Ah beh.. ora si capisce il perchè dell'accanimento di SCO. Bah...
    non+autenticato
  • Sarà... sarà... sarà... una barzelletta ahahah!

    Si parla più del futuro di Android che del presente, forse perché ieri le parole di Steve Jobs erano più che veritiere, e lo dico da utilizzatore di un "Htc Magic with Google"! Ovviamente deluso dalla gestione post vendita del trio Htc-Google-Vodafone.
    non+autenticato
  • Su htc e google non sono d`accordo... mi associo contro l`operatore (nel mio caso tim).
    Ps sono un felicissmo possessore del dream aggiornato alla 1.6 rilasciata ufficialmente da htc
    non+autenticato
  • - Scritto da: roberto
    > Su htc e google non sono d`accordo... mi associo
    > contro l`operatore (nel mio caso
    > tim).
    > Ps sono un felicissmo possessore del dream
    > aggiornato alla 1.6 rilasciata ufficialmente da
    > htc

    Cioe' , fammi capire. Sei un felicissimo possessore di una versione 1.6 ?? Deluso

    Nell'articolo si parla della versione 4.0 e tu sei felicissimo !?

    .... poi sono i macachi che buttano i soldi ....


    .... o forse eri ironico ? A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: nodo
    > Cioe' , fammi capire. Sei un felicissimo
    > possessore di una versione 1.6 ??
    >Deluso
    >
    > Nell'articolo si parla della versione 4.0 e tu
    > sei felicissimo!?
    La versione 4 è nel mondo dei sogni degli sviluppatori, ammesso che la numerazione abbia senso. Attualmente la versione più aggiornata è la 2.2 e la 3.0 (ma qualcuno dice sarà denominata 2.5) è in avanzata fase di sviluppo.
    Le numerazioni non sono complete, quindi ci sono salti tipo 1.6 -> 2.1 -> 2.2
    Molte aziende sono soddisfatte di Windows XP (per le loro esigenze, non per sfoggiare l'ultima versione) anche se nel frattempo sono stati venduti Win Vista e Win 7. Chiaro che come consumatori vorremmo illuderci che il nostro dispositivo sia aggiornabile all'infinito, ma nella vita reale non succede mai. Anche la buona Apple (non ironizzo) ha dovuto rinunciare a portare l'ultimo iOS sulle prime serie di iPhone, e pure sulla penultima serie non tutte le funzioni e le performance sono allo stesso livello di iPhone 4.0 - ma non per questo chi ha un 3gs sputa sul suo telefono, spero!Sorride
    non+autenticato
  • Ma pretendo, almeno, che il mio dispositivo da 500 euro sia aggiornabile e che non vada in obsolescenza in meno di un anno.
    Non fare paragoni con gli OS desktop: io sul mio pc di due anni fa che aveva xp, seven ce l'ho potuto installare eccome, mentre molti telefoni di sei mesi fa non potranno nemmeno beneficiare di android 2.2.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ziovax
    > Ma pretendo, almeno, che il mio dispositivo da
    > 500 euro sia aggiornabile e che non vada in
    > obsolescenza in meno di un
    > anno.
    > Non fare paragoni con gli OS desktop: io sul mio
    > pc di due anni fa che aveva xp, seven ce l'ho
    > potuto installare eccome, mentre molti telefoni
    > di sei mesi fa non potranno nemmeno beneficiare
    > di android
    > 2.2.
    L'80% dei terminali attivi è 2.1 e 2.2 e le differenze tra i due sono veramente poche dal punto di vista "utonto" senza contare in utto questo le rom non "ufficiali"...

    Dal punto di vista strettamente "app-dalvik" poi le differenze non sono neppure visibili.

    Conosco un sacco di possesori iphone che non solo non hanno mai lontanamente pensato di aggiornare OS (si sono limitati a cambiare telefono) ma neppure hanno mai spedito una mail!
    Un telefono non è esattamente un PC o un dispositivo multifunzione... o almeno non lo è per il 90% della utenza!
    Il 10% (anche meno) sa come ottenere quello che vuole a prescindere dal rooting alle rom "cucinate" e quanto altro...
    non+autenticato
  • Pretendo che se compro un cellulare Android NUOVO questo abbia l'ultima versione.

    Pretendo troppo ?
    non+autenticato
  • quoto in pieno
  • E allora comprati un iPhone, cosí lo zio steve non ti deluderà e ti accoglierà nel suo gregge di pecore.
    non+autenticato
  • scusa, da quando mai uno se compra una Ferrari è una pecora? C'è il libero arbitrio, ci sono le scelte errate (nel mio caso la scelta del Magic fermo ad android 1.6), e c'è la concorrenza. Non vedo pecore, ma forse alludevi a te stesso... Contro Apple per partito preso!
    non+autenticato
  • Ferrari bloccata a 200kmh vorrai dire.