Claudio Tamburrino

OpenOffice e la fuga tedesca

Defezione di massa dalla community tedesca dedicata alla suite open source: effetto Oracle? Il futuro di OpenOffice.org è tutto ancora da scrivere

Roma - Lo sviluppo di OpenOffice potrebbe subire le conseguenze delle relazioni tese tra Oracle e la comunità open source: più di 30 figure di spicco della sua sezione in Germania hanno annunciato di non collaborarvi più. Lasciando di conseguenza il progetto (nelle versione tedesca) privo di leadership.

In Germania, laddove ci sono le massime polemiche in corso tra Oracle e la community, dunque, la defezione di massa sembra essere il primo segno che la strategia aggressiva adottata da Oracle dopo l'acquisizione dei possedimenti di Sun Microsystem ha pesanti conseguenze su una delle risorse più preziose dei programmi sviluppati da una community: il tempo dedicato da programmatori volontari.

Ufficialmente la decisione è stata presa per permettere al software e alla community di "raggiungere il suo pieno potenziale", evitando incomprensioni e discussioni che in passato si sono venute a creare, pur nella collaborazione, con Sun e Oracle: e che si spera con un organo indipendente possa evitarsi.
Diretto, poi, il riferimento al disagio creato dall'atteggiamento di Oracle nei confronti di Document Foudation, la fondazione creata dai volontari per cercare di ritagliarsi una certa indipendenza e che ha fatto presto "degenerare" la situazione.

Alla richiesta dei volontari di OpenOffice.org di aderire e cedere il brand, Oracle ha deciso di non volervi collaborare (né, tantomeno, di voler cedere il marchio) e tramite Louis Suárez-Potts, membro dell'OpenOffice Council, ha chiesto ai suoi membri che intendevano collaborare anche con il neo progetto concorrente di rinunciarvi in quanto in conflitto di interessi. Mossa che ha spinto la community a creare LibreOffice.

Questo, e il generale atteggiamento di Oracle, come l'aggressiva azione nei confronti di Android per Java, hanno fatto il resto e spinto i programmatori a decidere per la seconda e a voler far gruppo per lo sviluppo e promozione del concorrente LibreOffice, che ha già ricevuto il supporto, tra gli altri, di Google, Novell e Red Hat.

Se l'emorragia di volontari per OpenOffice così iniziata dovesse confermarsi anche fuori dalla Germania, l'ultima versione in uscita, la 3.3, potrebbe essere l'ultima dell'alternativa open source che finora è riuscita maggiormente ad affermarsi contro lo strapotere di Microsoft Office.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàOpen Office, futuro di libertàUltimatum a Oracle: o collabora, o verrà cambiato anche il marchio. E così, la suite office open per eccellenza, spiccherà il volo con le sue ali. Ci sono già supporter importanti
  • AttualitàOracle, niente pace per JavaLa community della piattaforma open source in subbuglio per le modalità di gestione del comitato di standardizzazione: addio a innovazione e indipendenza da Oracle, dice un membro del consiglio esecutivo
79 Commenti alla Notizia OpenOffice e la fuga tedesca
Ordina
  • Semplicemente, un progetto che non è più libero sta morendo e uno libero sta nascendo con un nome diverso. E allora? I sostenitori del Software Libero hanno sempre detto che questo genere di cose erano il loro punto di forza. Dovrebbe essere normalissima amministrazione che merita appena un paio di righe su qualche blog di nerd...

    Veramente, rispondetemi, risolvete i miei dubbi, fatemi capire cosa c'è che vi tormenta tanto in questo fatto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: EfEx
    > Semplicemente, un progetto che non è più libero
    > sta morendo e uno libero sta nascendo con un nome
    > diverso. E allora? I sostenitori del Software
    > Libero hanno sempre detto che questo genere di
    > cose erano il loro punto di forza. Dovrebbe
    > essere normalissima amministrazione che merita
    > appena un paio di righe su qualche blog di
    > nerd...

    > Veramente, rispondetemi, risolvete i miei dubbi,
    > fatemi capire cosa c'è che vi tormenta tanto in
    > questo fatto.

    Essendo questa una "testata giornalaia" dedicata ai troll nerd si trolleggia, tutto qui...
    krane
    22544
  • L'open source è morto da anni.
    Dopo il boom ideologico dei primi anni 2000, è seguito un interesse economico da parte di aziende intorno al 2004-2006, dopodichè la cosa si è sgonfiata proprio perchè l'open è solo ideologia e non potrà mai essere business

    a volte l'open si camuffa con il business, ma prima o poi l'ideologia verrà fuori e spenta questa il progetto muore

    il business invece non si stanca mai, poichè è la spinta irrazionale di ogni essere vivente

