Raffaella Gargiulo

I nastri dei Walkman vanno in pensione

Dopo 30 anni Sony annuncia la cessazione della produzione e distribuzione dei celebri lettori musicali di cassette. L'iPod rimane sul podio. Addio tecnologia anni '80

ROMA - Dopo trent'anni di onorata carriera nel mercato i Walkman a cassetta vanno in pensione. Mancava ancora l'ufficialità della notizia ma ora c'è e, dopo aver ritirato il disco floppy a marzo di quest'anno, Sony ha deciso di cessare l'intera produzione e distribuzione di quelli che oggi potremmo definire gli iPod degli anni '80.

L'annuncio, che ironicamente è stato consegnato appena un giorno prima del nono anniversario dell'iPod, significa la fine di un'epoca commerciale ma anche la fine di un pezzo di storia della musica.

Il successo dei Walkman, prima in Giappone e poi nel resto del mondo, è arrivato per caso nel giugno del 1979 ma è stato immediato grazie ad una miracolosa e persuasiva campagna pubblicitaria che mirava sulla novità assoluta della musica in tasca.
Nei successivi decenni il marchio Walkman è diventato il sinonimo stesso della musica portatile e, nei suoi trent'anni di commercio, Sony ha venduto circa 220 milioni di unità in una miriade di modelli e supporti diversi.
La fine della scalata nelle vendite per i lettori di musicassette è attribuita principalemente alla popolarità esplosiva di lettori CD portatili che sono stati sostituiti dai lettori MP3, i quali a loro volta sono stati colti di sorpresa da l'ennesima rivoluzionaria intuizione tecnologica: iPod della Apple.
Lo stop alle produzioni dipenderebbe dunque, cosi come molti potrebbero ipotizzare, dalle vendite poco brillanti di una tecnolgia ormai obsoleta.

Secondo IT Media l'ultimo lotto è stato spedito ai rivenditori al dettaglio giapponesi nel mese di aprile. Una volta che queste unità saranno vendute, i Walkman a cassetta non saranno più disponibili tramite Sony.
L'azienda però utilizzerà ancora il nome Walkman per altri dispositivi in produzione. Nel mese di agosto, infatti, Sony ha lanciato il Walkman NWZ-E350 ovvero dei lettori MP3 video e sfrutterà il marchio nella telefonia mobile.

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
63 Commenti alla Notizia I nastri dei Walkman vanno in pensione
Ordina
  • Parlano tutti di quella ciofeca di iPod...nessuno dice che la qualita' dei nastri era stupefacente.. dinamica, bassi... e tutto questo con un walkmam taiwanese da due soldi.. mica tutti avevano la possibilita' di comprarsi un sony.

    Che tempi... tutto durava di piu', si godeva di piu'. Ora tutti ipodizzati, digitali, freddi come tavoli operatori. Ma andate a cagare Appleisti !!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giovanni
    > Parlano tutti di quella ciofeca di iPod...nessuno
    > dice che la qualita' dei nastri era
    > stupefacente.. dinamica, bassi... e tutto questo
    > con un walkmam taiwanese da due soldi.. mica
    > tutti avevano la possibilita' di comprarsi un
    > sony.
    >
    > Che tempi... tutto durava di piu', si godeva di
    > piu'. Ora tutti ipodizzati, digitali, freddi come
    > tavoli operatori. Ma andate a cagare Appleisti
    > !!

    Sei pazzo!!!
    A parte che la cassette facevano in generale cagare... io compravo solo cassette al cromo e avevo una piastra Yamaha da 700mila lire per cercare di avere qualità vicino ai CD (invano).

    E poi ancora ancora i walkman Sony dei primi tempi erano ok (la prima volta che ne ho sentito rimasi stupefatto), ma poi quando è arrivata la marmaglia cinese da 2 soldi e i prezzi sono scesi, anche la qualità è molto scesa di conseguenza (anche di Sony stessa).

    Invece gli iPod... il primo che ho sentito, uno shuffle regalato a mia moglie. Microscopico, ma... WOW! Che suono! Pieno, potente, coinvolgente! ... Stupefacente!! Mai sentito niente di simile in cuffietta.

    Poi certo, ci si abitua a tutto...
    non+autenticato
  • le nostre prime demo le ho registrate su audiocassette con un registratore che aveva un panoramico che se non aveva suono sufficiente per scalfire la sensibilità iniziale frusciava come un matto. poi le ho passate in mp3 128kbit con il mio stereo made in korea (credo) della cat. apparte alcune con dinamica inesistente, altre con i piatti troppo alti, alcune erano veramente belle e piacevoli da ascoltare... elio stesso iniziò con una segreteria telefonica... soddisfazioni molto più grandi di un limpido audio digitaleOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy

    > Invece gli iPod... il primo che ho sentito, uno
    > shuffle regalato a mia moglie. Microscopico,
    > ma... WOW! Che suono! Pieno, potente,
    > coinvolgente! ... Stupefacente!! Mai sentito
    > niente di simile in
    > cuffietta.

