Cristina Sciannamblo

I Rotoli del Mar Morto in un click

Avviata la partnership tra Israele e Google per la digitalizzazione dei manoscritti risalenti al primo secolo dopo Cristo. Il progetto sfrutta una tecnologia sviluppata alla NASA

Roma - Una notizia interessante per archeologi, filologi e appassionati di sacre scritture di tutto il mondo: Google, in collaborazione con le autorità archeologiche israeliane, digitalizzerà i Rotoli del Mar Morto e metterà a disposizione il risultato su Internet.

Prosegue, dunque, l'impegno di Mountain View, in partnership con le biblioteche di tutto il mondo, rivolto alla acquisizione in digitale di libri e documenti preziosi allo scopo di renderli accessibili a tutti attraverso la Rete (e, ovviamente, preservarne una copia). Per quanto riguarda i famosi manoscritti risalenti al primo secolo dopo Cristo, BigG ha investito alcuni milioni di dollari su una tecnologia di elaborazione delle immagini sviluppata alla NASA.

Il progetto congiunto con Israele rappresenta il più recente passo nella direzione dell'accesso a documenti vecchi di 2mila anni, in passato disponibili solo per una ristretta cerchia di studiosi e, solo negli ultimi decenni, diffusi attraverso riproduzioni ad hoc. Gli organizzatori affermano che le prime immagini del nuovo lavoro saranno visibili online già tra qualche mese.
Pnina Shor, capo del progetto per le autorità archeologiche israeliane, sostiene che la collaborazione con Google unisce "una delle scoperte più importanti del secolo precedente e una delle tecnologie più avanzate del prossimo secolo". E poi: "Stiamo mettendo insieme passato e futuro con lo scopo di condividere il risultato".

I Rotoli del Mar Morto sono stati ritrovati nel 1940 nella località di Qumran, Cisgiordania: sono scritti in giudaico, aramaico e greco e contengono parte della Bibbia ebraica. Oltre alla traduzione, Mountain View si occuperà della digitalizzazione dei novecento manoscritti costituiti da circa 30mila frammenti. L'intera collezione dei Rotoli venne fotografata negli anni '50, ma l'accesso alle foto e ai documenti è stato limitato per molto tempo agli studenti e, a oggi, solo quattro restauratori sono autorizzati a maneggiare il materiale.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • BusinessGoogle, edizione illimitataEstate, tempo di ebook per Mountain View: a giugno o luglio l'esordio di Google Editions. Che promette subito mezzo milioni di libri, consultabili da qualsiasi piattaforma dotata di connessione
  • AttualitàGoogle e il Rinascimento digitaleStretta di mano tra il MiBAC e la Grande G: saranno circa un milione i volumi portati in formato digitale. Provenienti dalle biblioteche di Firenze e Roma, che avranno così la possibilità di sbarcare anche su Europeana
  • AttualitàUna biblioteca globale, onlineL'archivio digitale dell'UNESCO promette accesso ad alcune delle più rare opere dell'ingegno di tutti i tempi. Gratuitamente, basta la connessione
24 Commenti alla Notizia I Rotoli del Mar Morto in un click
Ordina
  • Trovo che sia una gran bella iniziativa.
    Brava Google! ^_^
    by twitter.com/impwinstech
    non+autenticato
  • Bah, roba vecchia. Ormai viene considerato obsoleto anche un testo di pochi anni fa, inevitabilmente superato da nuove ricerche, tecnologie, scoperte e sviluppi scientifici. E questa gente perde tempo con libri di duemila e più anni fa. Che spreco di neuroni (ma quali???)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > Bah, roba vecchia. Ormai viene considerato
    > obsoleto anche un testo di pochi anni fa,
    > inevitabilmente superato da nuove ricerche,
    > tecnologie, scoperte e sviluppi scientifici. E
    > questa gente perde tempo con libri di duemila e
    > più anni fa. Che spreco di neuroni (ma
    > quali???)


    Beata ignoranza.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: v67
    > - Scritto da: Fetente
    > > Bah, roba vecchia. Ormai viene considerato
    > > obsoleto anche un testo di pochi anni fa,
    > > inevitabilmente superato da nuove ricerche,
    > > tecnologie, scoperte e sviluppi scientifici. E
    > > questa gente perde tempo con libri di duemila e
    > > più anni fa. Che spreco di neuroni (ma
    > > quali???)

    > Beata ignoranza.....

