Alfonso Maruccia

Wikileaks, filiazioni e asili politici

Il sito di controinformazione dovrebbe presto fare i conti con una nuova organizzazione che opera nello stesso ambito. I transfughi di WikiLeaks intendono dare del filo da torcere a Julian Assange

Roma - WikiLeaks dovrà presto fare i conti con l'ennesimo concorrente, un nuovo sito per la raccolta e la pubblicazione di documenti riservati di pubblico interesse con una spiccata vocazione a farsi guardare con sospetto dai governi di una buona metà del mondo. A capo dell'iniziativa ci sarà Daniel Domscheit-Berg, collaboratore del fondatore di WikiLeaks Julian Assange e da quest'ultimo allontanato lo scorso settembre a causa di presunte rivelazioni "non autorizzate" a un giornalista di Newsweek.

Come gli stessi portavoce di Wikileaks confermano, accanto a Daniel Domscheit-Berg ci saranno altri 3 o 4 ex-dipendenti dell'organizzazione evidentemente anch'essi scontenti di come Assange ha deciso di gestire le ultime rivelazioni del sito.

In particolare i transfughi criticano Assange per le modalità di gestione delle ultime gragnole di documenti riservati riguardanti i conflitti in Medioriente, informazioni dalla enorme portata mediatica, politica e militare rilasciati al pubblico - queste le accuse ad Assange - senza salvaguardie nei confronti dei tanti civili e collaboratori degli eserciti occidentali così come delle organizzazioni umanitarie.
La scarsa attenzione alla protezione delle fonti ha messo in pericolo molte vite e molte operazioni di copertura, hanno denunciato in coro il governo degli Stati Uniti come Reporter senza Frontiere, ed è proprio all'insegna di una maggiore attenzione ai particolari e alla cura dei documenti prima della pubblicazione - oltre che a un rinnovamento anche tecnologico - che nascerà la nuova iniziativa di Domscheit-Berg e sodali.

E mentre i suoi ex-collaboratori pensano alla controinformazione del futuro, Assange continua a essere impelagato nei suoi guai legali con i governi di mezzo mondo. In Svezia è ancora in corso l'indagine sulle presunte accuse di stupro nei confronti di due ragazze presenti alle sue conferenze stampa, tanto che Assange dice di voler denunciare il governo locale per meglio difendersi da quelle che lui considera come accuse prive di fondamento. Il founder di Wikileaks è inoltre ancora alla ricerca di un paese disposto a ospitarlo: l'ultimo candidato in ordine di tempo è la Svizzera.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàWikileaks, tutti contro Assange?Divampa il fuoco del dissidio intorno alla leadership del noto sito delle rivelazioni scottanti. Allontanato il portavoce tedesco, che avrebbe parlato troppo con Newsweek
  • AttualitàWikileaks, cracker all'attaccoIl sito di controinformazione sarebbe finito vittima di professionisti del cracking. Coincidenza, poco prima della pubblicazione della ciclopica raccolta di documenti sulla guerra in Iraq
8 Commenti alla Notizia Wikileaks, filiazioni e asili politici
Ordina
  • c'e' anche cryptome, e da annoni.
    non+autenticato
  • "senza salvaguardie nei confronti dei tanti civili e collaboratori degli eserciti occidentali così come delle organizzazioni umanitarie"...

    E allora lasciamogli bombardare i matrimoni, senza che nessuno sappia una sega. Ma che ragionamento è ?!?!
    non+autenticato
  • No, sai, dipende...

    Se i "vigliacchi bombaroli" appartengono a uno stato canaglia, lodi a chi ci ha portato a conoscenza di simili efferatezze!

    Se i "prodi bombardieri" appartengono ai "buoni", maledetti! avete messo in pericolo l'intera aviazione!

    Due pesi e due... "Frontiere"...
    non+autenticato
  • Io non capisco perché hanno dovuto impiccare Saddam e i suoi collaboratori mentre le migliaia di civili uccisi rimarranno senza "giustizia". Se la pena di morte, crimine terribile di cui nessuno stato dovrebbe macchiarsi, la applichiamo ai dittatori che fanno stragi ma non al soldato che ha sparato a una bambina vuol dire che riconosciamo il valore di una vita inferiore al valore di tante vite, quindi vuol dire che se uccido qualcuno al processo posso difendermi dicendo "ma ho ucciso solo una persona!"..
    La "giustizia internazionale" è ridicola...
  • - Scritto da: franz1789
    > Io non capisco perché hanno dovuto impiccare
    > Saddam e i suoi collaboratori mentre le migliaia
    > di civili uccisi rimarranno senza "giustizia". Se
    > la pena di morte, crimine terribile di cui
    > nessuno stato dovrebbe macchiarsi, la applichiamo
    > ai dittatori che fanno stragi ma non al soldato
    > che ha sparato a una bambina vuol dire che
    > riconosciamo il valore di una vita inferiore al
    > valore di tante vite,

    Guarda che l'unico valore riconosciuto e' quello del petrolio.
    krane
    22544
  • Ben detto krane, infatti una difesa più efficace di "ma ho ucciso solo una persona!" sarebbe "ma almeno io non pretendevo di vendere il petrolio in Euro!"

    Comunque a parte gli scherzi capisco i dubbi sulla giustizia, ma come ne esci franz? Probabilmente il senso del trattamento a parte dei crimini di guerra è dovuto al fatto che sia più o meno condivisa a livello inconscio la gravità di un crimine contro un intero popolo. Ed è anche più facile identificare la volontarietà rispetto all'azione occasionale contro un singolo, e quindi sentire come "più giusta" o quantomeno "meno sbagliata" l'eliminazione del "signore della guerra" di turno.

    Senza contare l'effetto catartico, a fine guerra, del metterci letteralmente una pietra sopra...
    non+autenticato
  • Due siti "scomodi" sono meglio di uno.
    non+autenticato
  • Veramente sembra che i governi siano entrati nel "mercato" di Wikileaks con una filosofia EEE