    con questo non voglio dire che l'idelogia open sia cattiva o ingiusta, ma semplicemente surreale, come le religioni, il socialismo, etc..
    non+autenticato
  • il piacere di fare "qualcosa" è un'altra potente spinta. Il problema sta nell'incanalarla in qualcosa di utile.
    Certo che se riduci tutto a "business" hai proprio una visione limitata del mondo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: riwomi1z
    > L'open source è morto da anni.
    > Dopo il boom ideologico dei primi anni 2000, è
    > seguito un interesse economico da parte di
    > aziende intorno al 2004-2006, dopodichè la cosa
    > si è sgonfiata proprio perchè l'open è solo
    > ideologia e non potrà mai essere
    > business
    >
    > a volte l'open si camuffa con il business, ma
    > prima o poi l'ideologia verrà fuori e spenta
    > questa il progetto
    > muore
    >
    > il business invece non si stanca mai, poichè è la
    > spinta irrazionale di ogni essere
    > vivente
    >
    > con questo non voglio dire che l'idelogia open
    > sia cattiva o ingiusta, ma semplicemente
    > surreale, come le religioni, il socialismo,
    > etc..

    Strano pensieroSorride considerando che molte grandi aziende propongono proprio il modello open source per ridurre il costo delle licenze (licenze, non supporto al prodotto open source)
    Ormai si considera il sistema operativo, il browser e anche le suite di "produttività personale" come una commodity e come tali devono essere gratuite e costi di gestioni e supporto minimi: guarda caso quello che il modello Open Source (non gratuito, open source) ha come filosofia di base.

    Altra spinta molto forte a queste soluzioni sono i nuovi paradigmi di gestione dei datacenter, il cloud computing, che richiedono standard (formali o de facto) per l'interoperabilità; standard che le soluzioni Open Source normalmente implementano, quando non sono, addirittura, i promotori di questi standard
    non+autenticato
  • - Scritto da: il calmo
    > Strano pensieroSorride considerando che molte grandi
    > aziende propongono proprio il modello open source
    > per ridurre il costo delle licenze (licenze, non
    > supporto al prodotto open
    > source)

    a parte che "le grandi aziende che passano all'open source" si leggono sono su punto-informatico, la realtà è ben diversa

    in ogni modo mi riferivo soprattutto alle aziende che creano importanti software open di qualità... cosa questa sempre più rara
    non+autenticato
  • - Scritto da: riwomi1z
    > L'open source è morto da anni.

    La notizia della sua morte è stata decisamente esagerata

    > Dopo il boom ideologico dei primi anni 2000, è
    > seguito un interesse economico da parte di
    > aziende intorno al 2004-2006, dopodichè la cosa
    > si è sgonfiata proprio perchè l'open è solo
    > ideologia e non potrà mai essere
    > business

    Infatti non deve essere business, deve essere informatica.

    >
    > a volte l'open si camuffa con il business, ma
    > prima o poi l'ideologia verrà fuori e spenta
    > questa il progetto
    > muore

    Il progetto vive: il business muore.

    >
    > il business invece non si stanca mai, poichè è la
    > spinta irrazionale di ogni essere
    > vivente

    Il business si sposta.
    non+autenticato
  • > Dopo il boom ideologico dei primi anni 2000, è
    > seguito un interesse economico da parte di
    > aziende intorno al 2004-2006, dopodichè la cosa
    > si è sgonfiata proprio perchè l'open è solo
    > ideologia e non potrà mai essere
    > business

    L' Open Source non deve necessariamente essere Business anche se talvolta lo é.
    Ti consiglio la lettura di un mio vecchio articolo 'Open Source e soldi' che trovi su 'Free Software in Free World'.
    E comunque lo é anche se probabilmente più quando si é nelle vesti dei 'fruitori' che in quelle dei produttori.

    Ma fare business non vuol dire necessariamente vendere ma anche evitare di acquistare.
    Ti garantisco che le economie su questi fronti possono essere davvero enormi.

    Open e Closed hanno ragione di essere entrambi nel mondo Business, l'importante non essere 'talebani' e sposare una posizione come scelta ideologica.

    > il business invece non si stanca mai, poichè è la
    > spinta irrazionale di ogni essere
    > vivente

    Il fatto stesso che l'Open Source esista é la riprova che esistono altre spinte oltre al Business (che nell'articolo descrivo).
  • Per come la vedo io, meglio un software sviluppato da una comunità che da un'azienda che non ha realmente a cuore il software libero.

    In pratica però, proclami a parte, bisogna vedere chi ha più iniziativa e chi migliorerà veramente il software.

    OpenOffice è più che sufficiente come rimpiazzo di MS Office in molti utilizzi, quelli più diffusi, ma ha ampi margini di miglioramento, sia per le funzionalità che per l'usabilità.

    Sono curioso di vedere se e come le prossime versioni (ormai forkate definitivamente?) di OOo e di LibreOffice porteranno miglioramenti e con quale velocità.
    non+autenticato
  • - Scritto da: abbello
    > Sono curioso di vedere se e come le prossime
    > versioni (ormai forkate definitivamente?) di OOo
    > e di LibreOffice porteranno miglioramenti e con
    > quale
    > velocità.