    Loudness War.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Loudness_war

    I cosi di Apple sono tra i peggiori (considero solo le "grandi marche") sotto questo punto di vista. Non contenti della compressione della fonte, ce ne aggiungono anche loro. Giusto per non rimanere senza.
  • +1




    (il corpo del messaggio è troppo corto blabla)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giovanni
    > Parlano tutti di quella ciofeca di iPod...nessuno
    > dice che la qualita' dei nastri era
    > stupefacente..

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Rotola dal ridere Qualità dei nastri delle musicassette "stupefacente"... questa va dritta nello stupidiario di PI... Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • ... per risparmiare le batterie del walkman riavvolgevamo i nastri inserendo i tappi delle bic o le punte delle penne nelle bobine...
    Beata gioventù Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Orwell

    > Beata gioventù Sorride

    Ma cosi' mantenevamo i polsi allenati......Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hangelenk
    > - Scritto da: Orwell
    >
    > > Beata gioventù Sorride
    >
    > Ma cosi' mantenevamo i polsi allenati......Sorride
    non ti bastava playboy?Occhiolino
    non+autenticato
  • Ma questo era il metodo diurno, che potevi esercitare anche a scuola, a prova di brufoli e di oculista....Sorride
    non+autenticato
  • > ... per risparmiare le batterie del walkman
    > riavvolgevamo i nastri inserendo i tappi delle
    > bic o le punte delle penne nelle
    > bobine...
    Oppure perchè il dannato nastro si incollava!!!
    non+autenticato
  • e le pile in frigo?...Sorride
    non+autenticato
  • ... il solito audiofiGo che inizierà a sparare razzate sulla superiorità dell' analogicoA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > ... il solito audiofiGo che inizierà a sparare
    > razzate sulla superiorità dell' analogico
    >A bocca aperta

    Non mi sembra di essere un audiofiGo, se ti dico che quando ti compri un disco in vinile, ti compri un oggetto (comprensivo di copertina, note interne, sottocopertina ecc) mentre una collezione di mp3 è solo una cartella sull'hd ed un cd è poco di più.
    Ed in ogni modo parlo di vinile. Le cassette al massimo mi hanno insegnato a bestemmiare...
  • > Non mi sembra di essere un audiofiGo, se ti dico
    > che quando ti compri un disco in vinile, ti
    > compri un oggetto (comprensivo di copertina, note
    > interne, sottocopertina ecc) mentre una
    > collezione di mp3 è solo una cartella sull'hd ed
    > un cd è poco di
    > più.

    di solito per comprare musica scelgo il mezzo che mi da la qualità migliore, non sono interessato alla confezioneOcchiolino

    > Le cassette al massimo mi hanno insegnato a
    > bestemmiare...
    QUOTO!
    non+autenticato
  • per farti la sega mentale la qualità migliore è appunto incontestabilmente nell'analogicoOcchiolino (ehm tralascio il deterioramento velocissimo dei materiali, la perdita delle frequenze alte quasi immediatamante............ vabé però è un calore nel suono molto superioreSorride )
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > per farti la sega mentale la qualità migliore è
    > appunto incontestabilmente nell'analogicoOcchiolino (ehm
    > tralascio il deterioramento velocissimo dei
    > materiali, la perdita delle frequenze alte quasi
    > immediatamante............ vabé però è un calore
    > nel suono molto superioreSorride
    statistiche?Occhiolino
    non+autenticato
  • esperienza personaleOcchiolino
    non+autenticato
  • rimane il fatto che accumuli plastica.
    tutto quello che vuoi, qualcuno prova emozioni e soddisfazione per le senzazioni tattili e olfattive, è vero che in cambio di soldi hai qualcosa in mano, ma comunque è spazio occupato inutilmente.
    i cd o i vinili comunque li rippiamo o li "compriamo" già in digitale, per averli sul computer, per sentirli in macchina o in giro e a casa rimane la plastica negli armadi.
    ormai, IMHO, è uno spreco.
  • - Scritto da: lellykelly
    > rimane il fatto che accumuli plastica.
    > tutto quello che vuoi, qualcuno prova emozioni e
    > soddisfazione per le senzazioni tattili e
    > olfattive, è vero che in cambio di soldi hai
    > qualcosa in mano, ma comunque è spazio occupato
    > inutilmente.
    > i cd o i vinili comunque li rippiamo o li
    > "compriamo" già in digitale, per averli sul
    > computer, per sentirli in macchina o in giro e a
    > casa rimane la plastica negli
    > armadi.
    > ormai, IMHO, è uno spreco.