    Dai, la fantascienza moderna e' oggettivamente piu' adatta ai palati attuali, allenati a razzi spaziali e computer. Vogliamo storie di esplorazione spaziale e intelligenze artificiali; non siamo piu' barbari barbuti che volevano sertirsi raccontare di un grande vecchio barbuto lassu che gli tiene la mano sulla testa.
    krane
    22544
  • Infatti, una volta al pubblico piacevano le storie di serpenti parlanti, tavole di pietra incise da fulmini divini, e personaggi che camminano sull'acqua. Ora invece la fantascienza supertecnologica ha più mercato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > Bah, roba vecchia. Ormai viene considerato
    > obsoleto anche un testo di pochi anni fa,
    > inevitabilmente superato da nuove ricerche,
    > tecnologie, scoperte e sviluppi scientifici. E
    > questa gente perde tempo con libri di duemila e
    > più anni fa. Che spreco di neuroni (ma
    > quali???)

    ok buttiamo nel cesso la divina commedia, i promessi sposi, la saga di gilgamesh, l'eneide, l'odissea, etc etc.
    non+autenticato
  • no, non buttiamo al cesso nulla del passato, ma non commettiamo l'errore di dargli piu' importanza di quello che ha

    conserviamo il nostro passato, studiamolo e documentiamoci ma il futuro e' sempre di gran lunga piu' interessante Occhiolino

    il passato non deve mettere un coperchio alla nostra testa, il nostro pensiero deve andare sempre e comunque "oltre"

    ottimo il progetto di google, ottimo per capire come ragionavano in modo limitato in quel tempo e di come "eravamo"

    nel 2010 e' meglio lasciare da parte l'idea dell'uomo barbuto che trasforma in statue di sale chi disobbedisce
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > - Scritto da: Fetente
    > > Bah, roba vecchia. Ormai viene considerato
    > > obsoleto anche un testo di pochi anni fa,
    > > inevitabilmente superato da nuove ricerche,
    > > tecnologie, scoperte e sviluppi scientifici. E
    > > questa gente perde tempo con libri di duemila e
    > > più anni fa. Che spreco di neuroni (ma
    > > quali???)

    > ok buttiamo nel cesso la divina commedia, i
    > promessi sposi, la saga di gilgamesh, l'eneide,
    > l'odissea, etc etc.

    E perche' ? Teniamoli negli scaffali e continuiamo a leggerli per aumentare la nostra cultura e per intrattenerci, ma la scienza e la realta' ricordiamoci che sono un'altra cosa.
    krane
    22544
  • Scommettiamo che adesso saltera' fuori qualcuno a rivendicare diritti anche su questi rotoli?
  • bè è una questione teologica: bisogna decidere se l'autore è morto:P
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etan Lock
    > bè è una questione teologica: bisogna decidere se
    > l'autore è morto:P

    e risorto dopo tre giorni.... ZAPPP! post cassato!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etan Lock
    > bè è una questione teologica: bisogna decidere se
    > l'autore è
    > morto:P

    Ovvio che non e' morto, al limite e' morto chi scriveva, ma certamente non chi dettavaA bocca aperta
    harvey
    1481
  • - Scritto da: harvey
    > - Scritto da: Etan Lock
    > > bè è una questione teologica: bisogna decidere
    > se
    > > l'autore è
    > > morto:P
    >
    > Ovvio che non e' morto, al limite e' morto chi
    > scriveva, ma certamente non chi dettava
    >A bocca aperta

    Propongo un emendamento alla normativa del copyright.
    Non piu' 70 anni dalla morte ma 140 anni dalla nascita.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Propongo un emendamento alla normativa del
    > copyright.
    > Non piu' 70 anni dalla morte ma 140 anni dalla
    > nascita.

    Sostengono che non sia mai nato, c'e' sa sempre ....

    Cavolo, ma perche' fanno sempre le leggi fatte male!
    harvey
    1481
  • - Scritto da: harvey
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Propongo un emendamento alla normativa del
    > > copyright.
    > > Non piu' 70 anni dalla morte ma 140 anni dalla
    > > nascita.
    >
    > Sostengono che non sia mai nato, c'e' sa sempre
    > ....
    >
    > Cavolo, ma perche' fanno sempre le leggi fatte
    > male!

    Adesso comincio a capire chi e' che mette in giro le voci che Elvis e Jim Morrison non sono mai morti...
  • - Scritto da: harvey
    > - Scritto da: Etan Lock
    > > bè è una questione teologica: bisogna decidere
    > se
    > > l'autore è
    > > morto:P
    >
    > Ovvio che non e' morto, al limite e' morto chi
    > scriveva, ma certamente non chi dettava
    >A bocca aperta

    Nietzsche non sarebbe d'accordo.
    guast
    1319
  • - Scritto da: panda rossa
    > Scommettiamo che adesso saltera' fuori qualcuno a
    > rivendicare diritti anche su questi
    > rotoli?

    A parte Scientology, i testi religiosi sono Public Domain. Il Cristianesimo poi é Open Source, e chiunque può farsi il suo fork. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Number 6
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Scommettiamo che adesso saltera' fuori qualcuno
    > a
    > > rivendicare diritti anche su questi
    > > rotoli?
    >
    > A parte Scientology, i testi religiosi sono
    > Public Domain. Il Cristianesimo poi é Open
    > Source, e chiunque può farsi il suo fork.
    >Sorride


    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • Parla con Lutero....
    non+autenticato