    Oltre ai miglioramenti al codice, migliorerà anche il peso forma degli sviluppatori!
    Sai com'è, per mangiare bisogna avere i soldi e, a meno che gli sviluppatori non siano parlamentari italiani, normalmente i soldi si guadagnano lavorando e percependo uno stipendio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mainframes are back
    > - Scritto da: abbello
    > > Sono curioso di vedere se e come le prossime
    > > versioni (ormai forkate definitivamente?) di
    > > OOo e di LibreOffice porteranno miglioramenti
    > > e con quale velocità.

    > Oltre ai miglioramenti al codice, migliorerà
    > anche il peso forma degli sviluppatori!
    > Sai com'è, per mangiare bisogna avere i soldi
    > e, a meno che gli sviluppatori non siano
    > parlamentari italiani, normalmente i soldi si
    > guadagnano lavorando e percependo uno
    > stipendio.

    Perche' ora erano forse stipendiati da Oracle ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Mainframes are back
    > > - Scritto da: abbello
    > > > Sono curioso di vedere se e come le prossime
    > > > versioni (ormai forkate definitivamente?) di
    > > > OOo e di LibreOffice porteranno miglioramenti
    > > > e con quale velocità.
    >
    > > Oltre ai miglioramenti al codice, migliorerà
    > > anche il peso forma degli sviluppatori!
    > > Sai com'è, per mangiare bisogna avere i soldi
    > > e, a meno che gli sviluppatori non siano
    > > parlamentari italiani, normalmente i soldi si
    > > guadagnano lavorando e percependo uno
    > > stipendio.
    >
    > Perche' ora erano forse stipendiati da Oracle ?

    il gruppo di coordinamento e il nocciolo degli sviluppatori era sul libro paga di sun. E senza un coordinamento robusto, e costoso in termini di tempo e di impegno, un progetto di quelle dimensioni non lo porti avanti.
  • - Scritto da: shevathas

    > il gruppo di coordinamento e il nocciolo degli
    > sviluppatori era sul libro paga di sun. E senza
    > un coordinamento robusto, e costoso in termini di
    > tempo e di impegno, un progetto di quelle
    > dimensioni non lo porti
    > avanti.

    penso anche io che un progetto grande necessiti di COORDINAMENTO e di LINEE GUIDA molto chiare, sempre che chi a questo ruolo sia un personaggio intelligente e non un idiota.

    Insomma, il "troppo open" ha me dà l'impressione di creare più danni che vantaggi. Vedi progettoni tipo firefox o thunderbird che mattonazzi in termini di peso sono (e quante extension richiedono per essere decenti), o anche wikipedia che guazzabuglio che è.
    non+autenticato
  • estensioni per essere decenti? perhce' exploder o gli altri di base cosa hanno? il raggio missile?

    per piacere un browser deve solo fare il browser, le cose inpiu' le metti tu e lo appesantisci tu, cosa vorresti la moglie ubriaca e la botte piena?
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > estensioni per essere decenti? perhce' exploder o
    > gli altri di base cosa hanno? il raggio
    > missile?
    >
    > per piacere un browser deve solo fare il browser,
    > le cose inpiu' le metti tu e lo appesantisci tu,
    > cosa vorresti la moglie ubriaca e la botte
    > piena?

    tu conosci qualcuno che usi FF o TB senza estensioni? alcune sono necessarie al 100%, altre ripristinano funzioni che qualche sviluppatore idiota ha tolto per non si sa quali oscuri motivi. Appunto perchè manca un preciso coordinamento ed una chiara visione delle funzionalità necessarie e di quelle superflue.
    non+autenticato
  • E mo so cazzi!
    Credo che tutti ricordino come e' nato OpenOffice. La versione libera di StarOffice, che altro non era che un prodotto tedesco.
    I tedeschi per queste cose sono come i francesi. Nazionalisti al massimo. E se si sforzavano come matti per dar lustro ad un "loro" prodotto, ora che Oracle, obiettivamente, sta iniziando a spaccare i maroni, beh non c'e' nulla da rimproverargli se abbandonano a se stesso il transatlantico...
    non+autenticato
  • Pepé-pe-pe-pe-pé Pepé-pe-pe-pe-pé pepeeeeeé! Pepé-pe-pe-pe-pé Pepé-pe-pe-pe-pé pepeeeeeé! Pepé-pe-pe-pe-pé Pepé-pe-pe-pe-pé pepeeeeeé!

    E intanto noi ce la godiamo! ONEONEONE!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Winaro
    > Pepé-pe-pe-pe-pé Pepé-pe-pe-pe-pé pepeeeeeé!
    > Pepé-pe-pe-pe-pé Pepé-pe-pe-pe-pé pepeeeeeé!
    > Pepé-pe-pe-pe-pé Pepé-pe-pe-pe-pé
    > pepeeeeeé!
    >
    > E intanto noi ce la godiamo! ONEONEONE!


    Dimenticavo...

    Parola di Winaro! Occhiolino
    non+autenticato
  • Non ho ancora capito se sei vero o cosaA bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)