    E' vero.
    A parte che accumuli più plastica quando fai la spesa, ti ricordo che ci sono dischi che sono passati anche per le loro copertine (giusto per dire: Sgt Peppers, Nevermind, Wish you were here) o per il packaging.
    Poi, la copia digitale per la macchina o per l'ipod va da sé (oggi, quando compri un vinile, è inclusa nel prezzo).
    Boh... sarà che tornare a casa con la busta con il vinile mi ricorda di quando avevo 16 anni..... (e qui inizia un pianto a dirotto....)
  • - Scritto da: pippO
    > ... il solito audiofiGo che inizierà a sparare
    > razzate sulla superiorità dell' analogico
    >A bocca aperta

    l'analogico *è* migliore, ma mi sembra piuttosto ovvio che lo sia.
    Digitalizzando vanno perse parti dell'onda originale (quante parti ? dipende da quanto fine e preciso è il calcolo che si effettua...)

    Il fatto che vinili e cassette fruscino ... beh quello è dovuto alla riproduzione per "sfregamento", occorre che l'impianto sia all'altezza.
    non+autenticato
  • Hanno entrambi pro e contro: per il digitale sono più i pro che i contro.
    non+autenticato
  • ..comunque il primo lettore Mp3 della storia non è stato l'Apple iPod ma bensì l' MPMan F10 prodotto dalla azienda coreana Saehan Information Systems. Era esattamente il 1998.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Diego Baroni
    > ..comunque il primo lettore Mp3 della storia non
    > è stato l'Apple iPod ma bensì l' MPMan F10
    > prodotto dalla azienda coreana Saehan Information
    > Systems. Era esattamente il
    > 1998.

    Ce l'ho ancora l'mpman.

    Ben 64Mb di memoria.
    Pagato qualcosa come 300US$ ad un duty free, confermo il 98.
    non+autenticato
  • Non credo nessuno sostenga che la Apple sia stata la prima.
    Però, come l'iPhone non è stato il primo smartphone ma ha rivoluzionato il mercato, l'iPod è stato il primo lettore MP3 usabile che ha lanciato il mercato.

    Gli altri MP3 dell'epoca avevano tipicamente tipo 16/32 Mbytes (MEGA Bytes) ed entravano una decina di canzoni in qualità pessima (MP3 @128kbps era quello che si usava). L'iPod con 5GB di storage era davvero un altro pianeta. Il concetto di avere "tutta la propria libreria musicale" con se era decisamente nuovo.

    Sì, c'erano 1 o 2 lettori con HD, ma hd da 2,5", MOOOOOLTO più ingombranti e con interfaccia arcaica. Inoltre il collegamento USB 1.1 era estremamente lento e poco pratico per riempirli.

    Il primo iPod aveva collegamento Firewire e la famosa ClickWheel. Certo costava e all'inizio era solo per Mac, ma poi quei problemi sono stati risolti. Inoltre poco dopo hanno lanciato iTunes e non c'è stata più storia per nessuno.
    non+autenticato
  • La clickwheel è arrivata ben dopo l'introduzione di iPod, se non ricordo male dalla 3a generazione in avanti.

    Nell'articolo NON c'è scritto che iPod sia stato il primo mp3 player.Occhiolino
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > La clickwheel è arrivata ben dopo l'introduzione
    > di iPod, se non ricordo male dalla 3a generazione
    > in avanti.

    Ma che dici? C'è sempre stata. Prima era meccanica, poi è diventata "touch"
    non+autenticato
  • Questione di onomastica probabilmente. Per me la clickwheel è quella touch.
  • sbagliate entrambi.

    La click wheel è quella che per l'appunto è "cliccabile" ossia che incorporava i tasti menu, avanti e indietro e play/pause andando a eliminare i 4 tasti che campeggevano sopra la prima ruota
    MeX
    16902
  • ovvero quello che ho detto io...?
  • io molto tempo prima dell'arrivo di iPod leggevo gli mp3 da un telefonino siemens con mediacard.
    iPod è piaciuto di più ma non è stata una rivoluzionaria intuizione tecnologica, è stato/è un buon marketing.
    non+autenticato
  • allora in USA lo Zune non ha sfondato per colpa del marketing?
    MeX
    16902
  • A dire il vero forniva uno spazio che quasi tutti i lettori dell'epoca non avevano.
    Sgabbio
    26177